Jump to content

[Contest] Il tramonto di ... : 23-24 luglio 2020


Recommended Posts

  • Administrator

[Contest] Il tramonto di ... : 23-24 luglio 2020

Dopo un pò di spensieratezza, arriva il momento di provare a qualche cosa di più impegnativo che sono certo attirerà pochissimi.
Qui sono ammesse le foto d'archivio, fatte con qualsiasi cosa, in qualsiasi epoca.
Ma il tema deve essere centrato e la foto parlante (anche se la si dovrà descrivere come al solito).

Si tratta di illustrare un tramonto che però non avrà come soggetto il tramonto del sole, della luna, di Sirio o di Alpha Centauri.

No, la foto dovrà rappresentare il tramonto di qualche cosa di ... astratto o di concreto ma non dovrà certo essere un paesaggio.
Il tramonto di un'era. Di un periodo. Di una moda, di una zona, di un'usanza. Di uno strumento. Di un regime. Di ... qualsiasi cosa riusciate a rappresentare con un solo scatto o anche più di uno scatto.

So già che i risultati saranno ampiamente dibattuti e sta qui il bello del contest.

Quindi chi non partecipa ha già la nostra nota di biasimo.

Facile fare una foto del mare e dare un milione di faccine alla foto allegra a colori, vero ?
Provateci qua ! Tiè ! :x3x:

***

Regolamento :

  • Una sola foto o una serie di foto omogenee e coerenti tra loro, la vostra migliore proposta per questo contest
  • vanno bene anche foto d'archivio, possibilmente non già viste di recente
  • Con una numerazione progressiva secondo l'ordine di pubblicazione (cosa necessaria per poterle poi richiamare nei giudizi/commenti)
  • 1) Le foto dovranno essere pubblicate tassativamente e senza deroghe tra la mattinata del giovedì 23 luglio e le ore 15:00 del venerdì 24 luglio
  • Ogni foto dovrà avere una presentazione ampia da parte del fotografo che contenga non solo ogni possibile dettaglio ma anche cosa rappresenta per voi, perchè l'avete scelta, cosa vi piace di quella foto .Scrivete almeno 48 parole nel presentarla e difenderla dalle critiche (o giù di li).

Dopo la fine del periodo di presentazione delle foto inizierà quello dei giudizi.

Potete anche mettere cuoricini e faccine ma queste non conteranno niente nel giudizio finale.

Chi non ha pubblicato foto per il contest, potrà esprimere una sola volta il proprio giudizio.
Il giudizio dovrà essere spiegato e motivato, almeno 24 parole (per foto !), meglio se più e non potrà contenere cose tipo "mi piace", "bella, 7+", e nemmeno - specialmente ! - "io avrei fatto così, io avrei fatto cosà" ma una valutazione estesa che possa essere utile a motivare il proprio giudizio ma anche a dare spunti utili agli autori e agli altri partecipanti. Meglio sarebbe commentare il più ampio numero di fotografie ma possibilmente almeno 3.

I candidati al contest (cioè quelli che hanno messo la propria foto) che non parteciperanno al giudizio con il loro commento delle altre foto, saranno squalificati. Ma è possibile per chi non ha partecipato con le foto, partecipare al solo giudizio se ne ha piacere.

2) la fase dei giudizi durerà fino a domenica 26 luglio alle 13:00 Solo dopo quel momento sarà possibile fare commenti liberi, prima niente commenti liberi.

3) Nel pomeriggio di Domenica 26 luglio ci sarà la proclamazione del vincitore.

E' inutile aggiungere che la fase del dibattito, può valere ampiamente di più di quella di inserimento delle foto che, vista la nostra platea, saranno al più una manciata o anche mezza manciata.

Ma comunque grazie a tutti coloro che parteciperanno.

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Evocativa :

Il tramonto del cinema muto

15657209155_dc137b1c49_o-e1454333490927.thumb.jpg.d5b87b791ddda13712c3fefdd64d5e12.jpg

 

sconsolante il tramonto della trazione a vapore :

1312135186_305E19FA9AC0ACC9.jpg.71376b44a9bf5386405878ec9d62c7e1.jpg

 

imbarazzante : Il tramonto dell'occidente

4cb54521-1304-461e-8af1-61ae2e9f2b06-GTY_1221966904.jpg.2d4c1e65dd59b9b3f85fb1c08fd41742.jpg

(non sono foto mie, ovviamente).

Link to post
Share on other sites
  • M&M pinned this topic
  • 2 weeks later...
  • Administrator

Ricordo che il contest è aperto.
La presentazione delle foto potrà avvenire entro domani alle ore 15:00
Diversamente dai precedente è ammessa anche la presentazione di una serie di foto (omogenea e a tema).

Questo sarà anche l'ultimo Contest di Nikonland (fino a nuovo avviso).

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

1 vabbe' dai, sparo io.

Voglio considerare Il tramonto come qualcosa che prepara il giorno che verra’, senza per forza una connotazione negativa.

Ci sono gia’ troppe cose brutte per cui di pensare ad un’altra “fine” non ne ho voglia; magari il prossimo ( ! ) contest sara’ sull’Araba Fenice 😊.

 

Arrivando sul mercato le nikon Z con il loro nuovo mondo e’ un po’ come se nikon F stia tramontando e l’ftz, anello di congiunzione, non solo meccanica, tra il presente/passato e il presente/futuro svanisca con questo "vecchio" sistema.

E’ una celebrazione ( liberamente ispirata all’opera della banana appesa al muro ) e volutamente un po’ grossolana di un qualcosa che e’ li’ a ricordare il passato, ci permette di fruirne ancora agganciandoci al presente e al futuro in cui lo vedremo solo … appeso ad un muro, ma con una piccola cornice per valorizzarlo.

Z50, 16-50 @23mm 1/25" f 4,2 iso 250

 

UZ5_0535.JPG

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

2

Come potete vedere dalla descrizione del mio corredo non posso fare molto attualmente ma, visto che questo contest accetta foto d'archivio anche già presentate, mi unisco volentieri.

Ho scattato questa fotografia anni fa ed il mio pensiero è riportato quà sotto, apprezzai però molto un commento che mi fu fatto a suo tempo da un mio amico che mi fece meditare anche su un altra sfumatura che impreziosiva non poco il tutto. Il rapporto tra la materia di cui sono fatti la pietra ed il corpo della suora, ed il suo sguardo verso la fede della Resurrezione, ben oltre la decadenza del tempo e delle cose terrene.

Quindi ho pensato che lo scatto rispondesse alle regole del contest "tramonto di qualcosa di astratto" raffigurando appunto...

"Il tramonto del tempo e della materia"

La foto è scattata nell'ora che va verso il tramonto.
Così come il giorno, anche la vita della suora si incammina verso la sua conclusione.
L'ombra del tempo che passa si avvicina e la sovrasta opprimendola,
ma lo sguardo sembra perdersi in pensieri di fede e speranza.
Appoggiata alla solida roccia che rappresenta la sua vita passata.
Lassù in alto il tempo è ancora illuminato e nitido.
C'è ancora tempo da vivere, per pregare e credere che non sarà un tramonto ma un'alba.

Andrea

905228487_MeditazionesultempoBW.thumb.jpg.3ce0aafa4dafb54ba35692099c6f733a.jpg

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Administrator

3

E' roba vecchia, non si usa più

Trenta cinque anni fa, ero in centro a Milano e nel negozio di HIFI di Giovenzana entrai a chiedere un braccio per il mio giradischi Ariston RD11S, un pezzo pregiatissimo a contro telaio sospeso che a quel tempo rivaleggiava con il Linn Sondek e su cui volevo montare la mia testina Mayware.
Il commesso, sbuffando dopo avermi fatto vedere due bracci giapponesi di costo incoffessabile, mi disse : " ma questa è roba vecchia, non si usa più. Prenditi un lettore CD, non devi regolare niente, è tutto automatico, metti il disco e via".
Uscii in direzione di Buscemi ma la frase mi restò in testa.

La mia idea per questo contest era e resta di attualità. La propongo in tre foto diverse ma all'inizio voleva essere la prima, solo allegorica :

Tramonto.thumb.jpg.6b45caa136e0ea4710dc4abed194f630.jpg

e rappresenta il tramonto definitivo della reflex, in questo caso l'ultima digitale Nikon.

Ho aggiunto queste altre due perchè con la reflex si chiude anche quello delle precedenti a pellicola.
E dei supporti antichi, non solo la pellicola stessa, ma anche i primi supporti digitali che oggi sembrano vecchi e obsoleti, quanto la pellicola.

Z50_0963.thumb.jpg.79d9ad9d45a438ce5d1a4999244010b7.jpg

Z50_0983.thumb.jpg.0927c845321e5fd6385c24568bd0cf7a.jpg

confesso che trovare ancora qualche spezzone di pellicola in casa mia è stato un colpo di fortuna.
Mentre reflex, compact flash e Microdrive vengono dalla vetrina dei cimeli.
E' stata un'era gloriosa ma è tramontata.

:sono_muto:

Tranne i supporti di "memoria", digitale e analogica, sia i soggetti che il materiale usato per gli scatti sono Nikon.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Redazione

4

Lo smartphone in poco tempo ha fatto tramontare tanti diversi  strumenti a cui eravamo abituati e un po' affezionati. Perchè ho scelto  lo smartphone? E' personale:
Ho scritto la Tesi di Laurea con la macchina per scrivere a nastro, ho incominciato a fotografare a pellicola, ora scrivo i miei lavori al Pc, scatto con fotocamere digitali ed elaboro le foto con Photoshop, mi sono adattato perfettamente a questa storica evoluzione, apprezzandone ogni aspetto, divertendomi anche molto. Lo smartphone invece, lo uso perchè serve, ma non ho feeling, è tra le cose che mi fanno  capire che sto tramontando anch'io. 


tramonto..thumb.jpg.782f7f0068d060125cdecea3d836502f.jpg

 

Ho scelto strumenti particolarmente vecchi per enfatizzare ancora di più il concetto. Ho concentrato la messa a fuoco sul cellulare per dare l'idea di un progressivo svanire fra i ricordi di radio, sveglia ed così via.
La luce è calda ma il display è blu freddo per lo stesso motivo, distinguere il nuovo che avanza dal vecchio che tramonta, nell'ombra.
Nikon Z6, 24-70mm f 4 a 39mm, f10, 1/20s, 400 ISO, treppiede, Godox SL 60w, con snoot, quasi alle spalle della fotocamera, leggermente a destra .

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Administrator

5

749565437_00119072020-_Z6H6182MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.0e710f55be1f75ba0ecad6d6c678e16f.JPG

Lui si chiama Salvatore Borsellino, fratello di Paolo e da 28 anni cerca giustizia e verità sulla strage di via Mariano D'Amelio del 1992, dove insieme a suo fratello vennero trucidati cinque agenti della sua scorta: il sesto, miracolato, è l'uomo sullo sfondo accanto al cartonato di Paolo Borsellino.

Lei si chiama Luana Ilardo, ha 40 anni e appena sedicenne ha assistito all'assassinio di suo padre Luigi, pentito di mafia e collaboratore di giustizia, che oltre a parlare dei suoi delitti aveva portato gli inquirenti al covo segreto di Bernardo Provenzano, già nel 1996 (ma verrà arrestato poi solo dieci anni dopo). Nonostante la sua collaborazione non fosse stata ancora resa pubblica, Luigi Ilardo venne trucidato subito dopo, evidentemente tradito dagli stessi soggetti cui aveva affidato le sue confessioni. 
Luana da 24 anni cerca giustizia e verità su questo tradimento ed il riconoscimento della conversione del padre prima del suo assassinio.

1967242183_00219072020-_Z6H6218MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.c2dfbb987bf0b87aaf280d28ba5c2db6.JPG

Luana ascolta Salvatore Borsellino che recita con voce stentorea un brano in memoria dei caduti del 1992

2118662549_00319072020-_Z6H6233MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.76da4c412da339fecf608c94e89b0f4e.JPG

per un attimo solleva lo sguardo commosso, forse con un anelito, ma subito dopo cede nuovamente:

1581543073_00419072020-_Z6H6238MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.b182bed582a83946f854e173e4012117.JPG

.... IL TRAMONTO DELLA SPERANZA 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

6
Il tramonto di qualche cosa viene solitamente interpretato come un'accadimento triste, malinconico, che ispira pensieri mesti, sconsolati. Invece questo recente scatto mi suggerisce altro, più leggero e divertente rispetto al pensiero comune sul tramonto stesso. O almeno a me è ciò che ispira.

Facile dire che i giovani di oggi non sono più quelli di una volta: me lo sono sentito dire anch'io quand'ero adolescente. Ma ripensando agli ormoni impazziti della mia giovinezza e cogliendo questa bella figliola che prende il sole nella campagna umbra del tutto ignorata dal suo ragazzo, il quale con aria annoiata osserva qualcosa sul suo laptop, ebbene, proiettando negli anni a venire questo quadretto, sembra esserci la conferma del ...

... TRAMONTO DEL MASCHIO ITALIANO COME AMANTE D'ECCELLENZA  :D

 

D75_0064low.thumb.jpg.991fb8a0c0d7838edb3c1f8d1ff85621.jpg

  • Like 5
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

7    C'era una volta la Lancia, un marchio automobilistico di Torino, che faceva auto di lusso e con una tecnica di avanguardia.

DSC_0619.thumb.jpg.0873d95c1f196109b789c335ffc3e2dd.jpg  Aurelia B20 (1958)

Foto del 27/10/2017 al Salone auto e moto d'epoca di Padova – D850 Sigma 24-35/2 a 35mm - 1/100 - f. 5,6 - Iso 560

ZSC_0313.thumb.jpg.35806925abb7ed940b802a3c7304d60f.jpg  Flaminia Supersport Zagato (1968)

Foto del 25/10/2018 al Salone auto e moto d'epoca di Padova - Z 7 con 24-70/4 S a 35 - 1/100 - f. 5,6 - Iso 2800

C'era una volta la Lancia, un costruttore italiano, che dominava i rallies mondiali ed era anche sinonimo di eleganza.

ZSC_0190.thumb.jpg.0e8ef1a157b7d539ad85162a1b7df77f.jpg  Fulvia 1600 HF rally detta Fanalone (1970)

25/10/2018 al Salone auto e moto d'epoca di Padova - Z 7 - 24-70/4 S a 42  - 1/100 - f. 5,6 - Iso 2000

DSC_0575.thumb.jpg.6d99e88d09c7e27eb7893330dfad50fb.jpg  Stratos Rally (1975)

Foto del 27/10/2017 al Salone auto e moto d'epoca di Padova – D850 - Sigma 24-35/2 a 31mm - 1/100 - f. 5,6 - Iso 1400

ZSC_0720.thumb.jpg.73eda72aa6f1b95369ebaa3f6e1b4495.jpg   037 EVO II Gruppo B (1983)

Foto del 25/10/2018 al Salone auto e moto d'epoca di Padova - Z 7 con 24-70/4 S a 33,5 - 1/100 - f. 5,6 - Iso 3600

C'era una volta la Lancia, l'unica marca italiana apprezzata anche dai francesi, che popolava i sogni di tanti ragazzi. C'era una volta la Lancia. Oggi ne è rimasto poco; domani, probabilmente, non ne rimarrà nulla. Il brand ha perso appeal, ha detto Sergio Marchionne. Purtroppo non gli si può dare torto; gli si può solo rimproverare di essersene accorto con un filo di ritardo, una ventina di anni più o meno. Tanto tempo è passato dall'uscita di produzione dell'ultima auto che abbia portato con onore il nome Lancia, la Delta Integrale.

ZSC_0728.thumb.jpg.537e022086ab762f96c0813da89f93bb.jpg  Delta HF Integrale (1989)

Foto del 25/10/2018 al Salone auto e moto d'epoca di Padova - Z 7 con 24-70/4 S a 44 - 1/100 - f. 5,6 - Iso 5000

 

E poco di meno è trascorso dal pensionamento della Thema, l'ultima berlina di prestigio degna di rispetto prodotta in Italia. Dopo di loro il nulla grazie alla scelta, da parte degli Agnelli, di Romiti al posto di Ghidella, cioè la finanza al posto dell’auto.
Sulla scorta dei principi del taglio dei costi e delle piattaforme comuni, il bagaglio tecnico-ingegneristico della Lancia è andato perduto e tutto ciò accadeva negli stessi anni in cui il gruppo Volkswagen iniziava a percorrere la stessa strada, ma in maniera vincente, trasformando un marchio poco noto come Audi in un brand di lusso.
In Fiat le cose sono andate un po' diversamente...Per decenni si è guardato solo al mercato domestico, pensando a inglobare i concorrenti (Lancia nel '68 e Alfa Romeo nel '86), senza mantenere le specificità tecniche e smettendo di investire sul prodotto. Infatti, era Fiat il concetto costruttivo, era Fiat la tecnologia, era Fiat la finitura. Ho avuto una Dedra, linea bella, finiture che volevano ricordare quelle Lancia ma che cadevano nella discutibile esecuzione Fiat. Eppure un acuto, meraviglioso: la Thema prima serie, un'auto comodissima, di lusso superiore, un ritorno al fasto delle vecchie Lancia... Da allora, però, un declino inarrestabile, mascherato solo dal successo delle piccole di lusso, la Ypsilon nelle sue varie versioni, e segnato da scelte stilistiche dissennate. Auto oggettivamente brutte, un insulto al marchio: la K, ad esempio, per non parlare della Thesis, per finire con l'odierna Thema, che nemmeno i manager del gruppo Fiat vogliono come auto di servizio, tanto è brutta.
I risultati sono palesi, Lancia è un marchio praticamente defunto che riesce a vendere un solo modello, la Ypsilon.
A proposito della piccola Ypsilon, occorre sapere che la produzione è in Polonia e può uscire con ogni marchio. In Inghilterra, Irlanda e Giappone da anni è venduta come Chrysler.
La lenta agonia della Lancia sta per giungere al termine, non rientrava nei piani futuri della FCA e non rientra nei piani futuri dell’appena nata Stellantis (Fusione PSA/FCA). I lancisti più radicali forse saranno contenti: meglio la gloria eterna che l'abominio terreno. Ma i tanti appassionati di auto lo saranno meno, soprattutto pensando a quante grandi occasioni sono state sprecate prima di arrivare a questo epilogo.
Al sottoscritto resta la soddisfazione di poterle ammirare e fotografare in occasione di eventi come la Mille Miglia Storica, guidate dai loro fieri proprietari o da gentleman driver se di proprietà di qualche museo o collezione privata, in quanto anche il Museo Lancia di Chivasso è stato smantellato.

ZSC_3295.thumb.jpg.30a1dc4978233a2182233e658ac6ceb3.jpg  Lambda VII serie (1927)

Foto del 17/05/2019 in occasione della Mille Miglia Storica - Z 7 con 24-70/4 S a 70 - 1/320 - f. 8 - Iso 125

ZSC_3360.thumb.jpg.7130d445745b6ac482bbe78bc2b7e701.jpg Lambda VIII serie (1928)

Foto del 17/05/2019 in occasione della Mille Miglia Storica - Z 7 con 24-70/4 S a 69 1/500 f. 6,3 Iso 180

ZSC_4833.thumb.jpg.cbc56a17c9989c2a4426da178048ad8a.jpg  Aurelia B 24 Spider (1955)

Foto del 21/09/2019 in occasione del Gran Premio Nuvolari - Z 7 con 70-200/4 G VR II a 100 - 1/1000 - f. 6,3 - Iso 320

 

 

 

 

 

 

Edited by Gianni54
aggiunta una specifica importante
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

8

La Diva e il tramonto..

La Lanterna Rossa del Porto Antico di Ancona e' il luogo dei tramonti infuocati, dei baci degli innamorati sulla panchina a fianco e del murales di Monica Vitti che lì giro' alcune scene de La ragazza con la pistola.

Un luogo di tramonti per una Diva intramontabile.

Nikon D750 24-120/4 f11 1/160

 

mvitti (1 di 1).jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Redazione

9

Il tramonto dell'informazione e delle notizie raccontate andando, anche solo un po', oltre gli slogan. Per i quotidiani è spesso solo la legge del contrappasso, chi di titoli urlati ferì di un tweet oggi muore. 

Ci sarebbe voluto molto più tempo.... pensata a pranzo, in edicola prima di cena e lo scatto dopo cena, ma il bello è mettersi alla prova!

MV-Z6-20200723-6222_1280.thumb.jpg.cb95787c9cac1923b4021ae4e782ad0a.jpg

Luce disponibile... in  soggiorno. Z6 su 24-70/4@70mm 8' f16 ISO 100 - 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

10. Il tramonto di un treno

Eppure un tempo erano all'avanguardia... ma il tempo passa per tutti, anche per gli strumenti che utilizziamo ogni giorno. L'automobile, il telefonino, il treno... testimoni silenziosi della nostra vita.

DSC_4481.thumb.jpg.45f75f4b9f8fcba8b3c866a02adc915c.jpgNIKON Z 6, 24-70, f/10, 1/320, ISO100 @58mm

E nel silenzio di uno scalo ferroviario, in un'assolata estate, solo le cicale si fanno sentire, quasi a volere sovrapporsi alle voci e ai i ricordi di un'epoca, dei viaggiatori e di chi con questi mezzi ha lavorato. Intorno anche un albero si è fatto grande e ha abbracciato la vecchia "littorina".

Le ragnatele ormai sono padroni del frontale come una volta lo era il manovratore...

DSC_4506.thumb.jpg.12e4010613160c6c2fdb1ffd0d75193a.jpgNIKON Z 6, 24-70, f/10, 1/250, ISO640 @35mm

Sono solo strumenti, ma ci ricordano tante cose....

DSC_4478.thumb.jpg.fe11bd7a1700cbdba10b419d7049f6f1.jpgNIKON Z 6, 24-70, f/10, 1/250, ISO100 @28mm

 

DSC_4493.jpg

DSC_4488.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

11

Una “anziana signora” (Rolls Royce Silver Cloud 1958) incede silenziosamente nella piazza ed esce di scena. Il tramonto di un’epoca ma non della classe.

 

_D8X0518.thumb.jpg.4c09f2ddf2fc8af7d6034ad2de53acff.jpg

D 850 , 1/400 f 5.6, iso 64, AF-S 60 micro

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

se sono ancora in tempo…..

Una foto scattata ieri pomeriggio, e non ancora elaborata, se non per un parziale crop 

 

JUONG BOUTIQUE: geöffnet?

un laboratorio di sartoria, alcuni anni fa importante a Stoccarda, ed ora limitato ad esporre un modestissimo manichino con un misero abito 

 

JUNG BOUTIQUE.jpg

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

13

Preferisco non descrivere nulla in quanto come recita l'annuncio del contest l'immagine deve parlare da sola.

35mm @f4 - 1/90 - ISO 1600

Il tramonto del cinema e dei cinema

L1000478.jpg

Edited by cris7
  • Like 3
Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Direi che possiamo considerare chiusa la sessione di presentazione.

Adesso ai voti, fino a domenica alle 15:00.

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

a me piace la sintesi concettuale fotografica, per cui le tre immagini che mi piacciono di più, tra quelle presentate, sono:

  1. la 1 perchè porta all'estremo concettualismo di un oggetto sufficiente a spiegare un concetto: dadaista
  2. la 8 perchè ci porta nel luogo del tramonto e...del tramonto di un concetto, quello di Diva
  3. la 2 perchè la suora sotto la mannaia della meridiana sembra una raffigurazione de "il pozzo e il pendolo" di Edgar Allan Poe

Fotografare è una fortuna per se stessi: aiuta a comprendere (noi) ed a spiegare (agli altri) al tempo stesso. 
Fotografare bene è un dono, che non si acquista ma si coltiva, se non lo si possiede per natura.
Fotografare aiuta a scrivere anche un analfabeta, oppure...e molto di più, un letterato che voglia sfrondarsi dalle parole:
aiuta... certamente non risolve :marameo:

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Bravi a tutti i partecipanti del contest, ne sono uscite immagini variegate, tutte valide, da tristi a divertenti. Immagino che, come per il contest precedente appena conclusosi, anche in questo caso ognuno avrà la sua personale e soggettiva idea del tramonto, per cui la stessa immagine sarà vista perfettamente a tema da qualcuno, e invece fuori tema da qualcun altro, come scriveva Dario, è proprio qui che sta il bello.

PODIO

1°) foto n.4 - Indiscutibilmente a tema, ottimamente realizzata, sia concettualmente che tecnicamente.

2°) foto n.3 - Mi piace molto la realizzazione della prima immagine e il mio voto va a quella. E' un tramonto sì, perché probabilmente la D6 sarà l'ultima macchina di quel genere non mirrorless, ma che bel finale. Le altre due foto presentano oggetti "obsoleti" ma la D6 è tutt'altro che obsoleta. 

3°) foto n.9 - Ben realizzata anche questa foto, pure lei è abbastanza parlante, ma non del tutto. A parer mio affinché il messaggio sia inequivocabile i giornali non sarebbero dovuti essere a fuoco.

ALTRI COMMENTI IN ORDINE DI PUBBLICAZIONE

Foto n.1 - bella l'idea, il concetto e anche la realizzazione, ma a mio avviso la scelta dell'oggetto è sbagliatissima per trasmettere il messaggio del tramonto. Quell'oggetto lì, infatti, va moltissimo di moda, in tutti i brand fotografici, perché è assolutamente attuale utilizzare gli obbiettivi vecchi, dimenticati e vintage, con le mirrorless. E' l'oggetto che rappresenta la rinascita, la riscoperta, una nuova vita per oggetti dimenticati.

Foto n.2 - l'immagine più bella e di impatto presentata nel contest. Non l'ho messa nelle mie prime tre preferenze solo perché io vedo il tempo come messaggio dell'immagine, più che il tramonto. Comunque foto stupenda.

Foto n.5  - serie di immagini estremamente tristi e potenti, però vorrei pensare che quelle persone sono proprio lì, in fondo, per testimoniare che la speranza non l'hanno ancora persa, nonostante tutto.

Foto n.6 - l'immagine più divertente fra quelle postate... accidenti a lui! Avrà tempo per pentirsi :-)

Foto n.7 - bel reportage su un marchio davvero tramontato. Tra tutte le foto, quelle di questa serie,  mi hanno davvero fatto arrabbiare, ma come cavolo si fa a buttare via un marchio del genere??? Ricordo che durante un episodio della famosa trasmissione televisiva "Top Gear" vari esperti avevano stilato la classifica dei costruttori di automobili che hanno prodotto le più belle automobili del mondo, in assoluto.... la LANCIA E' AL PRIMO POSTO !!! 

Foto n.8 - bella immagine ben realizzata, ma senza la spiegazione, e anche con quella regge poco, il tema non si trova.

Foto n.10 - bella serie, secondo me sarebbe funzionata maggiormente con una sola immagine, meglio ancora se non scattata in una giornata così bella :-)

Foto n.11 - no... il tramonto c'è ma solamente quello del sole, quella macchina non tramonterà mai, anzi vedo un glorioso futuro per lei.

Foto n.12 - mmmm anche questa è una foto che senza spiegazione non regge il tema, e fa un po' di fatica anche con quella.

 

Ciao!      

  

  

 

Edited by cris7
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Le mie preferenze:

1)    la n. 2, perché oltre ad essere uno scatto ben realizzato è concettualmente acuto e stimola l’osservatore a riflettere, oltre a centrare perfettamente l’oggetto del contest;

2)    la n. 13, perché nell’era dell’informatica, di internet e della fruizione dei servizi di intrattenimento direttamente a casa propria, esprime perfettamente quello che sembra essere il tramonto della sala cinematografica così come è stata vissuta da oltre un secolo;

3)    la n. 5, perché pur nel suo cosmico pessimismo sembra ben rappresentare lo stato d’animo di una donna che a distanza di anni ancora chiede giustizia per l’omicidio del padre.

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Le mie preferite:

Al 1° posto la n. 1 – Bella la foto e bella l’idea, perché fra non molto saremo in tanti ad essere “FTZ FREE”.

Al 2° posto la n. 5 – Immagini toccanti e dopo tutti questi anni e tante cerimonie passati a ricordare questi servitori della patria che hanno pagato con la loro vita, è proprio …”il tramonto della speranza”. Basta andare a rileggere come hanno confezionato i vari processi e la lunga sequela di depistaggi.

Al 3° posto la n. 10 - bella sequenza. Mi spiace vedere quel treno ridotto così, anche perché in giovane età ci ho pure viaggiato su una motrice simile nella tratta Udine – Cividale del Friuli. Poi da ammiratore dei treni, mi duole vederli ridotti così.

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

Le mie preferite:

1 La 6 Immagine tutto sommato piuttosto divertente ed emblematica, il tramonto del maschio italiano o il maschio italiano 2.0? 

2 La 5 Tanta sofferenza vera credo che comunichi davvero il tramonto della speranza. Una immagine che non ha bisogno di tante interpretazioni.

3 La 13 Bella foto, dal taglio particolare che accentua il concetto di decadenza, precarietà. 

Cmq bel contest, con un tema che da adito a mille interpretazioni e sfumature.

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander

Le mie preferite sono:

Al primo posto la numero 13.
Il tramonto del cinema e dei cinema è ottimamente esplicitato in un singolo, semplice scatto. Al netto di come avrei composto l'immagine trovo che l'insegna al neon, che fa tanto retrò, illuminata su una facciata in decadenza sia semplicemente potente! Anche la parola stessa "cinema", ormai quasi in disuso soppiantata dai più moderni "multisala" ecc., dà proprio l'idea del vecchio cinema, quello che tutti abbiamo conosciuto nell'epoca d'oro di quest'arte e che ormai è tramontata per sempre.

Al secondo posto metto la numero 4.
Trovo molto centrate la composizione e le scelte tecniche spiegate da Silvio. Sarà che anche io sto accorgendomi che il tempo passa e provo sempre più affezione verso un determinato tipo di oggetti che mi ricordano i decenni della mia infanzia e giovinezza per cui questa foto mi ha toccato.

Al terzo posto cito la numero 9.
Immagine chiara, leggibile, che esprime ottimamente ciò che l'autore voleva comunicare. Il "tweet" è la sintesi inequivocabile della progressiva perdita di interesse nell'approfondimento che allontana dall'informazione.

Commento le altre foto non in ordine di preferenza ma di apparizione:

La numero 1 mi è piaciuta molto ma non l'ho messa sul podio perchè ritengo che più che il tramonto rappresenti la congiunzione di due mondi.

La numero 2...ah no, è la mia :P

La numero 3 non l'ho scelta perchè, come per tutte le altre serie nel contest, preferisco la sintesi estrema del concetto espressa in un solo inequivocabile fotogramma. Delle tre comunque la seconda mi piace molto per composizione e luce.

La numero 5 è una serie drammatica ben raccontata dall'autore ma il messaggio che Max propone come lettura della sequenza non è univoco. Io in quelle tre foto finali ci vedo più l'incrollabile speranza, l'incredibile resilienza di alcune persone, ci vedo qualcosa che va oltre la (s)fiducia nelle istituzioni pur sotto lo sguardo protettore di chi ha dato la vita in loro nome, ci vedo la voglia di crederci ancora nonostante tutto. Quindi più che un tramonto ci vedo un futuro. Rimane una serie molto toccante e forte.

La numero 6 è simpaticissima ma trovo un po' stiracchiata la definizione dell'autore. Rimane emblematica di alcuni aspetti appartenenti alle nuove generazioni, lo stare vicini fisicamente ma essere al tempo stesso lontani spiritualmente e sentirsi magari più uniti a qualcuno virtualmente piuttosto che a chi ti sta realmente accanto.

La numero 7 è una bellissima serie, ben composta, curata e raccontata di un marchio storico dell'automobilismo...ma non mi trasmette la malinconia del suo comunque evidente tramonto. Mi trasmette più l'orgoglio di ciò che ha rappresentato.

La numero 8 non mi trasmette il messaggio di cui l'autore ha parlato. Una volta letto il suo commento però mi è piaciuta moltissimo e l'avrei preferita allora proprio scattata al tramonto. E' potenzialmente molto evocativa ma gli è mancato quel qualcosa.

La numero 10, come ho detto precedentemente preferisco la sintesi su un tema come questo. Il messaggio è chiaro ed evidente, azzeccato con il tema ma non c'è lo scatto che riassume tutto in una sola immagine. Come detto da altri, la luce particolarmente vivida e solare non credo abbia aiutato nel raccontare la decadenza dei soggetti.

La numero 11 ritrae un qualcosa che NON tramonterà mai. Come ha ben detto l'autore, il tramonto di un'epoca ma NON della classe, infatti più che il tramonto ci vedo l'attualità di qualcosa costruito in un'epoca nella quale i canoni estetici erano sì diversi dagli attuali ma non solo, credo fossero anche più raffinati. No, definitivamente non rappresenta il tramonto questo scatto!

La numero 12 purtroppo è fortemente penalizzata dal fatto che non si capisce molto bene il luogo se non dopo la spiegazione dell'autore. L'idea è ottima in ogni caso.

 

Andrea

 

Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Tema quantomai soggettivo come interpretazione e di conseguenza come valutazione. Eccellente proposta comunque anche se come Massimo Vignoli avrei voluto avere un po' più di  tempo ( Luglio è un mese frenetico per il mio lavoro, specie quest'anno con la "ripartenza" a distanza ...) e forse sarei riuscito a proporre qualcosa di meno convenzionale. 

La mia classifica?

1 la foto n. 13,  scelta viscerale da colpo di fulmine,  è quella con cui sono più entrato in sintonia, l'insegna fiocamente illuminata, i muri scrostati, esprimono pienamente la crisi dei cinema locali, a cui ero profondamente affezionato e ora pressochè estinti.

2 la serie n. 3,  è una serie eccellente per composizione, studio, elaborazione, cura del dettaglio, il messaggio passa forte e chiaro, sono stato a lungo indeciso se metterla al primo posto, ma l'emozione più forte me l'ha data l'altra.

3  la serie n. 5 immagini di grandissima  forza evocativa, che però non mi fanno pensare del tutto ad un tramonto di qualcosa, quanto ad un persistere di un dolore, che non avrà fine. per questo non l'ho messa al primo posto.

Delle altre  mi sono piaciute moltissimo la 2, composizione magistrale molto poetica, ma non priva di una speranza, insomma  non proprio un tramonto, la 9, simile alla mia concettualmente, ma più forte,  il contrasto tra Trump nello smartphone e le testate giornalistiche, impagabile; poi la 6 allegra, frizzante.

Le altre per quanto belle, mi sembrano uscire dal tema del contest, almeno nel modo in cui lo concepisco io.

 

 

Link to post
Share on other sites
  • M&M unpinned this topic
×
×
  • Create New...