Jump to content
Silvio Renesto

La nuova normalità 3 (triste)

Recommended Posts

Qui ho cercato contrasti ancora più forti per rendere ancora più dura la scena. Forse dovrei schiarire un po' il sarcofago dietro al fotografo (l'amico Gianni)?

maskphotographer.thumb.jpg.620c061ea603e43e614fa800b090bad9.jpg

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Triste? Ma è il nostro autoritratto... xD

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà ma secondo me ci mette del suo l'indole del fotografo.

Io ho fatto questo scatto (qui pompato di saturazione) :

Z7X_7783.thumb.jpg.6a59f5ce8bff0fbb6d14ecef08c5ae91.jpg

esiste la street in riva al lago ?

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, MM! dice:

Sarà ma secondo me ci mette del suo l'indole del fotografo.
...
esiste la street in riva al lago ?

Affermazione penso vera.  Per cui sì, in questi due ultimi  cercavo  un effetto triste, come certe poesie dei Decadenti francesi, o anche il "sabi"  nell'accezione antica giapponese di povero, freddo, appassito. Però molto dipende dal soggetto e dalla situazione, altre volte posso essere più allegro ;)  . Comunque io amo Poe, Baudelaire e  (mi si perdoni l'accostamento piuttosto indegno) Lovecraft, tu forse un po' meno.

Si può fare street al lago? Si può fare street ovunque, immagino, però la tua foto (l'hai messa per tirar su  il morale , prima che ci sia una serie di suicidi fra gli utenti dopo aver visto la mia ?- battuta, sono ironico, divertito e non irato, sia chiaro  :)) la vedo più come un paesaggio che come una foto di street,  L'occhio mi va sul battello e sui monti e sul cielo extra-strong, mentre l'omino mi rimane indifferente e le barche coperte non mi dicono molto. Tagliando tutta la parte sotto ai cigni, ne verrebbe una cartolina in formato panorama, ma molto bella.

Grazie anche a Pedrito/Marco del passaggio, e dei consigli tattico/comportamentali nell'altro post, che un po' conoscevo cerebralmente, ma non sono ancora capace di tradurre in atto.

Però! Da queste foto ne  è  nato un dialogo fruttuoso, per me almeno, ricco di spunti di riflessione. Sono contento.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mauro è un fine provocatore... Silvio, ancora non te ne sei accorto? :marameo:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo so, lo so... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mauro sei pronto per Instagram 😜

Silvio, se il fotografo è tuo amico e non una foto irripetibile colta sul momento, perché hai scelto di mettere il “sarcofago” dietro? A me cattura l’attenzione, messo così, in uscita dal fotografo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Dario Fava dice:

Silvio, se il fotografo è tuo amico e non una foto irripetibile colta sul momento, perché hai scelto di mettere il “sarcofago” dietro? A me cattura l’attenzione, messo così, in uscita dal fotografo.

E' tutte e due le cose, nel senso che il fotografo è un amico, ma la foto è colta d'istinto, non posata. Ciò non toglie che hai ragione, potevo stare più attento,  invece mi concentro troppo sul soggetto e perdo di vista l'insieme. A volte è  come avessi una visione a tunnel.
Le bestie (almeno quelle in soggettiva) a volte sono più facili!

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Silvio Renesto dice:

A volte è  come avessi una visione a tunnel.

È una caratteristica comune a tutti gli esseri umani, allenare il cervello a non ignorare ciò che ignora istintivamente è un esercizio che va praticato costantemente, perché alla fine anche i professionisti (che scattano molto) prima o poi ci cascano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buona anche questa Silvio, la tristezza e per me anche la rassegnazione esce tutta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh... Elliott, quello che impropriamente viene considerato un grande fotografo di street, (era un grande fotografo, ma di altro) mentre fotografare la gente per strada era per lui un semplice divertimento,
il suo amico avrebbe cercato di metterlo ...dentro il sarcofago !

Ossia avrebbe puntato la sua attenzione sul soggetto forte dell'inquadratura (il sarcofago) sperando o tentando di accostarci quello debole (l'amico)

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Max Aquila dice:

beh... Elliott, quello che impropriamente viene considerato un grande fotografo di street, (era un grande fotografo, ma di altro) mentre fotografare la gente per strada era per lui un semplice divertimento,
il suo amico avrebbe cercato di metterlo ...dentro il sarcofago !

Ossia avrebbe puntato la sua attenzione sul soggetto forte dell'inquadratura (il sarcofago) sperando o tentando di accostarci quello debole (l'amico)

Accidenti, hai ragione!

Idea geniale ma... non posso più farlo, sarebbe una foto rubata a te, perchè non l'ho pensata io :( .

La prossima volta sperimento  diverse alternative.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Silvio Renesto dice:

Accidenti, hai ragione!

Idea geniale ma... non posso più farlo, sarebbe una foto rubata a te, perchè non l'ho pensata io :( .

La prossima volta sperimento  diverse alternative.

a me? A Elliott Erwitt...

A me non suscita tristrezza il tuo amico Gianni: lo vedo intento a regolare la sua bella e sostanziosa fotocamera.

Ma la tristezza del titolo cos'è? La mascherina?  Io credevo parlassi del sarcofago...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mascherina a mezzo naso soprattutto, poi la schiena curva, i capelli bianchi la posa generale. Ma  dev'essere soggettivo.

 

 

 

 

 

 

OT: La fotocamera è una SIGMA SD1 Merrill. Gianni è Nikonista ma ogni tanto si concede un'avventura SIGMA.  :)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Silvio Renesto dice:

La mascherina a mezzo naso soprattutto, poi la schiena curva, i capelli bianchi la posa generale. Ma  dev'essere soggettivo.

 

 

 

 

 

 

OT: La fotocamera è una SIGMA SD1 Merrill. Gianni è Nikonista ma ogni tanto si concede un'avventura SIGMA.  :)

 

rispondo ancora perchè ci tengo:

alle mascherine dovremo abituarci nei mesi a venire ed io ancora non riesco a fotografare persone che le portino/sopportino.

Ma perchè ciò non induce tristezza nei soggetti, quanto invece malsopportazione, fastidio, nervosismo: e tutto ciò traspare dai loro gesti.

Non credo potremo giustificare sensazioni relative ad esse, quanto invece dovremo sforzarci di trovare dei punti di forza nei soggetti che le riescano ad escludere del tutto, pur presenti.
Come col burqa di una islamica: non possiamo solo fotografare islamiche fasciate perchè ci fanno impressione, ma dobbiamo trovare il modo di farle risultare interessanti pur se col burqa:  E' quella la loro condizione.

E più la guardo la tua foto, più Gianni mi sembra quasi a suo agio, del tutto incurante del bavaglio che ci hanno imposto.

La postura....? Beh... after golden fifties...!

O.T.: E certo che la guarda così intrigato, se è la SD1...!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...