Jump to content
MM!

Naturale o drammatica ?

Recommended Posts

Scattavo a colori, portrait e con toni abbastanza tenui, come suggerito dal Nikon 105/1.4 ad f/1.4 sulla Z7.

Z7X_6823.thumb.jpg.da92f5d0a84c7b9de97d4cd026d68321.jpg

la ripresa è fatta per valorizzare la figura di Silvia in ambiente, usando una libreria come cornice.

Due minuti fa l'ho aperta in LR e l'ho vista più drammatica in bianco e nero :

Z7X_6823-2.thumb.jpg.5cc652a6b4b5c5674ae6fa7035078440.jpg

Entrambe le immagini sono come sviluppate, senza post-produzione.
Il maggiore contrasto in quella in bianco e nero è stata ottenuta aumentando il controllo della foschia.

ma riguardandole insieme continuo a preferire la prima.

Consigli, suggerimenti, critiche, preferenze, sempre umilmente accettati.

  • Like 2
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Preferisco la prima, dove l'atmosfera calda del set meglio si sposa con l'incarnato della modella contribuendo anche questa a farle da cornice similmente all'inquadratura attraverso la libreria.

La seconda ha un contrasto e dei toni troppo duri.

Piuttosto taglierei l'immagine al di sopra per eliminare lo spicchio di finestra che si intravede: il fatto che la ripresa è effettuata attraverso una cornice rimarrebbe comunque ben visibile, mentre lo spicchio in alto non aggiunge niente all'immagine.

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Preferisco la seconda senza la tenda rossa !! la sperde un po!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io preferisco molto di più la prima... il pezzetto in alto andrebbe tagliato disturba-distrae, e secondo me anche la Testa della modella è troppo appiccicata alla "cornice", con un pochina di Aria mi sarebbe piaciuta di più...

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho dubbi. La seconda. Posso immaginare di averla scattata io: di nascosto da dietro la libreria, sto rubando un momento di intimità e il b/n smette di essere drammatico e diventa intrigante. L'occhio del voyeur...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me è meglio la seconda, ma avrei regolato il BN diversamente. Luminosità media più alta di mezzo stop e ombre un pochino più aperte. Ma senza perdere i neri 😉

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Avrei voluto dirlo !!  Non osavo, (io,) la proverei con alcune preset B&N  di LR , ma MM non voleva lavorarle ... 

Edited by Claudio-lm

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente preset di LR, ogni foto in BN deve avere il suo sviluppo PERSONALIZZATO.

  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Pedrito dice:

Preferisco la prima, dove l'atmosfera calda del set meglio si sposa con l'incarnato della modella contribuendo anche questa a farle da cornice similmente all'inquadratura attraverso la libreria.

Io invece credo esattamente l’opposto, lei in pratica ha un incarnato molto simile ai toni del set, direi troppo “tono su tono” e forse come diceva Gianni avrei lasciato un filo d’aria sopra la testa della modella.

 
Preferisco la seconda in b&n molto più intrigante.... non disturba nemmeno il filo d’aria che non c’è, aumenterei anche io come dice Massimo luminosità e ombre

Molto belle entrambe comunque 😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Simona85 dice:

Preferisco la seconda in b&n molto più intrigante.... non disturba nemmeno il filo d’aria che non c’è, aumenterei anche io come dice Massimo luminosità e ombre

Molto belle entrambe comunque 😊

"Rubo" il commento di Simona:  la penso anch'io così. La prima è bella perchè delicata, la seconda a mio parere colpisce (emotivamente) di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Preferisco la prima, la cornice ci sta, a me disturba la dimensione ed il bianco della lampada in basso a sx

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che è un compendio non solo di fotografia ma di psicologia... come il cervello interpreta due immagini identiche in modo totalmente diverso a seconda della volontà del fotografo, fantastico! Tonalità calde, tono su tono... Preferisco la prima, sinceramente. La seconda è bellissima, ma il mio cervello preferirebbe una situazione come nella prima. Quindi la 1.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per chi preferisce il bianco e nero, ecco un'altra versione, più alla Lindbergh

Z7X_6823-3.thumb.jpg.834c5aa03f4c52fef178db13e9f62c1f.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente avrei scelto un taglio diverso, invece del 2:3 classico avrei optato per un taglio da medio formato tipo un 5:7.
Almeno per la versione a colori dove il tono su tono contribuisce all'atmosfera.
Inoltre, nella versione a colori, anche io la preferisco senza quel ritaglio di finestra in alto.

Ma siamo sempre nel campo delle preferenze personali, il classico caso nel quale tutti gli intervenuti avrebbero pubblicato una foto diversa pure avessero scattato dallo stesso punto, con la stessa luce e la stessa posa della modella.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Funziona bene in ambedue i modi, ma in questo caso io preferisco assolutamente quella a colori, mi racconta una storia più reale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Pur essendo un amante dei toni caldi, per me vince la versione B/N a mani basse, e la prima versione, non quella Lindbergh (che, se posso dirlo, mi è diventato come la musica balcanica (cit.) ).

La modella ha un look anni '70 (capello lungo e quasi liscio, e altro che per una volta non è rasato a zero) che ben si sposa al viraggio in b/n dall'aspetto opaco. Per completare l'atmosfera da foto in casa in un pigro (see...) pomeriggio, avrei buttato anche un po' di grana, ma son gusti.

Top!

 

Edited by Gabriele Castelli

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...