Jump to content
Sign in to follow this  
Silvio Renesto

Confronto

Recommended Posts

Due immagini scattate nelle stesse condizioni con lo stesso obiettivo (Nikon 200-500), una con la D500 , l'altra con la Z6, sempre a f5.6

_SCR5643.thumb.jpg.31363aa1fdae5df91871c679957cbba4.jpg

Dati e correzioni:

D500

283 ISO

Bilanciamento del bianco come scattato
temperatura 5250k
Esposizione  +0.3
Rimuovi foschia + 10

Profilo  standard 

correzione livelli valori tonali: punto di nero 30 punto di bianco 183

Z6

400 ISO

Bilanciamento del bianco come scattato
Profilo standard V2

temperatura 5250k
comp. esposizione esposizione 0
rimuovi foschia +8

correzione livelli valori tonali: punto di nero 17 punto di bianco 231.

Sono molto diverse. Perdonate l'ingenuità (=ignoranza assoluta) Cos'è che maggiormente contribuisce a  questa differenza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Controlla il valore di TINT nel bilanciamento del bianco. La seconda foto è chiaramente verde (e mi pare più corretta ricordando la melma di Torrile).

La temperatura colore influenza lo slittamento tra BLU e GIALLO. Il valore di TINT tra ROSSO e VERDE.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì la seconda è più corretta, la prima è troppo blu,  ma anche la resa generale è diversa, quella scattata con la D500 è più piatta e meno vivace di quella scattata con la Z6.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora non so come "prende" la luce la 6 ma suppongo in maniera identica alla 7, il WB e tutti gli annessi è regolabile in automatico secondo 3 varianti, (oltre alla luce naturale auto che è un'altra opzione) in base ai gusti, e viene mantenuto in ACR.. devo dire che ci prende molto bene (nella modalità preserva atmosfera complessiva) inoltre ci sono i parametri del Picture control anche quelli mantenuti in ACR.

In pratica se con le reflex imposti in RAW e sei a posto, con le Z devi imparare a settare secondo i tuoi gusti, altrimenti troverai un risultato non soddisfacente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Silvio Renesto dice:

è più piatta e meno vivace di quella scattata con la Z6

Sempre merito dei settaggi e Picture control.. c'è poco da fare il "sistema" Z è studiato per avere risultati più prossimi allo stampabile, rispetto al RAW grezzo delle reflex. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, Dario Fava dice:

Sempre merito dei settaggi e Picture control.. c'è poco da fare il "sistema" Z è studiato per avere risultati più prossimi allo stampabile, rispetto al RAW grezzo delle reflex. 

Chiavi in mano anche per chi è meno addentro alle questioni di sviluppo.
La comunicazione con il software di sviluppo standard (Adobe) delle Z è proprio pensata per sfruttare le regolazioni fatte nella fotocamera senza doverle ricreare ad occhio poi in sviluppo.
Per le reflex Nikon sinora ha lasciato tutto il carico al fotografo che nel tempo ha dovuto imparare a far da se l'immagine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Parsifal dice:

Controlla il valore di TINT nel bilanciamento del bianco. La seconda foto è chiaramente verde (e mi pare più corretta ricordando la melma di Torrile).

La temperatura colore influenza lo slittamento tra BLU e GIALLO. Il valore di TINT tra ROSSO e VERDE.

 

3 ore fa, Silvio Renesto dice:

Sì la seconda è più corretta, la prima è troppo blu,  ma anche la resa generale è diversa, quella scattata con la D500 è più piatta e meno vivace di quella scattata con la Z6.

senza essere mai stato a Torrile, vedendo quella luce dei due scatti, a parte le differenze cromatiche io vedo una incommensurabilmente miglior capacità di lettura nelle ombre della tua Z, pur in quella dimensione dei file postati: immagino potendoli aprire al loro 100%

Un plauso dunque anche alla combinazione tra esposimetro (immagino Matrix, non ne fai menzione) e sensore.

Anche al 200-500 che su Z mi pare si denoti ancor più brillante che sulla D500, per buona pace di chi non vorrà mai passare a mirrorless

(chissa mai perchè, poi...specchio specchio delle mie brame...)Risultati immagini per mirabox reflex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Proprio quello Max,  hai pienamente ragione, la luce, le ombre la tridimensionalità (sarà anche perchè pieno formato?). Anche a me lo zoom è sembrato  più ...performante.

Purtroppo su una cosa ti devo correggere ...

la Z6 non è mia (ahimè!), l'ho dovuta restituire  :/

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Silvio Renesto dice:

Proprio quello Max,  hai pienamente ragione, la luce, le ombre la tridimensionalità (sarà anche perchè pieno formato?). Purtroppo ti devo correggere  su una cosa...

la Z6 non è mia, ahimè l'ho dovuta restituire  :/

 

non credo passerà ancora troppo tempo: se quello è il 200-500 (e lo so bene, avendolo anch'io) immagino il tuo 300 PF, magari con un TC14EIII

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Max Aquila dice:

 

senza essere mai stato a Torrile, vedendo quella luce dei due scatti, a parte le differenze cromatiche io vedo una incommensurabilmente miglior capacità di lettura nelle ombre della tua Z, pur in quella dimensione dei file postati: immagino potendoli aprire al loro 100%

Un plauso dunque anche alla combinazione tra esposimetro (immagino Matrix, non ne fai menzione) e sensore.

Anche al 200-500 che su Z mi pare si denoti ancor più brillante che sulla D500, per buona pace di chi non vorrà mai passare a mirrorless

(chissa mai perchè, poi...specchio specchio delle mie brame...)Risultati immagini per mirabox reflex

Non so se mi sbaglio ma a me sembra  che più che la macchina sia il settaggio che provoca rese diverse. Che sono "più pronte all’uso", come è stato già detto da chi mi ha preceduto, per la Z6 rispetto alla D 500.  Circa le ombre     mi pare  che da 100 a 800 iso la D500 abbia più dinamica, stando al grafico,  per coincidere con la Z6 oltre gli 800 iso. 

 

1747322834_Schermata2019-04-26alle16_51_14.thumb.png.a1c30682bda4164d93cb853649c03069.png

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nicola ma la Z6 qui non è stata impiegata in formato DX dove ovviamente perderebbe in tutto (a partire dalla risoluzione che scenderebbe verso gli 11 megapixel) !

Il formato DX nel 2019 è da intendere solo ed esclusivamente come teleconverter integrato.

chart.thumb.jpeg.7af9d685e5d4457b858660a7c6a7dac7.jpeg

il sensore della Z6 ha il dual gain. In pratica ha due sensibilità di base : 100 e 800 ISO.
E questo crea un boost a tutte le sensibilità più alte.

La/le foto qui esposte sono a sensibilità più basse ma se fossero state scattate a 1600 ISO mostrerebbero piena differenza.

Resta il fatto, e concordo con te, che è di tutta evidenza di come i profili della Z6 in ambiente Adobe siano più interessanti di quelli della D500 (che richiede un trattamento diverso da parte del fotografo o, che è meglio, la creazione di un profilo calibrato ad hoc).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non ho la D500 ma la D850  e la Z6.

Anche per me la prima ha una dominante blu. Purtroppo la sola temperatura colore non è mai sufficiente a definire l'equilibrio tonale di una immagine.

Bisogna tornare un attimo alla definizione di temperatura colore come equilibrio nei rapporti dei canali del rosso e del blu  rispetto al verde con luce solare diurna.

Questi rapporti possono variare leggermente  pur mantenendo lo stesso valore della temperatura colore. In pratica è quello che fanno i picture control di cui è abbondantemente dotata la Z6.

Ad esempio nella Z6 si può scegliere un bilanciamento del bianco neutro, tonalità calda o fredda in modo da mantenere una atmosfera generale la più vicina all'originale.

Credo che sia quello che è successo nelle due foto.

La situazione si complica quando ci sono sorgenti luminose artificiali di natura diversa. Qui l'energia luminosa è concentrata solo su alcuni colori (spettro discreto),

in questo caso la soluzione migliore è costruirsi un picture control che riesca a  mantenere un rapporto credibile fra le varie sorgenti. E' comunque una operazione complessa in cui può aiutare solo uno spettrografo.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Parsifal dice:

Nicola ma la Z6 qui non è stata impiegata in formato DX dove ovviamente perderebbe in tutto (a partire dalla risoluzione che scenderebbe verso gli 11 megapixel) !

Il formato DX nel 2019 è da intendere solo ed esclusivamente come teleconverter integrato.

chart.thumb.jpeg.7af9d685e5d4457b858660a7c6a7dac7.jpeg

il sensore della Z6 ha il dual gain. In pratica ha due sensibilità di base : 100 e 800 ISO.
E questo crea un boost a tutte le sensibilità più alte.

La/le foto qui esposte sono a sensibilità più basse ma se fossero state scattate a 1600 ISO mostrerebbero piena differenza.

Resta il fatto, e concordo con te, che è di tutta evidenza di come i profili della Z6 in ambiente Adobe siano più interessanti di quelli della D500 (che richiede un trattamento diverso da parte del fotografo o, che è meglio, la creazione di un profilo calibrato ad hoc).

Si, hai ragione sul grafico. 

Edited by nikolas

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei aggiungere una mia riflessione sulla presunta migliore apertura alle ombre della foto con la Z6.

In questa immagine  il livello del verde è nettamente superiore a quello della D500, poiché l'occhio percepisce più  il verde del blu riesce anche ad apprezzare meglio le sfumature (gradiente luminoso) di una immagine con dominante verde rispetto ad una con dominante blu.

Questo da anche una sensazione di maggiore luminosità generale e brillantezza dell'immagine.

 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque, è una questione di temperatura colore e di contrasto locale.

Partendo dai NEF originali io nello scatto della D500 vado a 5900 K lasciando il TINT a +6

_SCR5643b.thumb.jpg.f650033c21471576625317bb6c115672.jpg

mentre per la Z6 ho lasciato intatti i due cursori : 5250 Ke -37 (sappiamo che Adobe sballa il TINT delle Z, in particolare della Z6)

_DSC0807b.thumb.jpg.b9c8b7c0284a67fa43fe63469e829c59.jpg

poi ho applicato un contrasto tonale per togliere la nebbia, scoprendo che lo scatto della D500 semplicemente si sbriciola nello sfondo, pur scattato a sensibilità più bassa.
Aprendo ulteriormente le ombre dello scatto con la D500 sullo sfondo si formano bande verticali colorate e maculate.

Sulla temperatura colore, prendendo Nikon Capture NX-D come Bibbia, il valore è di 5461 K e -0.61 per la Z6, 5251 K e 0 per la D500.
Sono comunque due scatti piuttosto disgraziati in quanto a luce e mancanza di contrasto ma non ci sono dubbi che, al netto di un cambiamento di condizioni luminose (tra i due scatti passano 4 minuti) quello con la Z6 possa mostrare più potenziale di sviluppo e stampa.
Quella della Z6 l'ho lasciata intatta, come temperature colore, ma a mio gusto la raffredderei di 250 K.

Share this post


Link to post
Share on other sites

siamo anche in controluce (per quanto velato il sole) e su soggetti brutti e scuri di loro...

Indipendentemente dal pregio naturalistico,  ovviamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Brutti senza dubbio. Tutto sommato meglio le ombre chiuse della D500 :tie:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Brutti i Mignattai? NOOOOO!!!  :o  

Sono gli  ibis nostrani (ok, non c'entra con la bellezza... ;) )! 

Scherzo.

 

 

 

 

PS Per il naturalista che è in me, è stata una gradita sorpresa il vederli.  Non me lo aspettavo, in tutti gli anni che sono stato a Torrile, mai incontrati.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...