Jump to content

Recommended Posts

Buongiorno a tutti, 

Avrei una curiosità da chiedervi, essendo un neofita nel campo della fotografia mi chiedevo se con una D850 è possibile (ed eventualmente con che set di lenti) registrare video macro.

Operando nel campo della chirurgia orale ho la necessità di registrare e fare foto da una distranza di circa 1 metro magnificando chiaramente le immagini per documentare i casi clinici.

grazie a tutti,

davide 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Oddio, per la serie la nicchia della nicchia della nicchia. Non ti so rispondere, in tutta onestà. Ho la D850, ma video pochi, macro nessuna, quindi aspettiamo qualcuno che l'abbia utilizzata in qualcosa che sia più vicino a quello che hai bisogno. In generale non vedo perché non dovrebbe andare bene, nel senso, nel momento in cui attacchi l'obiettivo che ti serve, fai partire la registrazione video, la macchina il suo lavoro lo fa bene. Non penso hai necessità di autofocus particolari, dove potrebbe essere meno efficace di altre soluzioni, probabilmente anzi metterla in AF manuale su treppiede a distanza fissa è dove rende al meglio. Oppure c'è un qualche operatore che la movimenta mentre il dentista è all'opera? In quel caso forse è sempre meglio usare il fuoco manuale, rendendo però più difficoltosa la ripresa. Tieni anche conto che gli obiettivi in autofocus tendono a farsi sentire nei video... Per le foto nessun problema invece, è un'ottima macchina. La possiedi già o stai pensando di comprarla? Sugli obiettivi purtroppo non riesco so aiutare in alcun modo, non ho mai provato gli obiettivi macro, un teleobiettivo come un 70-200 (a 200 ovviamente) non potrebbe ottenere lo stesso risultato?

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

La D850 con un 105 macro ed un illuminatore anulare a led è quello che ti serve secondo me. Ai tempi della pellicola esisteva una Yashica Dental Eye con un obiettivo 55mm (serie 1) e poi da 100mm (serie 2 e 3) fisso  e flash anulare incorporato in un kit unico.  Un mio collega la usava per i fossili.

 

Yashica Dental-Eye II

Se vuoi approfondire su Researchgate c'è una serie di 10 articoli (un po' datati) sulla digital dental photography scritti da un certo Irfan Ahmad:

https://www.researchgate.net/profile/Irfan_Ahmad17/research

"Scrolla" in fondo.

 

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille! La camera pensavo di attaccarla ad un supporto dal soffitto quindi il problema dell auto focus penso non sussista una volta messo a fuoco dalla posizione prestabilita.. proverò a documentarmi ancora visto che la devo ancora prendere e volevo evitare di comprare sia una macchina fotografica che una videocamera! 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Sinceramente, se l'utilizzo premiante è quello del video credo che la reflex non sia lo strumento adatto (le reflex Nikon hanno un video piuttosto primitivo) e anche in termini di qualità dell'immagine (video) ci sono alternative più adatte.

Dovessi decidere io (oggi) andrei decisamente su una Nikon Z6 con il 24-70/4S e l'adattatore FTZ. L'acquisto di una reflex nuova ha senso nel 2019 solo per chi possieda già un largo corredo di obiettivi da reflex o per chi debba sfruttare le poche caratteristiche dove una reflex fa ancora la differenza (segnatamente nella sola fotografia d'azione o per chi per problemi di visus non possa usare il mirino elettronico).

La Z6 ha un video eccezionale e perfettamente sfruttabile anche in autofocus. Ovviamente fa anche foto della medesima qualità.

Piuttosto, se la posizione di ripresa è ad un metro dalla scena, la focale dipende dalle dimensioni del campo da riprendere.

Il 24-70/4S si può avvicinare sino a 38cm per riprendere circa 15 cm di campo.
Per fare lo stesso da un metro, ci vuole una focale doppia.

Attenzione che i macro offrono ingrandimenti elevati solo a distanze ravvicinate, da un metro sono più o meno come gli obiettivi normali.

Uno zoom (tipo un 70-200mm) credo sia sempre più flessibile, sebbene più ingombrante. Ma la cosa va provata dal vivo in base alle esigenze specifiche.
Non è da trascurare l'effetto che fa un obiettivone puntato come un cannone nella bocca di un paziente già spazientito e spaventato di suo ...

Il mio dentista, per le foto di documentazione e per le note spese usa una vecchia Nikon D80 con l'obiettivo da kit e mi fotografa da 40cm di distanza a bocca aperta ... 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

C'è anche da considerare il limite di tempo, nel video delle reflex di 30' oltre al consumo in termini di energia e surriscaldamento.

Mi capita raramente di fare video con la reflex ma l'ultima volta mi sono trovato a dover fare con la D5 un filmato di 10' continuativi... era diventata bollente, per un semplice 1080p, non voglio pensare al 4k

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
Il 1/4/2019 at 07:54, DavideBrighenti dice:

Buongiorno a tutti, 

Avrei una curiosità da chiedervi, essendo un neofita nel campo della fotografia mi chiedevo se con una D850 è possibile (ed eventualmente con che set di lenti) registrare video macro.

Operando nel campo della chirurgia orale ho la necessità di registrare e fare foto da una distranza di circa 1 metro magnificando chiaramente le immagini per documentare i casi clinici.

grazie a tutti,

davide 

quello che non comprendo della richiesta è la qualificazione di video macro rispetto una distanza di un metro.

Qualsiasi ripresa macro nel campo in questione viene condotta a distanze ben inferiori al metro e con obiettivi di elezione come il Micro Nikkor 105/2,8 o simili, che consentono un RR 1:1 riprendendo a 31cm dal soggetto inquadrato, 1:2 a circa 42cm e che per la ridotta distanza utile dal soggetto necessitano di illuminatori o flash anulari o comunque disposti in prossimità della lente anteriore dell'obiettivo.  

Tutto ciò  non preclude una ripresa video, ma a scapito della lunghezza del video, della comodità di utilizzo e della sorgente di illuminazione che in questo caso del video deve essere continua.

Sono stato davvero tante volte ripreso in uno studio odontoiatrico, ma non ricordo mai di esserlo stato con uno zoom 70-200...

Il consiglio di utilizzare una mirrorless è certamente oggi fondamentale per l indubbia comodità di ripresa senza essere obbligati all uso del mirino.

ma vorrei capire di più sul tipo di ripresa video richiesta

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Per il video, esistono videocamere dedicate alle riprese odontoiatriche, dai modelli di serie modificati apposta, fino a quelli che possono montare al centro della lampada che illumina la bocca, a mio avviso anche una mirrorless per quanto sia una soluzione migliore di una reflex resta uno strumento macchinoso adatto più per altri scopi che quello odontoiatrico. 

Questo nel video.

Per la foto la 850 con un 105 micro a distanze ravvicinate e con flash anulare va benissimo.

Edited by Dario Fava
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

io ritengo la D850 un investimento eccessivo se limitato all'utilizzo professionale in questione, per il quale una D750 sarebbe già più semplice, leggera e molto meno costosa.

Peraltro la gran massa dei suoi colleghi li vedo utilizzare con soddisfazione corpi aps-c che noi fotografi abbiamo dimenticato da tempo.

Dipende dal budget ma sopratutto dalle esigenze di ripresa...

Vediamo se il dottore ci dia ulteriori delucidazioni... 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Per me la soluzione migliore è una videocamera montata nel manico della lampada scialitica. E' una soluzione che vedo impiegata frequentemente nelle sale operatorie. Ha il vantaggio di essere coassiale con la sorgente luminosa e, se direzionata bene, di non avere la testa dell'operatore che si frappone accidentalmente fra videocamera e campo ripreso. 

Con le reflex vedo problemi di messa a fuoco (meglio usarle in MF, visto che il soggetto non si muove e che in AF, ad ogni passaggio di mani e strumenti chirurgici nel campo inquadrato, si sposterebbe il fuoco) , di autonomia  e di ingombro (il 105 lo vedo corto, a meno di non volerlo mettere molto vicino all'operatore, ma penso che diventi così una presenza fastidiosa).

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
11 minuti fa, Max Aquila dice:

io ritengo la D850 un investimento eccessivo se limitato all'utilizzo professionale in questione, per il quale una D750 sarebbe già più semplice, leggera e molto meno costosa.

 Peraltro la gran massa dei suoi colleghi li vedo utilizzare con soddisfazione corpi aps-c che noi fotografi abbiamo dimenticato da tempo.

Dipende dal budget ma sopratutto dalle esigenze di ripresa...

Vediamo se il dottore ci dia ulteriori delucidazioni... 

Pensavo che la 850 già ce l'avesse, ma rileggendo meglio non è specificato. Nel caso concordo.

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione
4 ore fa, Parsifal dice:

Sinceramente, se l'utilizzo premiante è quello del video credo che la reflex non sia lo strumento adatto (le reflex Nikon hanno un video piuttosto primitivo) e anche in termini di qualità dell'immagine (video) ci sono alternative più adatte.

Dovessi decidere io (oggi) andrei decisamente su una Nikon Z6 con il 24-70/4S e l'adattatore FTZ. L

 

Giustissimo, anzi di più, colpa mia che non sono ancora entrato nella mentalità "Z"

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Max Aquila dice:

quello che non comprendo della richiesta è la qualificazione di video macro rispetto una distanza di un metro.

Qualsiasi ripresa macro nel campo in questione viene condotta a distanze ben inferiori al metro e con obiettivi di elezione come il Micro Nikkor 105/2,8 o simili, che consentono un RR 1:1 riprendendo a 31cm dal soggetto inquadrato, 1:2 a circa 42cm e che per la ridotta distanza utile dal soggetto necessitano di illuminatori o flash anulari o comunque disposti in prossimità della lente anteriore dell'obiettivo.  

Tutto ciò  non preclude una ripresa video, ma a scapito della lunghezza del video, della comodità di utilizzo e della sorgente di illuminazione che in questo caso del video deve essere continua.

Sono stato davvero tante volte ripreso in uno studio odontoiatrico, ma non ricordo mai di esserlo stato con uno zoom 70-200...

Il consiglio di utilizzare una mirrorless è certamente oggi fondamentale per l indubbia comodità di ripresa senza essere obbligati all uso del mirino.

ma vorrei capire di più sul tipo di ripresa video richiesta

Si tratta di riprese video di interventi chirurgici nei settori posteriori e non.. 

La scelta di una relflex rispetto ad una videocamera è legata al fatto che verrebbe utilizzata anche per le foto degli stessi interventi oltre alle altre branche odontoiatriche 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander
6 ore fa, happygiraffe dice:

Per me la soluzione migliore è una videocamera montata nel manico della lampada scialitica. E' una soluzione che vedo impiegata frequentemente nelle sale operatorie. Ha il vantaggio di essere coassiale con la sorgente luminosa e, se direzionata bene, di non avere la testa dell'operatore che si frappone accidentalmente fra videocamera e campo ripreso

Con le reflex vedo problemi di messa a fuoco (meglio usarle in MF, visto che il soggetto non si muove e che in AF, ad ogni passaggio di mani e strumenti chirurgici nel campo inquadrato, si sposterebbe il fuoco) , di autonomia  e di ingombro (il 105 lo vedo corto, a meno di non volerlo mettere molto vicino all'operatore, ma penso che diventi così una presenza fastidiosa).

Concordo perfettamente su ogni parola. Un "supporto pendente dall'alto" a cui attaccare un kg di reflex ed un'altro kg di lente, viste le stringenti richieste di stabilita', non e' uno scherzo, e non ingombra poco, essendo inoltre macchinoso nello spostamento e nel puntamento. Inoltre, una volta montata la reflex sul supporto e posizionato quest'ultimo, potrebbe essere difficoltoso visionare il monitor della macchina, nonche' agire sui comandi, quindi ocorrerebbe altro materiale ed altri collegamenti per un eventuale un monitor esterno.... Tra l'altro, dovendo evitare di intralciare il lavoro di chi opera e dovendo evitare di coprire la lampada, la distanza di lavoro presumibilmente sara' anche piu' di un metro.....
Al contrario, una piccola videocamera in alta definizione, fissata al manico della lampada, una volta fissata e "calibrata" una volta e per tutte, si punta facilmente (segue la direzione della luce...), ed e' immediatamente a portata di mano dell'operatore per qualsiasi eventuale necessita'. Inoltre, se parliamo di videocamere waterproof, e' piu' facilmente "sterilizzabile" di una reflex......
Un'ultima nota: quando la ditta dove lavoravo, fornì i computer al reparto odontoiatrico del Policlinico, passammo parecchio tempo lì, e le diapositive (si, perche' all'epoca c'era solo questo....) le scattava un'altro medico o uno studente che affiancava il chirurgo, proprio con una Yashica Dental Eye, ma il chirurgo che operava non si e' mai occupato della parte documentale, anche per evidenti motivi di concentrazione.....

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Io parlo di una roba del genere:

image.png.4d549acc8b9330f42059b00db12c9cf1.png

Questa scialitica dovrebbe essere per uso odontoiatrico. 

Per me è la soluzione definitiva. Però ha due inconvenienti: 1) il costo 2) non è trasportabile.

Ho visto però in giro anche soluzioni meno eleganti, come un braccetto attaccato alla scialitica che tiene una videocamera.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Sciatica.. scialitica.. sia come sia, vi è sempre da imparare.. a quanto vedo e leggo.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
18 minuti fa, DavideBrighenti dice:

Grazie a tutti per i consigli davvero utili ! Alla fine credo che opterò per una scialitica come sopra descritto ed una reflex per foto intra orali ! 

La soluzione migliore: in un ambito dove ogni compromesso può trasformarsi in impedimento...

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...