Jump to content
Sign in to follow this  
Dario Fava

La pulizia del sensore delle Zeta

Recommended Posts

Questo non è possibile, il 99% delle mie foto sono all'aperto, si può stare attenti, ma comunque alla fine lo sporco entra... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche le mie sono all'aperto, ma la soluzione è o trovi un posto al chiuso, o hai più corpi per i diversi obiettivi, oppure esci con uno zoom.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, bergat dice:

Anche le mie sono all'aperto, ma la soluzione è o trovi un posto al chiuso, o hai più corpi per i diversi obiettivi, oppure esci con uno zoom.

A parte che a volte c'è più polvere al chiuso che fuori, tipo in macchina oppure in un luogo dove abbondano tappeti poltrone  tendaggi o letti, uscire con uno zoom non è una soluzione, se voglio usare i fissi c'è un motivo, altrimenti mi compro una compatta sigillata per non sporcare il sensore.

I sensori quando si sporcano si puliscono, non accade di frequente ma accade.

  • Haha 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io fotografo prevalentemente all’aperto ed in ogni condizione meteorologica. Non mi sono mai fatto troppi problemi a cambiare ottiche perché se sono fuori a fotografare.... è per fotografare, non per evitare di sporcare il sensore!

Per questo pulisco il sensore mediamente 5/6 volte l’anno. Cosa che ho imparato a fare da me dalla prima volta che si rese necessario - dai tempi della D200. Avendo avuto mediamente un paio di corpi contemporaneamente, direi che ho pulito il sensore più di cento volte. Mai un problema. 

Viceversa lo sarebbe dover far sistematico ricorso all’assistenza. Sia per un problema di costi sia per la logistica coinvolta (io controllo e se necessario pulisco il sensore prima di ogni viaggio o shooting importante).

Share this post


Link to post
Share on other sites

quel sensore così in vista mette ansia anche a me. Ma non potevano pensare a un meccanismo di protezione pronto a entrare in funzione nel momento dello sgancio dell'ottica? che so, un vetrino che gli va sopra, o l'otturatore che si chiude...

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, Paolo dice:

quel sensore così in vista mette ansia anche a me. Ma non potevano pensare a un meccanismo di protezione pronto a entrare in funzione nel momento dello sgancio dell'ottica? che so, un vetrino che gli va sopra, o l'otturatore che si chiude...

Non la vedo molto praticabile, alla fine dei conti anche i sensori delle reflex si sporcano. Il problema è come pulirlo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sensore della D7100 ho imparato a pulirlo da solo, l'ho pulito in media una volta l'anno e non ho mai avuto nessun problema; bisogna esser delicati e non eccedere con il liquido anche se evapora velocemente.
Le macchie che ho dovuto pulire e richiedono più impegno sono quelle provocate dal lubrificante del meccanismo di alzo specchio, sono quelle più grosse, con la pompetta gli fai un baffo.
La polvere ed i pelucchi vengono via con la pompetta, l'importante e non lasciarli accumulare nel tempo, quindi soffiatine più spesso con la macchina a bocchettone in giù.
Penso continuerò a pulire da solo anche quello della D850 quando sara strettamente necessario, si può entro certi limiti correggere anche in post e vivere felici.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Dario Fava dice:

A parte che a volte c'è più polvere al chiuso che fuori,

Il posto da dove ritorno dopo una sessione di scatti sicuro di avere sporcato il sensore all'inverosimile,  sono i depositi dei musei. 

:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, bergat dice:

.... o hai più corpi per i diversi obiettivi, oppure esci con uno zoom.

Purtroppo anche l'uso degli zoom non costituisce una soluzione..... Questi aggeggi, soprattutto quelli con lenti di grosso diametro, si comportano come dei soffiatori/aspiratori: quando lo zoom si estende e la lente frontale si allontana,  tira fuori l'aria dalla macchina, mentre quando si accorcia e la lente frontale si avvicina, spinge l'aria all'interno della macchina.... ed insieme all'aria anche tutto quello che ha aspirato in precedenza o che si trova al suo interno......

Comunque, fermo restando che i sensori sono oggetti delicati, che quindi vanno trattati con le dovute accortezze, quello che mi piacerebbe capire meglio e se i sensori delle Z sono effettivamente piu' delicati di quelli delle reflex, oppure se le indicazioni cosi' conservative fornite sul libretto sono dovute solo ad una maggior cautela da parte della casa, visto che il sensore delle ML e' piu' esposto di quello di una reflex e quindi potrebbe sporcarsi piu' frequentemente.

D'altro canto il tecnico del centro assistenza, a cui mandare la macchina per la pulizia come da indicazioni della casa, dovra' pur toccare il sensore per pulire quello che non va via con la vibrazione o con la pompetta indicata nel manuale....... 9_9

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono ottime considerazioni, ho aperto la discussione proprio per questo, forse solo il tempo ci darà risposte.

Se le cose non sono cambiate davanti al sensore dovrebbe esserci un filtro al niobato di litio, che è un minerale molto duro. Difficile da graffiare se non per gravi imperizie, anche se la polvere tirata a secco può graffiare il trattamento delle lenti oftalmiche.

Se effettivamente il sensore mobile per via dell’ibis, non va toccato per non rovinare il meccanismo, sorge in effetti la domanda, come fa un tecnico specializzato a pulirlo senza toccarlo? 😄

Edited by Dario Fava

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non sono un fanatico della pulizia a tutti i costi, In 11 anni di D700 non ho mai avuto la necessità di pulirla così come per la D850.

In due mesi di Z6 mi sono ritrovato con un sensore lercio, scusate il termine ma è quello giusto.

Evidentemente la mancanza dell'otturatore chiuso durante i cambi di ottica fa la differenza;  la polvere si è depositata alla grande e neanche la pompetta

ed il pennellino (marca Zeiss) hanno avuto effetto. In particolare ho l'impressione che ci sia la presenza di un piccolo campo elettrostatico che impedisce una buona pulizia a secco (voglio provare a togliere la batteria per eliminare qualsiasi campo indotto).

Ho ordinato, pertanto, un kit di Sensor Swab Ultra che spero risolva la cosa. L'uso dell' Eyelead  mi lascia un po' perplesso per il tipo di azione da fare su un sensore stabilizzato.

La Nikon potrebbe facilmente fare un aggiornamento software  che chiuda l'otturatore durante i cambi di ottica Voi che ne pensate?

Mi farebbe, inoltre, piacere conoscere  i metodi migliori, a vostro giudizio, per la pulizia del sensore.

Mille grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Steve48 dice:

La Nikon potrebbe facilmente fare un aggiornamento software  che chiuda l'otturatore durante i cambi di ottica Voi che ne pensate?

Penso che se urtassi accidentalmente la tendina anteriore, ma anche posteriore, faresti un danno che andrebbe ben oltre una pulizia in assistenza.

Questa discussione è stata aperta apposta per raccogliere testimonianze, e la tua mi sembra importante, su quanto e come pulire il sensore, in virtù anche di ciò che c'è scritto sul manuale.

Edited by Dario Fava
  • Haha 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

non mi sembra male l'idea di poter chiudere l'otturatore durante il cambio ottica.

Chissà se è possibile capire che sto smontando l'ottica e, sopratutto, se Nikon ascolta le segnalazioni dei suoi clienti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Volendo, capire che sto smontando l'ottica sarebbe anche semplice, perché schiaccio un tasto per sbloccarla. Basterebbe azionare qualcosa in quel momento. Io penso che qualcosa faranno per la fascia più alta, sempre che sia possibile, che ci sia lo spazio fisico per farci stare quel qualcosa... Se la tendina è troppo delicata dovrebbe essere qualcos'altro, motivo per cui dubito seriamente arriverà mai tramite aggiornamento software. Comunque vedendo gli utilizzatori qui su Nikonland sembrerebbe che non ci sia molta differenza con le reflex, a dispetto di quello che dice Nikon sul manuale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Urtare la tendina dell'otturatore non è sicuramente una buona cosa ma l'alternativa è quella di colpire direttamente il sensore quindi è come cadere dalla padella nella brace. 

Mandare continuamente in assistenza per la pulizia non mi sembra molto praticabile per vari motivi oltre quelli economici.

La Nikon poteva installare una semplice tendina di servizio magari metallica. Mi sembra che una ultima Canon faccia proprio così.

L'elettronica della macchina sa perfettamente quando manca l'ottica per cui dal punto di vista tecnico non c'è problema.

Il problema polvere, lo sappiamo, non è risolvibile al 100% , noi ce la mettiamo tutta per fare i cambi di ottica nel modo migliore possibile ma quando è  troppo è troppo.

Magari tra qualche mese sapremo da altri utenti se hanno avuto lo stesso problema. Mille grazie

   

,

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Steve48 dice:

Urtare la tendina dell'otturatore non è sicuramente una buona cosa ma l'alternativa è quella di colpire direttamente il sensore quindi è come cadere dalla padella nella brace. 

Mandare continuamente in assistenza per la pulizia non mi sembra molto praticabile per vari motivi oltre quelli economici.

La Nikon poteva installare una semplice tendina di servizio magari metallica. Mi sembra che una ultima Canon faccia proprio così.

L'elettronica della macchina sa perfettamente quando manca l'ottica per cui dal punto di vista tecnico non c'è problema.

Il problema polvere, lo sappiamo, non è risolvibile al 100% , noi ce la mettiamo tutta per fare i cambi di ottica nel modo migliore possibile ma quando è  troppo è troppo.

Magari tra qualche mese sapremo da altri utenti se hanno avuto lo stesso problema. Mille grazie

  

magari se resti qui avrai modo di leggere esperienze di utenti che le macchine le usano, non solamente le spolverano.

Nello specifico, con la mia Z6 sono arrivato a circa 30mila scatti dal 15gennaio e ho soffiato via un pò di polvere dal sensore con una semplicissima  pompetta solo due o tre volte. 

Tenendo il corpo macchina a testa in giù. 

Come sempre...

  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma quindi anche tu l'hai pulita, in barba a quello che scrive Nikon! Ottima notizia, mi rincuora!

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, Leo dice:

Ma quindi anche tu l'hai pulita, in barba a quello che scrive Nikon! Ottima notizia, mi rincuora!

Leo, una spompettata - che è soluzione di una certa limitata efficacia - non può essere per definizione “vietata” o pericolosa. Si tratta di aria!

27 minuti fa, Max Aquila dice:

magari se resti qui avrai modo di leggere esperienze di utenti che le macchine le usano, non solamente le spolverano.

Nello specifico, con la mia Z6 sono arrivato a circa 30mila scatti dal 15gennaio e ho soffiato via un pò di polvere dal sensore con una semplicissima  pompetta solo due o tre volte. 

Tenendo il corpo macchina a testa in giù. 

Come sempre...

Premesso che sono d’accordo con te - la discussione deve tornare su un piano pratico :) - ci sono molti usi diversi della macchina.

Un conto se in un’uscita fai 4000 scatti con il superzoom, sostanzialmente senza quindi cambiare lente. 

Un altro - la mia ultima uscita fotografica - se fai un centinaio di scatti di paesaggio in montagna, alternando 16-35 e 70-200. E cambiando l’ottica lasciando la macchina sul treppiede. Al mattino il sensore era pulito, alla sera 3 puntini.

Inoltre, relativamente alla tolleranza allo sporco, un conto è fotografare a diaframmi aperti un conto chiusi.

Di fatto pur facendo con la D5 più di 10 volte le foto che faccio con la D810, pulisco molto di più la seconda. 

L’argomento è interessante e nonostante un po’ di tempo speso in ricerche non ho trovato molto materiale...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
24 minuti fa, Massimo Vignoli dice:

Leo, una spompettata - che è soluzione di una certa limitata efficacia - non può essere per definizione “vietata” o pericolosa. Si tratta di aria!

Premesso che sono d’accordo con te - la discussione deve tornare su un piano pratico :) - ci sono molti usi diversi della macchina.

Un conto se in un’uscita fai 4000 scatti con il superzoom, sostanzialmente senza quindi cambiare lente. 

Un altro - la mia ultima uscita fotografica - se fai un centinaio di scatti di paesaggio in montagna, alternando 16-35 e 70-200. E cambiando l’ottica lasciando la macchina sul treppiede. Al mattino il sensore era pulito, alla sera 3 puntini.

Inoltre, relativamente alla tolleranza allo sporco, un conto è fotografare a diaframmi aperti un conto chiusi.

Di fatto pur facendo con la D5 più di 10 volte le foto che faccio con la D810, pulisco molto di più la seconda. 

L’argomento è interessante e nonostante un po’ di tempo speso in ricerche non ho trovato molto materiale...

difficile che trovi su Nikonland qualcuno che cambi ottica più di quanto faccia io ed in ambienti ostili al sensore, quali la sabbia a mare  o la terra in campagna. 

Non uso le macchine fotografiche per realizzare solamente sequenze .

Sperimento...

In effetti mi pare che la mia Z6 sia più incline ad attirare polvere delle mie reflex. Magari però è una mera impressione.

Di fatto la pulizia convenzionale del sensore (lo sgrullino) sembra molto efficiente.

Il vero problema sono gli accumuli di polvere fuori dalla superficie del sensore, continuati, nel tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Max Aquila dice:

[...]In effetti mi pare che la mia Z6 sia più incline ad attirare polvere delle mie reflex. Magari però è una mera impressione.

Di fatto la pulizia convenzionale del sensore (lo sgrullino) sembra molto efficiente.

[...]

Il primo è un dato di fatto che confermo.
Sul secondo io ho un'opinione decisamente meno fiduciosa, non mi pare che sia all'altezza di quello della D850.
Lo dico da "sporcaccione" incauto, del tutto incurante di cosa e come manovro le mie attrezzature perchè mentre fotografo ho in mente solo la fotografia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Massimo Vignoli dice:

Leo, una spompettata - che è soluzione di una certa limitata efficacia - non può essere per definizione “vietata” o pericolosa. Si tratta di aria!

Sono perfettamente d'accordo ed è per questo che mi ero allarmato... Perché nel primo post di Dario con l'estratto dal manuale, dice testualmente "ne sottoporlo a forti correnti d'aria provenienti da una pompetta per nessun motivo". Della serie o sei telecineta e lo pulisci col pensiero o te lo tieni sporco :mano:

Share this post


Link to post
Share on other sites
34 minuti fa, Leo dice:

dal manuale, dice testualmente "ne sottoporlo a forti correnti d'aria provenienti da una pompetta per nessun motivo".

Nella versione in inglese però non si parla di pompetta, le forti correnti diciamo che non le appartengono, piuttosto sono tipiche delle bombolette o i compressori. Io direi che almeno quella si può usare con tranquillità.

Edited by Dario Fava

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per togliermi il tarlo alla fine ho scaricato il manuale, in pagina 2 dice di non usare una pompetta, in pagina 422 sulla pulizia manuale dice di usare solo una pompetta e non toccare o strofinare il sensore, ma ho verificato ed è la stessa identica cosa scritta sul manuale della D850. Quindi direi che è quanto scritto in pagina 2 è probabilmente una cattiva traduzione (visto che non presente in questi termini in quella in inglese) e visto che quanto scritto sulla pulizia è la stessa cosa delle reflex non penso che il sensore o il meccanismo di stabilizzazione sia più delicato rispetto a prima. Personalmente emergenza rientrata, si può continuare ad avanzare verso il mondo Z :fotografo:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo stabilizzatore, a riposo e macchina spenta, è bloccato e il sensore fermo.

Credo sia lecito pensare che l'IBS crei un piccolo "campo elettromagnetico aspirapolvere", non che renda il complesso meccanicamente più esposto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh sì, erano tutte elucubrazioni partite da quanto scritto sul manuale, che ci ha messo un attimo in agitazione 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...