Jump to content
Sign in to follow this  
Max Aquila

ZETA BOOK NIKKOR: S, P, UD : 3 sigle famose

Recommended Posts

 

 

1179210843_12816012019-_Z6H0127MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.60d0e58aadb098da7d3bbe831bf9bf48.jpg

Voglio inaugurare con questo articolo una nuova sezione di questo Club dedicato alle mirrorless Nikon (di tutte le epoche, dalle RF alle Z), lo

ZETA BOOK NIKKOR

ad immagine e...non somiglianza del più celebre sito RED BOOK NIKKOR, del quale ho fatto recente menzione qui , nel quale l'appassionato cultore Michio Akiyama raccoglie fin dal 2001 le eccellenze Nikkor specialistiche, dedicate a generi come la fotografia scientifica ed industriale che qui, su Nikonland, non abbiamo e dubito che avremo mai modo di raccogliere o anche solo vedere. E siccome molte delle testimonianze sul RED BOOK NIKKOR sono realizzate con semplici set all'aperto nella natura (della quale i giapponesi sono cultori e protettori), in questo vernissage ho voluto comportarmi nella stessa maniera, sperando in tal modo di realizzare uno...stargate impossibile nella nostra realtà.

127  16012019 -_Z6H0124  Max Aquila photo (C).jpg

In questo ZETA BOOK NIKKOR saremo felici invece di raccogliere tutte le experiences dei nostri lettori, relative alla più agevole operatività concessa sulle Nikon Z dall'adattatore FTZ (F to Z) che con un semplice click consente di collegare quasi tutte le ottiche a baionetta F sulla nuova e più ampia/accogliente baionetta Z ML.

Vedendo che per la nuova serie delle Z-lenses è stata rispolverata la dicitura Nikkor S, resa celebre da alcune tra le migliori realizzazioni ottiche Nikon degli anni 60, è con grande piacere che ho individuato tra i primi obiettivi con i quali ho inaugurato la mia nuovissima Nikon Z 6, proprio il più classico dei classici, ossia il 

1593165539_10916012019-_D5K3064MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.0b8ea04fdc2d8118bc29528985e67c2a.jpg  Nikkor-S 50mm f/1,4 
la cui S sta per septem, ossia 7 lenti in 6 gruppi, questo mio esemplare appartenente alla III serie del Novembre 1967, un meraviglioso e compatto obiettivo standard da 320 grammi di peso e  2feet (60cm) di minima maf, diametro filtri da 52mm e paraluce dedicato, intonazione ambrata dell'antiriflesso,


1060584533_10816012019-_D5K3061MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.4ed44b6121909a6be61b2cceeeca7cc1.jpg perfettamente integrato nelle dimensioni della Z6,
tanto simili alle prime reflex per le quali era stato disegnato.

Capace oggi come allora di prestazioni ottiche ancora all'altezza di un sensore moderno come questo sulla Z6, che grazie ai moderni ausilii di EVF, focus peaking e istogramma nel mirino, consente di realizzare immagini che poco hanno da invidiare a quelle degli obiettivi attuali

1997378748_12316012019-_Z6H0104MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.a6d830b21469c2be33570b4b29764fe7.jpg   2108985664_12416012019-_Z6H0106MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.34d7bcfe2a120b6ec3bc8c798385bc76.jpg

151706857_12516012019-_Z6H0112MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.7110febf272d0b006c87003380b094dd.jpg anche in controluce,
ancora meglio se con un colpetto di flash di rischiaramento1702067018_12616012019-_Z6H0115MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.a03efe9c1c31d0e7cb1ce0c1f291ab05.jpg
senza vetri speciali, col coating...scaduto, dopo 50 anni di vita, direi quasi ineccepibile anche alle aperture maggiori.

Andiamo al secondo dei vetri con i quali oggi ho fatto sposare il mio nuovo sensore e, per andare sul sicuro e già sperimentato in passato su DSLR, ecco il famoso altrettanto:

Micro-Nikkor-P 55mm f/3,5    1938097349_10716012019-_D5K3057MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.a110a49f5d7485837eeeec9ad2970048.jpg 

 792188131_10416012019-_D5K3049MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.0eec5a7af6ccdfeca99dd9f4a1240cb9.jpgschema P come penta, cioè 5 lenti in 4 gruppi,
questo raffigurato appartiene alla III versione dell'aprile 1970, rifinitura diamantata della ampia ghiera di maf, RR 1:2, (1:1 con anello di prolunga M2) con le bellissime incisioni dipinte in azzurro dei rapporti di riproduzione e delle distanze minime di maf in cm e pollici, sul barilotto in alluminio,602824152_10516012019-_D5K3053MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.7929a6a1a92caf45a667b9b57c44d265.jpg
a mio parere uno dei più suggestivi, insieme al coevo 105/4, Micro Nikkor mai costruiti, solo 235 grammi di peso e lente anteriore così incassata nel barilotto da rendere inutile ogni paraluce, 1289332040_10616012019-_D5K3055MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.8e03821f35a51b8ac17e8bb32f336b16.jpg
capace di elevati contrasti cromatici senza bisogno di nessuna postproduzione neppure oggi, a 49 anni dalla sua uscita dalla fabbrica di Tokyo

1549931246_11816012019-_Z6H0088MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.48e06b0bc4289d42578d4a28ebd522c6.jpg

2073224380_11616012019-_Z6H0080MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.596dd962aeb2171e4b5364b46029d9aa.jpg

1341161266_11716012019-_Z6H0084MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.8df4bb8e50a766d727db3d7728c59893.jpg ma non solamente capace di colore e saturazione (nessun intervento sostanziale in pp)

quanto di dettaglio e nitidezza 565929319_11916012019-_Z6H0092MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.57cb891e5696c1a505d915cb930d1320.jpg

1367349935_12016012019-_Z6H0093MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.da000cd23c9741044c6ef8b921befec4.jpg a mio vedere ancora emozionanti

di uno sfuocato mirabile
1675451004_12116012019-_Z6H0095MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.7e4f79441f6d8e20f6362d51937849a7.jpg

1547092536_12216012019-_Z6H0098MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.4890a6d5f768de39bee2ec17289594a7.jpg insomma da farmelo considerare il miglior macro di cui disponga nel mio arsenale.

Il terzo obiettivo che ho portato a giocare insieme a FTZ e Z6 è un classico superwide dell'epoca, intramontabile nei ricordi, seppur carente nelle sue attuali prestazioni con i sensori moderni:

2060659347_10216012019-_D5K3045MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.6ce98ddb1253dce0bc811ab418f25926.jpg Nikkor-UD 20mm f/3,5
ossia... il padellone ! così chiamato per distinguerlo dalle versioni successive più contenute nelle dimensioni del paraluce, qui da ben 72mm di diametro, che gli meritavano l'onore di uno dei più bei tappi che abbiano mai chiuso la lente frontale di un obiettivo !
La sigla UD in quanto costituito da ben 11 lenti in 9 gruppi, 390 grammi di peso e maf minima da 30cm. Unica serie (di questo design) del novembre 1967, il mio esemplare costruito nel 68.

1770408803_10116012019-_D5K3044MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.3a8cff7b427142d576e395dbe54d4411.jpg Sicut leones...

2053397191_10316012019-_D5K3048MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.c9299f20f37ae54f5680ec47027d0a29.jpg ma di un tempo...

oggi le sue prestazioni sono penalizzate da una generalizzata mancanza di dettaglio e contrasto

1738924247_11116012019-_Z6H0054MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.c0538c338e178de14ebc578f8256daca.jpg
elevata distorsione
190934666_11216012019-_Z6H0056MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.ced97502af2e738672957a6e4d689d98.jpg
eccessi di flares e ghost in controluce diretto se non ben gestito in inquadratura, tutti difetti classici per obiettivi così spinti in quell'epoca nella quale tali focali erano pezzi più unici che rari

390860507_11416012019-_Z6H0061MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.bd03ab8674b6a1bccdd80e222aac52d0.jpg

difetti che non azzerano la suggestione delle inquadrature ardite che questo obiettivo ha sempre ispirato

489721690_11516012019-_Z6H0067MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.08ac95688c4156cf5da3f796ef4cf3f7.jpg

e nelle quali la morbidezza intrinseca, con i soggetti adatti, non sia per forza un difetto
62306810_11316012019-_Z6H0059MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.90b66d489c06521b72bcf8201d13cf83.jpg

Io mi sono divertito anche ad accentuare la natura Sixty di questo padellone, utilizzando qualche Pictur Control oseè tra i tanti che annovera la mia Z6

come questo, curioso,  "Solitudine" _Z6H0071.thumb.JPG.a6ef6dd07e8b41f5ee5eb1b4ac94121c.JPG

 

 

110  16012019 -_D5K3081  Max Aquila photo (C).jpg

Max Aquila photo (C) per Zetaland 2019

 

 

Ah, volete uno spoiler di una delle prossime puntate...?

Ho appena comprato su ebay questo...sz.thumb.PNG.b0c4ca8df3227f5dd7ec9efc10cb89dd.PNG

 

  • Like 1
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bell'articolo.

Il tuo nuovo acquisto cos'è? Da baionetta Z a baionetta F? Se è così, come la mettiamo con il tiraggio? E' dotato di lenti? Mi piacerebbe giocare con i nuovi obiettivi su corpi F.

Comunque Nikonland è sempre stimolante.

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minuti fa, PaoloBC dice:

Bell'articolo.

Il tuo nuovo acquisto cos'è? Da baionetta Z a baionetta F? Se è così, come la mettiamo con il tiraggio? E' dotato di lenti? Mi piacerebbe giocare con i nuovi obiettivi su corpi F.

Comunque Nikonland è sempre stimolante.

S To Z : gli obiettivi Nikon telemetro su Nikon Z :)
Una cosa che avrebbe dovuto fare Nikon per prima ;)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo molto interessante e romantico, ma resto dell'idea di non montare i miei AIS sulla "Z", resteranno in vetrina a far bella mostra di se..

Share this post


Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, Gianni54 dice:

Articolo molto interessante e romantico, ma resto dell'idea di non montare i miei AIS sulla "Z", resteranno in vetrina a far bella mostra di se..

E invece ti invito a farlo e a utilizzare questo spazio scherzoso che non ha nessuna pretesa di ricerca dell' impossibile.

Sono il primo a sostenere che l FTZ serva e provvisoriamente fino a che i nostri corredo Z non saranno completi di ciò  che ci serve.

Nel frattempo però possiamo anche divertirci a far fare passerella agli obiettivi Nikkor in nostro possesso. 

Lo ZETA BOOK di Nikonland serve solo a questo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi intrometto da intruso,  in quanto non possessore (purtroppo!!!) di una Z, per la quale ahimè provo sempre più attrazione ad ogni nuova cosa che scrivete.

Voglio solo sottolineare che mi sembra un'iniziativa molto bella e che mi avete causato un  prurito alle mani per la voglia di provare-su-Z alcuni Ai- AiS  e divertirmici anch'io.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Silvio Renesto dice:

Mi intrometto da intruso,  in quanto non possessore (purtroppo!!!) di una Z, per la quale ahimè provo sempre più attrazione ad ogni nuova cosa che scrivete.

Voglio solo sottolineare che mi sembra un'iniziativa molto bella e che mi avete causato un  prurito alle mani per la voglia di provare-su-Z alcuni Ai- AiS  e divertirmici anch'io.

 

e quale intruso ?

Su Zetaland io sono un buttadentro, come quelli delle discoteche:

eccoti il bugiardino...

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, bergat dice:

Lo faro' sicuramente quando verrà migliorata

 

1 ora fa, Roby C dice:

Bergat, mi pare che ci sia poco da migliorare.. è una delle poche volte che a quanto pare non vi sono magagne, tuttalpiù, e questo te lo concedo..   una volta che scende seriamente coi costi, quello si..

 

1 ora fa, bergat dice:

 

Solo i costi? autofocus ad  inseguimento, forma migliore, più grande e impugnabile. Per ora non vedo dei plus rispetto a quella che ho già, anzi...

 

50 minuti fa, Roby C dice:

Vediamo..

costi.. siamo d'accordo, molto meglio se un po' più bassi

autofocus ad inseguimento? hai ragione

forma migliore? anche qui non hai torto.. certo che dover scegliere tra rotonda o triangolare.. sarà un rebus..   :rotfl:

più grande ed impugnabile, anche qui hai ragione da vendere.. sarebbe meglio grande diciamo 1,8 volte di più..  poi all'interno al posto di mettere dei Chip piccoli e costosi.. una logica cablata.. 

potrebbe andar meglio? o è meglio restare co la fuji?  che è più schic... 

 

17 minuti fa, Alberto73 dice:

il progetto è stato avviato così, ho i mie dubbi che cambino radicalmente....

Cercate gli spazi appositi per discutere di questi argomenti: qui del tutto superflui

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...