Jump to content

Secondo voi esistono mirrorless propriamente "professionali" ?


Recommended Posts

  • Replies 94
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Io prevedo paia d'anni. e se non è così c'è da arrabbiarsi, perché vorrebbe dire che la tecnologia l'hanno tenuta nel cassetto.

Mauro non darti pena, c’è un sacco di gente che non fa buchi nel cemento armato, tutti i santi giorni... non capiscono. Si può lavorare con strumenti sottodimensionati, in fotografia il prezzo è

Ma solo perchè dopo una settimana di discussioni nessuno ha fatto un elenco dettagliato delle caratteristiche che deve avere una professionale. A rileggere tutto ciò che abbiamo scritto di macchine pr

Posted Images

  • Administrator

Ma perchè, al momento, vi risulta che sul mercato ci siano mirrorless propriamente "professionali" ?

 

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander
2 minuti fa, Rudolf dice:

Ma perchè, al momento, vi risulta che sul mercato ci siano mirrorless propriamente "professionali" ?

 

forse qualcuno pensa alla Sony α9 come pro che, dal punto di vista delle prestazioni velocistiche, lo può essere ma come dimensioni del corpo macchina è un altro discorso c'è anche da dire che rispetto alle altre e.v.i.l. di quel brand è la più recente quindi non vedo perché Nikon avrebbe dovuto lanciarsi sul mercato subito con un top di gamma senza sapere che accoglienza avrebbe avuto, idem per Canon di cui si parla qui.

Io però ho il dubbio che dalla denominazione della fotocamera Canon non sia molto convinta di lanciarne altre al momento (ma potrebbe non essere così) mentre per Nikon già dal prossimo anno ci potrebbero essere delle novità...

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
  • Redazione
13 minuti fa, Rudolf dice:

Ma perchè, al momento, vi risulta che sul mercato ci siano mirrorless propriamente "professionali" ?

Sì dai Mauro, si lavora con le Sony e si lavora anche bene evidentemente perchè le testimonianze sono molte, varie e in diversi settori. Poi che certe cose non le possano ancora fare... beh io mi trovo d'accordo, ma sono limitazioni più legate alle problematiche di un sistema ancora non completo, mica altro. 

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Si può lavorare anche con una Nikon D3300. E fare i taxisti con una Panda.

Ma un Noleggio Con Conducente con una Smart io non ce lo vedrei bene, con una Mercedes Classe E si.
Probabilmente non è solo una questione di fatturazioni o di scontrini nel definire uno strumento come professionale (tipo Black e Decker e Makita, per esempio : si può fatturare sia con un trapano da 33 euro che con uno da 870).

Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Eh no Mauro, sottovaluti il costruttore.
Capisco e condivido la tua perplessità per quei corpi macchina che anche io trovo pochissimo convincenti, ma sono strumenti affidabili ed è in questo che si misura l'attitudine Professionale di un attrezzo. Io ritengo che siano meno "pratici" di qualsiasi Nikon pro semi pro (non la D3200 per intenderci :) ), ma questo è il mio pensiero che certamente è quello che seguo per attrezzare la mia borsa ;)

Aggiungo che la proiezione verso l'indistruttibilità delle ammiraglie Nikon lascia ormai il tempo che trova, perchè so di essere in ristretta compagnia ad usare ancora la D3 dopo 10 anni di onorato servizio, ma cosa vuoi farci: non si rompe!

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Evidentemente tu non hai mai fatto un foro in un muro di cemento armato di quelli perimetrali.

Link to post
Share on other sites
  • Redazione
1 ora fa, Rudolf dice:

Ma perchè, al momento, vi risulta che sul mercato ci siano mirrorless propriamente "professionali" ?

 

Per esperienza diretta non sono in grado di parlare, per esperienza indiretta dico Sony A9 e magari anche qualche altra, nell’ultima generazione almeno. Che però ha pesanti limitazioni d’uso - mi riferisco ora alla sola A9 - in relazione alla indisponibilità di adeguato parco ottiche piuttosto che nella capacità di assistenza, com’è Fujifilm. Limitazioni che Nikon non ha, così come Canon: È da loro che ci si aspetta il corpo mirrorless professionale!

Tra l’altro, i più esperti mi correggano se sbaglio, tradizionalmente Nikon le novità le ha fatte uscire sul professionale e poi portate sugli altri segmenti di clientela.

Gli esempi sono molti, dalla D1, ai nuovi AF usciti su D5, o alla stessa D3 dell’esempio di Valerio: la prima FX mica è stato un corpo Dxxx ma una ammiraglia!

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
  • Redazione
1 ora fa, Rudolf dice:

Evidentemente tu non hai mai fatto un foro in un muro di cemento armato di quelli perimetrali.

... con la D3? :)

Mauro, arrenditi: il futuro che interessa al grosso dell'attuale mercato ESPERTO della fotografia trova in Sony un ottimo strumento con caratteristiche anche professionali.
Io rimango della mia idea che non è poi dissimile dalla tua, ma forse sono arroccato sulle mie modalità di fotografare e non voglio cambiarle per essere... mmm... trendy? (giuro io non ci vedo altro, un mio limite). Allo stesso tempo non voglio e non posso trovare elementi di detrimento così forti da dare del pazzo a chi ha scelto Sony

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Fare un buco nel cemento armato con un trapano amatoriale Black & Decker rispetto ad un professionale Makita ?

Io non sto dicendo che non si possano fare cosa mirabolanti con la Sony A9, né che chi ha comprato Sony sia un deficiente o un pazzo.

Dico solo che uno strumento professionale è fatto in un certo modo. Te lo testimonia il livello dei lavori che faccio con la mia ultima fresatrice di un marchio olandese sconosciuto al pubblico, rispetto all'aggeggio amatoriale B&D che ho fatto volare appena ho visto quella nuova (grossa, enorme, con utensili ben dimensionati da 8 e da 12mm di stelo, a prova di mazza e soprattuto con accessori - pantografi e guide - ben dimensionati per ... lavorarci, non per giocarci).

Link to post
Share on other sites
  • Redazione
2 minuti fa, Rudolf dice:

Fare un buco nel cemento armato con un trapano amatoriale Black & Decker rispetto ad un professionale Makita ?

Io non sto dicendo che non si possano fare cosa mirabolanti con la Sony A9, né che chi ha comprato Sony sia un deficiente o un pazzo.

Dico solo che uno strumento professionale è fatto in un certo modo. Te lo testimonia il livello dei lavori che con faccio la mia ultima fresatrice di un marchio olandese sconosciuto al pubblico, rispetto all'aggeggio amatoriale B&D che ho fatto volare appena ho visto quella nuova (grossa, enorme, con utensili ben dimensionati da 8 e da 12mm di stelo, a prova di mazza).

E' proprio l'esempio che non mi torna. Io non posso anche volendo provare, ma non credo proprio che si ammazzi una A9 portandola per due mesi nel Pantanal a fotografar caimani e Capibara. Ci sono esempi d'uso in condizioni difficili degne della più scafata D5 in cui questa sony se l'è cavata egregiamente.

Certo... non cambiare l'ottica all'aperto se sei investito dall'aerosol delle onde delle Croizet 😛

Link to post
Share on other sites
  • Administrator

Un buco nel cemento armato lo fai anche con martello e scalpello : in una giornata di lavoro. Ma poi vai a dormire e riprendi a lavorare dopo due giorni.
Con uno strumento professionale fai un buco in 10 minuti e per le altre 8 ore lavorative, mantieni la stessa produttività.

Se non riesco a spiegarmi mi spiace.

Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Ok è chiaro e ti rispondo che non sono d'accordo, sono troppe le testimonianze che dicono proprio il contrario. Poi, ribadisco, a me quelle due rotelle del gianduja e la macchinetta tutta spigoli che mi scappa di mano dico no grazie, senza altre giustificazioni di "targa"

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

In generale sono d'accordo con Mauro sul discorso Pro.
Però è vero che in giro i set indoor e outdoor stanno cambiando molto  a vantaggio di attrezzi che 5 anni fa non avremmo nemmeno pensato.
Ieri, all'evento Canon, c'era un groppo di ragazzetti dediti al video, tutti con Panasonic GH qualcosa! Parlandoci si è capito che a quelli frega zero di Reflex e full frame.
Spiace dirlo ma una A9 soddisfa le esigenze di molti, pro o meno che siano.

Link to post
Share on other sites
  • Administrator
23 minuti fa, Sakurambo dice:

In generale sono d'accordo con Mauro sul discorso Pro.
Però è vero che in giro i set indoor e outdoor stanno cambiando molto  a vantaggio di attrezzi che 5 anni fa non avremmo nemmeno pensato.
Ieri, all'evento Canon, c'era un groppo di ragazzetti dediti al video, tutti con Panasonic GH qualcosa! Parlandoci si è capito che a quelli frega zero di Reflex e full frame.
Spiace dirlo ma una A9 soddisfa le esigenze di molti, pro o meno che siano.

Non è questo il discorso. Anche in campo video, si può usare il telefonino, si può usare la GH5 (che peraltro non costa poco), si può usare una ARRI, si può usare una macchina Sony/Canon broadcast da 500.000 dollari + accessori.
A seconda delle modalità di impiego, l'attrezzo sarà amatoriale o professionale, a prescindere da chi è l'utente.

L'appunto qui nasce dalla mia personale convinzione che al momento sul mercato non ci siano mirrorless professionali.
Nemmeno le due medio-formato Fujifilm che, con buona pace di chi ha in mente solo la Sony Alpha 9 sono più indirizzate al mercato professionale che a quello amatoriale.

La Nikon D5 e la Canon 1DX sono decisamente macchine professionali, anche se sono in mano a tanti fotoamatori.
Le mirrorless in generale, no.

Link to post
Share on other sites
  • Administrator
1 ora fa, Valerio Brustia dice:

Ok è chiaro e ti rispondo che non sono d'accordo, sono troppe le testimonianze che dicono proprio il contrario. Poi, ribadisco, a me quelle due rotelle del gianduja e la macchinetta tutta spigoli che mi scappa di mano dico no grazie, senza altre giustificazioni di "targa"

Appunto. Scalpello e mazzuolo, contro trapano professionale con punta diamantata da 55 cm, passo 24.
A seconda di quello che hai bisogno, la soluzione sul mercato c'è, magari cambiando "formato e sistema".

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano
14 minuti fa, Rudolf dice:

...
La Nikon D5 e la Canon 1DX sono decisamente macchine professionali, anche se sono in mano a tanti fotoamatori.
Le mirrorless in generale, no.

E su questo concordo,  quello che facevo notare è il cambiamento nelle attrezzature, foto o video che sta avvenendo.
Sarà la moda, sarà la pubblicità, sarà quello che vogliamo ma le cose cambiano:
I ragazzetti dell'altro giorno non sono rappresentativi quanto una statistica seria, ma danno da pensare. Come hai scritto tu la GH non costa poco, non meno di una Canon o Nikon, ma è stata la loro scelta per via dei video, poi ci sarebbe da discutere sui perché ed i percome ma il fatto rimane.
Non dimentichiamo che al cinema è già uscito il secondo film girato con Action Cam, altro settore dove Nikon ancora risponde "non pervenuto".

Poi resta certamente valido anche il commento del mio amico fotografo pro da stadio che boccia tutte le Ml attuali dopo averle provate e confrontate con la sua D4, per lui il discorso Z è rinviato al 2019 e forse anche oltre.

Link to post
Share on other sites
  • Administrator
4 minuti fa, Sakurambo dice:

[...]

Poi resta certamente valido anche il commento del mio amico fotografo pro da stadio che boccia tutte le Ml attuali dopo averle provate e confrontate con la sua D4, per lui il discorso Z è rinviato al 2019 e forse anche oltre.

Esattamente. Uno che ci lavora pesantemente tutti i giorni ha ben chiaro di cosa gli serve e la lista delle priorità difficilmente comprende tecnologie non ancora consolidate poste dentro a strumenti che non sono compatibili per costruzione, ridondanza ed ergonomia, con un uso prolungato di ore magari sotto la pioggia battente che sta inondando adesso il davanzale del mio ufficio sotto un cielo che pare quello delle nove di sera ... !

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Si in effetti il termine professional, dovrebbe essere tipico per la professione. Certo una colpix non può essere professionale, nè tantomeno una compatta con zoommone..... Non riuscirei ad associarla a un certo tipo di fotografo che si fa pagare per cosa, poi? Ma tutto il resto è l'uso che se ne fa. Casomai io parlerei di specifiche di costruzione di un certo tipo rispetto a un altro. che ne so la resistenza di una caduta da un metro. Non infiltrazioni a pressioni dell'acqua a 10 atmosfere. Otturatore meccanico con ciclo di vita di un milione di volte. Insomma costruzione a norme militari o meno.

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Beh.. che piaccia o meno non posso che dare ragione, esattamente per le argomentazioni fatte.. 

a Valerio lo avevo detto, tanto tempo fa in azienda dove lavoravo, veniva un professionista che tra l'altro entrammo anche in buoni rapporti; ma a parte questo, lui utilizzava una mera Pentax Spotmatic credo, per fare gli scatti dei nostri apparecchi, ma sul tavolo aveva la Leica, non ricordo quale modello.. tanto erano a pellicola tutte due; ma gli scatti che poi si faceva pagare erano scattati con la proletaria Pentax, la Leica era solo di rappresentanza.

Quindi se ce ne fosse bisogno, confermo quanto asserisce Michele.. nel professionale vero, quello che si fa pagare per fotografare, viene usato di tutto e di più.. stop, e non è stato osservato da me solo in quella occasione ma anche in altre, il fondamento in fondo è: cosa devo fotografare? evento , o situazione XY? si? bene la posso gestire con la macchina  pinco pallino..  tutto dipende da cosa si deve fare.. e come..

Link to post
Share on other sites
  • Redazione
19 minuti fa, Spinoza dice:

Amici, ma non trovate ridicola la discussione su cosa sia "pro" e cosa sia "non pro". Mi sembra una roba così tanto da juza.com

Tanti anni fa abitavo in UK e parlavo di musica con una ragazza. Anche lì siamo arrivati a parlare di "professional" e lei mi diede una spiegazione che mi è servita per tutta la vita.

E' "professonal" non chi è più bravo o chi ha un hardware più bello e costoso.

Semplicemente è "professional" chi fa un lavoro PAGATO. Punto. Il resto non conta.

Una Z7, per incredibile che possa sembrare, può essere anch'essa "professional" se la uso per un lavoro pagato.

Quello che avrebbe davvero senso e che purtroppo non ritrovo in questa discussione, è discutere di cosa sia adatto per un lavoro pagato. Ma in questo caso si dovrebbe distinguere per settore di applicazione. Non userei mai la cosiddetta superpro D5 per un lavoro di paesaggio sulle colline del prosecco o una MF per una partita di basket.

Quindi dimentichiamo la parola "professional" che fa così tanto bar del dopo lavoro ferroviario o Bar Sport (con tutto il rispetto) e parliamo dei vari settori di applicazione.

Io conosco davvero tantissimi fotografi "pro" e cioè che si fanno pagare e sareste super-arci-sorpresi nel vedere che camere usano...4/3, APS, D700, D750, Canon di tutte le ere geologiche, ecc...direi nessuna nella vostra (permettetemi...un po' ammuffita) definizione di "Pro".

La questione della robustezza, ridondanza mi fa davvero sorridere...le camere di oggi vanno tutte bene nel 99% dei casi. Per il rimanente 1% useremo appunto la macchina adatta a quella applicazione.

La patacchina di "pro" è il primo sintomo di "amateur"

Ehmmm, no Michele questo punto io e Mauro lo abbiamo già smazzato tre scambi prima.
Il focus su cui Mauro insiste è la "potenza" esprimibile da uno strumento cioè la quantità di lavoro garantito  per unità di tempo con conseguente risultato soddisfacente e senza ammazzare il fotografo.

Sony c'è, ce la fa a farsi due mesi in Antartide e per poi saltare nei monsoni dello Sri Lanka per un altro mese e a scattare a più non posso tutti i giorni? Una Nikon D5 sì, ho dei dubbi sulle mie D800's :) 

Mauro è certo che Sony A9 <nun glie la fa> o al più può ma con tali e tanti compromessi che tolgono la voglia di provarci. Io invece son convinto dell'opposto e trovo che non sia più qui il tema, ma che sia nella evidente incompletezze di questi sistemi (qualunque) ancora troppo giovani e sviluppati sul main stream (24-105)

Insomma Sony non ha un fisheye non ha che 1 supertele che è un mammazzone damigianesco, aspettiamo arriveranno. Io per il mio piacere di fotografare uso tutti i TIPI di mm che l'ottica mi mette a disposizione (e lo sai)  equesto è l'unico limite che vedo concretamente nei sistemi ML correnti, altro non c'è più.

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano
14 minuti fa, bergat dice:

Si in effetti il termine professional, dovrebbe essere tipico per la professione. Certo una colpix non può essere professionale, nè tantomeno una compatta con zoommone..... 

Su questo ti devo smentire... Alex Majoli si è fatto la prima guerra del golfo con una zainetto pieno di compattine, lo ha specificato lui stesso in un'intervista tempo fa.

Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Hoi poi Michele, i gusti non si discutono: Una D3-4-5 per me è un affrancarsi ad una specie di compagna di viaggio che da 30 anni mi segue nelle mie avventure solitarie, una plancia di controllo in cui trovo tutto quel che mi serve dove mi aspetto di trovarlo. Però vedi, son gusti

Edited by Valerio Brustia
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano
37 minuti fa, Spinoza dice:

 

E' "professonal" non chi è più bravo o chi ha un hardware più bello e costoso.

Semplicemente è "professional" chi fa un lavoro PAGATO. Punto. Il resto non conta.

------------------------------------------------------------

La questione della robustezza, ridondanza mi fa davvero sorridere...le camere di oggi vanno tutte bene nel 99% dei casi. Per il rimanente 1% useremo appunto la macchina adatta a quella applicazione.

Scusate se mi intrometto in questo brainstorming interessante e divertente

Michele, nel tuo discorso esiste una contraddizione netta. Se è "professional" chi fa un lavoro pagato è anche importante che quel lavoro a fine giornata riesca a consegnarlo se vuole vedere i soldini. A questo punto è fondamentale che il mezzo che usa sia totalmente affidabile. Se vuoi fotografare Kathrina e vuoi vendere le tue foto devi essere certo che quella che hai tra le mani è una corazzata; se fai l'inviato di guerra e ogni tre per due ti devi buttare a terra per proteggerti senza avere il tempo di preoccuparti della tua fotocamera allora devi essere certo che lei se la cava da sola... professionale è l'utilizzo, la fotocamera deve essere adeguata. Noi siamo bambini che giocano e discutono; i professionisti che usano le Pro devono portare a casa la pagnotta. :)

Edited by effe
Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...