Jump to content

Primi adattatori per le Nikon Z


M&M
 Share

Recommended Posts

  • Nikonlander Veterano

A vederli dovrebbero durare più a lungo della fotocamera.
Peccato per il colore un po improbabile, almeno a mio gusto.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Sono intonati con le realizzazioni di quel settore :

arri-zeiss-master-prime-lens-hire.thumb.jpeg.dc2e2d30211e67d8e39a43c97ad177f4.jpeg

questi sono Zeiss Master per ARRI.

Tutta roba pesante, per questo l'adattatore deve essere bello solido.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Anche Novoflex (produttore tedesco di adattatori di fascia alta, montati comunemente su Leica) ha annunciato che in novembre metterà a disposizione i suoi adattatori per attacco Nikon Z.

Previsti i seguenti anelli :

 

  • Canon FD
  • Contax/Yashica
  • Leica M
  • Leica M39
  • Leica R
  • Minolta MD e MC
  • Minolta AF/Sony Alpha
  • M42
  • Novoflex A-Mount
  • Olympus OM
  • Pentax K
  • T2

sono tutti anelli meccanici, privi di qualsiasi forma di comunicazione elettrica.

Questo, per esempio, é l'anello adattatore per obiettivi Nikon F su Leica SL

novoflex_leica_sl__nikon_adapter_noslnik1.jpg.9a1fcc0d87c126d4d29794518240e65b.jpg

qualità elevata, prezzo tedesco (579 euro).
 

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
  • Nikonlander

Ciao a tutti, oggi provo le fantastiche zeiss/contax su Z6 su anello adattatore :)

In manuale tempi e diaframmi ok.

Però ho difficoltà con la messa a fuoco, avendo io gli occhiali non so come regolare le diottrie con la rotellina posta sulla destra del mirino.

Cosa mi conviene fare?

regolo la rotellina delle diottriecon la messa a fuoco automatica del il 24/70 f4 z

o invece regolo a infinito la messa a fuoco direttamente sulle ottiche vintage ?

Grazie

Luigi

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Buongiorno Luigi,

credo che sia del tutto indifferente. Io - altrettanto portatore di occhiali con miopia e astigmatismo di varia forma e natura - regolo continuamente la correzione diottrica confidando nella messa a fuoco automatica con obiettivo Z.

L'importante è vederci chiaro ! :)

Buone foto ;)

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Grazie della risposta,

Diciamo che del Nikon 24/70 mi fido o meglio mi devo fidare ma di un'ottiva vintage ...... sono io che metto a fuoco e quindi devo tarare esattamente la messa fuoco altrimenti sono dolori.....

Comunque diciamo che mentre col nikon hai la perfezione con le correzioni in camera di aberrazioni e distorsioni varie, gli zeiss  vontage sono pure poesia con i loro colori e le loro "imperfezioni".....

vedere per credere........

e poi mettere a fuoco a mano come una volta ..... non ha prezzo  :)

DSC_6893.jpg

DSC_6918.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Massimo, il problema è propio la regolazione diottrica.

Se porto gli occhiali non so se in manual focus sono a fuoco con lo Zeiss.

Per saperlo dovrei focheggiare all'infinito e poi regolare la correzione.

Però ho notato che essendo ottiche vintage e l'anello non propio precisissimo nel tiraggio

l'infinito sugli zeiss è un pò prima dell'infinito che mi da l'obiettivo.

Quindi, esempio:

prendo il 24/70 f4 nikon autofocus a 70 e la z6 mette un oggetto a fuoco. 

poi da li regolo la correzione diottrica in modo che anche io veda a fuoco nel mirino.

Poi levo il nikon z e innesto lo zeiss  che dovrebbe essere a fuoco ma accade che non lo sia forse per i motivi elencati sopra.

L'anello è un K&F, credo cinese. Non so quanto sia preciso,

https://www.amazon.it/Concept-Adattatore-Obiettivo-Fotocamera-Mirrorless/dp/B07MT7SG4D

So che esiste anche Novoflex che costa di più e dovrebbe essere più preciso e meglio costruito  però bisogna provarlo.

Comunque i diaframmi dell'obiettivo zeiss funzionano.

Metto la z6 in manuale uso la ghiera dell''obiettivo zeiss per i diaframmi e per i tempi la rotella posteriore della macchina.

Il sistema non è il massimo dato che l'anello non trasmette nulla ma è solo un tubo di prolunga per il tiraggio.

Edited by Luigi Brescia
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

MA., PARDON, non esiste a mirino la marcatura in rosso di quel che è a fuoco?????

quindi dà retta al Massimo: correzione diottrica sulle scritte nel mirino
POI
usa il telemetro "elettico" (zot) che è l'equivalente del pallino di messa a fuco che si vede nelle reflex AF (tutte) in basso a sinistra 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Se porto gli occhiali non so se in manual focus sono a fuoco con lo Zeiss.

Per saperlo dovrei focheggiare all'infinito e poi regolare la correzione

 

ma no, Luigi.

Il problema non esiste: se porti gli occhiali e vedi a fuoco vuol dire che:

- sei a fuoco, 

oppure

- che i tuoi occhiali non funzionano (nel caso la foto risulti fuori fuoco)

La correzione diottrica al mirino serve solo a regolare di fino la tua distanza minima di maf sul mirino. 

E si constata sulle indicazioni del mirino, come ti è stato suggerito. Non sul soggetto inquadrato

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Allora ... ho risolto ...........   https://www.youtube.com/watch?v=auBqCn9RdLo

https://www.youtube.com/watch?v=PgS4aEL-prQ

Per Valerio, l'anello NON trasmette alcun automatismo quindi niente pallini o quadratini dato che devi mettere a fuoco a occhio nudo senza però gli aiuti delle reflex

tipo lente di fresnel o immagine spezzata  ecc....

Quindi ....... non esiste a mirino la marcatura in rosso di quel che è a fuoco.

Ho risolto con la funzione Focus Peaking che sembra essere precisa.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Il focus peaking è la prima risorsa per ognuno di noi, per poter mettere a fuoco un obiettivo MF su di una mirrorless.

Chiunque ti abbia risposto qui non ha capito il tuo problema: credevamo tutti non riuscissi a regolare la correzione diottrica del mirino.

E per conseguenza che non vedessi nulla.

Ma se vuoi un consiglio, realistico, da parte di uno che di Wide MF ne ha una collezione...: Posali  in vetrina e fotografa con obiettivi attuali ed AF, lasciando da parte anche il focus peaking. La quale affidabilità è pari alla PDC del diaframma che userai.

In ogni sistema ML

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

La cosa mi interessa molto. Ma dovrò vedere se esiste un adattatore per F.
Il fatto è che ultimamente mi è balenata l'idea di comprare una lente anamorfica, mi incuriosisce molto la prestazione in notturna o con luci artificiali. I prezzi sono molto elevati ma sul mercato ne esiste una accessibilissima, realizzata da Sirui e con prestazioni più che dignitose, purtroppo solo con attacco E. Un aggeggio simile mi risolverebbe il problema. Per la messa a fuoco mi arrangerei comunque.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
9 ore fa, Luigi Brescia dice:

Allora ... ho risolto ...........   https://www.youtube.com/watch?v=auBqCn9RdLo

https://www.youtube.com/watch?v=PgS4aEL-prQ

Per Valerio, l'anello NON trasmette alcun automatismo quindi niente pallini o quadratini dato che devi mettere a fuoco a occhio nudo senza però gli aiuti delle reflex

tipo lente di fresnel o immagine spezzata  ecc....

Quindi ....... non esiste a mirino la marcatura in rosso di quel che è a fuoco.

Ho risolto con la funzione Focus Peaking che sembra essere precisa.

Quella roba "rossa"  che ti indicavo è il focus peacking. Non ricordavo l'inglesismo (sto diventando autarchico, sarà l'età).

Aggiungo: anche sulle reflezzz il "pallino" non c'entra un acca con alcun automatismo tra fotocamera e obiettivo. Se monti un qualunque tubo di stufa ad avancarica in ottone del 1931, purché  dotato di elicoide di messa a fuoco, su una qualunque reflex classe d200 a salire, il "pallino" di <ok, per me è a fuoco>  funziona perfettamente.

Come dice Max stessa cosa per il focus peacking, che è la versione evoluta offerta dalle ML del miserrimo "pallino" presente sulle desuete reflex. 

Io un giro dall'oculista però lo farei

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
24 minuti fa, effe dice:

La cosa mi interessa molto. Ma dovrò vedere se esiste un adattatore per F.
Il fatto è che ultimamente mi è balenata l'idea di comprare una lente anamorfica, mi incuriosisce molto la prestazione in notturna o con luci artificiali. I prezzi sono molto elevati ma sul mercato ne esiste una accessibilissima, realizzata da Sirui e con prestazioni più che dignitose, purtroppo solo con attacco E. Un aggeggio simile mi risolverebbe il problema. Per la messa a fuoco mi arrangerei comunque.

Vuoi girare Balla coi lupi in Gallura??? Di notte??????????????

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Sapete che mi piacciono le luci dirette e le anamorfiche cinematografiche producono flare lineari molto interessanti. So che ora mi trovo OT ma date uno sguardo a questa. Direi intrigante in certe situazioni

https://cf.sirui.com/Anamorphic-Lens.html

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander
3 ore fa, Max Aquila dice:

Chiunque ti abbia risposto qui non ha capito il tuo problema: credevamo tutti non riuscissi a regolare la correzione diottrica del mirino.

E per conseguenza che non vedessi nulla.

Esatto Max io vedo benissimo nel mirino ma non a fuoco o meno non so se l'immagine che vedo è a fuoco.

Diciamo che con le ottiche vintage mi diverto e poi  i colori dei vecchi Zeiss non ce li ha nessuno.

E' vero quello che dici, queste ottiche non hanno più la nitidezza, il contrasto e la messa a fuoco  che avevano sulla contax reflex a pellicola,

però danno immagini particolari che sono pura poesia e che, a mio parere hanno una resa di colori e tonalità che nessuna postproduzione in lightroom può rendere e

nemmeno il nikon z 24/70 f4 riesce ad avere.

Poi, certo, il mio prossimo acquisto (la moglie non deve sapere ....) sarà l'85 f1,8 nikon z e poi il 20 f1,8. Sono ottiche progettate per il digitale e per il sensore e sistema della z,

ma avendo queste ottiche inutilizzate in borsa volevo vedere come si compartavano.

Se voglio immagini perfette, nitide, corrette e taglienti uso nikon, se voglio sperimentare o fare cose alternative Zeiss.

Ora attendo che escano nuovi   anelli adattatori così vado in negozio e li provo o magari anche un 50 planar f1,4 più recente già progettato per il digitale.

Comunque grazie a tutti, mi fa piacere di aver scatenato un dibattito e se avete novità in merito scrivetemi pure ! :)

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Esmpio di foto con Zeiss 25 f2,8 made in west Germany del 1974

DSC_6926.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
3 ore fa, effe dice:

Sapete che mi piacciono le luci dirette e le anamorfiche cinematografiche producono flare lineari molto interessanti. So che ora mi trovo OT ma date uno sguardo a questa. Direi intrigante in certe situazioni

https://cf.sirui.com/Anamorphic-Lens.html

E per avere un flare bizzarro (!) vuoi schiacciare e poi ri-stirare l'immagine ? Mah. Ombre rosse è girato in Cinemascope o Panavision, non ricordo, ma gli indiani erano tutti finti.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
2 ore fa, Valerio Brustia dice:

E per avere un flare bizzarro (!) vuoi schiacciare e poi ri-stirare l'immagine ? Mah. Ombre rosse è girato in Cinemascope o Panavision, non ricordo, ma gli indiani erano tutti finti.

Bizzarro sì ed è proprio questo che mi piace. Come dicevo, lo trovo intrigante e su certi lavori che ho in mente sarebbe divertente. Però l'alternativa, se vuoi un simile effetto, sono i pennelli di photoshop... non mi sembra il caso. Non mi piace manipolare le immagini e non lo so neanche fare, una lente anamorfica fotografica (e non cinematografica) per 600 euro circa mi sembra una buona soluzione per giocare. Il giorno che dovessi acquistarla ci scriverò sopra un blog, promesso.

L'ultima volta che ho visto Ombre Rosse ero in un albergo di Dusseldorf... azz gli indiani che parlano in tedesco non si possono sentire O.o

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...