Jump to content

Ciao !

Nei commenti, dimmi quanto disgusto provi per la mia proposta qui :

 

 

M&M M&M

About This Club

Armi e armati, storia militare e attualità, modellismo militare

Location

Bebbanburg
  1. What's new in this club
  2. sto aspettando i primi di Novembre per il kit dell'SR-71,l'A-12 lo ho già fatto...... interessante il nuovo filone dei carri in scala 1/16....
  3. Sembra meraviglioso ed io certamente lo acquisterò il nuovo Das Werk M48 Brückenleger, carro gettaponte su scafo di M48 del Bundeswehr (prima del Leopard).
  4. le due portaerei convenzionali USS John F. Kennedy e l'USS Kitty Hawk, da tempo accantonate, sono state cedute per lo smantellamento per la cifra di $0.01 ciascuna. Le due navi facevano parte della classe Kitty Hawk, ultima serie di portaerei d'attacco a propulsione convenzionale, sono state la base per le successive Nimitz, in quanto la coeva CVN-65 Enterprise - prima portaerei a propulsione nucleare - costituiva un progetto a se stante. La USS America CV-66, attiva dal 1965, dismessa nel 1996, è stata affondata come nave bersaglio nell'Oceano Atlantico nel maggio del 2005. La USS Constellation CV-64, attiva dal 1961, è stata ritirata dal servizio nel 2003 e demolita a Brownsville nel 2015. La USS John F. Kennedy CV-67, attiva dal 1968, è stata ritirata dal servizio nel 2007 La USS Kitty Hawk CV-63, attiva dal 1960, ritirata dal servizio il 12 maggio 2009, è stata radiata il 20 ottobre 2017 erano navi da 325 metri, circa 82.000t, con un gruppo aereo imbarcato di circa 90 aerei ciascuna. Le 4 navi sono state sostituite solo parzialmente da nuove unità a propulsione nucleare classe Nimitz. La Kitty Hawk, solitamente di stanza in Giappone, è stata avvicendata dalla CVN-73 George Washington La Kennedy, con tutta "la gente" sul ponte qui ritratta a "pieno vapore" nel nome è stata sostituita dalla CVN-79 Kennedy, classe Gerald Ford che però di fatto sarebbe destinata ad avvicendare la CVN-68 Nimitz modello della CVN-79 John Kennedy, varata nel 2019 con madrina Caroline Kennedy, non ancora completata. Sarà tra le prime navi con catapulte elettromagnetiche.
  5. Das Werk, SturmGeshutz III Ausf. G in scala 1/16 in arrivo a dicembre 2021, circa 100 euro (in prevendita su Steelmodels.com)
  6. Monochrome 1/16 SturmGeshutz III Ausf. G, con canna da 75mm in metallo, più di 1300 pezzi, lunghezza 420x204mm di larghezza. In distribuzione da novembre, circa 120 euro.
  7. KINETIC Arrivée estimée prévue septembre 2021: 48096 - F-104C USAF scala 1/48
  8. Hobby Boss 84565 - Bergepanzer 3 Buffel in scala 1/35 Hobby Boss MRAP M-ATV - scala 1/35
  9. KINETIC 48075 - EA-6B Prowler "Darth Vader" in scala 1/48, scatola nuova, nuove decal, prezzo ribassato
  10. REVELL 04967 - SR-71 in scala 1/48, nuovo modello
  11. ITALERI 2810 - F-35B STOVL 1/48, nuovo modello ITALERI 2803 - F-15E Strike Eagle scala 1/48, riedizione con decal nuovo (modello originale del 2001) ITALERI 2517 - TORNADO IDS/ECR scala 1/32 - nuovo modello ITALERI 1431 - CH-53E Super Stallion 1/72 - nuove parti e decal nuove, vecchio stampo
  12. vista attuale del centro del villaggio di Ramillies dalla parte da cui arrivavano le truppe alleate attese dalla fanteria franco-bavarese trincerata tra stretti vicoli e muretti di protezione. La campagna placida del Belgio centrale - siamo nel Brabante Vallone poco più a nord di Namur e non molto distante da Wavre, Waterloo e Bruxelles, situati verso nord-ovest - non è troppo mutata in trecento anni. E' una zona rurale poco frequentata. La popolazione è chiaramente aumentata e i centri abitati adesso sono più vicini di allora. Inoltre sono stati fatti molti lavori di bonifica delle zone acquitrinose davanti e oltre l'abitato verso la frazione di Offus e, più a nord, dell'altra parrocchia di Autré-Eglise che saranno teatro di un decisivo scontro nel corso del quarto anno della Guerra di Successione Spagnola, prima contesa continentale di quel secolo che vedrà definitivamente l'Europa elevarsi a dominatrice del mondo. Scontro rapido ma non per questo poco cruento, una tempesta in una giornata di sole di quel maggio, in una provincia purtroppo abituata nei secoli ad essere teatro di passaggio di armate di tutte le nazionalità dall'epoca romana fino al 1944. la presentazione degli stendardi francesi gigliati catturati ad uno stanco Duca di Marlborough nella riproduzione a stampa di un quadro di Henry-Louis Dupray, seconda metà del'800 *** Ma andiamo con ordine.
  13. Il primo agosto si celebra ancora il Minden Day, tradizionale giornata delle rose. i reparti inglesi che parteciparono a quella battaglia ricordano i loro predecessori ornando i loro cappelli con le rose rosse di Minden raccolte dai reparti delle giubbe rosse che per una errata interpretazione degli ordini marciarono soli contro il centro francese sbaragliandolo e gettando l'intero dispositivo avversario nel panico provocandone la rottura definitiva soldati del 20° Reggimento di Fanteria con le rose raccolte nelle fioriere delle case mentre marciano verso Minden (ma in Germania le rose fioriscono il primo agosto ?) lo stato maggiore alleato a Minden durante l'avanzata generale Il 38° Reggimento apre il fuoco sulla cavalleria francese ammassata alla distanza di 10 yarde Era il 1° agosto 1759. Giornata gloriosa, celebrata per secoli dall'orgoglio inglese in contesa con i rivali di sempre d'oltre Manica. Che non potè nella realtà essere completata nei fatti perchè al momento cruciale, con i battaglioni inglesi sottoposti al fuoco di interdizione della artiglieria francese, supportati dalle Guardie di Hannover al servizio diretto del Re Giorgio II (Elettore di Hannover oltre che Re d'Inghilterra), la cavalleria della riserva non intervenì. Il Comandante in Capo alleato, Ferdinando di Brunswick, inviò ordini solleciti ed infine anche un aiutante di campo per sollecitare Lord George Sackville, comandante generale delle forze inglesi in campo e diretto comandante della cavalleria dell'ala destra, senza ottenerne che una provvisoria avanzata dalle posizioni attardate che sin dall'inizio della giornata aveva prudentemente occupato. *** Lord Sackville contestò gli ordini e poi fermamente si rifiutò di eseguirli. Non solo, rifiutò di permettere al suo secondo in comando di guidare la carica. posizione della cavalleria di Sackville (freccia gialla verso l'alto) al momento dell'inizio dell'avanzata della brigata di Von Sporcken In conclusione, il glorioso 1° agosto fu in realtà una vittoria fortuita, con l'esercito alleato anglo-hannoveriano in netta minoranza, reso ancora più debole dalla mancata partecipazione dei 24 squadroni di Sackville all'azione, praticamente con l'intera destra alleata tenuta dai picchetti del Principe di Anhalt e dall'artiglieria leggera. Sackville venne rimosso dal comando e rimandato in patria. Ma negò sempre di aver disobbedito agli ordini e mosse mari e monti per ottenere una corte marziale che facesse chiarezza sugli eventi. Che si svolse a Londra nel 1760. Il Re non aveva alcuna voglia di lasciare che quella vittoria fosse offuscata da un processo pubblico e preferiva che lo scandalo fosse dimenticato. Il processo si svolse con memorie da ambo le parti che portarono ad una sentenza esemplare dettata dalla Corona. una copia stampata delle memorie di Lord Sackville a supporto del processo. *** La corte lo dichiarò colpevole e impose uno dei verdetti più strani e più forti mai emessi contro un ufficiale generale. Il verdetto della corte non solo confermò il suo congedo, ma stabilì che era "...inadatto a servire Sua Maestà in qualsiasi capacità militare" , quindi ordinò che il loro verdetto fosse letto e inserito nell'ordinanza di ogni reggimento dell'esercito . Il Re aveva cancellato il suo nome dai ruoli del Consiglio Privato della Corona. Sackville passò come il "Codardo di Minden", nomignolo con cui viene ricordato ancora oggi, nonostante per il resto della vita egli negasse in ogni modo e circostanza di aver disobbedito agli ordini. In tempi recenti si è fatto un processo di revisione dei fatti che, pur non chiariti del tutto, non smentiscono il ruolo di Sackville ma lo mettono in un'altra luce, dando in parte la responsabilità alle relazioni con Ferdinand di Brunswick e agli ordini sommari e poco chiari di questo (che in qualche modo hanno portato anche al fraintendimento da parte del centro inglese che avrebbe dovuto "marciare al suono del tamburo" e invece capì di dover marciare "verso il tamburo" (avversario). Vero è che George Sackville in precedenza diede prova invece di coraggio di fronte al nemico, tanto che nella battaglia di Fontenoy del 1743, quando comandava il centro della fanteria del Duca di Cumberland con il brevetto di colonnello di fanteria, avanzò così tanto tra le linee francesi da essere ricoverato a seguito delle ferite riportate, nelle tende del Re di Francia Luigi XV, più vicine delle linee britanniche. *** Ma le avventure del nostro non finirono con il congedo dall'esercito, anzi, le fortune mutarono per lui ma non per la Corona. Ereditata il titolo di Visconte. cambiò cognome in Germain e si buttò in politica. Riabilitato dal nuovo Re Giorgio III, si guadagnò l'incarico di Segretario di Stato per le Province del Nord America e di fatto fu il delegato della Corona alla Guerra contro gli insorti americani durante la Guerra di Indipendenza delle Colonie. Fautore della guerra globale contro "gli ex figli" senza possibilità di riconciliazione, la confusione e la sommarietà delle sue disposizioni ai comandanti in capo portarono sostanzialmente al disastro di Saratoga e di Yorktown. Il risultato lo conosciamo bene e la conseguenza fu la caduta del governo conseguente alla disfatta in Nord America, che causò anche la caduta di Lord Sackville che finì nuovamente in disgrazia (Giorgio III nei momenti di lucidità gli domandava : dove sono le mie colonie ?) in quanto bersaglio dell'opposizione che gli attribuiva tutta la responsabilità nel non aver saputo gestire una linea più morbida per evitare il precipitare dei fatti. Cosa che probabilmente ne minò la saluto e di li a poco, la morte (1785). *** Personaggio molto controverso di un'epoca di profondo cambiamento tra Guerre di Successione e Rivoluzioni ma nonostante tutto, ancora oggi il giudizio complessivo sul suo operato a Minden resta ancora da chiarire, se non per i militari, almeno per la storia. Io attendo un nuovo libro in uscita sulla battaglia di Minden per renderne conto in modo più approfondito. Ma oggi è il 1° agosto e mi sembrava giusto parlare del Minden Day e del Minden Coward. la rosa di Minden, sul basco di un soldato del Reggimento della Principessa del Galles (ex 23° Fanteria)
  14. E' vero, almeno così è stato per gli A6 Intruder dell'US Navy affondati al largo della costa nord-orientale della Florida per creare una base per la barriera corallina :
  15. li buttano al mare per creare i nuovi habitat per la fauna ittica e anche per creare la barriera contro erosione
  16. Azzz tutto quel ferro/acciacio buttato via! Roba da matti, con la carenza che c'è!
  17. HMS Sussex, incrociatore classe County. Il 26 luglio del 1945 venne inquadrato da due kamikaze giapponesi (certe fonti riportano che fossero Aichi D3A Val, altre che fossero Mitsubishi KI-51 Sonia) e uno sbatté sull'acqua andandosi a stampare letteralmente sulla cintura corazzata appena sopra il galleggiamento. L'immagine dell'uccello spiaccicato sembra quella dei poveri volatili che sbattono su un vetro. Fortuna per la nave che si trattava di uno degli ultimi incrociatori con una bella protezione di 100mm a quel livello. La versione colorata della stessa immagine é impressionante la cintura corazzata è chiaramente visibile in questa foto d'insieme ma ovviamente una protezione del genere è inefficace contro i bombardamenti tradizionali. Lo stesso HMS Sussex adagiato sul fondo del Clyde dopo il bombardamento del porto da parte della Luftwaffe nel settembre 1940. Una sola bomba, nave a fondo e due anni di riparazioni. Un kamikaze a segno, graffi alla vernice ... Ma certo la protezione qualche cosa fa. Ne sanno qualcosa quelli della nave d'assalto americana USS Hinsdale che durante le operazioni di sbarco ad Okinawa ha ricevuto lo stesso trattamento del Sussex con conseguenze ben differenti (nave senza protezione) letteralmente attraversata da parte dell'aereo suicida.
  18. La LHA 6 USS AMERICA si rifornisce in viaggio dalla USNS Washington Chambers (T-AKE 11) nel Mar delle Filippine oltre al tubo per i combustibili e i cavi di guida, due MH-60 fanno la spola con gli altri rifornimenti, la posta e i pacchi personali dell'equipaggio. E' sempre una scena impressionante. Anche perché l'America ha una stazza di 45.000 tonnellate ma non si nota a fianco al rifornitore.
  19. E si porta dietro i marinai e le loro famiglie. Con il ponte che è diventato un improvvisato parcheggio ... lo spostamento da San Diego a Bremerton, benché programmato, comporta il cambio di domicilio per circa 3.000 famiglie, quelle che girano attorno a questo "parcheggio" galleggiante da 100.000 tonnellate metriche.
  20. Il G-222 e il derivato C-27J son delle macchine riuscitissime.Nel loro settore non han rivali,la ciofeca che commercia Airbus è una versione militarizzata di un commuter civile le cui prestazioni non son paragonabili,lo vendono solo per il prezzo.....
  21. Ho dimenticato di scrivere che il G222 si é evoluto nel C27 Spartan - sostanzialmente un G222 Mk II la cui nomenclatura è stata modificata solo perchè intanto Fiat Aviazione non c'è più ed è stata sostituita prima da Alenia e oggi da Leonardo. E' un aereo che mantiene le stesse prerogative del G222 - peso leggero, decollo corto, maneggevolezza, costo contenuto - con avionica e motori aggiornati. Acquistato da nazioni di tutti i continenti, anche dagli Stati Uniti che lo usano per le operazioni speciali dove il C130 è troppo (è stato studiata anche una versione simile allo Spectre per appoggio ravvicinato). Oggi se ne sta proponendo una versione ancora più avanzata "next generation" destinata a volare per buona parte di questo secolo. next generation C27J di Leonardo un concetto originale di Giuseppe Gabrielli destinato a durare 100 anni a conferma della bontà del progetto iniziale.
  22. E ti credo.. che ti sarebbe piaciuto..
  23. video di ieri, pubblicato da Zvedza TV del rullaggio dei TU22M3 sulla nuova pista di Hmeimim in Siria. Gli aerei controlleranno il mar Mediterraneo con il loro KH-32. Ma il pettirosso sulla pista lo guarda solo con curiosità ("che ali lunghe che hai, e che becco !") Una foto che avrei desiderato fare di persona.
  24.  
×
×
  • Create New...