Jump to content

Greta Van Fleet : The Battle at Garden’s Gate


M&M

225 views

 Share

La musica occidentale si basa sul contrappunto, che è nato in età gregoriana e ancora non è tramontato.
Ogni genere musicale passato e recente deve il suo tributo al contrappunto.

Che nella sua forma evoluta, ha costituito - sia nella musica colta che nel folk, nel rock, nel jazz - la base strutturale per ogni compositore.
Per Bach, come per Schonberg. Per Henry Purcell come per John Lennon, che hanno radici comuni più di quanto non si possa dire.
Nella musica popolare inglese il contrappunto è comune, da almeno 5 secoli.
Cose come il round, il canone, la fuga e le variazioni e il riff sono la musica. Così come i ritornelli, l'aria con il da capo. Il recitativo che potrebbe essere considerato la forma nobile del rap, al di là di linguaggio, scopo e contenuti molto, molto differenti.

Questo panegirico per introdurre un disco, il secondo di una formazione americana che ha fatto parlare di se fin dall'esordio. Non per la loro musica, o almeno, non solo, ma per il politicamente corretto applicato alla musica.

Max Reger e Marco Enrico Bossi scrivevano ad inizio '900 musica per organo alla maniera di Bach, con strumenti moderni e un linguaggio più aggiornato. Certo Bach è Bach, oggi come allora.
Ma se Bach fosse vissuto 350 anni come avrebbe fatto evolvere la sua musica ?

Robert Plant e Jimmy Page hanno rivoluzionato il mondo musicale moderno a cavallo del 1970. Ma la loro parabola è durata pochi album. E adesso, che vanno per gli ottanta anni suonati l'uno, non è che se ne siano discostati molto.

Ai Greta Van Fleet viene caricato l'onere di dover rinnovare il linguaggio musicale. Come se per ogni generazione ci fosse un Beethoven o un Michelangelo. No, non è così, purtroppo ... o per fortuna, perché forse saremmo schiacciati da troppo genio che è bene poter assaporare poco per volta.
Se ancora oggi Led Zeppelin IV viene considerato per quello che è stato ed ha rappresentato non è un caso.
Ma nessuno è andato oltre, io credo, per quanto poco ne so di questa musica.
Perchè dovrebbero esserne in grado i fratelli Kiszka ?

Ma se non possono "salvare la musica" (da cosa, poi ?) come qualcuno si aspettava, perchè mai non dovrebbero suonare la loro musica, onorando con onesti e sofisticati tributi i loro miti ?
Che sono i miti di tutti noi, più o meno, anche se abbiamo qualche annetto in più.

***

E' uscito il 21 aprile 2021 il nuovo album, il secondo di questa band.

81bvV4uW7tL._SS500_.jpg.bdbf1433df111fc57f82376366e463de.jpg

la copertina del disco, il titolo ... ok, ci siamo capiti.

Front.thumb.jpg.9537da7917dd96440f69e55b6df04a17.jpg

la versione extended, di importazione giapponese come si faceva una volta per i grandi, che contiene anche due brani live

E' un disco registrato in studio che contiene 14 tracce per un totale di un'ora e 14 minuti di musica.

Back.thumb.jpg.f0be73cc2bd2f683cb4679a31366ef2c.jpg

Il "peccato" di questo disco è di non essere del tutto lontano da quello di esordio.

Jake Kiszka continua a suonare come se fosse Jimmy Page e Josh Kiszka continua a cantare come se fosse Robert Plant.
Alle prime note del primo brano pare di ascoltare Rick Wackeman all'organo Hammond.

Broken Bells ha la stessa struttura di Stairway to Heaven.

Gli ultimi 4 minuti di The Weight of Dreams sono un assolo di chitarra con evidenti richiami a chi sappiamo.
Ma già il riff iniziale è programmatico.
Ma questi 8 minuti e 50 secondi valgono già il prezzo del biglietto.

Questi ragazzi suonano maledettamente bene. In alcuni momenti riescono ad essere trascinanti.
Mantenendo per tutto il disco una coerenza con se stessi che secondo me rende abbastanza superfluo tacciarli di plagio o classificarli all'interno del mero revival.

Di cover band ce se sono tante. Ma non vanno oltre quello che fanno i tanti Elvis che si esibiscono nei locali di Las Vegas.

unnamed.thumb.jpg.c78ac4580f30d835cdeac1552c28d15f.jpg

Ok, i Greta Van Fleet non sono del tutto originali. I testi sono infantili. I contenuti si limitano al patinato e non urlano proteste.

Ma diamine, siamo nel 2021, non nel 1971. Non c'è l'effetto Vietnam anche se dal Vietnam di ... Vietnam ne abbiamo visti di più e anche di più efferati.
Mi ripeto, se anche Plant e Page non trovano nulla da dire oltre la magia ... irripetibile di quei magnifici anni, perchè qualcun altro dovrebbe poterlo fare ?

Conoscete un nuovo Beethoven o un nuovo John Lennon (giusto per nominare due che sono inequivocabilmente morti) ?

Però se non l'avete fatto, ascoltate un paio di volte di seguito questo disco.
Poi riprendete un disco dei Led Zeppelin, o degli Yes. Di allora o di oggi.
E ditemi chi vi sembra più originale, o datato.

O quello che volete voi.

Questa é musica. E gli eredi di Sebastian Bach, non hanno fatto causa a quelli di Dimitri Shostakovich perchè i preludi e fuga per pianoforte "ben temperato" del russo del 1950 tributavano, a Lipsia, 200 anni dopo, gli onori al sommo vate della musica occidentale.

Se la pensate diversamente ditelo liberamente. Ma prima meditate bene se non state semplicemente invecchiando male, ricordando un'era che sembra mitica solo perchè eravate giovani. E per questo, come gli anziani del Pianeta delle Scimmie, vi scandalizzate e gridate al plagio. Al rogo.

***
63 minuti di musica non possono essere tutti allo stesso livello. Del resto gli album più mitici della storia del progressive rock, raramente superavano i 40 minuti. E quando lo facevano forse erano dei mattonazzi come Tales from Topographic Oceans degli Yes.
Ma comunque l'ascolto è sempre di qualità.
Sopra tutti : The Weight of Dreams, Age of Machine, Heat Above, Caravel, The Barbarians
 

  • Like 1
  • Haha 1
 Share

4 Comments


Recommended Comments

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...