Jump to content

Questo è solo un arrivederci.


M&M

140 views

1288383676_Z7X_9156copia.thumb.jpg.4c0c310429e974c87fe0d34b0a7f6a76.jpg

I dettagli fanno la forma ma la forma per me non ha mai fatto la sostanza.
Un uomo non sarà mai più uomo per me solo perchè è in giacca e cravatta o perchè ha l'uniforme in ordine.
Ciò che conta è il suo spirito, solo quello mi consente di misurare un uomo.

Lui aveva ancora la coda e camminava a quattro zampe e invece di vestirsi si accontentava del suo manto bianco e miele, buono per tutto l'anno.
D'inverno stava sul letto a scaldarsi con me, mentre d'estate si metteva sotto alla ventola del soffitto.
Avrebbe compiuto 58 anni tra meno di un mese. Io li compirò tra 5 mesi i miei 58 anni.
Ma in ogni attimo della sua vita lui è stato un uomo migliore di me. Anche se io parlo di cose complicate che forse non capisco del tutto.
Mentre lui capiva perfettamente tutto ciò che contava capire. E sapeva cosa fare quando serviva.

Serio quanto un giudice, dallo sguardo fino alla postura della coda.
Coraggioso a disprezzo della propria vita se c'era un pericolo o un estraneo alla porta.
Chi mi ha telefonato lo ha sentito abbaiare spesso se ero in casa.
Ma non aveva bisogno che gli parlassi perchè mi capisse al volo, bastava pronunciare il suo nome per avere la sua attenzione. Un gesto e via.
Tra i due ero certamente io quello più tardo e meno pronto a comprendere le cose che mi diceva. Perchè lui non mi parlava, mi guardava soltanto.

Per dieci anni abbiamo diviso il letto. A tavola lui sedeva su una sedia vicino alla mia.
Giovedì ci siamo divisi un hamburger e poi siamo andati a giocare in giardino.
Non aveva troppa voglia, camminava piano. Ma era con me in ogni minuto e doveva esserlo fino all'ultimo momento.
Sempre pronto a consolarmi con uno sguardo : non era tipo da leccare, troppo dignitoso.
E poi il suo spirito traspariva dagli occhi. Anche quando nelle ultime ore di ieri, non vedeva più.

Ma io ero con lui come lui è stato con me ad assicurarlo che non se ne sarebbe andato da solo.

Non riesco ad esprimere il dolore di non vederlo più in casa.
Per casa mia negli ultimi 5 lustri hanno vissuto decine di cani e di gatti.
Per molti ho provato vero affetto, anche amore per qualcuno di essi.
Così come ho provato amore per poche persone.

Ma non così profondamente. Lui era un figlio, un fratello, il mio migliore e più fraterno amico.
Certo non potevo pretendere che restasse con me per sempre.
Ma quando è stato male la prima volta questa estate l'ho pregato di non abbandonarmi.
Senza parlargli, guardandolo.
Lui ha compreso e si è rimesso. Sofferente, claudicante ma sempre vicino a me, giorno e notte, ogni momento. Finché ha potuto resistere.

Ho un debito straordinario nei suoi confronti e so di non essere stato capace di ripagarlo allo stesso, inestimabile livello.
Nessuno avrebbe potuto.

Purtroppo so che se sono un uomo un pò più trattabile grazie a lui, non sarò mai più capace di amare qualcun altro come ho amato lui.
Capisco che possa essere terribile ammetterlo ma mi conosco e so che non ci sono seconde volte per me.

Arrivederci a presto Blakey.

_D3H8257.thumb.jpg.5edad2cc4aa09eaab713a0c44c1330f5.jpg

appena arrivato a casa 10 anni fa

_D7X0397.thumb.jpg.80f9596e9f4cef20a578187cbff1d1ce.jpg

col suo inseparabile amico Arthur mancato due anni fa dopo una lunga malattia

_D8E7008.thumb.jpg.73ed128aba42cbf802ae75cf163c3b48.jpg

con la sua pallina morbida che masticava per ore

A7R09757.thumb.jpg.665d2109ecee5b22d91ba4d4b6d1be59.jpg

con una delle palline di Arthur che con il suo cuore sconfinato gli concedeva tutto

_D3S9656.thumb.jpg.42d0978039259b04299ff8b00b4acdef.jpg

protagonista di decine di prove di apparecchiature fotografiche pubblicate su queste pagine

Z7X_1517.thumb.jpg.ca6f92db87da95bd371eaa2fcd738763.jpg

il suo sguardo profondo, intelligente, indagatore. Mai conosciuto un uomo così intelligente.

Fino all'ultimo servizio, la scorsa settimana, già sofferente ma sempre vivace e fermo al mio fianco.

Passava ore ad ascoltare Bach con me, lui nella sua cuccetta sotto alla scrivania, magari con la sua pallina blu, io a scrivere su Nikonland.
La Sarabanda che ho scelto come musica per accompagnarlo non lo rappresenta, rappresenta il sentimento mio, eterno, di gratitudine, per lui.

1 Comment


Recommended Comments

  • Administrator

Non desidero commenti a questo blog, né messaggi personali, vi prego.
L'unico motivo per cui vi sto mettendo a parte di quanto è successo ieri sera è perchè anche voi avete visto Blakey spesso su queste pagine.
Mentre sulle prossime, purtroppo non sarà più così.

Link to comment
Guest
This blog entry is now closed to further comments.
×
×
  • Create New...