Jump to content

Roby c

  • entries
    59
  • comments
    537
  • views
    2,423

Il sottomarino Toti, Milano la Terza Città al Mondo.. I parte


Roby C

722 views

Quanto stò per raccontare è storia vecchia, i fatti sono compresi tra l’inizio del 2001 e la fine del 2005, ma di che fatti si vorrebbe narrare? Ma della saga del sottomarino Enrico Toti , ora esposto al Museo della Scienza e Tecnica di Milano, che da questo momento sigleremo come MST.

Ma come siamo arrivati a questo?..  quanto segue è quello che vi posso raccontare ma a puntate, mettetevi comodi..

 

Ero ancora al lavoro nel gennaio del 2001 mi capita tra le mani una rivista e mi cade l’occhio su un trafiletto che recitava.. “ Il sottomarino Enrico Toti è arrivato al porto di Chioggia , con destinazione il MST di Milano “ il sottomarino ormai dismesso è stato regalato dalla M.M. al museo ecc ecc.

Lo rileggo ancora, pare sia tutto vero di solito i mezzi navali una volta dismessi vengono disarmati e poi demoliti; salvo rare eccezioni e questa lo era; da quel momento da parte mia è tutto un susseguirsi di letture di notizie di stampa, ma anche di raccolta degli articoli, come se inconsciamente li ritenessi meritevoli di raccolta.. ma come si era giunti a tutto questo?

E qui bisogna partire da lontano nel tempo, ovviamente questo notizie sono state recepite da me in altri momenti; l’ammiraglio milanese Sergio Biraghi, aveva notato la grande partecipazione di Lombardi e Milanesi tra le fila della M.M e di quella mercantile, con opportuni contatti riuscì a far donare il sottomarino E. Toti ormai dismesso al MST, senza doverlo demolire; la cosa poi si rivelava di particolare importanza per la ragione che solamente altre due città al mondo non bagnate o vicine al mare avevano un sottomarino, parliamo di Chicago con l’ U 505 preda bellica della II GM, avuto in circostanze davvero fortunose e di Parigi che poteva sfoggiare il suo sottomarino Argonaute, tutti e due sono ospitati in Musei Tecnologici.

A questo punto seguo come possibile l’avanzamento dell’evento attraverso la stampa, ritagliando tutti i trafiletti ed articoli;  ma guardiamo la cosa sotto il profilo cronologico, il 22 febbraio il Toti entra nel bacino di carenaggio del porto militare di Augusta, viene smilitarizzato e rimesso a nuovo con rifacimenti vari della meccanica e ridipinto, i lavori finiscono il 2 Aprile.

totiaugusta4Copy.thumb.jpg.895962a4b4a1d3e1af8ac5e8c869ff35.jpg

il Toti ormeggiato da tempo..

totiaugusta17pruaCopy.thumb.jpg.9862e97bd96fe25af249994411def0be.jpg

finalmente l'ingresso al bacino di carenaggio

totiaugustaestratto2Copy.thumb.jpg.efa37a1646e4bfc3026e32e848cf6851.jpg

comincia ad emergere e si vedono chiaramente i danni dovuti alla permanenza in mare

totiaugustaestrattopoppaCopy.thumb.jpg.940c128ac880b0d3fb188a49fe5cc841.jpg

il tutto in una manciata d'anni..

totiaugustagiallo2Copy.thumb.jpg.3752722fb3e2bf1af6a6d35612e3a08f.jpg

la vernice antiruggine è gialla

totiaugustagiallo8Copy.thumb.jpg.20978c933a04c5373515df1d72d6d4d4.jpg

ripristino della vela

totiaugustarestasuootorrettaCopy.thumb.jpg.42ecf91aacf6695219e3da1f50e09fba.jpg

la vela è stata staccata, e si vedono i danni dell'acqua marina, la vela è una di quelle parti che ha la libera circolazione d'acqua durante le immersioni, a parte il cilindro interno che collega il sottomarino all'esterno

totiaugustarestauro8Copy.thumb.jpg.76e6ee87327f7d865d092a909a6d65bb.jpg

anche in questa parte vi è parzialmente la libera circolazione dell'acqua, all'interno del naso vi sono i sensori, come pure nelle due alette verticali poste dietro

2108203481_totiaugustarestaurotorretta7Copy.thumb.jpg.59da0e5912d1adddd3189b33284ede5e.jpg

e i lavori proseguono

totiaugustarestaurotorretta3Copy.thumb.jpg.87097f8ce2d5826cb6f1a7bc32cf3657.jpg

la ruggine ormai si misura a chili a quanto si vede.., è pur vero che è stato operativo per oltre trent'anni..

queste immagini mi sono state date a suo tempo dal MST che le aveva avute dalla M. Militare

 

Con la rimessa in acqua e il 5 aprile parte dalla base di Augusta e trainato dal rimorchiatore Polifemo arriva alla base militare di Taranto, dove resta alla fonda per una decina di giorni in attesa che le condizioni del mare in Adriatico un pochino agitate migliorassero, poi trainato dal rimorchiatore Saturno arriva al porto di Chioggia il 10 Aprile, perché è stato trainato? Non possedendo equipaggio ed essendo smilitarizzato pur avendo ancora installato i motori questi non erano più funzionanti; vi era anche il grosso problema che i sottomarini tutti.. hanno un pessimo rapporto col il mare, ma in superficie; essendo progettati per rimanere immersi.

A Chioggia vengono saldate alcune bitte, per permettere l’aggancio ai due rimorchiatori fluviali, il Cremona e il Ferrara, il percorso degli ultimi 300 km circa viene fatto comprensivo di alcune soste tecniche in poco tempo e la sera del 6 maggio è ormeggiato al porto di Cremona.

997754748_IlTotiuscitodallaconcadiVoltaGrimana.jpg.d233e77f76d3b7e36c19fb0ea9a5250f.jpg

Questo scatto è stato fatto dal Comandante F. Regis che ha guidato il battello sino a Cremona

img037.thumb.jpg.d5a3374d94d613eeef46894f582fa398.jpg

I due rimorchiatori fluviali carichi di sabbia, in maniera da poter avere lo stesso pescaggio del sottomarino

img038.thumb.jpg.b2fd7d171b24757370c5565c8a85bdca.jpg
una sosta sull'argine, dovuta ad un tronco che la corrente aveva fatto incagliare tra i rimorchiatori e il Toti

Tutte queste notizie sono state acquisite parzialmente in quei giorni dai quotidiani e le precisazioni le ho avute poi; ora il sottomarino era al porto si trattava di poter andare a vederlo, come minimo.. il 12 maggio, un sabato parto da casa appena pranzato, porto con me la macchina fotografica uno zoom corto, il flash e la telecamera, arrivo alle 15,00 sul posto vi trovo solamente una troupe di una televisione locale, a parte una guardia giurata a sorvegliare l’ingresso, dopo un po’ arrivano un gruppo di persone e si capisce che sono tutti ex marinai, io resto ad ascoltare, poi uno del gruppo lancia la frase.. “ e allora? non scendiamo? “  il Toti era ormeggiato con  il  boccaporto di prua alzato, attraverso una passerella ci si poteva calare al suo interno, passano tutti da bravo bambino mi ero accodato ed ero l’ultimo, giunto il mio momento lo ammetto con trepidazione la guardia giurata mi blocca, non ho tempo di replicare.. dal portello esce un sott’ ufficiale ed esclama : il signore è con noi, lo faccia passare! era il capo Macchina Ivano Pinelli, persona squisita.. che accompagnava il T.di V. Fausto Schenardi, ex capitano del Toti, ma di questo ne parleremo poi.

Certo non mi aspettavo una cosa simile, scendo mi presento semplicemente come fotoamatore/appassionato, faccio 72 scatti, ossia 2 rullini di diapositive.. e leggendo le note dell’epoca, ora dovrò cercarmi il filmato.. ( visto che ho usato la telecamera ) resto un’oretta e dopo essermi fatto dare il numero telefonico della persona che mi ha fatto salire torno a casa.

Passa la domenica, il mattino del lunedì prima di andare al lavoro porto i rullini da invertire al laboratorio, a fine mattinata chiamo e mi rispondono che vanno bene, alla sera tornando a casa riesco a recuperarli e..  tragedia, preso dall’ emozione di essere sceso la sotto.. ho cannato alcuni scatti, troppa luce la sotto rifletteva tutto quanto.. ed ancora non vi era il digitale per vedere..  non mi perdo d’animo, a casa avevo già a quei tempi uno scanner per pellicola, un Microtek, pagato una vera fortuna.. dell’epoca; scansiono riesco a recuperare, insomma non tutto è da buttare.. faccio un CD( non le penne USB erano ancora da venire ) e vado a nanna.

924246560__Z5H0218-ridd.thumb.jpg.45b6b0a1afd9348e9a5e2a1dcab38559.jpg

ed ecco una delle mie prime diapositive, il secondo da sinistra è il capo Macchina Ivano Pinelli, dietro la mia testa si intravede il Cap. Schenardi e ultimo un tecnico elettronico di cui non sò il nominativo

1936771452__Z5H0219-ridd.thumb.jpg.3c1a0236b6dbbb11cd215b0bd538e025.jpg

uno scatto delle persone che erano li a vedere il natante, le altre? mi vergogno.. sono improponibili.. almeno di questi due rotoli

La mattina del martedì, giunto sul posto di lavoro, mi faccio chiamare dal mio centralino il MST, e ho un’ appuntamento per il pomeriggio alle 16.00, entro al museo giro e arrivo nell’ ufficio che si occupava del sottomarino, mi presento vedono le foto, mi danno appuntamento per la mattina dopo che vi sara l’addetto stampa, la dott.sa Paola Galli acconsento e torno a casa, beh.. non è vero.. ho veleggiato sino a casa..

Il mattino dopo alle 9 precise, sono all ’ingresso, la strada ormai la conosco, ci ritroviamo, parliamo con i due responsabili, il dott. Ferrulli e la dott.sa Galli erano entusiasti degli scatti, io invece li avvisavo di quanto non andava bene; e butto la mia richiesta se ho la loro autorizzazione posso fare di molto meglio, il Dott. Ferulli, responsabile all’ epoca mi bloccò subito con una precisa domanda, il costo? risposi: “ le spese più una percentuale che avremmo concordato” a loro andava bene, mi diedero i nomi del responsabile a Cremona  il cap. Fulvio Regis e il telefono diretto, per avere la possibilità di stabilire delle date per i nuovi ingressi al sottomarino; il tutto ( e qui vi è stato il mio macroscopico errore ) suggellato con una stretta di mano, poi a suo tempo si leggerà del perché e del percome.

Il giorno 16 maggio chiamo il cap. F. Regis e ci accorda per il giorno dopo, alle 12,00 del 17 parto dall ’ azienda arrivo al porto verso le 14,15 con appuntamento alle 14,30 ma vi sono dei ritardi e mi tocca assieme al fotografo di panorama, star lì ad aspettare; dopo aver chiamato più e più volte alla fine alle 16,15 si può iniziare.

Il fotografo di panorama si era portato persino due set di luci da studio..  e calati giù nella pancia è stata una faticaccia.

Purtroppo abbiamo avuto anche un altro stop, un gruppo di bambini in visita di cui due erano i figli di un noto politico della zona, quindi.. fermi tutti.. per farla breve siamo usciti dai cancelli alle 20,15..  poi sotto l’acqua perché a pure iniziato a piovere sono arrivato a casa erano le 22,30 e mia moglie   ( ç@°##§§é** )  non che avesse poi torto, non l'avevo avvisata del ritardo. 

L’indomani venerdì 18, come apre il laboratorio, porto le dia da invertire e intelaiare, sono le 7,30..e si rimane d’accordo che entro le 16.00 il materiale deve essere pronto, me ne vado al lavoro e a metà mattinata vengo chiamato dalla  dott.sa Galli vuole essere presente in laboratorio per la visione; la cosa non nascondo che mi prende un pochino in contropiede, non che avessi qual’cosa da nascondere, vado all’ orario previsto nel laboratorio e dopo una rapida visione, tutto va bene salvo la scritta sue telaietti errata,poco male.. si sistema la cosa, il tempo passa e alla fine alle 18.00 arriva la dott.sa Galli, vede il materiale, sceglie tre diapositive significative e chiede 100 copie urgenti delle stesse, che dovranno essere allegate alla cartella stampa della presentazione, per non oltre il 22 mattina.


 

2056669768__Z5H0220-ridd.thumb.jpg.a19be7e0ecd2305d5b8523982ff0a6c3.jpg

una vista esterna

1142575357__Z5H0221-ridd.thumb.jpg.55932f9d03d455ee140088201d481eae.jpg

258519905__Z5H0223-ridd.thumb.jpg.9ee9be22e653fbe0fdc5d2fa9472a052.jpg

il sottomarino ha due boccaporti per entrare, uno posto nella vela, e l'altro a prua, scendendo si accede direttamente alla cameradi lancio, che poi è di fatto polifunzionale.., qui il cap. Regis sulla scaletta di prua, in fondo i tubi lanciasiluri

1488975170__Z5H0224-ridd.thumb.jpg.debd711c8079399de8663b6b0f2ea95b.jpg

in primo piano il boccaporto per entrare/uscire , sul fondo i portelli dei lanciasiluri, con una placchetta di plastica blu gli armadietti personali, in basso vi sono le brande estraibili e sotto sempre estraibili i tavoli per mangiare il rancio, lo dovete immaginare ma ancor sotto vedete una squadra metallica arrugginita, beh.. quello era il posto dei siluri di scorta..

1643613215__Z5H0225-ridd.thumb.jpg.ea437dbdf71f4923fa7bad9d57703bd3.jpg

ecco la rete della branda e sotto si intravedono un tavolo e lo spazio siluri di scorta

1133065547__Z5H0226-ridd.thumb.jpg.11b577bbecb9400a7926e94f69457684.jpg

il lato opposto ancora brande, tavoli e armadietti, ma anche l'uscita per il nuovo locale

296232586__Z5H0227-ridd.thumb.jpg.3e34a5b828a31f31d217a05f1771de7f.jpg

questa è parte della camera di manovra, i due grossi manometri servono per vedere la profondità a cui si naviga, sotto i comandi per le variazioni

441850315__Z5H0228-ridd.thumb.jpg.eb81ec9ed603708e226ba3f683cfd8b7.jpg

certo che se sei un profano.. vi è da impazzire, tra valvole e cose simili

1067581443__Z5H0229-ridd.thumb.jpg.6f36f40068be1cdf64b3b91da7cace9a.jpg

Il tubo bianco che si nota sopra è per la fuoriuscita dei gas di scarico dei due diesel e per il carico dell'aria, un po di strumentazione elettronica

832130202__Z5H0230-ridd.thumb.jpg.282b86c06970e1ef675b8c74b16a3de5.jpg

se non sbaglio è il radar

61896568__Z5H0231-ridd.thumb.jpg.c99ef91012c1be87e7656d015a541601.jpg

uno dei due motori diesel Fiat

920353258__Z5H0232-ridd.thumb.jpg.0802d1f3e48103a6feb039ff8d59330d.jpg

il motore elettrico siemens

1099682162__Z5H0233-ridd.thumb.jpg.1bb0c4f5e5a25cc43ae01e02c217c484.jpg

questa è la parte più a poppa che si possa immaginare, li in mezzo vi è l'albero dell'elica, notare la ruggine sulle manovelle di azionamento..

1505233277__Z5H0234-ridd.thumb.jpg.69374b5992e942578b7a766b4a7c20f0.jpg

parte dei comandi.. non vi è uno spazio che non sia impegnato..

2045771829_toti033_1Copy.thumb.jpg.fc77944d152dbd808c8f82239d5281bd.jpg

davanti al portello di prua

La mattina del sabato la perdo al piano luminoso per rimettere in senso cronologico gli scatti che la dott.sa aveva mescolato, inizio a navigare sul sito del museo, i giorni passano velocissimi, il MST ha ritirato e pagato tutto il servizio di duplicazione delle diapositive, esce l’articolo su Panorama, a mio vedere non troppo positivo, ma il MST dice che va bene così, di prepararmi che la mattinata della presentazione stampa dovrò essere presente, e siamo al venerdì 25 non vedo l’ora.

Fine Prima Parte

rev. 01

 

  • Like 3
  • Thanks 1

13 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Se andate a leggere il mio blog, potete vedere che la prima immagine è la camera di manovra del Toti,  ci ho pensato parecchio in questi tempi, lo metto.. non lo metto.. sono passati ormai diciannove anni.. ho sentito il parere di altri nikonlander e allora ecco quì a rompere le scatole, certo però di una cosa, tanto magari lo sapete.. se avete seguito la storia, ma io vi dirò di più.. seguitemi e poi me lo dite.. 

e intanto grazie se lo leggete.. tutto.

Link to comment
  • Nikonlander

Bellissimo articolo Roby di una storia che ignoravo del tutto, ottime le fotografie!

Link to comment
  • Redazione

Bravo Roby, bel racconto sia della storia di quella incredibile opera - far arrivare un sottomarino a Milano - sia del tuo coinvolgimento nel documentarla.

Grazie della condivisione!

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
31 minuti fa, Massimo Vignoli dice:

Bravo Roby, bel racconto sia della storia di quella incredibile opera - far arrivare un sottomarino a Milano - sia del tuo coinvolgimento nel documentarla.

Grazie della condivisione!

Massimo, non ho ancora finito..

Link to comment
  • Nikonlander

Complimenti Roby, un gran bel reportage. Continua cosi'.

Ricordo molto vagamente che ci furono alcuni problemi durante il trasporto via terra, a causa del peso del complesso che era eccessivo per alcune strade

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
29 minuti fa, Lucky dice:

Complimenti Roby, un gran bel reportage. Continua cosi'.

Ricordo molto vagamente che ci furono alcuni problemi durante il trasporto via terra, a causa del peso del complesso che era eccessivo per alcune strade

arriveremo anche a quello.. tranquillo..  dammi un pochino di tempo ancora..

grazie

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Avevo seguito parzialmente questa storia attraverso i giornali e ricordo che inizialmente avevo commentato: "Bello, ma dove c... lo mettono?". Poi non se n'era più parlato e quindi anche il mio interesse era decaduto. Devo dire che leggendo il tuo articolo le mie tante domande hanno avuto una risposta pur a distanza di tanti anni. Bellissima storia e complimenti per come l'hai raccontata. Le immagini hanno _ a mio avviso _ il giusto taglio documentale, in qualità e in quantità. Bravissimo come sempre Roby, anche questa è storia e raccontarla ti riesce sempre particolarmente bene. ;)

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
2 ore fa, effe dice:

Avevo seguito parzialmente questa storia attraverso i giornali e ricordo che inizialmente avevo commentato: "Bello, ma dove c... lo mettono?". Poi non se n'era più parlato e quindi anche il mio interesse era decaduto. Devo dire che leggendo il tuo articolo le mie tante domande hanno avuto una risposta pur a distanza di tanti anni. Bellissima storia e complimenti per come l'hai raccontata. Le immagini hanno _ a mio avviso _ il giusto taglio documentale, in qualità e in quantità. Bravissimo come sempre Roby, anche questa è storia e raccontarla ti riesce sempre particolarmente bene. ;)

grazie effe, ma tieni presente due cose la prima, la storia non è finita e seconda non meno importante, è stata da me vissuta con speranze sogni e delusioni.. non in quest'ordine.. aggiungiamo anche gratificazioni.

alla prossima puntata.

Link to comment
  • Nikonlander
Il 24/5/2020 at 22:55, Roby C dice:

grazie effe, ma tieni presente due cose la prima, la storia non è finita e seconda non meno importante, è stata da me vissuta con speranze sogni e delusioni.. non in quest'ordine.. aggiungiamo anche gratificazioni.

alla prossima puntata.

Ottimo inizio Roby, un doveroso preambolo alla fase di arrivo a Milano che e' quella che tutti ci ricordiamo ( ovviamente perche' la piu' coreografica ) e che aspettiamo di leggere .
Un "taglio" narrativo da fiction che ci fa sentire curiosi e ci fa apprezzare tutto il tuo sforzo nel destreggiarti tra i meandri burocratici, del lavoro, famiglia e , appunto, passioni !

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Un bel reportage, Roby! Non vedo l'ora di leggere la seconda parte.

Aggiungo che, grazie a te, ho potuto levarmi la curiosità di vedere l'interno del battello. Infatti poco più di un anno fa, quando sono stato al museo, non ero riuscito a prenotarmi per la visita al Toti e, da appassionato di tutto ciò che ha un motore, mi era rimasto il desiderio inappagato di visitare un vero sottomarino. :)

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
7 minuti fa, Pedrito dice:

Un bel reportage, Roby! Non vedo l'ora di leggere la seconda parte.

Aggiungo che, grazie a te, ho potuto levarmi la curiosità di vedere l'interno del battello. Infatti poco più di un anno fa, quando sono stato al museo, non ero riuscito a prenotarmi per la visita al Toti e, da appassionato di tutto ciò che ha un motore, mi era rimasto il desiderio inappagato di visitare un vero sottomarino. :)

Tranquillo Marco, vedrai più di " Quanto " immagini.. te lo assicuro..  prevedo di fare ( se siete d'accordo.. ) quattro puntate.. l'ultima sarà dedicata probabilmente alle caratteristiche del battello e a note su di esso un pochino.. fuori standard 

Link to comment
  • Redazione

La Sepa era una azienda bella grande che progettava schede di controllo, pannelli operatori e tante altre cose nel campo elettronica industriale,  si trovano schede Sepa in tante cetrali idroelettriche e termoelettriche, poi è stata assorbita da Fiat Avio, infine è scomarsa nei ricordi. La  ditta per cui lavoro ha dovuto interfacciare apparati Sepa negli anni '90 fino ai primi anni duemila. Oggi ogni tanto c'è un qualche collega giovanotto che salta fuori con la domanda " ... ma questa dll?? Cosa è questo FrontEnd_Sepa??"  Da ora gli risponderò inoltrando la tua bella foto della console Radar del Toti.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

grazie Valerio, per il prezioso contributo.. me lo trascrivo..

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...