Jump to content
  • entries
    29
  • comments
    114
  • views
    3,312

[luoghi] Il Giappone tra finzione e realtà 2: il Kanda Myojin


Alberto73

475 views

 Share

Un piccolo intervallo tra i matsuri per tornare un attimo in quel di Tokyo per parlare di nuovo di animazione. Avevo già approcciato questo argomento in un precedente articolo (Qui) riferito alla città di Uji, stavolta la serie animata è legata a un luogo particolare della capitale nipponica, un santuario shintoista: il Kanda Miyojin. Myojin significa, letteralmente, “divinità brillante”, nome che gli è stato attribuito per il suo colore rosso acceso e le decorazioni in oro.

0001.thumb.jpg.eb1d643a5bfcb1ba895ee175dc35a8fd.jpg

La fondazione di questo santuario risale al 730 d.C. (secondo anno dell'era Tenpyō) ed era ubicato a Shibasaki, un villaggio di pescatori. Un primo trasferimento, a causa dell’ampliamento del castello di Edo, lo ha portato nell’ex quartiere di Kanda (1603) dove è rimasto fino al 1616, quando è stato nuovamente trasferito nella sua ubicazione attuale: una piccola collina nei pressi di Akihabara.

L’edificio attuale, dopo essere stato distrutto e ricostruito varie volte, è stato realizzato in cemento armato nel 1934, cosa che gli ha permesso di superare il secondo conflitto mondiale. Il portale d’ingresso, invece, è stato ricostruito, utilizzando legno di cipresso, alla fine del 20° secolo.

Questo santuario ha visto di recente allargare la sua notorietà per motivi tutt’altro che spirituali: è stato, infatti, usato come ambientazione di alcune scene in popolari serie animate come, ad esempio, ‘Love Live!’, dove una delle ragazze protagoniste (Nozomi) lavora part-time in questo luogo, e  Love Live! Sunshine!!’.

0111.thumb.jpg.a33127d760189f7294cb0ae5e6cd0282.jpg

Paradossalmente quello che ci viene mostrato per primo nell’animazione è uno dei 2 ingressi secondari dell’area sacra, costituito da una grande scala utilizzata dalle protagoniste della serie per allenarsi nella corsa.

DSC_6452as.thumb.jpg.3a4be3e5b493bbcef03595d30faf1094.jpg  DSC_6453a_1s.thumb.jpg.7e89ea89c3ee425bf926407b5715137d.jpg

0152.thumb.jpg.ec4eb73e1860bb6981c9bf30920fd293.jpg

DSC_6454as.thumb.jpg.e0b5a51de04f2610470b8f05a57430fa.jpg

0188.thumb.jpg.33821b49cf870bc1f3c6d156c299c3b4.jpg

DSC_6451s.thumb.jpg.06d651f55b077a220410c85a2505f724.jpg

0208.thumb.jpg.8ae48301e8d47cb352b512be57496585.jpg

Arrivati in cima alla scala inizia l'area del santuario

DSC_6456as.thumb.jpg.322af82d052921101d5e0a5fb3259be4.jpg

0112.thumb.jpg.667cfa99057568878f065baedeae8a3f.jpg

0017.thumb.jpg.275b55c50bafba281c40d90474925a5b.jpg

Honden

L’Hoden, l’edificio più sacro dove viene conservata la reliquia del/dei kami. In genere è chiusa al pubblico e nemmeno i sacerdoti vi accedono se non per i riti più importanti.

0225.thumb.png.a00a2af348f7b53865f7f0f7f314d3f4.png

DSC_6443s.thumb.jpg.9c5cae279d244e60d61094547ddce3dd.jpg

0219.thumb.jpg.77b497966c5820260ad57d61a2a68409.jpg

DSC_6457s.thumb.jpg.72642c4cac249d5e489ffb0a90403d11.jpg

430379514_0225(2).thumb.jpg.37d6fdad3091bbfd9c5a4ae3030ba2c9.jpg

DSC_6442s.thumb.jpg.44538d76b9f2e18b3c3afdc44576f520.jpg

Ovviamente non potevano mancare gli ema, presenti in tutti i luoghi di questo tipo del Giappone

DSC_6450s.thumb.jpg.65245a5d3f9af290e464a933364efd9a.jpg

0041.thumb.jpg.668389a3d7a55f677f9b7d0a58ffe626.jpg

DSC_6438s.thumb.jpg.ee69d76cd15a0d7e237c021d0b473c38.jpg

0185.thumb.jpg.9f482348ecc772865d2dc354fd8bebb6.jpg

DSC_6435s.thumb.jpg.fdb23ea80eacf5a66a791e54e6dc2797.jpg

0209.thumb.jpg.27155e2b4dffdef11f2673dbd2cb006d.jpg

il Zuishin-mon, struttura a due piani che fa da ingresso principale all'area.

DSC_6473as.thumb.jpg.d41b7f9c92a5c6b385717af13bc902c1.jpg

0238.thumb.jpg.544c9d9c18e81199977bfa4955cfad96.jpg

0227.thumb.jpg.855657d0e9047f4ca2ed09e6bf5d2fa2.jpg

Per concludere, una cosa che in queste serie animate non appare mai è il torii, il portale di accesso all'area sacra

DSC_6461s.thumb.jpg.7f2e96e9d13395590769e864598cbb11.jpg

Qui trovate Gli altri articoli del mio blog. Concludo con in breve filmato montato da me poco tempo da. Al prossimo articolo! ciao! (またね)

PS: in Love Live la parte musicale la fa da padrona, con delle canzoni molto belle, come questa: Yume no tobira, la porta dei sogni! (se qualcuno fosse curioso...)

 

  • Like 3
  • Thanks 2
 Share

4 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander

certo che c'è una bella differenza trai cartoni asiatici e quelli classici USA e anche la tecnologia ci mette del suo.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Interessante come al solito, soprattutto per me che sono sempre molto attratto dalla cultura dell'estremo Oriente. Bello anche il filmato che hai montato, esplicativo. Naturalmente grazie per la condivisione :)

Link to comment
  • Redazione

Domo arigato gozaimasu!

Grazie anche da parte mia,  come Enrico sono interessato alla cultura orientale e il tuo reportage è molto interessante per i riferimenti realtà animazione.
Curiosità: c'è un motivo culturale/etico/religioso per cui negli anime non viene mostrato il torii?

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

direi di no... anzi...

0030.thumb.png.07d486b02ff1b55ba9d790dc1e5efbaf.png

0061.thumb.png.6ff0423d553e7d974d4d96c7c1249514.png

in altre serie si vedono proprio...

0281.thumb.png.3d5048da09fe2f5357e840b32f32efd8.png

magari anche solo parzialmente... :) 

  • Like 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...