Jump to content
Sign in to follow this  
  • entries
    14
  • comments
    55
  • views
    1,031

[manifestazioni] Il mio Giappone 2019 parte 3: Susukino Matsuri

Alberto73

172 views

La terza tappa del viaggio in Giappone mi porta a parlare dei matsuri estivi, eventi molto sentiti sia dagli abitanti delle varie città (i matsuri attirano nelle localitò in cui si svolgono moltissime persone) sia dalle aziende che, data l’importanza degli eventi, sono presenti in massa come sponsor. L’affluenza è talmente elevata che si rivela molto difficile trovare degli alberghi in cui soggiornare nella stessa città del matsuri. Oltretutto, molti alberghi sono riservati ai giapponesi e può capitare di doversi recare in città vicine per trovare alloggio, magari (come nel mio caso) località a mio parere non particolarmente interessanti come Omagari.

Una cosa che accomuna tutti i matsuri sono gli stand gastronomici dove potersi fermare a mangiare dato che alcuni sono provvisti di tavoli e panche, e ce n e sono tantissimi anche se non è detto che siano sufficienti per tutto il pubblico presente.

Questa manifestazione nasce nel 1951 come ‘Susukino-sai’, ma è dal 1965 che riprende vigore, dopo qualche anno di oblio terminata la 3^ edizione, ed è diventato un evento annuale. Nel 1978 nasce la Susukino Tourism Association che trasforma il festival in un evento sponsorizzato dalla stessa associazione.

DSC_6979s.jpg
un attimo di relax prima di iniziare

DSC_6980s.jpg
e gli ultimi preparativi per l'esibizione coi taiko

DSC_7002s.jpg
Saké per tutti!!  non eccezionale ma buono!

DSC_7026s.jpg

Fa parte di questo matsuri la tradizionale danza del leone, promossa dalla Susukino kankō kyōkai (Susukino Tourism Association), associazione che mira a proteggere le arti tradizionali dello spettacolo.

DSC_7034s.jpg

DSC_7040s.jpg

DSC_7024s.jpg DSC_7065s.jpg

Nel 1985 viene aggiunta l’esibizione dei taiko, con l’idea di radunare almeno un migliaio di persone per suonarli lungo tutta la via principale della manifestazione, numero che negli anni successivi è stato superato.

DSC_7088s.jpg

DSC_7105s.jpg

DSC_7139s.jpg DSC_7303s.jpg

DSC_7165s.jpg

 

DSC_7342s.jpg

DSC_7378s.jpg

DSC_7449s.jpg

Una cosa particolare di questo matsuri è la marcia delle Oiran: ogni anno 2 donne vengono scelte per vestire i panni delle Oiran. Le oiran erano delle cortigiane considerate delle yūjo, ovvero "donne di piacere" o prostitute, con un ampio bagaglio culturale che spaziava tra danza, musica, poesia, calligrafia. A differenza delle geisha le oiran portano l’obi annodato sul davanti probabilmente perché più pratico da sciogliere.

DSC_7575.JPG

Purtroppo di quest’ultima parte ho solo alcune foto riuscite male dato che, per evitare la calca del rientro e quindi i treni sovraffollati, siamo tornati in albergo prima della fine del matsuri.

DSC_7516s.jpg

Al prossimo articolo sul Giappone che riguarderà un altro matsuri.

『つづく』



5 Comments


Recommended Comments

19 minuti fa, Massimo Vignoli dice:

Una cosa molto particolare, che non riesco a comprendere appieno. Cosa sono esattamente? Perché li fanno?

potremmo definirli dei festival estivi credo... sono paragonabili alle nostre sagre di paese, ma un tantino più in grande. Direi che lo fanno principalmente per divertirsi dato lo stile di vita rigido che adottano nel quotidiano. In queste manifestazioni i giapponesi si scatenano e si divertono, credo sia una cosa difficile da descrivere sia a parole che con le foto ma essere lì, per me, è tutta un'altra cosa. Qualcuno ha detto che i matsuri sarebbero tutti uguali, non è così: io ne ho visti alcuni ma tra loro hanno in comune ben poco.

Share this comment


Link to comment
8 ore fa, Alberto73 dice:

potremmo definirli dei festival estivi credo... sono paragonabili alle nostre sagre di paese, ma un tantino più in grande. Direi che lo fanno principalmente per divertirsi dato lo stile di vita rigido che adottano nel quotidiano. In queste manifestazioni i giapponesi si scatenano e si divertono, credo sia una cosa difficile da descrivere sia a parole che con le foto ma essere lì, per me, è tutta un'altra cosa. Qualcuno ha detto che i matsuri sarebbero tutti uguali, non è così: io ne ho visti alcuni ma tra loro hanno in comune ben poco.

Ciao Alberto, scusa se mi permetto di intervenire nel tuo bel post ma i Matsuri (che letteralmente significa "festa" come ben sai) sono avvenimenti sparsi per tutto l'arco dell'anno, certamente con prevalenza estiva, e quasi sempre legati alla religione shintoista. Celebrano spesso qualcosa che ha a che fare con la natura come il passaggio delle stagioni, oppure celebrano l'amore, i defunti, i bambini, altri invece rievocano avvenimenti militari importanti del passato con parate in costume o giostre a cavallo con il tiro con l'arco in alcuni casi. Alcuni sono rumorosi e movimentati mentre altri sono molto più quieti ed insospettabilmente tranquilli.  Per esempio nel paesino dove abita mia suocera il tradizionale Matsuri è prettamente religioso, con processioni rumorose degli abitanti dei vari quartieri che portano a spalla, su lunghe travi di legno, un altare ligneo (Mikoshi) dove risiede il loro Kami (divinità shintoista) e girellano per la cittadina cantando e pregando festosamente per poi finire la processione sulle barche dei pescatori del porto. Il tutto circondato da bancarelle e stand gastronomici, come hai giustamente scritto.

Ciao, Andrea

Share this comment


Link to comment
8 ore fa, Simona85 dice:

Bello!

ma è un evento di un giorno o come le nostre “sagre” sono varie in più giorno?

non vedo l’ora di leggere il prossimo post sul Giappone!

credo più giorni da quel che ho capito, però avendo in programma di vederne diversi ho dedicato un pomeriggio a ciascuno.

6 ore fa, Viandante dice:

Ciao Alberto, scusa se mi permetto di intervenire nel tuo bel post ma i Matsuri (che letteralmente significa "festa" come ben sai) sono avvenimenti sparsi per tutto l'arco dell'anno, certamente con prevalenza estiva, e quasi sempre legati alla religione shintoista. Celebrano spesso qualcosa che ha a che fare con la natura come il passaggio delle stagioni, oppure celebrano l'amore, i defunti, i bambini, altri invece rievocano avvenimenti militari importanti del passato con parate in costume o giostre a cavallo con il tiro con l'arco in alcuni casi. Alcuni sono rumorosi e movimentati mentre altri sono molto più quieti ed insospettabilmente tranquilli.  Per esempio nel paesino dove abita mia suocera il tradizionale Matsuri è prettamente religioso, con processioni rumorose degli abitanti dei vari quartieri che portano a spalla, su lunghe travi di legno, un altare ligneo (Mikoshi) dove risiede il loro Kami (divinità shintoista) e girellano per la cittadina cantando e pregando festosamente per poi finire la processione sulle barche dei pescatori del porto. Il tutto circondato da bancarelle e stand gastronomici, come hai giustamente scritto.

Ciao, Andrea

Grazie, hai fatto bene a precisare! Ho scritto estivi perché ho visto solo quelli, in pratica 4 perché del tanabata ho visto solo le decorazioni a Sendai (magari ne accennerò a parte) e probebilmente di uno non scriverò nulla dato che il materiale fotografico non è venuto gran che.... posso dire che il matsuri di susukino è particolarmente rumoroso per l'esibizione coi taiko ma nulla di insopportabile e molto bello da vedere :) 

  • Haha 1

Share this comment


Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...