Jump to content
Sign in to follow this  
  • entries
    12
  • comments
    77
  • views
    996

[Reportage] La fioritura di Castelluccio di Norcia

Sign in to follow this  
Gianni54

459 views

Essendo un frequentatore dell’evento in oggetto, riporto in sintesi quanto raccolto sul posto dagli agricoltori e sulle pagine del Web, che descrivono come si formano queste meraviglie della natura ed i migliori periodi per ammirarle. Essendo un frequentatore dell’evento in oggetto, riporto in sintesi quanto raccolto sul posto dagli agricoltori e sulle pagine del Web, che descrivono come si formano queste meraviglie della natura ed i migliori periodi per ammirarle.

DSC_3284.jpg.edd06a858280dcd734e0ff84c758f1df.jpg

La fioritura del Pian Grande di Castelluccio è senza dubbio uno degli appuntamenti più conosciuti e importanti che hanno come protagonista l’altopiano dei monti Sibillini. Un evento naturalistico molto apprezzato dai visitatori e tradizionalmente mantenuto dai residenti. Un trionfo di colori che si rinnova ogni anno, tra giugno e luglio. Ad essere precisi, però, dovremmo chiamarle “fioriture”, perché a sbocciare sono tanti tipi di fiori diversi.

La zona del Pian Grande si trova a circa venti chilometri da Norcia, collocata proprio alle pendici del Monte Vettore e forma una conca circondata da monti più o meno elevati. La piana si trova ad un’altitudine di m. 1.452 e oltre a questa estesa spianata, sono presenti altri due piani, denominati Pian Piccolo e Pian Perduto.

Il micro clima della zona è da considerarsi quasi assimilabile a quello della steppa ed è caratterizzato da ampie escursioni termiche giornaliere, per effetto della dispersione di calore da parte dell’ampia superficie carsica. Queste condizioni, unite ad un terreno fortemente drenante a causa del carsismo, scoraggerebbero molte coltivazioni. Eppure tali avverse condizioni sono state superate grazie alla tenace convivenza tra uomo e territorio, che ha portato alla selezione nel tempo di una varietà di lenticchia (Lens culinaris), che oggi è conosciuta come la lenticchia di “Castelluccio IGP”.

L’evento della fioritura del Pian Grande, solitamente, viene collegato alla fioritura della lenticchia. In realtà non è proprio così, sarebbe riduttivo riportare alla sola fioritura della lenticchia, quello che è uno spettacolo floreale unico al mondo.

Occorre precisare che il fiore della lenticchia è piccolo e bianco,

DSC_3331.thumb.jpg.988daaaad03e6faee00d64ed5b9b2eab.jpg

che in un ambiente esente da pesticidi di sorta, si amalgama insieme ad altre specie vegetali spontanee. Si tratta di specie vegetali che prosperano proprio negli ambienti coltivati. Quello delle piante spontanee è spesso visto come un problema, eppure nella piana del Castelluccio la presenza di queste colture si trasforma in una potenzialità. Le radici di queste piante, infatti, fanno in modo che nel terreno si mantenga un costante livello di umidità, che permette alla lenticchia di svilupparsi. Inoltre consentono di prevenire la perdita dei nutrienti dal suolo, che è interessato da un forte drenaggio. Ovviamente non vengono seminate insieme alla lenticchia, ma si propagano naturalmente nei campi e di anno in anno li colonizzano.

Ecco quindi che nell’attesa dello sviluppo della lenticchia, i visitatori e gli abitanti di Castelluccio possono godere di uno spettacolo floreale del tutto naturale, dato dalle fioriture spontanee. Durante tutto il periodo si assiste ad un concerto di colori, dato dal fatto che le fioriture delle diverse specie vegetali non avvengono nel medesimo periodo, ma si susseguono in periodi temporali diversi.

A dare inizio alle fioriture sono le corolle gialle e delicate della senape selvatica, che si mischiano insieme ai primissimi papaveri, che iniziano a tingere di rosso la piana. Questo avviene verso gli inizi di maggio, e durante questo mese, con il passare dei giorni, si aggiungono sempre nuove note di colore. Verso metà maggio iniziano a comparire le note bianche portate dalla camomilla bastarda e dal leucantemo. Si aggiunge, sempre a maggio, anche il grazioso blu dello “specchio di Venere”, che può virare al violetto e al celeste.

DSC_3322.jpg.fb89ea5b53d2d91bb8d4ed370a0d9a6b.jpg

Maggio è il mese del risveglio della natura e quindi dell’inizio della preparazione alla vera fioritura, che vede il suo culmine nei mesi di giugno e inizio luglio, quando arriva anche il fiordaliso che dona alla piana l’ultimo tocco di colore, con il suo particolare violetto. Ed ecco quindi che tra i mesi di giugno e luglio il Pian Grande del Castelluccio e i due piani Piccolo e Perduto, offrono questo spettacolo.

Il periodo di massimo splendore della fioritura è solitamente tra fine giugno e la prima decade del mese di luglio.

Quest’anno, purtroppo, prima il freddo prolungato fino alla fine di aprile e successivamente il grande caldo secco, in assenza di pioggia ha fatto terminare in anticipo la fioritura.
Mentre, dodici mesi fa ho potuto ammirare una delle fioriture più belle e lunghe di sempre tanto che si era protratta fino al 20 luglio.

 

Il Pian Grande il 10/07/2018

DSC_3302.thumb.jpg.01dfb0d804368ce3ab3779c26e66aa5b.jpg

 

DSC_3293.jpg.939eeca55ea40358b287df1a2fd996fe.jpg

Il Pian Grande l' 8/07/2019

ZSC_4024-Modifica-2.thumb.jpg.283185c42daaac5a2367dcc74b4fa580.jpg

 

2018

DSC_3258.thumb.jpg.c6adf825d6619497baf745c86cb33b6e.jpg

131819025_DSC_3340_FotovincitricedelContest.thumb.jpg.47fdfce28c29afd03e219a443e105ad8.jpg

DSC_3352.thumb.jpg.e5ac11281893420203fb56bffa0a8f71.jpg

 

2019

ZSC_3964.thumb.jpg.24f6b5378888e0eab3ea2bc09e88f20a.jpg

ZSC_3966.thumb.jpg.87c8b4764f8f0d325fa93556a2e89dc5.jpg

ZSC_3969.thumb.jpg.d19c8b94e1571b2f494c32c3b3e4896a.jpg

 

ZSC_3973.thumb.jpg.e98ec3fa3520fd0aa53c89a24c52528e.jpg

ZSC_3977.thumb.jpg.35f9ff99d311e12db41d6de520648f8a.jpg

ZSC_4009.thumb.jpg.a13d0d235e18f69412ded594cca165a8.jpgDal produttore al consumatore

ZSC_4020-Modifica-2.thumb.jpg.4e368e294f4f69a1e907483e77fd4198.jpg

ZSC_4022-Modifica-2.thumb.jpg.0dc8fea54345ee94ffe2af5d48e10540.jpg

Inoltre, mi preme sottolineare che Castelluccio è stata fortemente danneggiata dal sisma del 2016 e la zona rossa, seppur ridotta rispetto agli anni precedenti, fa ancora un effetto raccapricciante vedere la mole di rovine ancora non rimosse. Nonostante ciò, sul luogo si può soddisfare ogni tipo di esigenza alimentare, oltre ad acquistare ottime confezioni del prelibato legume, direttamente dai produttori. Mentre per dormire occorre riferirsi alle varie strutture ricettive presenti nella zona di Norcia.

ZSC_4035.thumb.jpg.6878a0c91cf5e2652091cf889a3c73fb.jpg L' ammasso di rovine stringe il cuore

Infine, una raccomandazione, per chi vorrà andare a vedere questo spettacolo della natura, mantenetevi nei percorsi e nei viottoli intorno agli appezzamenti coltivati, evitando di calpestare le colture, per rispetto alle persone che ci lavorano per ottenere con fatica un prezioso raccolto.

ZSC_4084-Modifica.thumb.jpg.87d468a48125ff946575044fc2eb84f1.jpg Quest'anno il divieto di accesso non è servito

ZSC_4105.thumb.jpg.21d7817f0ad2301f11118a1090d2f681.jpg

ZSC_4106.thumb.jpg.e064b544e27581e1ad2cde84808aad1b.jpg

 

 

ZSC_3971-Modifica.jpg

ZSC_4002.jpg

Sign in to follow this  


11 Comments


Recommended Comments

Grazie, bellissimo ed interessante reportage di un luogo che non ho ancora visto dal vero ma mi fa sognare e conto di visitarlo prima o poi (spero prima).

Mi ha colpito il mantenere la saggezza di lasciare le piante spontanee.  Come, in negativo, mi colpisce sempre la stupidità (non tanto) moderna di non avere rispetto di quello che in teoria saresti  andato ad ammirare. 

Purtroppo una  norma  senza garanzia di sanzione è come non esistesse. >:(

Share this comment


Link to comment
40 minuti fa, Massimo Vignoli dice:

Come sono le condizioni di Castelluccio in relazione ai danni del terremoto?

Questa immagine ti fa capire la drammaticità della situazione a due anni di distanza dal sisma. Quella gente è forte, ma ha un grande bisogno di aiuto.

ZSC_4041-Modifica-2.thumb.jpg.ba6ec124187f21d95ece7ae88b5bceb4.jpg

 

  • Like 2

Share this comment


Link to comment
52 minuti fa, Silvio Renesto dice:

Purtroppo una  norma  senza garanzia di sanzione è come non esistesse. 

Perché abbiamo perso il rispetto per il prossimo, i "selfie" sia fanno anche dai viottoli, non importa andare in mezzo ai fiore e soprattutto, calpestando le piante di lenticchie.

Share this comment


Link to comment

Bellissime immagini di un posto che mi è rimasto nel cuore... vedere Castelluccio così mi strazia il cuore al ricordo di un fantastico passaggio in moto "Nord Sud" nell'ormai remoto '08, spero anche che la bellezza della natura che circonda questa meravigliosa gente dia loro la forza di farcela. E che illumini pure i più distratti, che gli farebbe solo che bene...

  • Haha 1

Share this comment


Link to comment

Davvero interessante le tue note a corredo delle foto altrettanto belle.

Magari l'anno prossimo la fioritura sarà meravigliosa come quella che hai fotografato nel 2018, e sarà quindi piacevole tornarci per nuovi scatti.

E chissà che finalmente non riesca ad andarci anch'io... magari insieme a te per una simpatica uscita fotografica! 

Edited by Pedrito

Share this comment


Link to comment
11 ore fa, Pedrito dice:

Davvero interessante le tue note a corredo delle foto altrettanto belle.

Magari l'anno prossimo la fioritura sarà meravigliosa come quella che hai fotografato nel 2018, e sarà quindi piacevole tornarci per nuovi scatti.

E chissà che finalmente non riesca ad andarci anch'io... magari insieme a te per una simpatica uscita fotografica! 

Quando arriverà il momento ci sentiamo e con immenso piacere ci facciamo un gita, sperando in una buona luce e senza alcun dubbio in una fioritura più bella di quest'ultima.

  • Haha 1

Share this comment


Link to comment

Belle e commoventi le foto e istruttive le notazioni sulle fioriture. Il contrasto è notevole fra lo spettacolo naturale e le dolorose devastazioni del sisma. 
Apprezzo nella 8 il disegno colorato che continua sulle ondulazioni del terreno dove si disegnano i chiaroscuri delle ombre delle nuvole. Nella 13 la simpatica immagine del Nostro Stivale. Ci sono stato 5 o 6 anni fa, ma purtroppo lo spettacolo delle fioriture non era così evidente. Ci tornerò spero il prossimo anno. Bravo.
 

Share this comment


Link to comment

Gianni questo articolo me lo sono perso, caspita l'hai fatto su misura per me.😀
Complimenti per le foto meravigliose e per le informazioni utili.

 

  • Like 1

Share this comment


Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...