Jump to content

L'arte del Violino : amatoriale, professionale, da concerto


M&M

855 views

Chiunque può imparare a suonare il violino. E' solo una questione di applicazione e di attitudine.

Oggi uno studente può cominciare da bambino con uno strumento industriale come questo che si trova su Ebay o Amazon a 69 euro

1.jpg.7ab42c02e79077d902a6289c549fb515.jpg

compreso di archetto, custodia e colofonia (la pece per l'archetto magari un pò essiccata !).

Il suono non è importante, purchè suoni e lo studenti si applichi. La mamma non si deve svenare e se poi il bambino non vuole proseguire negli studi, poco importa, quel violino resterà come elemento d'arredamento.

Ma per suonare bene sia a livello amatoria che professionale, la qualità dello strumento comincia a diventare importante.

Sia per il suono - è ovvio, è l'aspettativa più comune - che, soprattutto per la sua durata, tenuta nel tempo, affidabilità.

Si, perchè se si suona in pubblico non ci si può permettere che lo strumento ... faccia cilecca nel momento migliore.

L'investimento ovviamente sale ma mi sembra pacifico che un violinista che ha investito anni del suo tempo nello studio della musica e dell'arte di suonare il violino voglia almeno valorizzare i suoi sforzi.

violino-foto19.jpg.108066994e340807546b8e17ca51f716.jpg

Questo è un violino professionale Piccaglini di Cremona del 1925 (detto violino rosso). Ben restaurato lo si può comperare per una cifra tutto sommato contenuta (in questo caso credo 8500 euro + IVA).

Ci sono strumenti professionali per tutte le tasche, si può salire anche a 50-100.000 euro a seconda dei casi. Sono cifre importanti ma allineate alle prestazioni, alla cura con cui sono costruiti (e mantenuti nel tempo).
Il bello di un violino è che pur nella sua fragilità, dura secoli se tenuto bene. Specialmente da quando si usano dettagli e accessori aggiornati nei materiali (corde e parti dure).

Il violino professionale consente ad un violinista di assolvere ai suoi impegni quotidiani, anche in una grande orchestra e di guadagnarsi i suoi compensi. Si potrebbe anche fare con uno strumento amatoriale ma non si passerebbe nemmeno il casting e non si otterrebbe l'ingaggio.

Però ci sono professionisti e professionisti. Ci sono violini di fila e ci sono solisti.

Un grande violinista può esprimere un suono differente a seconda della partitura che interpreta sfruttando al meglio il SUO strumento.

Ogni grande concertista ha il suo violino d'elezione, con cui ha un rapporto d'amore. Il suo valore sale oltre il ragionevole, ma c'è diretta relazione tra il suono e il suo valore effettivo, non venale.

violino-nero-stradivari-leclair.jpg.a83730ddd30367f3d6fc4fe1805dd740.jpg

lo Stradivari nero Leclair

E quello strumento porta chi lo suona a diventare il violinista che è, perchè il suo suono diventa unico mano a mano che arriva a comprenderlo

091017-Jansen.jpg.9654c41ca107c0fcda50ddca53fc6acf.jpg

la superstar del violino Janine Jansen non suona uno Stradivari, suona lo Stradivari "Barrere" del 1727 qui fotografata mentre suona il concerto di Britten

Io adoro Janine, il suo suono è inconfondibile. Il suono del suo Stradivari è unico, va oltre l'immaginabile. Ogni sua registrazione supera le aspettative, mi commuove, mi fa lacrimare.
La più grande violinistra del nostro tempo e il suo inestimabile Stradivari.

Insomma, c'è il violino da studio con cui si cresce, c'è il violino professionale con cui si lavora, c'è il violino da concerto con cui si esprime un bel suono sul palcoscenico, c'è il violino unico ed eccezionale la cui firma caratterizza l'interpretazione di un grande violinista.

La differenza c'è, si vede, si sente. Eccome se si sente.

Jansen-J-229930103_2.thumb.jpg.4bbce138a82f4ed0edde5497e1e10b31.jpg

ancora Janine Jansen e il suo Stradivari Barrere, mentre prova il Concerto per Violino di Chaikovsky

  • Like 1

8 Comments


Recommended Comments

  • Administrator

in fotografia l'intonazione la dà però la capacità di interpretare la luce e l'obiettivo: la macchina fotografica registra.

Certi obiettivi vanno utilizzati su specifiche macchine per lavorare al meglio.

Certi violini possono andare in mano solamente a determinati violinisti: altrimenti è un fallimento.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

 

 

14 minuti fa, Max Aquila dice:

in fotografia l'intonazione la dà però la capacità di interpretare la luce e l'obiettivo: la macchina fotografica registra.

Certi obiettivi vanno utilizzati su specifiche macchine per lavorare al meglio.

Certi violini possono andare in mano solamente a determinati violinisti: altrimenti è un fallimento.

Certo. Come alcune macchine fotografiche risultano sottoutilizzate (o sovradimensionate per chi le usa).

Link to comment
  • Administrator

Veramente ci andrò con una fotocamera amatoriale venduta ad un prezzo da gioielliere : peccato che la pista sarà invasa da pessime Ferrari da 1000 CV, altrimenti saresti potuto venire anche tu con una delle tue Playstation doc :)

 

Link to comment
  • Administrator

Ops ... Ho scoperto adesso che esiste anche la Playstation Pro. Adesso capisco molte cose che prima mi sfuggivano ...

... comunque, tornando a bomba, io il mio violino professional , lo riservo solo per certe bionde, se lo meritano ;) giovedì andrò solo a giocare non a fare sul serio.

 

Link to comment
  • Nikonlander
32 minuti fa, Rudolf dice:

...peccato che la pista sarà invasa da pessime Ferrari da 1000 CV...

tipo questa? 🤔

 

cut1362484365969.jpg--.jpg

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Non conosco Janine Jansen, ma hai impiegato poco a convincermi per cui colmerò immediatamente questa lacuna. Trovo che il violino sia uno strumento straordinario e dev'essere una grande soddisfazione riuscire a suonarlo. Come tutti gli strumenti richiede non solo studio e applicazione (direi fino alla nausea) ma chi lo suona deve trovare un grande feeling con l'oggetto. Nel caso specifico è richiesto un grande lavoro di liuteria, il  solo Stradivari non basta: deve diventare il TUO Stradivari, le dita devono incontrare la giusta resistenza e l'action va limata, mezzo micron per volta e poi bisogna suonare. Il legno è un materiale vivo, respira e incanala qualsiasi vibrazione. Come tutti gli strumenti musicali di liuteria anche il violino più lo si suona e migliore. più bello e pulito sarà il suo suono.

(Ma non so quale delle frasi che ho scritto intercetti la fotografia... mah. Forse quella relativa al feeling)

Edited by effe
Link to comment
  • Administrator
11 ore fa, effe dice:

Non conosco Janine Jansen, ma hai impiegato poco a convincermi per cui colmerò immediatamente questa lacuna.

Ma che bello, ti consiglio questo ascolto, allora

 

  • Haha 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...