Jump to content

Comments

  • entries
    5
  • comments
    54
  • views
    845

[grandi fotografi] Nick Brandt


Jorgos

693 views

Nick Brandt il fotografo di natura con l’anima al posto del obiettivo.

Si possono fare le foto della natura selvaggia in B&W?  La risposta e’ si, se consideriamo questi scatti del fotografo britannico Nick Brandt. Non sono fatti con la macchina fotografica, sono fatti con la sua anima. Sono immagini poetiche, spettacolari e di forte impatto. Vibrano di vita anche se manca il colore. Anzi l’assenza cromatica ci svela una nuova dimensione, un mondo tutto da scoprire che le nostre macchine non hanno l’automatismo che consenta loro di vederlo, ci vuole l’occhio umano allineato al cuore.

 

219393.thumb.jpg.427d79451f035108132ade8998b1fd02.jpg

 

Per Nick Brandt, la fotografia è allo stesso tempo un mezzo di espressione artistica e un modo per focalizzare l'attenzione sulle specie in via di estinzione. Le sue fotografie belle, elegiache e spesso malinconiche sono guidate dalla sua passione per gli animali e dalla sua ambizione di aiutare a salvare la popolazione selvatica in declino dell'Africa.

Ha iniziato a dedicarsi alla fotografia nel 2000 dopo una carriera di successo come regista di spot pubblicitari e video pop. Ha lavorato con artisti come Moby, XTC e più famosi come Michael Jackson, e per la prima volta ha visitato l'Africa orientale durante le riprese del video di Jackson's Earth Song. È stato l'inizio di una passione per questa regione e la sua natura selvaggia che ha cambiato la vita di Nick. "C'è qualcosa di profondamente iconico, persino mitologico, riguardo agli animali dell'Africa orientale e meridionale", ha scritto nel suo libro On This Earth (2005).

 

219045.thumb.jpg.30d89840f922a3afbb96d4aea13acf7b.jpg

 

Brandt avvicina i suoi soggetti da una prospettiva artistica. Mentre la fauna selvatica tradizionale i fotografi sparano a colori, le sue immagini sono in bianco e nero; invece di usare il kit digitale, sceglie una fotocamera a pellicola Pentax 67 II di medio formato e sebbene molti dei suoi contemporanei utilizzino lunghi teleobiettivi, Brandt preferisce avvicinarsi al soggetto usando obiettivi molto più corti. Forse la caratteristica più distintiva del suo lavoro è che evita completamente i drammatici colpi di azione animale, come la caccia e l'uccisione. Le immagini di Brandt di solito prendono la forma di ritratti statici e meditativi che mostrano gli animali come individui. 'Voglio avere un vero senso di connessione intima con ciascuno degli animali - con quello scimpanzé specifico, quel particolare leone o elefante di fronte a me ", scrisse in On This Earth. "Credo che essere così vicino all'animale faccia una grande differenza nella capacità del fotografo di rivelare la sua personalità.

In questo modo, Brandt ci invita a guardare di nuovo alle specie conosciute e a riacquistare un senso di meraviglia per quanto siano davvero straordinarie. L'originalità delle fotografie di Brandt ha portato inevitabilmente alla speculazione su come esattamente sono state create. Usa solo tre obiettivi: 55 mm, 105 mm e 200 mm (quest'ultimo è equivalente a circa 100 mm in termini di 35 mm). Preferisce usare la pellicola Kodak T-Max 100 e scatta attraverso pesanti filtri ND grad e rossi. Dopo lo sviluppo convenzionale, le immagini vengono ulteriormente perfezionate nella fase di post-acquisizione dopo essere state digitalizzate in Photoshop. Sebbene utilizzi tecniche digitali per migliorare le sue immagini attraverso un maggiore dettaglio delle ombre e una gamma tonale, rifiuta le manomissioni più evidenti, come la "clonazione" di animali aggiuntivi o la sostituzione di cieli. A volte la perfetta collocazione di animali in una scena ha portato alcuni critici a chiedersi se le sue immagini siano state alterate digitalmente. Tuttavia, Brandt insiste che le sue fotografie derivano da molte ore, giorni e talvolta settimane di pazienza in attesa che tutti gli elementi si uniscano, piuttosto che usare una soluzione rapida di post-elaborazione.

 

219051.thumb.jpg.45d0c2ff83eddb70c212c43195796add.jpg

 

 

219035.thumb.jpg.9e274df17dff15ba1f82b7d8ac97f695.jpg

 

 

219061.thumb.jpg.8cda51ed60dc0fd00bd78361742fdc86.jpg

 

 

219038.thumb.jpg.937a7e4fda7b43a655f990071365374a.jpg

 

 

218989.thumb.jpg.e42d2b9e9cb469fc064b1a4e7accfa0b.jpg

 

 

219055.thumb.jpg.0e5ca386a8d75c8e2648c70f3b1549a8.jpg

 

219109.thumb.jpg.239a9af3fbf9ee0e21dfe1fd440b47e1.jpg

 

219047.thumb.jpg.0289900c767847ac1636d6dd0f110872.jpg

 

219108.thumb.jpg.cd948252c035e293a29148bdec33df8c.jpg

 

 

 

 

On this earth 2000-2004

 

219173.thumb.jpg.58a6e02891cd1a1bb6d948bacf2e67ac.jpg

 

219174.thumb.jpg.9f78ad40f709b939a58907c7919f013b.jpg

 

219183.thumb.jpg.c7729511531ede76edf784296291c28f.jpg

 

219186.thumb.jpg.5d8211d865018e8faa7dcfccc5b96ec1.jpg

 

219193.thumb.jpg.cf83e1cd3a472d05e881fc670d4ce38e.jpg

 

219192.thumb.jpg.5b77a2dc10bc1f04b3bfd56e2abe9f3d.jpg

 

219194.thumb.jpg.e0f450823cbbbd49821e209de0c2e53b.jpg

 

219195.thumb.jpg.84ff481c03ee6e8a49211a0d03fba81c.jpg

 

219197.thumb.jpg.1e84818925f7a9dd78d37c6675c303e6.jpg

 

219198.thumb.jpg.b4a350f09e82bf3003a96e53912ac43e.jpg

 

219210.thumb.jpg.b72c510f6ff6f9540fe378089200ea52.jpg

 

219211.thumb.jpg.9e9fc1579e6f03cb5672ba8a1a449ac3.jpg

 

 

 

A shadow falls 2008-2009

 

219112.thumb.jpg.34e4762d3296f2b4f3a35db5276d8866.jpg

 

219115.thumb.jpg.df33c1f94eaa4e2daf54e9c2eefea206.jpg

 

219117.thumb.jpg.122658be9d736188be9cebf71074e196.jpg

 

219163.thumb.jpg.b576e73b59fd608920f89504c47a1f08.jpg

 

219169.thumb.jpg.7061af2b72f23313173cdd9653b792b0.jpg

 

219164.thumb.jpg.c6718f8f729200e96e35986467071a92.jpg

 

219121.thumb.jpg.b58ed7aaab7bbbd59e3f91e96f5b1dda.jpg

 

219122.thumb.jpg.6d3da60c88a426389faa660ed8f63d71.jpg

 

 

La sua prima mostra, nel 2004, seguita da On This Earth un anno dopo, ha rapidamente consolidato Brandt come una delle principali nuove voci nella fotografia d'arte (lui, tuttavia, era estremamente scontento della qualità di stampa del libro e da allora lo ha rinnegato). La sua seconda collezione, A Shadow Falls (2009), ha ulteriormente cementato la sua reputazione, seguita da On This Earth, A Shadow Falls (2010), una raccolta delle migliori immagini dei due libri con una qualità di stampa notevolmente migliorata. Nel 2010, Brandt ha iniziato a lavorare al terzo nella sua trilogia di libri. Queste immagini sono molto più scure e più scure di quelle girate negli anni precedenti e riflettono la crescente rabbia e disperazione di Brandt al ritmo accelerato della distruzione della fauna africana.

Brandt dice di essere sempre stato pessimista sul futuro degli animali, ma che dopo il 2008 le cose si sono deteriorate ancora di più di quanto avesse previsto. Ad esempio, secondo alcuni esperti, l'aumento della domanda di avorio, in particolare dalla Cina, ha provocato la morte di almeno il 10% della popolazione di elefanti ogni anno. Gli animali uccisi hanno incluso molti elefanti particolari presenti nei precedenti lavori di Brandt. Le sue immagini più recenti includono una fotografia di una lunga fila di guardie forestali che tengono le zanne di elefanti uccisi dai bracconieri (un severo aggiornamento della sua prima fotografia di un branco di elefanti che cammina in fila), un cranio di giraffa in un vuoto, prosciugato paesaggio e resti calcificati di animali morti che Brandt è risorto in una macabra ri-creazione delle creature che erano una volta.

Queste fotografie sono una potente condanna del nostro fallimento collettivo nel porre fine alla distruzione di queste specie un tempo abbondanti. La convinzione di Brandt che è necessaria un'azione urgente per arrestare il drammatico declino del numero di animali lo ha portato, nel settembre 2010, a fondare la Big Life Foundation, un'organizzazione senza scopo di lucro che mira a porre fine al bracconaggio e conservare gli animali nel loro habitat naturale . La grande vita ha ha finanziato l'assunzione di un certo numero di ranger per pattugliare il Parco Nazionale di Amboseli in Kenya, con il risultato che molti bracconieri sono stati arrestati. In effetti, gli sforzi della Fondazione hanno avuto un tale successo che Brandt intende estendere la propria area operativa.

 

 

Nick Brandt Across the ravaged land (2010-2012)

 

219256.thumb.jpg.7659aeca02b183f648a863ceeb51be04.jpg

 

219252.thumb.jpg.204103e94fb60ea8d9e2a8c10c456fe6.jpg

 

219250.thumb.jpg.b0afe18c10be10222f12c1f2a0510abe.jpg

 

219259.thumb.jpg.a9a744d735c46c6ae4a8184c92597b0b.jpg

 

219170.thumb.jpg.ca9088e449b4ed65962c404e48f3b1c9.jpg

 

209787.thumb.jpg.062bf4ee9ec0e3c12069b65fb51b4ad4.jpg

 

209789.thumb.jpg.4047e7132bc1a859f2e434acf5099128.jpg

 

209782.thumb.jpg.91a0744549e5d77b0ca08326bb973fa3.jpg

 

209780.thumb.jpg.6034d519650f5744d1a80b8bbc11f0d6.jpg

 

209783.thumb.jpg.3380cb542782a84dbec0babea25e6356.jpg

 

219240.thumb.jpg.9c349d5dbd77400f3c44c2bda05fd979.jpg

 

209773.thumb.jpg.a405eb30f0599959585b4566e5fa3fd2.jpg

 

 

Parte del testo e' stato tradotto dall'intervista che ha rilasciato Nick Brandt al David Clark il 20/02/2012

Website:  www.nickbrandt.com

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Like 3

7 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Bel contributo, che fa il paio con quello di circa un anno fa di Giovanni qui.

Non è mai troppo ricordare quali danni causa l'uomo al suo pianeta per meri motivi economici, e se un fotografo può contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema, ben vengano le sue immagini se esse possono servire allo scopo. E chissenefrega se sono un po' fotoscioppate.

In ogni caso, si tratta di fotografie davvero belle e suggestive.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Fotografo e foto che conoscevo, dall'articolo su Nikoland precedente, secondo me interpretazione meravigliosa dell'ambiente in cui sono state scattate.....c'è da domandarsi come fa a cogliere quegli attimi....Bravissimo

Grazie per averlo riproposto 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
15 ore fa, Silvio Renesto dice:

Che scrissi  io . ;) 

Onore al merito! E sono d’accordo con Pedrito: il valore sta nel proporre un tema di denuncia con una eleganza e un amore  palpabili. Che la rende (la denuncia) ancora più forte. 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
16 ore fa, Silvio Renesto dice:

Che scrissi  io . ;) 

Ops. Ho citato chi ha citato... :o

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...