Jump to content

 

M&M M&M
  • Blog

Le foto di natura possono dire tanto


Silvio Renesto

367 views

La mia foto della cinciallegra posata  su un tronco come un picchio e i commenti a seguito mi hanno invogliato a mostrare quante cose interessanti possono a volte essere nascoste nelle foto di natura.  In che ambiente vive un animale, il suo comportamento son cose che saltano all'occhio più facilmente, ma ci può essere ancora di più

Fra le cose che studio (e insegno) c'è la morfologia funzionale: il rapporto tra come è fatto un animale o una sua parte (struttura) e quello a cui serve la struttura  (funzione). Si parte dalle forme viventi per fare ipotesi su quelle scomparse.  E'  interessante (sorprendente?)  vedere quali "trucchi" l'evoluzione ha sviluppato per sfruttare i diversi ambienti: gli accorgimenti per il volo, per la corsa, il muoversi sottoterra o  l'arrampicare. E' anche (credo) la parte che piace di più agli studenti. E' una specie di ingegneria della natura (e spesso uso le mie foto a lezione ;) ). 

Un esempio? Con poche mie foto provo a  raccontare  come fanno certi animali  a salire, scendere oppure stare fermi in modo stabile su pareti verticali (cosa non  facile :) ). 

Chi di noi ha "fatto" la pertica a scuola :P o chi fa arrampicata su roccia, sa per esperienza che per salire ci vuole un paio di arti che siano in trazione/tengano la posizione (le braccia) contrastando la forza di gravità,  ed un paio che spinga (le gambe). Naturalmente ci vogliono delle strutture per aderire agli appigli od incastrarsi nelle fessure (dita o artigli) ma non ne parliamo perchè  la faremmo troppo lunga. 

up.thumb.jpg.cbebf1ea3ab4eec54a306487b244abca.jpg

Per salire, le zampe posteriori spingono, le anteriori tengono.

Fin qui,  niente di speciale, molti animali sono in grado di arrampicarsi più o meno bene. Il problema in realtà non è tanto salire, quanto scendere.
Noi umani non ci poniamo il problema perchè  scendiamo all'indietro,  le braccia continuano a esercitare trazione  contrastando la forza di gravità permettendo di controllare la discesa. In natura però scendere "di sedere" non è consigliabile non vedere dove si sta andando può portare a sorprese spiacevoli, quali essere mangiati da un predatore che aspetta di sotto ;) . Per questo gli animali  scendono  con la  testa avanti. Qui sta il problema: Le zampe posteriori della maggior parte dei mammiferi sono fatte per spingere, non per tirare, se provassimo a scendere a testa in giù dalla pertica (o lungo una parete di  roccia) le gambe spingerebbero  da sopra,  tendendo a ribaltarci... con quel che segue . Per questo ad esempio i gatti sono velocissimi a salire su un albero, ma piuttosto impacciati a scendere, perchè hanno difficoltà a controllare la discesa. 
Gli animali realmente abili ad arrampicare invece non hanno difficoltà.  Si sono evoluti per vivere sugli alberi e correre su e giù  lungo i tronchi. Gli scoiattoli ad esempio hanno una caviglia molto più mobile di quella di altri mammiferi, per cui possono rovesciare il piede all'indietro, in modo da  esercitare trazione contro la forza di gravità, evitando di ribaltarsi quando scendono a testa in giù e addirittura possono restare fermi in quella posizione.
(Non ci sono solo gli scoiattoli, se andiamo ai tropici troviamo esempi ancora più spettacolari, ma volevo usare animali nostrani e foto mie).

down.thumb.jpg.c3ffa6985aee572dbe03282973cd72fd.jpg

Nello scoiattolo che scende il piede è ruotato all'indietro, questo un gatto non  lo può fare.

claws.jpg.10fe1d6bd3f5b588f2c029a409508ebb.jpg

 

E gli uccelli? Per loro è piuttosto facile arrivare ovunque volando, ma poi star fermi contro una superficie verticale con solo due zampe è un'altra faccenda.

In molti uccelli viene in aiuto la coda, ad esempio nei picchi è molto robusta e fa da punto di appoggio, in compressione, come una trave  che scarica il peso sul tronco così l'animale è in equilibrio senza troppo sforzo e non si ribalta.

picchiochr.thumb.jpg.9c4a2326c83491c55dc6bccf838b26e0.jpg

La coda del picchio ha penne robuste ed è un importante punto di appoggio.

gruccione1.jpg.84e17b1adcdae496a43a717ae86d89d1.jpg

Anche nei gruccioni si vede la stessa cosa, le zampe tengono, la coda serve da appoggio,  le penne a ventaglio, per allargare l'area di contatto e scaricare meglio il peso.

E se si ha una codina come il Picchio Muratore? Il nostro piccoletto è un maestro del free-climbing: divide i compiti fra le zampe, una la tiene in trazione e l'altra spinge  così può addirittura correre sue giù per i tronchi.

muratore1c.thumb.jpg.3ff689a3a0e8ef304b4248ba9725169c.jpg

Una zampa in trazione, l'altra in compressione, il Picchio Muratore ha risolto così il problema.

 

Per brevità ho parlato solo di Mammiferi e di Uccelli, ma ci sono tantissime soluzioni nel mondo animale, le lucertole fanno più o meno come gli scoiattoli, e le Raganelle...

raganella2hr.thumb.jpg.1803cbe09e660455cfb6d173857e638d.jpg

Non hanno unghie, non hanno ventose come si potrebbe pensare, ma sfruttano la coesione della pellicola d'acqua presente fra le dita e la foglia (è la tensione superficiale, quella  che ci appiccica un foglietto di carta alle dita bagnate) è una forza  molto piccola ma può bastare a farle aderire, perchè le raganelle pesano pochissimo.

E' anche per questo che fotografo gli animali (e ne racconto),  oltre alla "bellezza"  ci sono cose che mi meravigliano da sempre, con  l'entusiasmo di un bambino. 

Spero di non essere stato noioso nè supponente. E che le foto siano comunque gradevoli.
Grazie a chi è arrivato fin qui.

  • Like 4
  • Thanks 3

9 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Grazie a Te per le illuminazioni che ci regali. Le foto oltre ad essere gradevoli sono anche esaustive di quello che racconti. 

Link to comment
  • Nikonlander

Il fascino nel fare foto naturalistiche sta proprio nel documentare la innumerevole complessità di qualsiasi particolare naturalistico.  Tu sai illustrare questi piccoli particolari in modo chiaro e molto piacevole con delle foto sempre molto pertinenti.  Lo fai con maestria, anzi da... professore.

Continua senza alcun dubbio.  

Link to comment
  • Administrator
Cita

E' anche per questo che fotografo gli animali (e ne racconto),  oltre alla "bellezza"  ci sono cose che mi meravigliano da sempre, con  l'entusiasmo di un bambino. 

Spero di non essere stato noioso nè supponente. E che le foto siano comunque gradevoli.

sei solo un pò....braccino :supermarameo: :

ci racconti questi tuoi pensieri lesinandoli nel tempo.

Secondo tutti potresti andare a ruota libera...

Link to comment
  • Redazione

Max, Il Tirannosauro come  sai  ha le braccine corte (almeno rispetto al corpo)... :D

Scherzi a parte, non è "braccino",  è  che vorrei sempre accompagnare quel che ho da dire con fotografie almeno decenti,  fatte da me e non prese da qualche parte,  in modo da essere comunque in tema, e non è sempre facile.  Ma se vi interessano queste cose, ci riproverò.

Grazie davvero a tutti per l'apprezzamento, se il mio entusiasmo  è capito e condiviso sono contento.  .

:)

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi unisco al " coro..  " continua.. ma non per poco però... è una cosa speciale leggerti..

grazie proff.

Link to comment
  • Nikonlander

Grande Silvio, come sempre interessantissimo!!!

Se tu continuassi ci faresti un grande piacere, almeno a me di sicuro

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...