Jump to content

 

M&M M&M
  • Blog


Silvio Renesto

554 views

In genere faccio macrofotografia sul campo con le focali più lunghe possibile,  180-200mm  macro  o, se è foto ravvicinata, anche il 300mm f4;  lo sapete già perchè l'ho scritto molte volte. A parte la maggiore distanza di lavoro, ottengo sfuocati più piacevoli. Ma questo è un modo di fare macro, ce n'è un altro, diametralmente opposto,  che trovo altrettanto interessante anche se l'ho sperimentato poco negli anni:  la macro con i grandangoli. E' una macro ambientata.
La differenza principale è che il soggetto risalta e contemporaneamente è contestualizzato,  ossia guardando la foto si apprezza il soggetto e si capisce anche qual 'è l'ambiente in cui vive. E' una macro che mi piace anche se l'ho praticata molto poco, almeno finora. Ho intenzione di praticarla più spesso quando trovassi i soggetti adatti perchè devi praticamente ... andargli addosso, perciò ci vuole una certa malizia se sono soggetti mobili. Se si dispone di un grandangolo con distanza minima di mesa a fuoco sufficientemente corta (uno dei vecchi 28mm ai, forse anche qualche Af?, alcuni pregevoli 24mm Sigma, qualche zoom) si può fare,  senza dover per forza sborsare cifre impegnative per i decentrabili o orientarsi su oggetti esotici come i Laowa. Per il formato Dx il Sigma 17-70 macro Contemporary a mio parere  non è niente male sotto questo aspetto. 

Oggi ero sull'Appennino piacentino in cerca di rospi, che non ho trovato (se noni girini che posterò in altro topic). ma ho trovato delle orchidee spontanee, che in quanto vegetali, ti consentono di sperimentare senza fuggire. 

Ho così provato a fare macro ambientata con il 17-70 e secondo me lo zoom focheggiato sulle corte focali  permette di fare buone macro ambientate.

Ecco qui un'orchidea come la farei di solito, con il 300mm.

_SCR7233.thumb.jpg.7ed21b0622c47cf3dd1fe3388e8e9a3d.jpg

Bella, isolata dallo sfondo, come sempre.

Ed ecco invece delle orchidee ambientate, con il Sigma 17-70 macro (a 17mm alla distanza minima di messa a fuoco ,  f11 1/400s),

_DSC6996.thumb.jpg.98f8051febd93f0100ea3e4d2fc92f4f.jpg

Focale 17mm (26mm equivalente Fx) f11, 1/400s

 

_DSC7004.thumb.jpg.7ffa302d58124ee554cc6a82c00988f0.jpg

In questo modo si ha il soggetto e però si hanno anche informazioni sull'ambiente di vita, ma non solo, l'immagine ha anche una sua valenza estetica, è una macro che è anche un paesaggio. Appena possibile proverò con degli  animali.

Naturalmente bisogna mettersi al livello del soggetto (ero sdraiato a terra) altrimenti lo si inquadra "appiattito" sul terreno e viene 'na schifezza.

A volte  può essere utile un flash di schiarita.

Commenti, consigli, opinioni, critiche, condivisioni di esperienze sono sempre  sempre bene accetti, anzi, mi aiutano a credere che  quel che scrivo interessa a qualcuno.

:) 

 

 

 

  • Like 2

20 Comments


Recommended Comments

  • Administrator

quando ho scritto l'articolo relativo al test di questo economico zoom Sigma, avevo rimarcato questo aspetto, pur nel poco tempo nel quale l'ho avuto disponibile.

ccs-2-0-52453900-1441299215.thumb.jpg.776e9c1836c39edb3ae2b9e1116677f7.jpgccs-2-0-68063400-1441298741.thumb.jpg.3d0a760d19fb29f26615570a5b96bb2d.jpgccs-2-0-33893600-1441298817.thumb.jpg.a03d1cd181330a5131059b31a02f35db.jpg

Lo consiglio da allora a tutti coloro che vogliano uno zoom trans standard di poco prezzo e buone prestazioni

Link to comment
  • Redazione

Ricordo, però l'hai mostrato come  macro "classico", ossia dalla parte tele. Io ho suggerito un'altra cosa,  di usarlo all'estremo opposto, grandangolare, per un effetto diverso.
In realtà volevo discutere  più questo modo "altro" di fare macro, la macro ambientata, e il 17-70  ritengo sia un' ottima scelta per chi ha fotocamere Dx e vuole  provare. Il titolo originale  era  forse  fuorviante, l'ho leggermente modificato per spiegare qual'è il tema principale.

 

  • Haha 1
Link to comment
  • Redazione

Per chiarire, lo scopo di questo articolino è chiedere cosa ne pensate di questo modo di fare macro. E' interessante il risultato? Ci avete mai provato? Ci provereste?

Link to comment
  • Administrator
4 ore fa, Silvio Renesto dice:

Per chiarire, lo scopo di questo articolino è chiedere cosa ne pensate di questo modo di fare macro. E' interessante il risultato? Ci avete mai provato? Ci provereste?

Molto interessante: io prediligo i macro "corti", quindi anche questa modalità di fare closeup ambientato col tuo 28mm equivalente mi piace.

Mi piacerebbe ancora di più utilizzare i Nikon PC-E , il 19/4 ed il 24/3.5 proprio per utilizzarli anche in questa modalità: ma non li compro, continuo a sperare in Nital... ieri ho mandato una ninfea per whatsapp...ma ancora nessuna risposta!

Link to comment
  • Nikonlander

Qualche anno fa ho acquistato un 28 AIS che mette a fuoco mi sembra a 20 cm proprio per questo scopo.
Mi e' sembrato un obiettivo eccellente in quel campo ma non mi ci sono impegnato molto e alla fine l'ho venduto (e ci ho pure guadagnato).
Quindi per me e' un ottimo modo di fare macro/paesaggio e guardo con piacere questo genere di foto. Richiede talento artistico e applicazione perche' i risultati possono facilmente variare dalla spazzatura all'eccellenza. ;)

 

Link to comment
  • Nikonlander

Appunto per descrivere l'ambiente di crescita delle orchidee spontanee ho preso il Venus Laowa 15 mm macro. Per avere un buon risultato bisognerebbe usare il cavalletto e fare due scatti, uno al soggetto e uno allo sfondo e poi unire i due scatti.  Essendo io allergico al cavalletto, faccio, ormai rarissimamente, un solo scatto come viene viene, per poi essere sistematicamente cestinato.

Allego uno dei pochi scatti superstiti alla selezione.

 

Gymnadenia-conopsea.jpg

Link to comment
  • Redazione

I risultati più di effetto secondo  me si hanno con Rettili ed Anfibi, ma nella maggior parte dei casi richiedono manipolazione del soggetto (posizionarlo in un punto adatto ecc.), cosa che lascerei fare  solo a chi ne sa abbastanza da non danneggiare o stressare eccessivamente il soggetto, che non sono molti.  

La tua Orchidea non è male, bella profondità.

Della seconda orchidea, quella violacea, ho uno scatto con il flash ed uno senza, ho scelto di pubblicare quello senza flash perchè nell'altro mi sembrava che i colori risultassero un po' appiattiti,  probabilmente un errore mio. Ve la propongo per un confronto. Ho sottoesposto il flash.

_DSC7012.thumb.jpg.02c82994911161356ad9a0e4a5cd9776.jpg

Link to comment

A me piacciono molto le foto ravvicinate fatte col grandangolo, si ottengono risultati interessanti e, come giustamente avete già evidenziato, si suggerisce anche l'ambiente del soggetto ripreso: non mi interessa che sia nitido anche lo sfondo, cosa possibile solo con più scatti uniti, mi basta, e mi piace, dare un'dea dello stesso, farlo "capire" più che vedere distintamente.

Per queste foto stanno uscendo obiettivi con caratteristiche estreme (vedi i Laowa) ma anche tra gli old ci sono oggetti che possono dare soddisfazioni, per rimanere in casa Nikon io uso il Nikon 28 f2,8 AIS con messa a fuoco minima di 20 cm ed anche il 20 f 3,5 AIS con il vecchio e corto tubo di prolunga K1 (5,8 mm di estensione) con Nikon D610.

 

Vinca minor con 20 f 3,5 + K1 e flash di schiarita leggero per non perdere il controsole

831760052_Vincaminorambiente.thumb.jpg.aa3ea5901adf3d2eb81094621e7c1f24.jpg

 

28 f 2,8 AIS con pannello di schiarita

1586216956_Crocusvernusamb.thumb.jpg.9f6f66308e85595ff45be89fb56a3d1f.jpg

Link to comment
  • Redazione

Concordo, anche a me basta, anzi piace, che lo sfondo ci sia anche se non è nitido, deve suggerire,  senza distrarre troppo.
Il vecchio 28 f2.8 Ais è un mito fra quelli che praticano questo tipo di fotografia macro.  Se non ricordo male c'era anche un 24 Sigma. Bell'idea quella del 20 + K1!

Domanda: non conosco il K1,  è con o senza trasmissione degli automatismi (ad es. il PK 13 o il PN11  ce l'hanno)?

Link to comment

Il K1 non ha trasmissione degli automatismi, si deve controllare manualmente l'apertura e questo comporta l'oscuramento del mirino al chiudere del diaframma con difficoltà nella messa a fuoco e composizione: si presta all'uso con treppiede, si compone, si mette a fuoco e poi si chiude al diaframma voluto. Un buon tubo automatico usabile su 20 f 3,5 AIS è il PK11A, estensione di 8 mm, offre un ingrandimento all'incirca (vado a memoria) tra 1.2,8 e 1.2,2....... ma qui forse si va oltre le intenzioni del tuo articolo.

Saluti

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Silvio..  ho il 17-70  f 2.8 macro, che fosse macro.. lo ricordavo.. che l'avessi usato.. direi mai;  ora mi ci hai fatto venire l'idea, ci provo..

grazie per lo spunto.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Per chi invece utilizza macchine AF che non tutte possono  " digerire il PK 11 " si dovrà montare il più piccolo degli anelli AF, con un leggero incremento del rapporto essendo il suo tiraggio di 12 mm e non di 8.

Link to comment

Posto un esempio di foto simile a quelle che hai fatto tu.

Nikon D300 col vecchio 16/85 f 3,5/4,5 AF-D a 18 mm (27mm equivalenti)

28489125_Daphnelaureolapiantacontrosole.thumb.jpg.5435ca6b3cfd80884e9554ee7f83ea2c.jpg

Daphne laureola

 

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Silvio, questa sera, ho trovato qualche minuto preso il ferro.. ho montato il primo anello da 12 mm AF e poi l'ottica, delusione.. non lo accetta.. tolto ho fatto quattro schifezze.. schifezze poiche sono i fiori che ho sul balcone.. quindi non avevano senso per due ragioni, i fiori sono piccoli e lo sfondo.. era quel che era..  ma a questo punto comunico che l'anello almeno sull'accoppiata D 5300 + 17-70 macro.. non viene accettato.

Link to comment
  • Administrator
Il 24/5/2018 at 19:22, Silvio Renesto dice:

Concordo, anche a me basta, anzi piace, che lo sfondo ci sia anche se non è nitido, deve suggerire,  senza distrarre troppo.
Il vecchio 28 f2.8 Ais è un mito fra quelli che praticano questo tipo di fotografia macro.  Se non ricordo male c'era anche un 24 Sigma. Bell'idea quella del 20 + K1!

Domanda: non conosco il K1,  è con o senza trasmissione degli automatismi (ad es. il PK 13 o il PN11  ce l'hanno)?

se parli del Sigma 24/2,8 non puoi paragonarlo all'eccellente Nikkor 28/2,8 AiS

Quel Sigma era un pò meglio del corrispondente Nikon per nitidezza ma vignettava e produceva ghosts e flares come la collana di un rosario (l'ho usato per vent'anni e l'ho ancora)

A me pare però che il senso dell'articolo, anteponendo tubi ai grandangoli, pur ottenendo il risultato desiderato, sia un pò tradito: chiaro che limitando la pdf di un grandangolo si ottenga un effetto selettivo maggiore, ma stiamo tornando a parlare di macro e non più di closeup come avevo capito all'origine fosse l'intento.

O mi sbaglio?

Link to comment
  • Administrator
58 minuti fa, Roby C dice:

Silvio, questa sera, ho trovato qualche minuto preso il ferro.. ho montato il primo anello da 12 mm AF e poi l'ottica, delusione.. non lo accetta.. tolto ho fatto quattro schifezze.. schifezze poiche sono i fiori che ho sul balcone.. quindi non avevano senso per due ragioni, i fiori sono piccoli e lo sfondo.. era quel che era..  ma a questo punto comunico che l'anello almeno sull'accoppiata D 5300 + 17-70 macro.. non viene accettato.

e andando OT sull'argomento: avete notizia di tubi a trasmissione AF su corpi ed ottiche Nikon attuali?

A me pare che non ce ne siano, neppure di terze parti... sarebbe cosa ben strana: io ho tre Kenko DG che andavano sugli AF-D e non più adesso

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Max, sono ancora OT per pochissimo..  i tubi in oggetto sono esattamente i Kenko DG, che sul 85 micro.. funzionano e sul 40 invece no..  ovvio come ho accennato prima non vanno neppure sul 17-70 Sigma.

Link to comment
  • Redazione

Il discorso centrale è effettivamente la macro con il grandangolo, ma l'idea di un tubo sottile su un grandangolo  non è  fuori tema e l'effetto è notevole, è una pratica che ha sostenitori illustri,  di cui  ho scritto anche su Nikonland. Diventa fuori tema se lo applichiamo ad altre focali

Per inciso, il fatto che non esistano tubi Af per le nuove Nikon, è vero ed è per  me un peccato: nel link sopra si vedono macro realizzate con il Canon 16-35 e il tubo Canon EfII originale e pienamente compatibile. Se Nikon facesse una cosa equivalente io l'avei già comprata, magari ne avrei comprati anche due.

Link to comment
  • Administrator
1 ora fa, Silvio Renesto dice:

I

Per inciso, il fatto che non esistano tubi Af per le nuove Nikon, è vero ed è per  me un peccato: nel link sopra si vedono macro realizzate con il Canon 16-35 e il tubo Canon EfII originale e pienamente compatibile. Se Nikon facesse una cosa equivalente io l'avei già comprata, magari ne avrei comprati anche due.

e se la rifacesse Kenko o qualsiasi altro cinese per me sarebbe uguale: è inspiegabile questa mancanza protratta da tempo.

Di fatto tubi AF Nikon non ne ha mai prodotti: continua a considerare 1:1 come estrema ambizione di RR

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...