Jump to content

[street] Alla fine della fiera (d'arte)


Pedrito

312 views

Bologna, febbraio 2018, Artefiera, la fiera internazionale dell'arte contemporanea.

Vado con degli amici appassionati di fotografia (ma anche di arte) a questa importante manifestazione, la prima del genere che abbia mai visto. Davvero interessante per chi come me ha spesso frequentato musei o mostre d'arte, ma mai una fiera internazionale del settore.

Appena arrivato mi colpisce - favorevolmente - la tanta gente accalcata alla biglietteria e in fila per entrare: non pensavo che una manifestazione di questo tipo, sia pure di livello internazionale, potesse richiamare tanti appassionati o curiosi o comunque interessati (e di tutte le età) ad osservare opere contemporanee di pittura, scultura, fotografia, ecc. Tra l'altro i ticket d'ingresso non sono neanche a prezzi per così dire popolari.

Una volta dentro scopro un mondo nuovo ma anche affascinante: per me dilettante assoluto, quasi intruso in questo tipo di ambiente, si spalanca un panorama del tutto inaspettato. Sarà che - mi dicono - gli stand in questo tipo di fiere sono molto cari e per questo sia ha a monte una notevole selezione degli espositori: vi partecipano case d'arte di grande livello, le sole che per il proprio giro di affari possono permettersi di pagarseli. Sarà che il respiro internazionale della manifestazione richiama il meglio della produzione artistica su piazza, ma rimango subito colpito dalla qualità (oltre che dalla quantità) dei pezzi esposti.

Osservare opere d'arte contemporanea per un non addetto ai lavori è un po' come per uno delle nostre parti assistere ad una gara di cricket o di badmington: difficile all'impronta capirci qualcosa! E invece avvicinarsi ad un'esperienza simile penso debba essere come ascoltare per la prima volta un concerto di un cantante o un'opera lirica di un compositore straniero: non è importante capire le parole o conoscere il libretto dell'opera, l'importante è lasciarsi coinvolgere dall'atmosfera creata della musica, dalle luci, dalla coreografia, dalle scene, e abbandonarsi alle sensazioni che si provano durante lo spettacolo.

Ecco, per me è stato subito così: forse è ciò che accade quando è la "prima volta", ma mi è subito piaciuto ciò che vedevo, e ho divorato con gli occhi con un misto di stupore e curiosità le pitture più strane, le sculture più inconsuete, le composizioni artistiche create con i materiali più diversi, lasciandomi trasportare fra i numerosi stand come un bambino che per la prima volta vede la neve o si tuffa fra le onde del mare.

Ovviamente le case d'arte che esponevano fotografie sono fra quelle su cui mi sono maggiormente soffermato, e dopo aver osservato le opere di Fontana, Salgado, Araki, Kenna, Basilico, Jodice, e di tanti altri mi sono sentito più arricchito e, forse, più consapevolmente ispirato per la mia personale passione fotografica.

Alla fine della fiera, però, le mostre d'arte costituiscono anche un mondo di soggetti e situazioni più o meno interessanti da fotografare: potevo quindi perdermi un'occasione simile?

Ecco quindi alcune immagini scattate fra gli stand della manifestazione, molte delle quali con la fotocamera ad altezza del grembo e in condizioni di luce un po' al limite, quindi leggermente mosse o fuori fuoco: ma l'affollamento, le corte distanze imposte dalla situazione e un settaggio della macchina che poteva essere un po' più accurato non mi hanno permesso di fare meglio.

Ma tant'è: vuoi mettere il divertimento a farle e a condividerle poi con gli amici fotografi? ;)

 

1.

D75_4822low.thumb.jpg.1df2e72f94556ccffcc6fd4c38253c98.jpg

2.

D75_4814low.thumb.jpg.b6e0bc43abd2965464e1b3a14b766d2c.jpg

3.

D75_4825low.thumb.jpg.575ee5b7cf6f6fb374b7988808416329.jpg

4.

D75_4832low.thumb.jpg.0250da96b69a8c6fb20dbee6eb6476e4.jpg

5.

D75_4819low.thumb.jpg.950a49e89b0aff15b3175b5457d980f9.jpg

6.

D75_4865low.thumb.jpg.381aa2411ba236230f44e1d1829c550b.jpg

7.

D75_4818low.thumb.jpg.fc19943546095b4f5a748eaa11d49fbe.jpg

8.

D75_4847low.thumb.jpg.00212f706dda2239a43382a32e5dad75.jpg

9.

D75_4869low.thumb.jpg.2bf2b1a9f603633d761128dec08fb809.jpg

10.

D75_4876low.thumb.jpg.df126abaf507d1eaeb7868607a870da4.jpg

11.

D75_4878low.thumb.jpg.2c1f521b938ac13be099cfda0cf9484e.jpg

 

  • Like 1

8 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Hai scelto di scattare in maniera furtiva ?

Pensavo che le foto non fossero permesse in una manifestazione di questo tipo.

Link to comment
  • Nikonlander

Foto interessanti, trovo le 4, 6 e 8 un po' slegate dalle altre, che mi sembrano più coerenti.

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi piace l'idea e anche le foto. Durante le esposizioni e nei musei si riescono a produrre scatti molto interessanti :)

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Grazie a tutti del passaggio!

Molti visitatori fotografavano senza problemi e non è vietato farlo: è un vantaggio per gli stessi operatori che, lo ricordo, espongono e vendono le opere in fiera e che pertanto beneficiano della visibilità che qualsiasi forma di comunicazione dà loro.

Riguardo invece al fotografare nascostamente, beh, fa parte del gioco nel genere: se chiedessi alla gente di mettersi in posa si perderebbe la spontaneità della situazione, né sarebbero "genuine" le immagini riprese.

Ovviamente bisogna sempre rispettare i soggetti evitando di riprenderli in atteggiamenti sconvenienti o offensivi, così come evito di fotografare minori che possano essere riconoscibili, salvo di ottenere il consenso dei genitori, ecc.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Anche se in ritardo condivido tutti gli interventi in particolare avrei usato ( se mi venivano ;-))) le parole di M.Vignoli, per me le prime tre sono le migliori...  

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...