Vai al contenuto
  • argomenti
    7
  • commenti
    43
  • visualizzazioni
    338

[shooting exp] Ci vuole il fisico anche per sudare !

Rudolf

136 visite

Quando ho visto il nuovo libro di Alfonso Campiglio "Pocahontas" con la modella Kitti, ho pensato che aveva le caratteristiche per un set tutto impostato sul fisico.
Ho subito approfittato della sua visita a Milano per sfruttare le sue caratteristiche.
In tutti i miei set io baso il mood complessivo sulle qualità della modella, per farla rendere al meglio anzichè stressarne le attitudini in situazioni che non le sarebbero congeniali.
Kitti è ungherese ma di fatto è di stanza a Los Angeles. Ama il fitness e si vede subito che corre e frequenta correntemente la palestra. Non tutte le modelle che ho avuto modo di incontrare avrebbero potuto sostenere una intera giornata di sforzo muscolare.
 

1.thumb.jpg.7a0f9b8e2d55ed48796e9297cb8f57bb.jpg

 
Il set si è tenuto a Milano, allo Spazio Blu di Via Tortona il 18 febbraio.
Ringrazio Rossano Rinaldi e Ilaria Ferrantello per la collaborazione.
Ovviamente la modella, Kitti@EuRossModels.
Ma anche i due soci che mi hanno tenuto compagnia, Gabriele Castelli e Alessandro "'Mudmad' Fornasetti.
Il primo ha comprato per l'occasione un bilanciere con i pesi. Il secondo ha portato la sua superbicicletta in carbonio e ci è stato prezioso con la sua abilità con i cordami (che invece ho portato io).


 
Il set è stato caratterizzato da due fondali vinilici, uno raffigurante tavole orizzontali azzurre mentre l'altro una parete di mattoni anneriti.
Pavimento in parquet per facilitare l'azione atletica della modella (che ha saltato, sollevato pesi, tirato di boxe, tirato corde, corso sul posto e saltato con la corta).
 
Per il set ho utilizzato esclusivamente la Nikon D5. Come ottiche quasi sempre il nuovo Nikon 70-200/2.8E FL, con pochi scatti sulla gamma grandangolare del Sigma 24-105/4 Art.
Un solo flash Godox QT-600 II, sfruttato per la sua capacità di scatto a raffica.
I suoi 10 scatti al secondo ci hanno permesso di congelare tutte le azioni e anche di scattare in batteria, per non far troppo stancare la modella nel ripetere esercizi e sforzi.
E' un flash che per il mio uso è essenziale, simile ad un Profoto ma ad una frazione del costo.
Tre trasmettitori Godox X-T1n e un softbox ottagonale da 80cm con nido d'ape Quantuum hanno completato il corredo.
 
Abbiamo oscurato le finestre che portano luce sul fondale e messo due pannelli neri in opposizione al flash per avere il giusto contrasto.

18.thumb.jpg.021065f81e28193df6bd8a577ac465d1.jpg

37.thumb.jpg.4558c1de11a57c67216ff5b1bf4f8120.jpg

due momenti di backstage
 
L'incarnato abbronzato della modella e il tono del fondo hanno dato un tono forte alle immagini.
 
Le foto che presento non hanno alcuna post-produzione (salvo forse un paio). Sono state semplicemente esportate per questo articolo direttamente da Lightroom, senza regolazioni, profilo Adobe Camera Standard (come da scatti) in formato jpg 4K (3840x2160 punti o 2160x1440 punti).
Ci sono imperfezioni sulla pelle ma, ripeto, sono foto a corredo dell'articolo, non destinate alla stampa o alla finalizzazione critica.
 
In totale ho fatto 1441 dei quali solo 7 da scartare. Uno sfuocato per errore mio, 6 perchè ... il mio scatto si è sovrapposto a quello degli altri che mi hanno "rubato" il flash !

 

Come sempre quando si lavora con professionisti affidabili come questi, ogni sequenza rispecchia il mood elaborato.
Il servizio nel suo complesso ha più materiale valido dell'attesa, segno che le scelte fatte sono state coerenti.
 
Ho scelto questa luce e questo tono, con questo contrasto per esaltare forme e colori (il servizio è concepito per il colore, in bianco e nero avrebbe avuto altre impostazioni ma sarebbe stato un peccato).
Sono molto soddisfatto di tutto.
 
Per chi si fosse incuriosito, in allegato l'album con le foto scelte tra le tante scattate.




3 Commenti


Recommended Comments

Si vede bene che il set è frutto di una progettazione e di un lavoro di squadra.

I fondali mi avevano ingannato, ero convinto aveste fotografato davanti ad un vero muro di mattoni.

Ad essere sincero, di tutto il set, la parte con le corde è quella che meno mi convince.

Condividi questo commento


Link al commento
Ospite
Stai commentando come visitatore. Se sei registrato effettua l'accesso.
Aggiungi un commento...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×