Jump to content
  • entries
    12
  • comments
    112
  • views
    1,027

Svasso maggiore - Podiceps cristatus


Alberto Salvetti

1,648 views

 Share

Lo svasso maggiore  (Podiceps cristatus) è il più grande e anche il più comune degli svassi europei. Negli sparuti canneti del basso Garda veronese, dove bazzico io, non è molto visibile negli altri periodi dell’anno, ma nel periodo della nidificazione si fa molto numeroso e diventa l’oggetto di notevole attenzione di fotografi più o meno naturalisti.

Nonostante abbia innumerevoli foto di questo uccello, tutti gli anni  ritorno a seguirne i rituali, le lotte e l’allevamento dei piccoli di questo strano e schiamazzante uccello.  Prevedendo che per difficoltà motorie quest’anno frequenterò di meno questo luogo, vi propongo una piccola selezione del 2017.

Già da febbraio si formano le coppie e cominciano le scenografiche  lotte fra i maschi. I maschi accoppiati difendono il territorio pattugliando  l’acqua antistante il nido  emettendo sgradevoli richiami molto forti. I single sviluppano una continua azione di disturbo che molte volte si conclude momentaneamente con la lotta.  Lotte che sono teatralmente molto spettacolari, all’apparenza violente ma non sono mai cruente.

Da febbraio a giugno, gran parte del tempo è impiegato nel corteggiamento con i soliti rituali molto affascinanti.

Nella mia zona, grazie ad una gestione demenziale del canneto, le nascite sono abbastanza rare. Ma una volta nati i pulcini, ingozzati incessantemente dai genitori, crescono velocemente e vanno a incrementare il gruppo.

Fotografi.jpg

Svassi_69.jpg

Svassi_70.jpg

Svassi_75.jpg

Svassi_84.jpg

Svassi_87.jpg

Svassi_155.jpg

Svassi_157.jpg

Svassi_158.jpg

Svassi_159.jpg

Svassi_160.jpg

Svassi_161.jpg

Svassi_162.jpg

Svassi_163.jpg

Svassi_164.jpg

Svassi_173.jpg

Svassi_178.jpg

Svassi_179.jpg

  • Like 3
  • Thanks 2
 Share

21 Comments


Recommended Comments

  • Redazione

Bravissimo!

Un reportage così era nei miei obiettivi fotografici 2017.... ma la stagione è andata molto diversamente e non mi ci sono nemmeno avvicinato! ma ci riproverò quest'anno.... Grazie, di grande ispirazione.

Tanti auguri per le tue difficoltà motorie, qualsiasi cosa sia non abbatterti e fai vedere al destino di che pasta sei fatto! 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Ohh ma che figata, trovarseli battibeccare li davanti con una luce cruda e limpida, su un'acqua azzurra e altrettanto limpida come il Garda sa offrire!

Bravo Alberto, se hai una foto piu ravvicinata del pontile affollato mettila on line così da far passare la voglia ai foresti di appesantire ulteriormente la passerella :)

 

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander

Vi ringrazio per l'apprezzamento.  

Fotografare i svassi è divertente appunto perché pur sapendo cosa combineranno ( i rituali sono sempre gli stessi), nell'attesa ci si rilassa.

18 ore fa, Valerio Brustia dice:

se hai una foto piu ravvicinata del pontile affollato mettila on line così da far passare la voglia ai foresti di appesantire ulteriormente la passerella

Ho fatto questa foto col 15 mm per distanziarli il più possibile da me.  Io mi posiziono in un posto più sfigato  ma nonostante questo porto a casa diverse centinaia di scatti ogni mattina.

E non essendo distratto dalla truppa sono riuscito a fare uno scatto come questo in una mattina buia e nebbiosa.

.

Svassi_48.jpg

  • Like 2
  • Thanks 3
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Giuro se mai dovessi trovarmi in una situazione del genere, la VERA foto da fare è la coppia che fa lo show con dietro la selva di tele che punta da tutt'altra parte e secondo me il tuo punto di osservazione si presta abbastanza bene.

Link to comment
  • Nikonlander

E' gia' da ieri che le tue immagini e i tuoi scatti mi hanno affascinato Alberto. Sono molto belli tutte quante. Complimenti !!!!! 

Inquadrature curatissime, occhio addestrato e ditto pronto allo scatto.

Ma quell' ultima che hai pubblicato, fatta col 15mm, secondo me e' la piu' bella di tutte e la trovo molto poetica.

Complimenti ancora e continua cosi, sei forte.

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander
1 ora fa, Jorgos dice:

Ma quell' ultima che hai pubblicato, fatta col 15mm

Ti ringrazio per i complimenti.  L'ultima foto l'ho fatta con 810 e 300/4 FPE. 

 Il 15 mm l'avevo usato per la prima per distanziarmi dal gruppone dei fotografi.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Che sequenze stupende, bravissimo!

L'ultimissima postata, poi, è molto particolare... e particolarmente bella! 

ciao!

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Cosa aggiungere a quello che giustamente ha già detto chi mi ha preceduto, Complimenti vivissimi per il racconto, che dimostra, che non vai solo a "cacciare" immagini, ma gustare e comprendere quello che ti succede davanti all'obbiettivo....

Belle le foto tutte, come dice Valerio una foto più grande del pontile farebbe comprendere meglio secondo me il motivo della scelta di un posto più defilato da parte tua, fotografare insieme è divertente e si impara molto...ma da soli viene meglio:D

L' ultima foto è veramente particolare, una marcia in più, un grande occhio a vederla.

Edited by Gianni
Link to comment
  • Nikonlander

Aggiungo delle foto del 2019 al soggetto che nei mesi di marzo e aprile più mi attrae.  Vedere il ripetersi di questi rituali, probabilmente identici da millenni,  l'incessante corteggiamento e la difesa, vera o simulata,  del territorio da mattina a sera,  finalizzato alla riproduzione della specie, è uno spettacolo irresistibile.

Come, a me personalmente, provoca rabbia l'insensibile comportamento delle pubbliche amministrazioni che tutto pensano fuorché cercare di preservare l'habitat che consente di godere ogni anno di questo prezioso e rinnovato evento.  Da qualche anno i canneti pare che dal demanio siano passati ai comuni. Sta di fatto che i canneti non sono più tagliati da anni ed il canneto vecchio è tutto abbattuto dai venti e impedisce la crescita del nuovo. Quando va bene viene tagliato un metro di canneto dalla riva per raccogliere tutte le porcherie di plastica che si sono radunate nell'anno. Risultato di questo intervento: ad ogni burrasca rutti i nidi costruiti da canne a pelo d'acqua vengono distrutti compreso il contenuto.   Il vantato intervento naturalistico dei comuni è stato quello di rendere carrabile il sentiero che costeggia il lago, così ora il disturbo si può fare più agevolmente anche con le biciclette oltre che con i cani liberi dal guinzaglio.

Metto da parte la rabbia e carico le foto augurandovi una Buona Pasqua.

 

Svassi_21.jpg

Svassi_2.jpg

Svassi_3.jpg

Svassi_10.jpg

Svassi_11.jpg

Svassi_13.jpg

Svassi_23.jpg

Svassi_140.jpg

Svassi_143.jpg

Svassi_144.jpg

Svassi_171.jpg

Svassi_242.jpg

  • Like 1
  • Thanks 4
Link to comment
  • Redazione

Serie eccellente, condivido l'amarezza, anche dalle mie parti la "cura" degli ambienti naturali da parte degli enti pubblici è un disastro (colposo), non vado oltre.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Bella ma bella serie.. per il resto tanto per non far nomi.. Valerio e Silvio si sono già espressi..

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Bravissimo Alberto, non potrei aggiungere altro a tutto quello che è stato scritto. Immagini magnifiche :)

Link to comment
  • Nikonlander
Il 17/1/2018 at 15:50, Alberto Salvetti dice:

Svassi_48.jpg

Bellissime foto e reportage, la mia preferita è questa! 🙂

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...