Jump to content

 

M&M M&M
  • Blog

Rosso e grigio, convivenza impossibile


Silvio Renesto

468 views

Fotografati a venti metri di distanza uno dall'altro:

grigiof.thumb.jpg.6f16602eb932ea0855b09495ccf8b884.jpg

Scoiattolo grigio americano

rossof.thumb.jpg.d42704799b29dfb33bf1d27f9593a54c.jpg

Scoiattolo rosso europeo.

A Vigevano, a Legnano e in molti altri luoghi non solo da noi (quasi tutta l'Inghilterra ad esempio) , dove è arrivato lo scoiattolo grigio quello rosso è scomparso.

Quello che segue non è farina del mio sacco ma nemmeno l'ho letto sui libri o sul web,  è quanto mi è stato riferito delle  ricerche dei colleghi zoologi della mia Università, che sono all'avanguardia nello studio e la gestione della fauna selvatica.  

Decine e decine di pubblicazioni scientifiche confermano che nelle aree colonizzate dallo scoiattolo grigio, lo scoiattolo comune europeo si estingue in breve tempo. Se pensiamo che  l'Italia è l'unico paese del continente europeo (La gran Bretagna è un'isola e la escludiamo) che presenta   popolazioni naturalizzate di scoiattolo grigio, questo  rende l'italia un possibile centro di espansione per il grigio che potrebbe colonizzare buona parte dell'Europa (l'espansione è già in atto) mettendo a rischio la sopravvivenza della specie europea.

La sostituzione dello scoiattolo rosso  da parte del grigio  è dovuta a competizione, o meglio a esclusione competitiva: Lo scoiattolo grigio è avvantaggiato rispetto al  rosso per le maggiori dimensioni,  essendo un po' più terrestre può permettersi di diventare più grosso ed accumulare più grasso per l'inverno rispetto al rosso,  che è più arboricolo e non può ingrassare troppo per non perdere di agilità. Il grigio inoltre è capace di nutrirsi di ghiande (indigeribili per il rosso), infatti  il centro di origine del grigio e delle querce è lo stesso,  e si sono coevoluti. Così  nei boschi di querce il grigio tende a diffondersi ampiamente e diventare molto più abbondante del rosso. Inoltre essendo più mobile sul terreno,  il grigio oltre a sfruttare le proprie riserve di cibo sotterrate per l'inverno è in grado di trovare anche i nascondigli di cibo del rosso ed a consumarglieli. Va  a finire così che lo scoiattolo rosso d'inverno soffre la fame e può andare sottopeso. La riduzione di peso nelle femmine dello scoiattolo rosso  ne diminuisce la possibilità di riproduzione così che, mentre il grigio si riproduce ampiamente e si diffonde, lo scoiattolo rosso smette di riprodursi e pian piano scompare. Se non bastasse  lo scoiattolo grigio è praticamente immune allo  Squirrel-poxvirus, un virus fatale per lo scoiattolo rosso, ma può esserne portatore sano; le popolazioni di scoiattolo grigio possono quindi servire da serbatoio per l'agente infettivo che trasmettono al rosso. Sta di fatto (L'inghilterra insegna) che se non si prendono contromisure, l'invasione da parte dello scoiattolo grigio è una grave minaccia per la sopravvivenza dello scoiattolo europeo. Come se non bastasse, Alcuni vacanzieri hanno liberato anche piccoli nuclei di uno scoiattolo cinese, più piccolo del nostro, ma che si riproduce molto di più. 

Si potrebbe dire, rosso, grigio, ma  che importa, ma non è così. Gli animali non sono tessere isolate infilate in un mosaico, in un ecosistema animali e piante coevolvono, adattanodsi gli uni agli altri, la scomparsa dello scoiattolo rosso potrebbe ripercuotersi sulle stesse comunità dove vive con conseguenze che non sappiamo (ci sono studi in corso).

Se qualcuno avesse dei dubbi, si studi la storia naturale dell'Australia o quella della Nuova Zelanda, che di manifesti così grandi dell'ignoranza umana unita a superbia  ce ne sono pochi.

 

 

 

 

 

PS Quanto costa tenere puliti i laghi mantovani dal Fior di Loto (pianta CINESE importata un paio di secoli fa da dei nobili per "abbellimento"?) che altrimenti li soffocherebbero?

  • Like 1
  • Haha 2

10 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Grazie e Bravissimo..  approvo quanto scrivi.. compresa la stupidità umana...  ( e lì.. siamo dei campioni..  )

Link to comment
  • Redazione

Ci sono tante tante specie invasive e mutuamente esclusive con le specie locali, ma all'uomo del 2000 interessa l'aifon ICS e poco altro, non si preoccupa nemmeno di dove finisce la sua cacca, pensa un po'.

Il mare è vuoto e in TV passa la pubblicità dei filetti di merluzzo findus, una bestemmia ecologico - gastronomica. Quanti dei presenti svuotano le guance dell'orata?? spero tutti, diamine, ma credo non sia così.

Cosa c'entra con lo scoiattolo rosso? E' lo stesso principio che ne causa l'estinzione, lo stesso identico pruriginoso e mellifluo concetto secondo cui il mondo è solo un playgrond per l'uomo e tutto il creato è lì a suo uso e consumo. Lo so è scritta in un libro sta roba, un  libro redatto quando gli uomini erano tribù e la città più grande del mondo contava 10 mila anime. Ai senzienti fare i conti, agli incoscienti c'è poco da spiegare.

 

Auguri di Buon Natale  

 

29_PLS_0184.thumb.jpg.921c735303c293a5692c8020682fa748.jpg

Edited by Valerio Brustia
Link to comment
  • Redazione

Vedi male

sono due rossi. La variabilità nel colore della pelliccia non deve confondere. Nota le orecchie della femmina sono puntute e non arrotondate. Sono nostrani e cercano di mantenere la popolazione locale a livelli decenti. Siamo nel parco delle lame che come sai è isolato da tutto e da tutti....per ora.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
20 ore fa, Valerio Brustia dice:

Quanti dei presenti svuotano le guance dell'orata??

E' il miglior boccone dell'orata e dei suoi simili. 

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander
Cita

Si potrebbe dire, rosso, grigio, ma  che importa, ma non è così. Gli animali non sono tessere isolate infilate in un mosaico, in un ecosistema animali e piante coevolvono, adattandosi gli uni agli altri, la scomparsa dello scoiattolo rosso potrebbe ripercuotersi sulle stesse comunità dove vive con conseguenze che non sappiamo (ci sono studi in corso).

Molto bello Silvio, sempre interessanti le note naturalistiche oltre quelle fotografiche.

Quali ipotesi sono maggiormente accreditate al momento?

Paolo

Link to comment
  • Redazione

E' materiale non ancora pubblicato, quindi non posso scrivere i dettagli,  ma ci sono in corso  studi su  una possibile relazione tra lo scoiattolo rosso e  la disseminazione  delle spore di certi funghi che vivono in simbiosi  con gli abeti, quindi contribuendo alla salute delle foreste, cosa che non accadrebbe con il grigio. Se mai ci si vede posso raccontarti di più a voce.

 

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...