Jump to content

[cinema] Bruce Lee il riformatore


Silvio Renesto

190 views

 Share

Una chiacchierata sull'altra mia grande passione, se a qualcuno interessa, buona lettura :).

Esagerando ma non troppo:

I vecchi film di Kung Fu anni '70 (e in fondo anche molti di quelli successivi) erano fatti un po' con lo spirito da film porno :) : la trama era  poco più che una scusa per far vedere quello che davvero interessava, cioè i combattimenti. Se i combattimenti non erano belli, si restava delusi.

Bruce  Lee non deludeva mai

170722812-5c1508fe-9294-40a9-91ac-6aa8dbc657fa.jpg.4af5af03af348ac2dbb8f51676fcc62d.jpg

Bruce Lee con i Nunchaku, che rese famosi (pochi sanno che Nunchaku è il nome giapponese, in cinese si chiamano Shuang jie gun).

Bruce Lee non ha bisogno di presentazioni, è l'icona del kung fu sia cinematografico che, fino ad un certo momento,  anche praticato. 
Nel web trovate tutto e anche di più su di lui.  Questa è solo una piccola riflessione su un aspetto particolare, il suo successo cinematografico-televisivo
Cos'aveva di speciale Bruce Lee?
A parte un volto accattivante ed  una fisicità ineccepibile (era sciolto, veloce ed aggraziato come un gatto nei movimenti e, per le sue dimensioni, anche potente)

bruce_lee_fotogramma.jpg.95771bdefd6eef4622e9e6da4e3a45e9.jpg

 

Bruce Lee è stato uno dei primi "marzialisti" a rendersi conto  che quasi tutte  arti marziali tradizionali cinesi (leggi i vari stili di Kung Fu classico) nel tempo avevano perso per strada gran parte della loro essenza , diventando più che altro delle coreografie.

Mentre il gesto esteriore diventava sempre più elaborato e spettacolare, andava privandosi di sostanza, finendo in un "vuoto agitare di mani" come disse lui stesso in un'intervista. Al di là del discorso marziale, anche a livello cinematografico i combattimenti coreografati diventavano sempre più degli stereotipi sempre uguali e pochissimo realistici. Quasi noiosi. 

1519526467532_05090505_image172912_full.jpg.00e96bb2c8cb47d4b3b55ec63e98b42f.jpg

A quattordici anni mi entusiasmavo, ma in realtà quelle dita intrecciate...

Kung-Fu-Movies-10-Best-764x430.jpg.80e13c490b0accda7bc4c920ff2d3515.jpg

Artigli ovunque!

Bruce Lee  cambiò le cose.
Se non ne siete convinti, fate un esperimento:
prendete uno spezzone di film cinese di kung fu precedente a Bruce Lee e  paragonatelo con uno tratto dai suoi migliori film come "Dalla Cina con Furore" oppure con il bellissimo combattimento con Chuck Norris ambientato nel Colosseo.

Nei primi vedrete delle sequenze di uno-due -tre uno due tre: un infinito scambio di tecniche con un ritmo sempre costante, un colpo uno una parata,  un colpo l'altro, strane prese, complicati giochi di mano e di piede.


Nel film di Bruce Lee no, il ritmo è vivace e spezzato, i colpi sono semplici e verosimili (siamo comunque al cinema)  si alternano movimenti veloci a quelli più statici, con un'impressione di maggiore realismo e grande coinvolgimento. Le sue tecniche se così vogliamo chiamarle, poi sono enormemente più credibili, quasi niente colpi a braccia tese, calci pugni e proiezioni che, fatte salve le esagerazioni cinematografiche,  si sarebbero potute benissimo vedere in un combattimento vero, con colpi di anticipo, finte, cambiamenti di posizione e saltelli da pugile. 

main-qimg-327ab804369b996d952692b67f77e24f-lq.jpg.df748c2239aadd919edbef6f870cf8e5.jpg

Un sano diretto alla bocca dello stomaco

0452a371f5dc7fc968cf6bd521df7ab3--way-of-the-dragon-bruce-lee.jpg.1160b6ae11ba820439d9756b3e4d8234.jpg

Bruce Lee e Chuck Norris (che doveva perdere per contratto ;) )  un bel gancio, niente strani ricami.

1523156435_images(1).jpg.2901fc0fa6936899d548a4855106aca3.jpg

Una presa realistica, Bruce Lee sta martirizzando un giovane Jackie Chan ai suoi esordi cinematografici


Questo grande senso del ritmo, prestanza e modernizzazione delle tecniche fu la chiave del suo successo cinenatografico.

 

Van_Williams_Bruce_Lee_Green_Hornet_1966.jpg.2941dc0bbbca7ca98ca225c4e4feb62c.jpg

La mitica serie Tv "il Calabrone Verde", il protagonista doveva essere il giustiziere (Van Villiams), ma in pochissime puntate il suo  maggiordomo/autista/artista marziale Kato (Bruce Lee, naturalmente ) gli rubò totalmente la scena.

Pensate che nel suo primo film di Hong Kong (arrivato da noi tardi,  con il nome "Il furore della Cina colpisce ancora")  fino all'ultimo gli sceneggiatori erano indecisi su chi rendere protagonista. In origine doveva essere un altro e Bruce Lee doveva fare "l'amico che muore per scatenare la vendetta" , dopo aver visto  il suo modo di muoversi e portare i colpi in sequenza "sincopata", decisero di invertire i ruoli e fare protagonista Bruce Lee.

Attualizzando le scene di combattimento di Kung Fu  grazie anche al suo spiccato senso del ritmo da ex-ballerino oltre che all'esperienza marziale,  Bruce Lee ha rivoluzionato  il modo di coreografare i combattimenti. Nei vecchi film era enfatizzato questo o quello stile di Kung fu e i combattimenti erano in pratica dimostrazioni di sequenze proprie di questo o quello stile. Nei film di Bruce lee non si parla di stili, è puro combattimento, sempre cinematografico, cioè sono coreografie, ma più entusiasmanti, perchè quasi ci credi.

1686723556_images(2).jpg.1c83f05ca20b3525be9ed7c192944aac.jpg

I calci "adottati" da Bruce Lee  funzionano ancora oggi nelle MMA.

Il suo film di maggior successo, "dalla Cina con Furore" è stato rifatto dopo la sua morte con altri protagonisti di grido, ad esempio Jet Li e poi , mi pare, Donnie Yen.  Mi hanno deluso; intendiamoci, Jet li è bravissimo (è stato campione assoluto di Wushu, il kung fu per così dire "acrobatico"), ma non è la stessa cosa.

Nella pratica marziale "vera" anche Bruce Lee era partito da uno stile di Kung fu classico, il Wing Chun, un metodo di combattimento molto pratico e diretto, di solito a corto raggio, originario della Cina meridionale, ma praticato in tutto il mondo.

 

03f9456edf8bc246282d8e9033a2405c.jpg.c909d706e144e661693863e6725f649a.jpg

Un giovane Bruce Lee che si allena al classico "uomo di legno" del Wing Chun.

Se volete farvi un'idea del Wing Chun, peraltro arte marziale molto "solida" di cui ho gran rispetto, è quello con cui Donnie Yen ci appesta da anni con performances da supereroe Marvel in un film dopo l'altro, i vari "Ip Man" 1,2, 3... Ip Man fu sì maestro di Bruce Lee ma non fece NIENTE o quasi di quello che si vede nei film con Donnie Yen.

 

intro-1584382933.jpg.c1cd45b7656959987dc482cf4e206c51.jpg

 

Il Wing Chun dunque diede un'impostazione di base a Bruce Lee, che lui integrò con tutto quello che riteneva efficace, sia orientale che occidentale, Aveva capito che il combattimento evolve nel tempo  per cui si deve adeguare la pratica, che le cose complicate  difficilmente (molto)  funzionano nella realtà e che allenarsi con il il combattimento preordinato senza sparring serve a poco o nulla.

 

e876556a4ae1fedaf588733f91ac1746.jpg.b9cfbf0f1561db92c51e857d87002b96.jpg

Bruce Lee  che prova con Dan Inosanto, una tecnica di incontro.

Dan Inosanto (credo sia ancora vivo) è un grande maestro di Kali filippino (arte marziale molto pratica per cui  estremamente valida!), e compare come avversario in uno dei film di Bruce Lee. Lui e Dan Inosanto studiarono inseme e  Dan Inosanto fu accreditato istruttore di Jeet Kune do, lo stile fondato da Bruce Lee.

 

43d22822d54951db0f68e254e3ad9bde--bruce-lee-family-enter-the-dragon.jpg.133f412ab1ea55be6c7d523637aa60f1.jpg

In questa scena Bruce Lee usa due bastoni di media lunghezza, arma tipica del Kali filippino.

Il suo Jeet Kune Do o Jun Fan, o quel che è, in fondo è un metodo di combattimento che piuttosto che insegnare tecniche insegna a diventare fluidi  e reattivi, anzi proattivi.

NOTE INTEGRATIVE

Non parlo nel blog dei Wuxia, le opere cinematografiche a volte sfarzosissime, anche belle, vagamente simili ai nostri fantasy, dove l'irreale è parte integrante perciò necessaria. 

Il blog è sulla rivoluzione operata da Bruce Lee in campo cinematografico, non sull'efficacia nel combattimento sua o di chicchessia, nè si intende approfondire  questo o quell'altro discorso su uno o l'altro stile di kung-fu e relativa reale o presunta efficacia, se no si finisce nelle sabbie mobili.
In più il discorso è riferito solo alle arti marziali Cinesi antiche.  


SOLO PER I FANATICI.

Del degrado delle arti marziali cinesi dal punto di vista combattivo si era già accorto qualcuno, molto prima di Bruce Lee , negli anni '20-30, un grande Maestro, Wang Xiangzhai, proprio per questo fondo' uno stile (che ho avuto l'onore di praticare seppur brevemente) fondato sul consolidamento della struttura, coltivare l'intenzione, niente forme preordinate e combattimento a contatto. il Da Cheng Quan. Piacque persino agli occupanti Giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale tanto che un ufficiale giapponese maestro di Karate, tale Kenichi Sawai lo imparò e tornato  in patria elaborò una versione molto combattiva, il Taikiken.

Tutto quanto scritto è un'opinione personale soggettiva, supportata da studi e in alcuni casi dalla pratica, ma se  riscontrate errori, è possibile ed è solo colpa mia. correzioni ben accette.

Aperto alle discussioni purchè ...serene.

Foto da internet.
 

  • Like 5
  • Thanks 4
  • Haha 1
 Share

10 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander

interessante disamina,ho visto un paio di film con Bruce lee,ma non conoscevo quello in cui combatte la colosseo,andrò a cercarlo.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Si ho visto i film di Bruce Lee da ragazzo e naturalmente mi Piacevano e chi non avrebbe voluto essere Lui......Per quanto riguarda il discutere io non ho niente da dire, non mi ritengo adeguato, ma oggi mi hai fatto conoscere e vedere o meglio ricordare quei Film sotto un'altra Luce....Grazie
Spero che con qualcuno che pratica queste discipline possiate approfondire l'argomento  per noi altri semplici fruitori di pellicole....

Link to comment
  • Redazione

Grazie ad entrambi e grazie anche a chi ha lasciato un segno di apprezzamento.
Se qualcuno ha qualche  domanda a cui sono in grado di rispondere, molto volentieri.  

Aggiungo invece una nota sempre riguardante lo spettacolo.
Chi ha la mia età e forse anche qualcuno più giovane avrà seguito la serie TV Kung-Fu, originariamente trasmessa in USA a partire dal 1972 che diede luogo a diverse stagioni e spin off (da evitare). Molto bella.
Si tratta delle avventure di un cinese nel West unendo temi western e kung fu. Però c'è un aneddoto che fa un po' malinconia. All'idea originale della serie TV partecipò anche Bruce Lee, che sarebbe dovuto o avrebbe voluto, essere il protagonista.

Al suo posto la produzione preferì metterci invece un "bianco di alta statura" cioè David Carradine (quello di Kill Bill), perchè pensava avrebbe attratto più audience.

 

a6ccc982e5524315a795bb95dd208d51.jpg.b2c1b3575dd9cf2fc69d22be3bb52c46.jpg

David Carradine, nella serie era un monaco buddhista combattente, in fuga dalla Cina perchè ricercato. Mezzosangue, perchè difficilmente poteva passare per un vero Cinese

Furono modificati la trama ed il personaggio (da semplice immigrato a monaco buddhista fuggitivo ) per adattarli meglio alla figura di Carradine, il quale  non sapeva un'acca di arti marziali, ma venne ritenuto lo stesso adatto (con ragione) perchè sapeva ballare, quindi aveva il senso del ritmo.

MV5BODUyYzVhN2QtMjdjYi00ODcyLTkzYzYtM2Q2ZGIwNzE2NzkwXkEyXkFqcGdeQXVyODY2NDUyNjI@._V1_.thumb.jpg.fae710a25234be57f9a512af35bf5074.jpg

Le puntate erano piene di flashback molto belli (anche se non sempre realistici) ambientati nel monastero dove il giovane monaco riceveva insegnamenti buddhisti e taoisti oltre che imparare a combattere.  Dietro ad un Carradine "pelato"c'è  il grande  attore Keye Luke nel  personaggio del maestro cieco.

 

David_Carradine_Chief_Dan_George_Kung_Fu_1973.jpg.947b935c13d0eb720a253ae19e3e922c.jpg

In molte puntate si trattava il tema delle oppressioni sulle minoranze degli immigrati cinesi,  dei nativi americani, o sui neri. 

Con protagonista Carradine  il tutto prese probabilmente una piega più meditativa di quanto sarebbe stato con Bruce Lee, ma  fu comunque  una scelta azzeccata, la serie ebbe un enorme e meritato successo, perchè per l'epoca era fatta molto  bene, le trame degli episodi erano sensate e interessanti, e  le coerografie marziali erano appaganti. 

La versione più simile a come l' aveva pensata Bruce Lee (il protagonista è un semplice immigrato)  è stata realizzata nel 2019 e trasmessa su qualche piattaforma streaming. Non mi ha ispirato molto.

 

 

  • Haha 2
Link to comment
  • Nikonlander

questa serie TV me la ricordo bene,molto bella,come dici tu,la trama era realistica e non c'era esagerazione nelle scene di lotta.una bella serie davvero,peccato non facciano più serie così.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Anche io me la ricordo.... bella credo di essermi perso poche puntate (forse)...
Queste cose non le rifanno mai....chissà se mi piacerebbe ancora io credo di si...

 

Link to comment
  • Nikonlander

Grazie Silvio , apprezzo molto forse perché il karate è lo sport sono le mie passioni più grandi, per me Bruce è stato un mito,  io ero praticante di Karate stile shotokan fino al covid poi mi sono fermato perche non c'erano più le condizioni sanitarie 

Ricordo tutti i film da te menzionati compreso la serie di David C. non sapevo però che doveva essere Bruce il protagonista.

Grazie ancora 

 

 

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Grazie per l'approfondimento, l'argomento mi interessa anche se sono sempre stato un fruitore da popcorn del "Cinema da combattimento".

Riguardo al realismo, non mi ci metto nemmeno dato che sono diventato un fan del cinema indiano, tipo RRR.

Tra i film di Bruce Lee sono particolarmente affezionato a due: I 3 dell' Operazione Drago (che ha ispirato anche un paio tra i primissimi numeri di Nathan Never) , e L'Urlo di Chen terrorizza anche l'Occidente, che è quello girato a Roma, col mitico scontro con Chuck Norris. Memorabile una scena in cui Bruce Lee lo alza di peso afferrandolo per i peli del petto :D

 

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano
20 ore fa, Gabriele Castelli ha scritto:

 

Tra i film di Bruce Lee sono particolarmente affezionato a due: I 3 dell' Operazione Drago (che ha ispirato anche un paio tra i primissimi numeri di Nathan Never) , e L'Urlo di Chen terrorizza anche l'Occidente, che è quello girato a Roma, col mitico scontro con Chuck Norris. Memorabile una scena in cui Bruce Lee lo alza di peso afferrandolo per i peli del petto :D

 

MI! se non ricordo male gli strappa via una ciocca del vello pettorale dell'incredibile Norris :)

Grande Silvio, per quelli della mia età Bruce Lee è un mondo a parte, un capitolo a sè. Indimenticabile, inimitabile ed irripetibile .... come Ritchie Blackmore quando aveva la basette lunghe e non portava i baffi ... son più o meno gli stessi anni.

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Ho pochi miti ma Bruce Lee è uno di quelli. Non è stato solo un grande cultore del kung fu, è stato una bella persona, semplice e comune. Era questo il segreto del suo successo. Fui molto addolorato dalla sua prematura scomparsa. Ho visto tutti i suoi film e quando capita me li rivedo sempre volentieri. Grazie Silvio.:)

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...