Jump to content
  • entries
    45
  • comments
    197
  • views
    6,330

Smitizziamo lo smitizzabile


Tanker

584 views

Il titolo si rifà alle tante chiacchiere che circolano sulla famosa Area51 nel deserto del Nevada. Dato che a suo tempo ho cercato di avvicinarmi all'a zona,posto qui alcune considerazioni per i cacciatori di UFO .C'è gente infatti,che si è costruita un'immeritata e lucrosa fama,postando prima sulla carta stampata e poi sul web,vero altoparlante per legioni di idioti, un sacco di stupidaggini in merito a questa installazione. Con alcuni amici,durante le scorribande negli USA,tentammo di approssimarci alla zona ; in un caso arrivammo alla sommità di una collina,mooolto distante,da cui si vedeva la base,o quantomeno,ciò che si poteva intravedere data la forte calura che rendeva l'aria tremolante,Ci andammo in due occasioni,di giorno e di sera,in entrambi i casi,nonostante la lunga permanenza,non abbiamo visto nulla a parte qualche coyote e crotalo.

Da Las Vegas la strada ci porta alla Nelliss AFB,qui si svolgono le grandi esercitazioni Red Flag e Green Flag con velivoli provenienti da vari paesi .Un tempo ci si poteva mettere nella zona desertica a ridosso della testata pista,con un 300mm si facevano buoni scatti ai velivoli in atterraggio o decollo,purtroppo dopo l'11 settembre,l'area a sud della strada è stata federalizzata ed ora non è più possibile accedervi.E' quindi giocoforza accedere al parcheggio presso l'autodromo e scattare da li,però in questo caso un 5/600mm è d'obbligo.A volte,complice il vento,usano la testa in direzione di Las Vegas,qui c'è una strada che porta ad una zona industriale,qui basta un 300mm,ma è poco utilizzata e in più c'è traffico pesante e qualche cane che non disdegna di assaggiare le vostre caviglie....uomo avvisato.........le due zone son visibil nella prima immagine.

Prendendo la interstate 95,conviene dirigersi verso Indian Springs se si vuol vedere i Thunderbirds durante il loro addestramento (parliamo dei mesi da novembre a febbraio),qui ci si può fermare lungo la strada per vederli in atterraggio/decollo,altrimenti bisogna continuare verso Mercury e da li dirigersi verso il Papoose Lake per vederli evoluire in cielo,per le foto qui serve almeno un 800mm e un pick-up sul quale porsi per fotografare,non è consigliabile scendere e stare col naso all'insù in pieno deserto,il pericolo vien dal basso coi crotali che si mimetizzano perfettamente col terrenoe il rischio di calpestarli nella foga di far una foto rimane sempre alto........

Nella seconda foto si vede la zona di Mercury,da li si potrebbe arrivare alla nostra destinazione,ma va detto che dopo aver oltrepassato Mercury ed esserci inoltrati lungo lo sterrato che porta al Papoose Lake,si trovano i cartelli che indicano che siamo in zona federale e neanche a farlo apposta i GMC blu della security spuntano dal nulla per rispedirti indietro.quindi fine della storia.

Ragion per cui,da Nellis,prendiamo la interstate 15 e quindi l'intersezione per la 93 seguendola sino a Crystal city,da qui imbocchiamola 375 per Crystal city e nel mezzo ci fermiamo alla famosa black box vedi foto 3. Qui ci sono alcuni tratturi che portano verso l'Area51 che in codice ICAO è nota come Homey Airport,però anche qui,sorge il problema della security affidata a compagnie private composte per la maggiore da ex militari. Da qua un tempo era possibile approssimarsi,come detto in precedenza,a delle alture da cui si vedeva la base,però con scarsi risultati.la base è visibile nella foto 4.

Allora,dopo le indicazioni geografiche,dobbiamo fare chiarezza sulle origini di questa struttura. Nacque nei primi anni '50 nell'ambito del progetto Aquatone della CIA per lo sviluppo del ricognitore U-2,all'origine gli venne affibbiato il nome della città natia del direttore della CIA Helms,ovvero Watertown, quindi come sempre in ambito CIA,venne designata ufficialmente Station D.Gli impiegati della Lockheed invece la chiamarono colloquialmente  Paradise Ranch, nel 1959,a seguito dell'acquisizione di un'adiacente area della Commissione Atomica denominata area 51,ne assunse in modo non ufficiale il nick e divenne per tutti area 51 così come la conosciamo oggi. All'inizio,la base aveva delle dotazioni veramente spartane ed a eccezione di un corpo di guardia,nessuno risiedeva stabilmente nella base.Dal lunedì al venerdì tutto il personale veniva trasportato da Las Vegas,in seguito,date le ovvie complicanze logistiche vennero realizzate le infrastrutture necessarie e nel tempo la base crebbe sino ad essere ciò che è oggi.E' sempre stata sede di velivoli sperimentali generati da programmi black,poi nel tempo son sorte tante chiacchiere su presunte navicelle aliene da cui carpire tecnologie.Eì vero che talvolta vox populi vox dei,ma in mancanza di prove certe,sinceramente rimango scettico al riguardo. Ecco,solo due brevi note per sfatare tante dicerie.

 

 

nevada1.jpg

nevada2.jpg

nevada10.jpg

area51.jpg

  • Like 7

19 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Area51 per me ha la stessa valenza del triangolo delle Bermude o Roswell. Credo che certi luoghi più che altro alimentino il business turistico. Al massimo si può dire che nel caso dell'Area51 la base militare esiste davvero. Cosa ci faranno dentro? Presumo dovrei pormi la stessa domanda per tutte le basi militari del mondo. Dovendo capitare in Nevada preferirei visitare la Death Valley, magari cercando di non perdermi. :)

  • Like 1
Link to comment
  • Redazione

Reportage interessante, fotograficamente è fantastica la casella postale piantata in mezzo al nulla.

  • Like 1
Link to comment
  • Redazione

Bel racconto. Ammetto che, pur non credendo alla storia romanzata, un qualche fascino l’area 51 per me lo ha. O forse è solo la voglia di andare a gironzolare laggiù?

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander

Max, è risaputo,che ai Presidenti,a seconda del loro orientamento verso il sistema militare/spionaggio, vengono date o meno certe informazioni e non tutte.Obama era tra quelli che come Carter volevan fare chiarezza su taluni aspetti,ma poi vennero indottrinati in modo da agire diversamente.In mancanza di documenti ufficiale e/o prove certe,possiamo solo fare supposizioni.Sono scettico circa le storie di astronavi aliene o addirittura alieni presenti in base,di sicuro sappiamo anche da fonti ufficiali che vi si svolgono i test dei velivoli più avanzati ,alcuni dei quali non hanno valenza operativa ma servono solo per testare le tecnologie da applicare poi ai velivoli di serie.Ricordo che un ex pilota di A-10,venne coinvolto nelle fasi di sviluppo dell'F-117,per diversi mesi,sotto controllo medico,vennero addestrati a vivere di notte come fosse di giorno,alle mogli raccontavano che dovevan volar di notte per sviluppare una versione dell'A-7 Corsair,ma in realtà volavano sul 117.Giusto per dirne una,senza dimenticare il famoso programma Aurora volto a dare un sostituto dell'SR-71 e che molti,specie dopo l'incidente di Boscombe Down,mettono in relazione col l'YF-23 della Northrop.

Personalmente son aperto a tutte le ipotesi,guardando dal punto di vista scientifico non posso non credere che non ci siano altre forme di vita nell'universo,quanto al contattarle magari è un altro discorso.

  • Like 1
Link to comment
  • Administrator

Eh, no, siamo seri : gli UFO esistono e in quel posto sono stati esaminati gli alieni :marameo:
E chi si avventura la attorno a curiosare, non viene morso dai serpenti, viene prelevato con pickup privi di insegne, internato in manicomio senza assistenza legale, ed imbottito a vita di tranquillanti ;)

  • Like 1
Link to comment
  • Administrator

Tornando seri, lo sapete che ci sono aree del globo che sono volutamente "oscurate" in Google Maps ?

Link to comment
  • Nikonlander

si lo so Mauro,non solo in USA ma in diversi Paesi. Riguardo il deserto,devo dirti che quella dei van blu che appaiono dal nulla e ti bloccano e rispediscono indietro è storia vera,capitò pure a noi nel '95 dato che volevamo ripetere le precedenti esperienze cercando magari di andare più vicino,dopo qualche minuto che eravamo nel tratturo,apparvero due van blu che ci fermarono,scesero quattro tizi vestiti di scuro con occhiali scuri e ci dissero di ritornare indietro che quella era zona federale e pertanto non ci si poteva stare,così finì la nostra avventura....

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

MIB? Niente sparaflashata? xD ( Vabbè. nel caso non dovresti ricordarlo )

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Bell'articolo, sempre interessante leggere della misteriosa area 51!

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Tempo fa su Sky vidi un documentario, credo di National Geographic, che illustrava molto bene fin dagli inizi la storia di questa base, smitizzando tante leggende e confermando ciò che ci ha raccontato qui Tanker.

Mi colpì il fatto che nei primi anni il personale ogni mattina venisse imbarcato su un aereo per portarlo alla base e riportato indietro ogni sera, personale a cui veniva fatto obbligo di non raccontare a nessuno, nemmeno ai più stretti familiari, cosa facesse esattamente là e quale fossero le sue reali mansioni.

Inutile dire quale fosse il budget di spesa del governo federale per l'operatività della base... $$$ 

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Ho letto poco fà l'articolo posto da Tanker, molto bello .. e anche le sue esperienze personali in merito, sono interessanti; vi è una giornalista statunitense, Annie Jacobsen che ha scritto un libro su area 51, volume che in ultima sintesi dice quanto ha scritto il nostro in maniera più approfondita, peccato che della stessa vi siano altri libri anchessi interessanti ma solo in lingua inglese.

1572672665_area51.thumb.jpg.30e3a1b33028b4259806f7be32f09a2a.jpg 

e degli UFO da un'ipotesi particolare..   

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Un fascino ce l'ha, di sicuro. Vuoi mettere il racconto dell'invito a smammare che effettone !

Da li' a dire che combinino dell'altro ce ne passa e qualcuno qualcosa di piu' "sicuro" lo avrebbe sicuramente notato, soprattutto ora che si e' commessi gia' con uno smartphone.

 

Link to comment
  • Nikonlander

ci son delle immagini d'epoca che testimoniano l'attività al Ranch,come si vede i test in questa immagine son relativi alle prove motore dell'A-12,il velivolo che la Lockheed costruì per la CIA e da cui derivò l'SR-71.Qui è impegnato nei test motore con ancora installati i provvisori J79 in attesa dei definitivi J58,Si nota sulle ali la presenza di due serbatoi esterni sistemati per comodità durante i test dato che ancora non si era risolto il problema della tenuta dei serbatoi alari.problema mai risolto peraltro.Quindi nulla di alieno ma sviluppo di tecnologie anni 60.

274149012_10226903462710817_4185493016017726288_n.jpg

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Il tema "alieno" è argomento assai spinoso, indipendentemente dalla "fede" od il fascino che lo avvolge, in quanto mistero.
Citando una grande scienziata (atea) intervistata più volte sull'argomento e sul quale non si è mai sbilanciata (da vera scienziata) senza evidenze certe, un giorno rispose alla domanda sull'esistenza degli alieni; "pensare di essere gli unici esseri intelligenti nella vastità dell'universo l'è un po' presuntuoso"

Detto questo, ci sono testi antichi, religiosi e non, di civiltà diverse e religioni ed epoche diverse, che conducono tutti verso una teoria coerente alle varie narrazioni, comprese quelle fantasiose (tipo Omeriche).

Sarebbe complicato e lungo spiegare tutto in un post di un forum, chi vuole può documentarsi in rete.

Restando tuttavia in tema, ci sono testimonianze di ex lavoratori (ingegneri testoni) dell'area 51 che hanno lavorato a progetti di ingegnerizzazione inversa su velivoli sconosciuti, persone che sono passate a miglior vita (misteriosamente) dopo il loro outing ma che qualcosa hanno lasciato trapelare.

Ammetto di essere appassionato da anni all'argomento e che di cose ne ho lette tante, a partire dai tempi antichi (Sumeri) fino ad oggi, le storie create per affascinare od attrarre attenzioni sono ben riconoscibili da quelle che invece sono coerenti con la storia scritta e tramandata.. (andatevi a chiedere come mai i Dogon sapevano circa 2000 anni prima di noi dell'esistenza di SirioB, giusto per citarne una) ... 

Concludo... il tema è molto bello affascinante, non richiede fede ma curiosità, per saper distinguere la narrazione da ciò che ipoteticamente probabile anche se non confermato dalla scienza attuale e di certo non lo verranno a raccontare a noi, del perché è esistita l'area 51 e dove è stata trasferita oggi per i progetti top secret.

Comunque è interessante il reportage, dovessi partire io per un luogo misterioso, non inizierei dall'area 51 ma da luoghi storici molto più antichi, perché se non conosci la storia, non puoi capire il presente. 

  • Haha 2
Link to comment
  • Redazione
1 ora fa, Dario Fava ha scritto:

Il tema "alieno" è argomento assai spinoso, indipendentemente dalla "fede" od il fascino che lo avvolge, in quanto mistero.
Citando una grande scienziata (atea) intervistata più volte sull'argomento e sul quale non si è mai sbilanciata (da vera scienziata) senza evidenze certe, un giorno rispose alla domanda sull'esistenza degli alieni; "pensare di essere gli unici esseri intelligenti nella vastità dell'universo l'è un po' presuntuoso"

Detto questo, ci sono testi antichi... 

Senza dubbio sarebbe presuntuoso, anche se sui visitatori extraterrestri la penso diversamente.
Non entro in discussione però, sarebbe mortalmente OT, solo racconto a Dario (e a tutti voi) che fui colpito leggendo il Mahabharata (antichissima epopea indiana) dove si narra di armi di origine celeste (astra) che potevano essere evocate/attivate solo recitando dei mantra, tanto che un guerriero non potè usare la sua perchè non si ricordava il mantra per farla funzionare. Mi venne da pensare che i mantra potessero essere una specie di istruzioni d'uso. Tutto qui e scusate l'OT :)  

  • Like 1
  • Haha 1
Link to comment
  • Administrator
1 minuto fa, Silvio Renesto ha scritto:

...

) dove si narra di armi di origine celeste (astra) che potevano essere evocate/attivate solo recitando dei mantra, tanto che un guerriero non potè usare la sua perchè non si ricordava il mantra per farla funzionare. Mi venne da pensare che i mantra potessero essere una specie di istruzioni d'uso. Tutto qui e scusate l'OT :)  

Come noi con le password...

Ora infatti uso l'impronta digitale: ma se si scassa lo smartphone torno nei guai!

  • Thanks 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...