Jump to content

Ronald Brautigam : I concerti per pianoforte di Beethoven


M&M

15 views

 Share

folder.thumb.jpg.276856ecb9792d783fcd0ac7cfccad85.jpg.8f820452bf9f4011b500235c379fd5bd.jpg

Beethoven I Concerti per pianoforte e orchestra
Ronald Brautigam, fortepiano
Die Kolner Akademie diretta da Michael Alexander Willens

Bis 2019, formato 96/24

***

Il fortepiano non è uno strumento antico, non è un clavicembalo, è il primo tipo di pianoforte.
Nato in Italia nel 1710 era caratterizzato sin dall'inizio dalla percussione delle corde al contrario degli altri strumenti a tastiere che invece pizzicavano le corde per ottenere il suono.
Era costruito con una cassa di legno e fino alla prima metà del '800 è stato lo strumento di elezione dei musicisti europei.
Già Bach apprezzo i fortepiani Silbermann di Berlino di cui Federico di Prussia aveva una collezione nelle sue residenze.
Ma poi Mozart, Haydn e naturalmente Beethoven che pensò tutta la sua musica al e per il fortepiano.

L'evoluzione con cassa interna in ghisa, l'allungamento della coda, corde più lunghe, spesse e tese, migliori sistemi di percussione portarono - ma solo nell'ultima parte della sconda metà dell'ottocento, al pianoforte che conosciamo oggi. Che solo nel '900 è diventato capace di intrattenere sale da concerto molto grandi ed assorbenti.

Insomma, senza il fortepiano non ci sarebbero i fantastici Fazioli di oggi.
E nemmeno tutta la musica per pianoforte del periodo classico e romantico.

Il pianista olandese (classe 1954) Ronald Brautigam non è il primo ad usare il fortepiano (naturalmente ha un trascorso discografico e di performance con il pianoforte) ma è il primo (credo) a completare le opere di Beethoven a quello che era lo strumento di Beethoven.
Dopo le sonate e tutte le variazioni è adesso il momento dei concerti.

E intanto lo stesso Brautigam ha assunte anche l'aspetto ... di Beethoven.

1021249772_BrautigamBeethoven.jpg.fb587fdec7e658280af9e80011a5990b.jpg.f6a0c0687f36ab7b42176500dcfa89cb.jpg

Ronald e Ludwig

2107222344_BeethovenSiegburgBrautigam(1von1)-3-min.thumb.jpg.6f1e150a3679d131102fb08a863f4042.jpg.038247c6919c318572045d83e46fce36.jpg

Brautigam al fortepiano in concerto solistico.

Lo strumento usato per i primi tre concerti è un Paul McNuty del 2012, costruito sul modello originale Walter & Sohn del 1805.
Anton Walter era il più famoso costruttore di fortepiano della sua epoca. I suoi strumenti erano molto costosi ma tra i suoi clienti annoverava Mozart, che comprò il suo fortepiano nel 1782 e Beethoven che ne acquistò uno a buon prezzo nel 1802.
Si tratta di uno strumento in noce di 221 cm e circa 97 chilogrammi con la cassa alta solo 32cm.

1096961235_Senzatitolo-1.thumb.jpg.02f8fc61f2a86f7635232d6ece8615fc.jpg.0fc5e5a14e842abb8d9489dab41b5baa.jpg

Per il 4° e 5° concerto invece Brautigam è costretto ad usare uno strumento più pesante del 1819, di Conrad Graf, lungo 240cm, alto 35 e del peso di ben 160 kg.

524416371_Senzatitolo-2.thumb.jpg.a0d777ec18c3f1751543f874d16c3b24.jpg.43c84d10a4c581fff945b9dce93b0d67.jpg

Questo era il fortepiano di Beethoven, di Chopin, di Robert e Clara Schumann, di Liszt, di Mendelssohn e di Brahms.

Bene, fatte queste premesse, come sono questi dischi ?
Appena fatto l'orecchio alla pressoché mancanza di bassi del fortepiano e ad un suono più brillante e molto meno potente di quanto siamo abituati si comincia ad apprezzare l'equilibrio tra il solista e l'orchestra.
La tessitura complessiva è più chiara, la tonalità complessiva lo è.

Bratigam suona in modo molto brillante, specialmente nei primi tre concerti. Più ampolloso e più autoindulgente - come è giusto - negli ultimi due.
E a me viene naturale immaginare che davanti a me ci sia lo stesso Beethoven ansioso di mostrarmi come sentiva lui le sue creature.
Il risultato è estremamente convincente e questa, nel suo complesso, mi sembra una delle più belle interpretazioni di questi concerti degli ultimi anni.

In una parola illuminante.

Anche l'orchestra è molto brillante ma nel complesso leggera. Giustamente in equilibrio acustico con il solista.
Certo da ascolto ravvicinato (come con i miei monitor) perchè in una sala delle nostre credo che in fondo non arriverebbe molto del volume complessivo.

La registrazione nel suo complesso è chiara per non oscurare il pianoforte che si staglia perfettamente in mezzo all'immagine.
 

- segnalo della stessa serie sempre da Bis e consigliatissimi :

folder.thumb.jpg.0ef40221e8264ca599a1d88b7de0d62e.jpg.a49db0687491b35a77701d805d3cc688.jpg

cover.jpg.6e9ad77544df505d354ce92a8cc36b36.jpg.fb8edd0f066c6771661a783700171e2a.jpg

che costituiscono adesso un unicum complessivo sul Beethoven originale (non necessariamente filologico, qui in fondo c'è solo lo sforzo di ristabilire i volumi e i suoni originali ma la prassi esecutiva è quella moderna cui siamo abituati, almeno quando il solista si mette al servizio della musica con amore, passione, vicinanza con la partitura originale.

Ronald-Brautigam-e1444914835821.jpg.9bfb467f3c231e3d095f30203e63c545.jpg

 Share

0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...