Jump to content
  • Silvio Renesto
    Silvio Renesto

    Nikon 300mm f4 PF e Lente Canon 500D , prova sul campo.

    Nello scorso articolo avevo illustrato l'uso della lente addizionale SIGMA AML da 1,5 diottrie, del tutto paragonabile alla Nikon 5T, ed avevo concluso che le lenti addizionali  rendevano al meglio ed erano più versatili con gli zoom medio tele come il 70-300mm af P. 
    All'epoca, John Shaw nella sua "Guida pratica alla Macrofotografia"  (Editrice Reflex)  suggeriva infatti di usare la Nikon 5T con l'80-200 f4 AiS. Quelli erano i tempi in cui gli zoom di qualità  più diffusi avevano apertura massima f4 e diametro filtri da 62mm. Oggi quasi tutti usano invece zoom di apertura f2.8 e diametro filtri da 77mm. Esistono lenti di potenza non esagerata con quel diametro, che abbiano anche buona qualità? Certo ma bisogna affidarsi ad altre marche, esattamente a Canon che produce un'ottima lente addizionale acromatica (a due elementi) la Canon 500D, che viene proposta con diversi diametri fra cui anche 77mm. 

    500D1.thumb.jpg.f97a0aea73b16a2ec50c22bb7f062f98.jpg

    Massimo Vignoli mi ha gentilmente prestato la sua Canon 500D per farne un breve test.  Io non ho uno zoom 70-200 f2.8 (che sarebbe la morte sua), per cui l'ho provata sul Nikon 300mm f4 Pf che comunque rimane entro il range di utilizzo suggerito (Canon garantisce una buona resa dai 70mm  fino ai 300mm).

     

    Come è fatta e come funziona.

    La 500D di diametro 77mm è piuttosto costosa, ma è fatta bene. La costruzione è impeccabile,  solido metallo e vetro.

    E' una lente da due diottrie quindi intermedia fra la Nikon 5T (1,5 diottrie) e la 6T o le  Marumi 330 (3 diottrie). questo significa che la sua distanza massima di messa a fuoco (cioè con obiettivo ad infinito) è pari a 50cm  (si calcola così: distanza max di messa a fuoco in mm = 1000/n. diottrie). 

    Come tutte le lenti addizionali il suo rapporto di riproduzione è tanto maggiore quanto maggiore è la focale dell'obiettivo su cui viene montata (ci sono varie formule, la più semplice è Ingrandimento= n. diottrie x lunghezza focale obiettivo in metri) per un 300 mm si ha  quindi Ingrandimento=2x0.3=0.6 ossia poco più di 1:2 a 50cm dalla lente frontale, non dal sensore. Questo con l'obiettivo ad infinito. alla minima distanza di messa a fuoco si  hanno ingrandimenti ancora più spinti.

    Le foto che seguono  sono state scattate con la Nikon D500 che ha un sensore APS-C quindi il "ritaglio" porta ad inquadratura pari quasi ad un rapporto di riproduzione di 1:1 (0,9). Niente male.

    500D2.jpg.9c4778c1c7c5351676a7412b220fb044.jpg

     Copertura d'immagine del 300mm f4 P alla minima distanza di messa a fuoco,  sensore APS-C

    500D3.jpg.f77bf3106b12330820a5d7a3e894825b.jpg

     

    Copertura d'immagine del 300mm f4 P, messa a fuoco ad infinito con la lente Canon 500D,  sensore APS-C.

     

    500D4.jpg.81a9afc451c125c3517314176632e398.jpg

    Copertura d'immagine del 300mm f4 P alla minima distanza di messa a fuoco con la lente Canon 500D,  sensore APS-C.

    Sul campo.

    Versione breve: si possono ottenere risultati molto buoni, ma non è semplice. Vediamo perchè.

    Occorre scattare a diaframma chiuso  almeno ad f8 sia per avere un minimo di profondità di campo che soprattutto perchè a f4-5.6 la resa è eccessivamente morbida e a questo si aggiunge che ogni minima imprecisione della messa a fuoco viene amplificata.

    Il range di messa a fuoco è estremamente limitato. Si va da 50cm a circa 35cm dalla lente frontale. quindi non si ha molto spazio di manovra per aggiustare il fuoco e regolare l'ingrandimento.. Questo per me è il problema maggiore, specialmente con un 300mm fisso, con uno zoom sicuramente si avrebbe più agio di gestire l'inquadratura.

    Spiego meglio: con il 300mm si ha un rapporto di ingrandimento poco variabile, con uno zoom invece pur rimanendo alla stessa distanza si ha la possibilità di variare molto l'ingrandimento variando la focale, con un 70-200 si andrebbe  da 1:7 a oltre 1:2. 

    Con un po' di impegno però i risultati si avvicinano a quelli di un vero macro. Come ho già scritto sopra  un sensore APS-C la copertura di immagine è pienamente paragonabile a quella degli obiettivi  macro. Le foto sono state scattate a diaframmi fra f8 e f16.

    lic1.thumb.jpg.e6c1e56629b9072e65387e206f9c4658.jpg

     

    lic3.thumb.jpg.731ee8345e391cc80be5c9a19f980cfe.jpg

                          Queste Licenidi sono lunghe da due a tre centimetri.

     

    ape2.thumb.jpg.7a49b6e456663df39c92515bd71d1c58.jpg

    Ape su fiore

     

    apecrop.jpg.bb80ffabd5caae3941d1630e74acb2db.jpg

    Crop 100% l'immagine è stirata dal browser  se cliccate sopra  e la aprite sarà più nitida. Soffre anche via di un po' di rumore dovuto agli ISO elevati, ma si vedono gli ommatidi (le cellette degli occhi composti).

     

    orth1.thumb.jpg.bf8d26e5f409bd9c9ae63f540c8ac1dc.jpg

     

    orth2.thumb.jpg.a2664e7736874df9cd8650b03704c642.jpg

    orth2crop.jpg.aed89684664335d192b1c5541931cd2c.jpg

    Crop 100%, vale il discorso precedente, cliccateci sopra per aprirla.

     

     

    Come vedete, la nitidezza può essere sorprendente.

     

    Conclusione:

    La Canon 500D è una buona opzione per uscite  come un' escursione in montagna, in cui ci si porta ad esempio un teleobiettivo lungo per la fauna ed uno zoom 70-200 f2.8 per le foto ambientate, ma si vuole ugualmente essere in grado di poter riprendere anche un soggetto da vera macrofotografia se capitasse l'occasione, senza doversi sobbarcare il peso di un altro obbiettivo, semplicemente trasformando il 70-200 in un macro tramite un aggiuntivo che pesa ed ingombra poco più di un filtro. 

    Per la fotografia ravvicinata (al di sotto di 1:3) oppure per uscite dedicate alla macrofotografia,  invece ci sono soluzioni migliori.

     

    Grazie a Massimo Vignoli per avermi prestato la sua lente per il test.

     

     

    Edited by Silvio Renesto



    User Feedback

    Recommended Comments

    Silvio, avendo usato anche la Marumi da tre diottrie, che idea ti rimane circa l'omogeneita centro/bordi a diaframmi medi e aperti nel confronto tra questi due doppietti acromatici, pur considerando la differente potenza che ovviamente un pò la "danneggia" su questo parametro, nei confronti di questa Canon?

    Peraltro su Amazon vedo che il diametro da 72mm (che sarebbe quello ideale per i 70-300mm) costa la metà di quello da 77mm che hai provato.

    Diventa un prezzo interessante rapportato ai concorrenti

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Bisognerebbe  provarle sullo stesso  obiettivo per avere un confronto affidabile,  perchè la resa dipende dalla lente ma anche da quanto è corretto l' obiettivo su cui viene montata. In linea generale le lenti addizionali sono sempre un po' meno nitide ai bordi che al centro, in fotografia naturalistica non importa, ma potrebbe vedersi nelle riproduzioni di oggetti piani che vadano fino a bordo immagine.  

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...