Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Sigma USB dock tutorial

    usb.JPG.8da11ba83b247cfbbb8ebccb83eb0bd9.JPG

    Letto su Instagram  #sigma_photo_italia :

    E' disponibile qui  la playlist dei sette tutorial con le indicazioni in italiano sul migliore utilizzo del prodotto SIGMA USB DOCK, l'intefaccia di personalizzazione dell'obiettivo, e il suo programma dedicato e gratuito: SIGMA Optimization Pro.
    Brevi e chiare istruzioni per sfruttare al meglio le potenzialità degli obiettivi SIGMA, per migliorare la resa e la qualità delle fotografie.

    Ne abbiamo lungamente parlato su Nikonland, quando facevamo uso costante delle ottiche Sigma Art, Sports e Contemporary, ossia quelle predisposte all'interazione con questo dock di regolazione e correzione anche dei potenziali problemi di front e rear focusing, adesso dimenticati in epoca mirrorless.

    Sono certo che ancora oggi esistano molti lettori in possesso di queste ottiche e questa playlist pubblicata su You Tube, può sicuramente ovviare al fatto che la Redazione di Nikonland, ben raramente, tornerà a trattare questi argomenti.

    Lo abbiamo fatto in tempi non sospetti e per primi, in italiano:

    http://www.nikonland.eu/forum/index.php?/page/indice.html/_/biettivi/obiett/sigma-500mm-f4-sports-testprova-r1033?pg=7

    Ne siamo orgogliosi, sapendo di aver reso un buon servizio all'importatore italiano con il quale abbiamo collaborato a lungo negli anni passati:

    1.JPG.aca376a6bcf7ac2d258fe27eb3671c67.JPG2.JPG.55b14b6830a983d3d16b186621e1097f.JPG3.thumb.JPG.23993f6e83d34d3153e6352744c00d3d.JPG4.thumb.JPG.fa84d7ff50989e0cf620382a0d388e7a.JPG5.thumb.JPG.887255b8137e0e80cf4869b24ef39332.JPG6.JPG.3762c39a6a4f56d6798aac1642d85866.JPG

    (Mauro Maratta Sigma Italia Ambassador)

    Buon divertimento...

     

    User Feedback

    Recommended Comments

    In queste sere lo sto testando per mettere a punto il sigma art 24-105mm f/4. Il software sigma è intuitivo e nel caso del 24-105 si limita alla regolazione autofocus.

    Presenta una griglia di 16 combinazioni; 

    • 4 per lunghezza focale (24/50/70/105mm)
    • 4 per distanza messa a fuoco (Circa 0,45m, valore minimo di messa a fuoco, circa 0,8m, 2m ed infinito). 

    La procedura di aggiornamento è semplice; quello che è delicato e richiede tempo è la definizione di front/back focus rispetto alla taratura di base.

    Nella sostanza:

    • macchina sul cavalletto ed alla distanza di messa a fuoco va posizionato il righello di calibrazione/mira ottica, nel mio caso un Maximafoto
    • Massima apertura impostata
    • ISO Minimi (nel mio caso 100 anche se la d810 può essere settata a 64iso)
    • Stabilizzatore off
    • Focheggiare manualmente all'infinito, mettere a fuoco sul righello e scatto via PC al fine di non avere/cercare di non avere micromosso
    • valutazione dello scatto (per sicurezza tre scatti ripetendo la procedura)
    • Staccare la lente dalla macchina fotografica
    • Collegarla al dock
    • aggiornare i valori a stima
    • ripetere la procedura dall'inizio per controllare se front/back focus sistemati o se necessario ulteriore intervento di affinamento.
    • effettuare una serie di scatti in condizioni reali e valutare se necessario intervenire nuovamente

    Questo per ognuna delle combinazioni, non mi sento di consigliare di variare più di una combinazione alla volta, ma questa magari è una mia fisima. Quindi sostanzialmente se tutto dovesse filare liscio (e non sarà sicuramente cosi) il numero minimo di metti/togli la lente dalla camera e collegala al doc per aggiornamento dei valori nel mio caso sarà 16 (numero di combinazioni per la griglia) x 2 (almeno i test da effettuare, ma probabilmente si arriverà in alcuni casi a 3, diciamo 2,5 di media) 16*2.5=40, non poco.

    In una sera di lavoro sono sono arrivato a circa il 50% delle calibrazioni (0.45 e 0.80m x le 4 focali) ed i risultati mi sembrano molto buoni, quantomeno una buona base solida di procedura è stata costruita.

    Più complessa mi pare la taratura a 2m ed all'infinito. Ho solo fatto un primo test a 2m., ma nella sostanza a 24mm il righello di calibrazione anche se portato a monitor al 100% si vede appena ed è difficile comprendere se front/back focus; di fatto essendo in teoria ancora al di sotto della distanza di iperfocale non ho idea di come muovermi, meglio a 50mm e più facile a 70 e 105mm.

    Non ho idea di come muovermi per una taratura all'infinito, però considerando che è un F/4.0 non dovrebbero esserci problemi particolari (ma non so).

    Nella sostanza è sicuramente necessario un approccio pragmatico, dedicando tempo e pazienza al corretto allineamento target/fotocamera, alle condizioni di illuminazione che consentano uno scatto ad un tempo direi di almento 1/125 per evitare micromosso, più tentativi per cercare ripetitività e consistenza.

    Il rischio, nel procedere di fretta è dato dal peggiorare la situazione rispetto alla taratura di base.

     

     

    Edited by Albi1961
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Pragmatismo vorrebbe, limitarsi alle corte distanze dove la messa a fuoco di precisione farà premio.

    Tarare 24mm a 100 metri la vedo una operazione piuttosto superflua per non dire altro.

    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...