Vai al contenuto
  • Mauro Maratta
    Mauro Maratta

    Sigma 24-105mm F4 Art : l'insospettabile (test/prova)

    Immagine Allegata: D5H_2037.jpg
    F4, 1/60''
     
    Ho già avuto modo di dirlo e lo ripeto in questa occasione.
    Trovo gli zoom un male necessario ma un male.
    Nessuno zoom può sostituire i migliori obiettivi a focale fissa e in questo momento, per fortuna, di eccellenti focali fisse ne abbiamo a disposizione tante.
     
    Potendo io fotograferei esclusivamente solamente con ottiche fisse.
     
    Ma ci sono occasioni in cui è indispensabile la flessibilità di uno zoom.
    Quando non sai a che distanza sarai dal soggetto (molto vicino o più lontano) e magari non hai la possibilità di muoverti per la presenza di ostacoli.
    Quando hai la necessità di cambiare focale senza spostarti (perchè non puoi) e non hai la possibilità di cambiare continuamente corpo o obiettivo.
     
    Ma la flessibilità si paga con una perdita di prestazioni. Perdita che in generale è più forte quando il range di escursione focale è elevato, come nel caso degli obiettivi 5x.
    Il compromesso si paga in termini di luminosità che nel caso degli obiettivi consumer diventa variabile ed arriva ad uno scarso valore di F5.6 alla focale più lunga.
    Con l'introduzione di distorsioni variabili tra focale e focale.
    Con la perdita di nitidezza che, invariabilmente, aumenta all'aumentare della lunghezza focale.
     
    Insomma un quadro che sembra drammatico che farebbe pensare allo zoom come l'ultima cosa da utilizzare.
     
    E' quello che penso anche io, specie dopo esperienze non proprio felicissime con i vari 28-70/2.8 e 24-70/2.8 sia Nikon che Sigma.
    Non mi soddisfacevano completamente aperti ed erano sempre troppo corti nella gamma di focali che a me interessa di più, quella da ritratto.
     
    Se Sigma (su Nikon oramai non conto più) volesse farmi veramente contento, potrebbe proporre presto un bel 35-135mm F2. Art, grosso a piacere.
     
    A me, francamente, di focali corte nitide ma distorte non interessa nulla se lo zoom si ferma a 70mm (ma che focale è 70 mm ?) o se a 120mm la nitidezza è sotto i piedi e lo sfuocato carta vetrata.
     
    Con il 24-70/2.8, comprato, usato con la D3, venduto, ricomprato con la D3x, usato, rivenduto, non più comperato, mi trovavo a fotografare quasi esclusivamente a 35 e a 58mm.
    E a quel punto, meglio usare due corpi, uno con il 35 e uno con il 58 o l'85.
     
    Capirete quindi come io abbia totalmente trascurato il Nikon 24-120 in tutte le sue manifestazioni, compresa quella attuale.
     
    La comparsa dei fissi serie Art di Sigma infine, mi ha fatto anche trascurare il Sigma 24-105/4 Art tanto da prenderlo in considerazione solo adesso, perchè, preso per fare un singolo lavoro, mi sono ritrovato ad usarlo così tanto da farci - dal 7 giugno al 7 agosto - la bellezza di 10.496 scatti.
     
    Questo obiettivo offre, oltre alle solite, immancabili, corte focali, anche e in sequenza, 50-58-70-75-85  e 105mm.Proprio le focali che io uso di più nel ritratto.
    Sempre ad F4 e con una minima varianza di qualità tra focale e focale.
     
    Complice la ridotta distanza di messa a fuoco, mi ritrovo ad avere in mano uno strumento potente che mi permette di fare anche il ritratto a tutta testa in primo piano, come se fosse un 135mm (ricordo che, gli obiettivi specializzati da ritratto 85, 105 e 135, normalmente mettono a fuoco da non meno di 90-100cm).
     
    Ed ecco spiegati i motivi del suo successo, almeno nel mio caso.
     
    Se aggiungiamo la costruzione a tutta prova e una bella presa in mano, ho riscoperto mio malgrado lo zoom ! ;)
     
    Certo, è un F4 e questo in condizioni di poca luce si paga. Ma l'arrivo della D5 mi permette di fotografare ad ISO 3200 come se fossimo a 400-800 ISO, recuperando così la luce che avrei ad F2.
    Purtroppo per lo sfuocato non c'è un ingrediente segreto.
     
    Ma andiamo per gradi ... :)
     
    Immagine Allegata: D8X_4086.jpg
    90mm, F8
     

     
    Immagine Allegata: D8X_4893.jpg
    Caratteristiche di base
     
    Immagine Allegata: construction_large.gif
     
    19 elementi in 14 gruppi, 2 lenti asferiche, 2 equivalenti alla fluorite e 2 a bassa dispersione
    diametro 88.6mm x 109.4mm di lunghezza
    peso : 885 grammi
    passo filtri : 82mm
    distanza minima di messa a fuoco : 45 cm, rapporto di ingrandimento 1:4.6
    angolo di campo in 35mm : 84.1°-23.3°
    diaframma a 9 lamelle
    paraluce a petali in plastica
     
    Immagine Allegata: mtf.gif
    grafico MTF ufficiale che conferma una migliore prestazione a 24mm rispetto a 105mm
     
    Immagine Allegata: vignetting.gif
    vignettatura
     
    Immagine Allegata: distortion.gif
    distorsione
     
    dati forniti dal sito ufficiale Sigma
     


    Immagini reali del mio esemplare
     
    Immagine Allegata: D8X_4888.jpg
    il package, consueta scatola bianca, astuccio in cordura nera, paraluce a petali in plastica
     
    Immagine Allegata: D8X_4889.jpg
    obiettivo capovolto con i tappi
     
    Immagine Allegata: D8X_4890.jpg
    in piedi ritratto in posizione 24mm
     
    Immagine Allegata: D8X_4893.jpg
    in piedi esteso in posizione 105mm
     
    Immagine Allegata: D8X_4895.jpg
    la lente anteriore e la grande quantità di luce che può catturare.
    Il trattamento non ha una propria colorazione visibile come avevano i vecchi Sigma trans-standard (ambra o magenta). Questo è neutro.
    Immagine Allegata: D8X_4896.jpg
    dettaglio della finestrella con la scala delle distanze, le tacche delle focali, i due anelli di controllo.
    Quello dello zoom malauguratamente é controrotante rispetto a quanto siamo abituati in casa Nikon.
    L'anello di messa a fuoco manuale è piccolo. Ma chi userà questo obiettivo in manual focus ?
     
    Immagine Allegata: D8X_4897.jpg
    switch manuale/autofocus e controllo dello stabilizzatore.
     
    Lo stabilizzatore in questo obiettivo è molto silenzioso rispetto ad altri Sigma di recente generazione.
     
    Immagine Allegata: D8X_4898.jpg
    dettaglio dei due fusti interni che fuoriescono verso quota 105mm. Sono in plastica ma apparentemente robusta.
     
    Immagine Allegata: D8X_4899.jpg
    il bocchettone di aggancio con i contatti e le due tacche (interna rossa esterna bianca) di collimazione con la baionetta Nikon.
     
     
    Immagine Allegata: D8X_4902.jpg
     
    Immagine Allegata: D8X_4904.jpg
     
    due ulteriori viste della lente anteriore e dell'obiettivo intero in posizione 105mm, sempre senza paraluce.
     


     
    Alcuni scatti per evidenziare lo sfuocato in interni con la Nikon D5
     
    Immagine Allegata: D5H_7658.jpg
     
    Immagine Allegata: D5H_7674.jpg
     
    Immagine Allegata: D5H_7675.jpg
     
    Immagine Allegata: D5H_7934.jpg
     
    e in esterni con la Nikon D810
     
    Immagine Allegata: D8X_4605.jpg
     
    Immagine Allegata: D8X_4616.jpg
     
    il "ventaglio" sugli occhiali della modella - qui ripreso volutamente - è il riflesso del flash Godox AD600B su un ombrello argentato Quantuum da 150cm, usato in esterni.
     
    Nel complesso, sfuocato nervoso davanti al soggetto - come di consueto per le ottiche moderne - accettabile ma tutt'altro che da sogno dietro, salvo che il "fondale" sia poco "chiassoso".
     
    Ma io dispongo di un intero arsenale di ottiche che rendono meglio nello sfuocato e lo scopo per cui ho comprato questo obiettivo non è quello di sfuocare lo sfondo ma di sfuocare sul soggetto.
     
    E tutto sommato nella foto dei libri o nella copertina con la nuova Giulia Quadrifoglio di Auto il risultato mi sembra già promettente.
    Nelle prossime pagine però lo vedremo in azione in circostanze più concrete e nel pieno della produzione di immagini del ciclo forzato cui l'ho sottoposto in queste ultime settimane !
     
    Immagine Allegata: D8X_4909.jpg
    Immagine Allegata: D8X_4916.jpg
    a 105mm, F4 su D810
     
    ma dimentichiamoci per un attimo dello sfondo. Sul soggetto la transizione tra fuoco e fuori fuoco è morbida e gentile consentendo una accentuazione di volumi e forme.
    Credo che sia stata proprio l'idea dei progettisti. Dovendo rinunciare per forza di cose ad una continuità dello sfuocato per avere nitidezza su tutto il range di focali, hanno lavorato per avere un passaggio morbido dal piano di messa a fuoco al resto.
    Per il mio utilizzo è quanto mi basta.
     
     
    Distorsione
     
    Immagine Allegata: D8X_4935.jpg
    105mm
    Immagine Allegata: D8X_4937.jpg
    24mm
    Tutto sommato facile da correggere ma pienamente evidente a tutte le focali.
    Piuttosto forte a 24mm, poco importante alle focali intermedie, di senso opposto alla massima focale.
     
    ma nella fotografia reale, almeno quella che faccio io, non è un difetto così drammatico, benchè sarebbe stato più preferibile un maggior controllo.
    Immagine Allegata: D5H_5996.jpg
    32mm, nessuna correzione
     
    Immagine Allegata: D5H_7334.jpg
    32mm, nessuna correzione
     
    Dove Sigma non ha dovuto sottostare a compromessi è nella stabilizzazione.
     
    In un uso pratico e con un minimo di cura nella postura (io sono piuttosto granitico se ho a disposizione macchine "grandi" e pesanti") riesco ad avere foto ragionevolmente ferme anche scendendo ad 1/10'' che alla focale di 105mm è un risultato, a mio parere, di primo rango !
     
    Immagine Allegata: stab.jpg
    105mm, 1/6''
    Immagine Allegata: stab_crop.jpg
    crop 1:1
    Immagine Allegata: stab2.jpg
    105mm, 1/10''
    Immagine Allegata: stab2_crop.jpg
    dettaglio della scritta al 100%, nessun intervento di accentuazione
     
    La vignettatura è invece un'altra caratteristica evidente se si fotografa il cielo.
    Più o meno a tutte le focali.
     
    Immagine Allegata: D5H_6699.jpg
    58mm
    Immagine Allegata: D5H_6714.jpg
    52mm
    Immagine Allegata: D5H_6741.jpg
    105mm
     
    ma anche in questo caso, per me non è una caratteristica negativa, non nel ritratto, almeno.
     
    Per chi fa paesaggio si tratterà di corregere in post-produzione ed avere cura di non mettere soggetti importanti agli angoli estremi (ma c'è qualcuno che lo fa se non in caso di un test come questo ? ... ;)).
     


     
    Concorrenti
     
    Valutiamo un attimo i concorrenti
     
    Immagine Allegata: f4-Zoom-Lens-Comparison-with-Hoods.jpg
     
    Escludendo gli obiettivi che non si possono montare sulle reflex Nikon, l'unico concorrente pratico per noi resta il Nikon 24-120mm F4 VR offerto spesso in kit con macchine come la D800/D810.
     
    Si tratta di un oggetto di fascia media, simile per costruzione e impostazione ai cugini 16-35/4 e 70-200/4 con i quali costituisce un trio di obiettivi stabilizzati con apertura costante F4.
    Aggiungendo un 50/1.8 e un 300/4 PF magari con TC14E III si può avere il corredo ideale, per ogni genere fotografico ad un prezzo ancora ragionevole.
     
    E' composto da 17 lenti in 13 gruppi, ha un passo filtri da 77mm, pesa 710 grammi e misura, a riposo, 84x103mm.
     
    Non ho una gran frequentazione con questo Nikon, l'ho usato sul campo solo una volta e non mi posso lamentare delle foto fatte.
     
    Immagine Allegata: _D8E8659.jpg
    uno scatto ripreso con il Nikon 24-120/4 VR II montato sulla Nikon D800E a focale media.
     
    Nulla da dire sia sui colori che sulla nitidezza complessiva.
    Pur essendo una scena complessa, il dettaglio è mantenuto su tutto il campo inquadrato.
     
    Francamente non saprei cosa consigliare tra il Sigma e il Nikon.
    Ritengo il Sigma costruito molto meglio e con una minore differenza di resa tra la minima e la massima focale.
    Il Nikon aggiunge 15mm sulla parte lunga ma a prezzo di un maggior calo della nitidezza.
     
    Il prezzo, a parità di garanzia italiana è simile (da Fotocolombo : 707 euro per il Sigma, 727 euro per il Nikon).
    Quindi ognuno farà la sua scelta come ho fatto la mia.
     
    Il Sigma, essendo di ultima generazione, ha il vantaggio di quella bella cosa che è la dock USB che consente di mettere a punto la messa a fuoco a tutte le focali e a tutte le distanze e di aggiornare il firmware quando serve :)
    Questo secondo me è un vantaggio concreto ;)
     


    Utilizzo sul campo
    Immagine Allegata: Senza titolo-1.jpg
     
    Ho voluto evidenziare la dispersione per focale e per fotocamera dei miei primi 10.496 scatti in due mesi con questo obiettivo.
    Non sfuggirà come :
     
    - il 35% degli scatti sia a focali tipiche da ritratto (tra 85 e 105mm)
    - solo il 4% alla focale minima di 24mm
    - l'83% degli scatti è stato fatto tra 50 e 105mm (!)
    - solo il 17% a focali "grandangolari"
     
    insomma, lo dico ancora perchè si sappia, uno zoom come questo per me vale perchè copre le focali più comuni del ritratto. Comprese quelle intorno ai 58mm (altra mia focale fetticcio che da sola copre il 16% degli scatti) che per un comune 24-70/2.8 sarebbe la focale limite prima del fine corsa ... fondo corsa cui arrivavo immancabilmente con mio grande scorno quando avevo il 24-70/2.8 ed ero costretto a cambiare ottiche perchè lo avevo montato sulla D3x e volevo avere il massimo del dettaglio ...
     
    Quando qualcuno mi farà uno zoom di alta classe senza compromessi che va da 35 a 135mm ? ;)
     
    Facce felici allo Spazio Blu
     
    Immagine Allegata: D8X_3652.jpg
    68mm
    Immagine Allegata: D8X_3657.jpg
    105mm
     

    Con il flash
     
    Immagine Allegata: D5H_7976.jpg
    F4, 105mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7989.jpg
    F8, 58mm
    Immagine Allegata: D5H_7994.jpg
    105mm, F8
    Immagine Allegata: D5H_7999.jpg
    62mm, F8
    Immagine Allegata: D5H_8001.jpg
    62mm, F8
     
    performance solida e rotonda come si può notare, con lo sfuocato che ben asseconda la ripresa più o meno a tutte le focali.
    Noterete volumi e forme ben evidenziate e sempre una nitidezza più che accettabile sul punto di messa a fuoco.
     
    In queste foto ho usato il flash wireless iTTL Godox AD600B
     

     
    In studio
     
    In studio io tendo ad usare due corpi con due ottiche alla volta, per poter cambiare resa senza dover smontare e rimontare obiettivi davanti alle modelle.
    Scelgo le migliori ottiche fisse per avere la massima prestazione.
     
    Ma se lo scopo non è quello di evidenziare al massimo il dettaglio (anzi, alle volte, non è il caso), si può rinunciare alla prestazione per avere duttilità.
    In questo servizio con Maria, ho scelto di usare esclusivamente il Sigma 24-105/4 con la D5.
    Non ho portato altro !
     
    Immagine Allegata: D5H_6779.jpg
    95mm
     
    Immagine Allegata: D5H_6791.jpg
    62mm
     
    Immagine Allegata: D5H_6954.jpg
    95mm
     
    Immagine Allegata: D5H_6986.jpg
    68mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7055.jpg
    105mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7143.jpg
    58mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7269.jpg
    82mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7315.jpg
    95mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7316.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7326.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7328.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7357.jpg
    95mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7381.jpg
    105mm
     
    Immagine Allegata: D5H_7394.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7395.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7396.jpg
    Immagine Allegata: D5H_7397.jpg
    85mm
     
    La qual cosa mi è pesata invece in questa altra occasione con la D810 e un soggetto moto differente
     
    Immagine Allegata: D8X_3917.jpg
    90mm
    Immagine Allegata: D8X_3924.jpg
    105mm
     
    ritornando a godere della duttilità del 24-105/4 su un altro soggetto, meno preparato a sostenere dettagli esasperati
    Immagine Allegata: D8X_4756.jpg
    85mm
     
     
    In location
     
    Ma dove ho trovato che il Sigma 24-105/4 mi da il massimo è in location non troppo spaziose dove l'uso delle mie solite focali fisse non è conveniente e dove l'impiego di focali fisse corte mi limiterebbe nella ripresa.
    Una camera da letto in un hotel, piccola per le mie necessità ma che si è prestata alla perfezione come palestra per il 24-105/4 sulla D5.
    Immagine Allegata: D5H_0918.jpg
    Immagine Allegata: D5H_0939.jpg
    38mm
     
    Immagine Allegata: D5H_9575.jpg
    Immagine Allegata: D5H_9579.jpg
    Immagine Allegata: D5H_9582.jpg
    85mm
     
    Immagine Allegata: D5H_9682.jpg
    62mm
     
    un bagno minuscolo per quel soggetto e per la mia circonferenza dove il punto di ripresa era impossibile da variare
     
    Immagine Allegata: D5H_0943.jpg
    62mm
    Immagine Allegata: D5H_0969.jpg
    68mm
    Immagine Allegata: D5H_1019.jpg
    58mm
     
    una camera da letto piena di mobili e di ostacoli con un solo punto da cui proviene la luce
    Immagine Allegata: D5H_2259.jpg
    52mm
     
    Immagine Allegata: D5H_2267.jpg
    68mm
     
    Immagine Allegata: D5H_3012.jpg
    105mm
    Immagine Allegata: D5H_3023.jpg
    85mm
    Immagine Allegata: D5H_3015.jpg
    52mm
     
    Ma sono comunque tante le foto in esterni fatte con questo Sigma.
    Come questa alla massima focale, nel giardino di una villa.
     
    Immagine Allegata: D5H_8935.jpg
    105mm
     
    [tutte foto invariabilmente ad F4]
     

     
    Immagine Allegata: D5H_8033.jpg
    F4, 75mm. Charlize in controluce
     
    Conclusioni
     
    Bene. Avrei tante altre foto da mostrare ma ne ho già messe tante e credo che il concetto di base sia abbastanza chiaro.
    Mi spiace di non avere paesaggi o architetture da mostrare.
    Lo faranno eventualmente nei commenti gli altri proprietari di questo obiettivo
    E' il momento di concludere il test.
     
    PRO
     
    - costruzione eccellente, sebbene tutta in materiale termoplastico, secondo l'ultimo stile Sigma della linea Art.
    - nonostante il peso e l'estensione durante la zoomata, l'obiettivo è ergonomicamente perfetto
    - resa di ottimo livello praticamente per tutta l'escursione focale
    - quella che è la qualità che me lo ha fatto scegliere : escursione focale adatta a praticamente quasi tutte le espressioni del ritratto, senza i limiti dei vari 24-70/2.8 a costo della perdita di uno stop di luminosità
    - stabilizzazione efficacissima : 1/10'' pratici a 105mm non sono da tutti
    - basetta USB per la riscrittura dei dati di firmware e dei parametri di ripresa direttamente dal proprio computer
    - rapido e silenzioso nella messa a fuoco e nella stabilizzazione (non si sentono i vari bizz-bizz del motore di certi Nikon o lo stridio di piatti sommesso dello stabilizzatore di certi Sigma)
     
    Immagine Allegata: D5H_7723.jpg
    F4, 68mm. Fritz è difficile da bloccare quando gioca con i suoi amichetti
     
    CONTRO
     
    - distorsione elevata alla minima focale e presente comunque a tutte le focali
    - vignettatura sempre presente
    - luminosità massima limitata - per scelta - ad F4
    - passo filtri 82mm
    - personalmente preferirei che partisse da 28 o da 35mm per arrivare anche a 135mm
    - purtroppo l'uscita contemporanea dei tanti obiettivi Sigma Art che lo eclissano sul piano delle prestazioni pure, lo ha messo in ombra.
     
    Sintesi finale
     
    Insomma, non ho cambiato opinione. Continuo a ritenere tutti gli zoom trans-standard presenti sul mercato degli obiettivi mediocri. Non importa se siano degli F2.8 da 2.800 euro (il nuovo Nikon 24-70/2.8 enorme ed eccessivamente costoso) o degli "economici" F4 o a diaframma variabile, tipo il Nikon 24-85/3.5-4.5, tutti presentano il conto in termini di limitazioni o compromessi.
     
    Questo Sigma nel bilancio delle qualità che me lo hanno fatto scegliere mette una escursione più estesa degli zoom 24-70, almeno sul lato delle focali che a me interessano di più nel ritratto e nella figura.
    Insieme ad uno stabilizzatore efficace e sicuro.
     
    Robustezza superiore al Nikon medio attuale e omogeneità di resa con gli altri obiettivi Sigma Art, insieme alla disponibilità della dock USB, sono ulteriori carte a suo favore.
     
    Il prezzo nel tempo si è stabilizzato appena sopra ai 700 euro, con il Nikon che lo ha di fatto seguito e che rappresenta l'unica possibilità alternativa.
     
    Per il momento è il mio obiettivo unico per set in cui preferisco avere un obiettivo solo, non posso cambiare focale oppure ho necessità di poter variare focale senza muovermi, in posti angusti o scomodi.
     
    Certo devo accettare una qualità di immagine certamente (molto) inferiore agli altri Sigma Art, in particolare dopo aver visto cosa Sigma sa fare anche con gli zoom con quello straordinario strumento fotografico che è il Sigma 24-35/2 Art.
     
    Ma sono certo che Sigma saprà in futuro sorprendermi con un fantastico zoom luminoso, full-frame, dedicato al ritratto come ha fatto in formato APS-C con il bel 50-100/1.8.
     
    Per intanto cercherò di consumare questo zoom.
     
    Non lo consiglio a chi ha già il Nikon 24-120/4, salvo che lui stesso non ne ravvisi caratteristiche più vicine alle sue esigenze (io al momento non saprei, posso solo ammettere di averlo trascurato perchè quei 15mm in più sono di scarsa qualità, meglio rinunciarvi, e perchè questi F4 Nikon mi sembrano troppo fragili e plasticosi. Se c'è alternativa, preferisco spendere la i miei soldi) ma lo consiglio a chi ha il buon e onesto Nikon 24-85mm F3-5-4.5.
     
    A proposito, Rossano Rinaldi, dopo averlo provato, ha voluto comprarselo anche lui.
     
    Buongustaio !
     
    Immagine Allegata: D5H_6182.jpg
    F4, 68mm, luce naturale
     
    - ho acquistato questo obiettivo da FotoColombo di Vimercate, l'ho pagato 707 euro, con garanzia ufficiale italiana di Mtrading.
     



    Feedback utente


    'L'insospettabile" Sigma 24-105/4 a 105mm, F4, su Nikon D5 ad ISO "quanto basta", luce naturale, nessun fotoritocco.

    gallery_1_14_1886939.jpg

    premere per vedere al 100%

     

    Un obiettivo chenell'ultimo anno mi ha permesso qualche cosa come 40.000 scatti esemplari, quasi sempre su D5, comportandosi benissimo anche al rally su D500.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Su D500, al Rally Storico Valpantena. Quando si dice un obiettivo polivalente. E per ricordare che io non fotografo solo ragazze cresciute ma spesso anche ragazze a quattro ruote.

     

    D5D_9200.jpg

    D5D_9615.jpg

    D5D_9655.jpg

    D5D_9701.jpg

    D5D_9738.jpg

    Mauro Maratta Contest Autunno 1.jpg

    Mauro Maratta Contest Autunno 2.jpg

    Mauro Maratta Contest Autunno.jpg

    D5D_8426.jpg

    D5D_8440.jpg

    D5D_7869.jpg

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Una buona lente che da poco ho acquistato anch'io per reportage e cerimonie essendo per questi usi davvero molto flessibile e di buona qualità.

    Ha però un difetto che ho ravvisato anch'io dopo avere letto su queste pagine altri simili appunti: quando la uso, l'esposimetro non si spegne entro i 10 secondi previsti dal sw della macchina, ma rimane acceso per un minuto intero. Né vale aggiornare il fw della lente o mettere mano ai menù della reflex, il problema rimane.

    Nulla di particolarmente grave, la batteria ha una buona durata, però nell'uso capita di spostare inavvertitamente le rotelline di tempi e diaframma - ciò che non può avvenire con l'esposimetro spento - e quando si imbraccia la macchina per una nuova foto i parametri così variati possono rovinare uno scatto non ripetibile...

    PS  Grazie a Nikonland per avermi consigliato un obiettivo effettivamente come descritto nei test pubblicati. ;)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    2 ore fa, Mauro Maratta dice:

    Su D500, al Rally Storico Valpantena. Quando si dice un obiettivo polivalente. E per ricordare che io non fotografo solo ragazze cresciute ma spesso anche ragazze a quattro ruote.

     

    Ragazze? queste sono vecchiette con tutto il fascino delle rughe!

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    3 ore fa, Pedrito dice:

    Una buona lente che da poco ho acquistato anch'io per reportage e cerimonie essendo per questi usi davvero molto flessibile e di buona qualità.

    Ha però un difetto che ho ravvisato anch'io dopo avere letto su queste pagine altri simili appunti: quando la uso, l'esposimetro non si spegne entro i 10 secondi previsti dal sw della macchina, ma rimane acceso per un minuto intero. Né vale aggiornare il fw della lente o mettere mano ai menù della reflex, il problema rimane.

    Nulla di particolarmente grave, la batteria ha una buona durata, però nell'uso capita di spostare inavvertitamente le rotelline di tempi e diaframma - ciò che non può avvenire con l'esposimetro spento - e quando si imbraccia la macchina per una nuova foto i parametri così variati possono rovinare uno scatto non ripetibile...

    PS  Grazie a Nikonland per avermi consigliato un obiettivo effettivamente come descritto nei test pubblicati. ;)

    Questa tua storia non mi piace: prova intanto a vedere se per caso tra le opzioni della tua macchina (la D750?) abbia impostato la pulizia del sensore allo spegnimento della macchina.

    Il mio nuovo 24-105 Art (così come quello di Mauro che ho avuto in prestito per 4 mesi e 2200 scatti) non mi hanno mai dato nessun problema del genere, nè con la D810, nè con la capricciosa D500 (quella che se c'è una stranezza nel sistema la sputa fuori subito)

    Non ci sono aggiornamenti fw per questo obiettivo ad attacco Nikon (mentre ce ne sono due, uno per la baionetta Sigma ed uno per quella Canon), mentre l'ultimo aggiornamento della D750 è la versione 1.12 del 25/7/2017... 

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Cavoli, sì, sulla macchina (D750) è impostata l'opzione pulizia del sensore anche allo spegnimento della fotocamera!

    Perché ciò influisce sull'esposimetro?

    Comunque ho disattivato l'opzione e stasera verifico se il problema è rientrato.

    Rispetto al fw, la macchina non è aggiornata all'ultima versione: ok, farò l'aggiornamento. ;)

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    12 minuti fa, Pedrito dice:

    Cavoli, sì, sulla macchina (D750) è impostata l'opzione pulizia del sensore anche allo spegnimento della fotocamera!

    Perché ciò influisce sull'esposimetro?

    Comunque ho disattivato l'opzione e stasera verifico se il problema è rientrato.

    Rispetto al fw, la macchina non è aggiornata all'ultima versione: ok, farò l'aggiornamento. ;)

     

    Non dovrebbe influire così  a lungo...ma è la prima cosa a cui ho pensato.  Io la polvere la faccio ...agitare all' avvio

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Mauro, davvero una bella recensione recensione esaustiva e dettagliata. Sto seriamente pensando di sostituire il Nikon 24-70 f/2.8 (old style) troppo pesante ed ingombrante con questa lente Sigma. Tanto più che mi troverei ad accoppiarla come te ad una Nikon D5 e dalle tue foto il risultato è davvero "appetibile".
    Grazie per la prova e per aver condiviso la tua esperienza

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    2 minuti fa, lcarrieri dice:

    Mauro, davvero una bella recensione recensione esaustiva e dettagliata. Sto seriamente pensando di sostituire il Nikon 24-70 f/2.8 (old style) troppo pesante ed ingombrante con questa lente Sigma. Tanto più che mi troverei ad accoppiarla come te ad una Nikon D5 e dalle tue foto il risultato è davvero "appetibile".
    Grazie per la prova e per aver condiviso la tua esperienza

    Mi sembra un'ottima accoppiata. Con la D850 esiterei (mai usati insieme, sinora) ma con la D5 é una soluzione perfetta.
    Rispetto al 24-70/2.8 guadagnerai la maggiore escursione sulle focali più lunghe e lo stabilizzatore.
    E prestazioni generali più aggiornate.
    A costo di una vignettatura accentuata e una resa agli angoli estremi censurabile.
    Ma con un buon vantaggio in termini di bilancio economico, che non guasta.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Sono d'accordo circa le perplessità di un'accoppiata con la D850 (che non possiedo). Come hai detto nel tuo articolo comparativo tra D5 e D850, quest'ultima è senza dubbio una macchina "esigente" che richiede delle lenti adeguate per valorizzarne le indubbie qualità. La mia esperienza si ferma alla D800, che ho ceduto assieme alla D4, per passare alla D5. Ho notato comunque che già la D800 ed i suoi 36Mpx mettevano in evidenza i difetti ed i compromessi di un obiettivo, soprattutto se di qualità non elevata. Immagino quindi con la D850!!!
     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    non tarderò a farne prova...

    1 ora fa, lcarrieri dice:

    Sono d'accordo circa le perplessità di un'accoppiata con la D850 (che non possiedo). Come hai detto nel tuo articolo comparativo tra D5 e D850, quest'ultima è senza dubbio una macchina "esigente" che richiede delle lenti adeguate per valorizzarne le indubbie qualità. La mia esperienza si ferma alla D800, che ho ceduto assieme alla D4, per passare alla D5. Ho notato comunque che già la D800 ed i suoi 36Mpx mettevano in evidenza i difetti ed i compromessi di un obiettivo, soprattutto se di qualità non elevata. Immagino quindi con la D850!!!
     

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    11 ore fa, Maccaro dice:

    Se può essere di aiuto, utilizzo questa lente su d800 da circa un anno e non posso che confermarne la bontà. 

    Un giudizio più articolato, sarebbe certamente più d'aiuto per chi sta meditando di acquistarlo.
    Magari corredato da qualche foto che avrai certamente fatto in questo ultimo anno di utilizzo.
    Ma grazie comunque di averci confidato il tuo parere.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Sono d'accordo con Mauro: uno zoom è sempre soggetto a compromesso rispetto a un obbiettivo fisso. Ma vivaddio i zoom servono e non solo per quello che ha detto Mauro, ma anche in situazioni da viaggio, dove non vogliamo certo portarci per strada tutta l'attrezzatura;  e uno zoom che va da una posizione di grandangolo a una funzione medio tele,  ha un suo perchè. Anche nel campo degli zoom che abbracciano diversi campi dal grandangolo al medio tele, mi sembra che questo zoom lo faccia molto bene, molto meglio certo di quella ciofeca che è il nikon 24-120

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    13 ore fa, Mauro Maratta dice:

    Un giudizio più articolato, sarebbe certamente più d'aiuto per chi sta meditando di acquistarlo.
    Magari corredato da qualche foto che avrai certamente fatto in questo ultimo anno di utilizzo.
    Ma grazie comunque di averci confidato il tuo parere.

    Ciao Mauro ecco qua alcune foto di repertorio

    5abd4811a3a44_MRC_8267-Modifica-2-2(Large).thumb.jpg.262e56071bac720506ccccc6e2579e3a.jpg

    NIKON D800 SIGMA 24-105 @ 95mm F4,0  ISO 1600

    5abd480dca431_MRC_7793-2(Large).thumb.jpg.4f46d677e03b6da55a00f2ef6cb334e3.jpg

    NIKON D800 SIGMA 24-105 @ 105mm F4,0  ISO 100

    5abd480ad03f8_MRC_6377-2(Large).thumb.jpg.167f5e3fb89faa822ee467b8acf875f6.jpg

    NIKON D800 SIGMA 24-105 @ 52mm F4,0  ISO 360

    5abd4805517e6_MRC_8329-2(Large).thumb.jpg.da3c958b917ce7a9c068ee30aabe453f.jpg

    NIKON D800 SIGMA 24-105 @ 68mm F4,0  ISO 280

    5abd4800af591_MRC_8296-Modifica-2(Large).thumb.jpg.8ddc2e612dd666b5c007e4c51397ad4f.jpg

    NIKON D800 SIGMA 24-105 @ 105mm F4,0  ISO 720

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io l'ho appena acquistato, complice la caduta a terra del nikon 24/70, e l'elevato costo per la sua riparazione....Diciamo scelta obbligata visto il panorama delle ottiche a disposizione, il costo è senza dubbio un incentivo all'acquisto, oltre alla buona recensione del Mauro....appena avrò modo di provarlo in maniera esaustiva, posterò delle foto.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ho fatto qualche scatto in studio e street, e devo dire che non mi fa rimpiangere il 24/70 nikon. Vero che non ho avuto bisogno di grandi aperture, invece il fatto di poter arrivare a 105, mi ha evitato di dover sostituire lo zoom.

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×