Jump to content
  • George Bailey
    George Bailey

    Nikkor Z 85mm f/1.8 S : l'anteprima di Nikonland (prova/review/handview/test)

    George Bailey

    Con i Nikkor Z, Nikon ci vuole mettere seriamente in difficoltà. Perchè se gli obiettivi serie S, di apertura f/1.8 sono offerti come primo equipaggiamento in attesa dei più prestigiosi f/1.2 che intuiamo dalla roadmap presentata l'anno scorso, ebbene, hanno già prestazioni così elevate che per tanti possono invece rappresentare già un punto di arrivo.
    E' vero per il Nikkor Z 50mm f/1.8 S che a mio modesto parere è il miglior 50mm prodotto da Nikon (fino ad oggi) ma è ancora più evidente per questo nuovo 85mm che ha qualità tali da proiettarlo a confronto con il meglio che c'è sul mercato.
    Noi lo abbiamo avuto a disposizione in anteprima solamente per pochi giorni ma tanto è bastato. Anche questo è il miglior 85mm proposto da Nikon dal 1959 ad oggi ... :)

    Message added by George Bailey

    Z7X_2828.thumb.jpg.1c2865d0585eeb5313bb7d9fd6083316.jpg

    Se non avete inteso bene, ebbene lo ripeto subito, nella mia modesta opinione e pur al netto del fatto che ho avuto a disposizione questo nuovo - ed atteso ! - primo teleobiettivo Nikkor Z solo per pochi giorni, questo Nikkor 85mm f/1.8 S si candida già come miglior 85mm mai prodotto da Nikon per caratteristiche generali e tralasciando l'apertura massima "limitata" ad f/1.8 anzichè f/1.4.

    Non è un sostituto dell'onesto ma mediocre Nikkor 85/1.8G, né, a maggior ragione, del precedente modello non motorizzato. E' un obiettivo che sinceramente, può confrontarsi con i riferimenti attuali per attacco F di focale 85mm, cioé Zeiss Otus e Sigma Art.

    Destinato, per compattezza e "velocità" sia operative che d'impiego, a diventare semi-leggendario come il vecchi Nikkor-H da otto centimetri e mezzo, protagonista insieme a 50/2 e 105/2.5 del film Blowup ...

    Non è, lo dico subito, un oggetto di cui ci si può innamorare per l'aspetto o per le raffinatezze costruttive. Il suo bisnonno pre-AI è ancora oggi ben più affascinante nella sua tozza massa di alluminio, ottone e vecchio vetro fuso in Giappone.

    Questo è in larga parte in lega di magnesio e policarbonato, del tutto simile al gemellino 50/1.8 S

    _Z6H1653.thumb.jpg.6f5ca85fb3813ebfb868c4b8e1b25d03.jpg

    che distacca per una manciata di millimetri in altezza e in diametro e pochi grammi di peso.

    Z7X_2832.thumb.jpg.2b2c279bebca9197262f80311a0fea6c.jpg

    E' costruito in Cina (non che questo costituisca reato ma certo non lo rende più pregiato ... !).

    Insomma è un pò dimesso. Un cilindro un pò anonimo.

    Ma perfettamente armonico con le mie Nikon Z

    Z7X_2839.thumb.jpg.d1c929cb776e6cc6bd7b043af0850039.jpg

    Z7X_2842.thumb.jpg.eeb4ab34d2b26c573278ab8708c323a5.jpg

     

    Ma le sue peculiarità sono tutte dentro all'involucro 

    • lo schema ottico è complesso e prevede due lenti ED ( e nessuna asferica)
    • il diaframma è a nove lamelle
    • è costruito con guarnizioni a tenuta
    • ha integrato il dispositivo di multifocusing Nikon (ci sono due motori di messa a fuoco che lavorano in sincrono muovendo differenti gruppi ottici) per una messa a fuoco di precisione ad ogni distanza

    rimamendo comunque entro un peso accettabilissimo di 542 grammi tappi compresi (secondo la mia bilancia).

     

     

    Z7X_2808.jpg

     

    sono caratteristiche che il Nikon 85/1.8G si sogna. E tutto sommato che staccano anche il Nikkor 85/1.4G, obiettivo che non ho mai amato particolarmente e che secondo me è invecchiato piuttosto male.
    Alla prova dei fatti l'aberrazione cromatica delle versioni più anziane è quasi completamente scomparsa ( mi ricordo il pur buon 85/1.4D che promuoveva muraglie verdi sui contorni degli oggetti filiformi anche con la vecchia Nikon D2H ...), la nitidezza miracolosa, la capacità di rendere quasi fossero tridimensionali le forme ... commovente, la tenuta al controluce e al flare a tutta prova.

    Z7X_2847.jpg

    che aggiungere di più al conto ?

    Che mi sono divertito ad utilizzarlo con le mie Z (sia Z7 che Z6 a seconda di casi e circostanze) per oltre 5.000 scatti consecutivi, godendomelo come un matto, potendo sfruttare la messa a fuoco con riconoscimento di volto e occhio insieme all'efficace stabilizzatore a 5 assi integrato nelle nostre mirrorless (gli altri obiettivi su FTZ attivano solo i 3 assi di stabilizzazione).

    I risultati sono convincenti, concreti, professionali. Raddoppiando in me la convinzione, già forte dopo aver provato il Nikkor Z 24-70/2.8 S, che realmente i nuovi obiettivi per l'attacco Z rappresentano molto più degli attuali corpi, la vera promessa di salto generazionale del corredo Nikon.
    Quindi diventerà parte integrante del mio arsenale fotografico su Nikon Z appena mi sarà possibile acquistarne uno per me.

     

    ***

     

    Non accusatemi di eccessivo entusiasmo, mi conoscete da tanto di quel tempo che riuscirete a capire dal tono di come scrivo l'effettiva portata delle mie sensazioni in ogni mio articolo, contestualizzandolo e non prendendolo per assoluto.
    Che come al solito vi prego di prendere per quello che sono : opinioni personali, anzi, personalissime.

    Considerando che io prendo i risultati offerti dalle Z per come sono concepiti dai suoi progettisti, quindi nella loro sintesi di hardware+software.
    Non ho né l'interesse né la curiosità di andare a vedere come siano i file "grezzi" prodotti con questo obiettivo in ambienti di sviluppo diversi da quelli "pilotati" da Nikon.

    Nè di portare prove oggettive o semi-scientifiche di mire ottiche, muri di mattoni, angoli estremi di prospettive geometriche elaborati con macinapixel esoterici.
    Questo è un obiettivo da ritratto che va preso per ciò che è.

    La focale 85mm con una messa a fuoco da 82 cm è una precisa scelta progettuale pensata per rendere al meglio il mezzo busto della figura umana.
    Senza gli eccessi degli obiettivi più corti che possono riprendere da più vicino e senza le eccessive compressioni di quelli più lunghi con ingrandimenti superiori.

    Per le foto sono autorizzato ad esporne solo qualcuna e trattandosi di un esemplare di preserie non posso però condividere (né lo farei) gli originali.
    Sono però immagini quasi del tutto prive di post-produzione salvo le opportune regolazioni di sviluppo.

    Le foto che seguono sono state eseguite con Nikon Z7 e con una lente acromatica Marumi DHG 330 da tre diottrie per ridurre la distanza di messa a fuoco ed ingrandire il soggetto.
    Sono dei crop per valutare la capacità di resa del soggetto, a diaframma chiuso f/8, a mano libera e con luce naturale.

    Z7X_2978.thumb.jpg.345a52952a07401de7c9acb9a31dadf2.jpg

    Z7X_2965-2.thumb.jpg.0c6254a0a7f6ad9c94d9acbb4d527c32.jpg

    Z7X_2958.thumb.jpg.4d6188dc9e73ae54849e139488807c13.jpg

    non è un macro, evidentemente ma vi assicuro che ad occhio nudo quei fiori di zucchina e quelle foglie non riesco a percepire tutto quel dettaglio.
    Né quella tridimensionalità di resa che fanno apparire quasi ... inquietante il primo fiore  !

    Z7X_3020.thumb.jpg.56c39cce7d6b37648e483103ddc0113f.jpg

    questo fiore di ortensia è ripreso invece ad f/3.2 con uno sfuocato che si mantiene uniforme e continuo ma un dettaglio ancora ben leggibile sul primo piano a fuoco.

    Su Z6, ancora con lente addizionale, il dettaglio della bocca umana

    _Z6H3265.jpg.bf1b5bbaf69118038d468295c1cbd1bd.thumb.jpg.060a5ab27eb496dde608dbc80be85db1.jpg

    qui a tutta apertura e con la metà dei pixel (ma questo non è un crop : é l'immagine intera).

    Ed andando su quello che sarà il campo di utilizzo top di questo obiettivo, un ritratto ad f/1.8, ancora su Z6 con obiettivo ovviamente liscio

    _Z6H2460.jpg.faa5b33760ec60a1198630298f95315d.thumb.jpg.27447a769980d6855e296fc90e835b83.jpg

    soggetto giapponese per obiettivo giapponese ... :)

     

    In esterni, a tutta apertura e con il riconoscimento dell'occhio che risulta impeccabile anche in ombra e con gli occhiali :

    _Z6H3982.jpg.4aa80ed929b13b1c0a5c3beae205a59d.thumb.jpg.9f8878d90572ac9ccfd57f6dd243b739.jpg

    _Z6H5153.thumb.jpg.4512ecde8859f35207d704ca86342f76.jpg

    Nikon Z6, Nikkor 85mm f/1.8 S ad f/1.8

    _Z6H5319.thumb.jpg.98e8f5c7885239dd3ce78f5eff79ef1f.jpg

    f/4

    _Z6H6526.thumb.jpg.384d4cfdf3e61f11b154eddb86ef549a.jpg

    f/1.8 in interni, su Z6

    _Z6H4595.thumb.jpg.10db460c74c66ea51d1011a5fb1f2090.jpg

    in esterni, f/1.8

     

     

     

    ***

     

    Due parole per finire sul prezzo a cui, dal 5 di settembre questo obiettivo sarà commercializzato (proposto al pubblico IVA compresa a 930 euro circa).

    Non paragoniamolo per favore a quanto si trova il vecchio Nikkor 85/1.8G. Quello è realmente un obiettivo di una categoria inferiore, con prestazioni nettamente inferiori, che non è stato pensato per valorizzare al meglio le nostre Nikon Z.

    Mettereste pneumatici vulcanizzati per risparmiare sulla vostra roboante Alfa Romeo Quadrifoglio ? No, quindi fatevi un favore, sulle Z impiegate obiettivi Nikkor Z !

    Certo, 930 euro sono una cifra considerevole e solo in parte giustificata dal valore intrinseco dell'oggetto (non parlo delle prestazioni che al momento non hanno paragoni).
    Ma siamo entrati in una fase della nostra passione in cui i numeri in gioco sono quelli che sono. Noi siamo rimasti in pochi e sempre meno persone trovano motivo di acquistare questi "giocattoli".
    Le spese di ricerca e sviluppo in proporzione crescono per evere prestazioni così elevate, e devono essere ripartite su un numero di pezzi inferiori.
    Confidiamo sulle campagne di incentivazione all'acquisto promosse da Nikon ma mettiamoci l'anima in pace : la fotografia è tornata ad essere una passione d'elite per chi vuole concedersi il meglio delle novità offerte dal mercato.
    Questo è se vi pare. E qui si chiude questa anteprima.

    Torneremo su questo obiettivo dopo qualche mese di impiego serio ed impegnato sul campo per riportare esperienze ed impressioni di lungo termine, come costume di Nikonland.
    Grazie per l'attenzione e grazie a chi ha reso possibile questa anteprima di un oggetto che attendevamo realmente con grandissime aspettative, del tutto mantenute alla prova dei fatti.

    Testo e Immagini Copyright Nikonland 2019 - riproduzione riservata.

    Edited by Charles-Philippe Picard



    User Feedback

    Recommended Comments

    Cita

     

    [……]

    Ma siamo entrati in una fase della nostra passione in cui i numeri in gioco sono quelli che sono. Noi siamo rimasti in pochi e sempre meno persone trovano motivo di acquistare questi "giocattoli".

     

    Spero di poter  partecipare  prima o poi, perchè lo sforzo (finanziario) non è indifferente. E che sia una passioine d’élite è perciò fuori discussione.  Magari approfitterò di coloro i quali si stufano presto delle novità... 

    Sul piano del rendimento,  dalle poche foto che hai pubblicato  i presupposti mi sembrano più che buoni  e compendo  la severità  relativa  l’85 AfS 1.4 che  a me, comunque,  continua a dare  soddisfazione. Aspetto  con interesse la prova più approfondita.

     

    Edited by nikolas
    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non che il Nikkor 85/1.4G sia una schifezza ma purtroppo è stato rapidamente eclissato da altro.
    Passassi da Milano ti farei provare il Sigma 85/1.4 ART che a mio giudizio se la gioca con lo Zeiss Otus ... e con questo Nikkor Z, lasciando molto indietro il Nikon G ...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Lettura interessante, peccato per il discorso economico ma sembra che il nuovo arrivo prometta molto bene.
    Purtroppo dovremo fare la tara a comprare nuovi giocattoli con maggiore oculatezza rispetto ai bei tempi andati. Almeno per quanto riguarda il nuovo.

    Notevole le foto dell'ortensia.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, James T. Spock dice:

    […] 
    Passassi da Milano ti farei provare il Sigma 85/1.4 ART che a mio giudizio se la gioca con lo Zeiss Otus ... e con questo Nikkor Z, lasciando molto indietro il Nikon G ...

    E’ in programma, prima o poi arrivo… (entro 2019 😃)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Per far felice Max che dice che scatto sempre a tutta apertura, f/4 su Z6, 1/500'', ISO 400, controluce per strada

    _Z6H5363.thumb.jpg.58c8565f11b0c1e3c8385504f380ae60.jpg

    in questa foto non c'è alcun intervento post-sviluppo ;)

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Questo 85 è veramente ottimo. 
    Nel tempo ho posseduto l'85 1.8G e provato sia l'85 1.4AFD sia l'85 1.4 Art Sigma. Per me questo li straccia tutti, ed i due Nikon anche di parecchio.  
    Inoltre con il riconoscimento automatico dell'occhio e la precisione AF che la mia Z6 ha raggiunto con il firmware 2.0, la percentuale di immagini perfettamente a fuoco alle aperture più ampie è ormai più alta di quella che ottenevo con la D5.
    Un vero must per gli appassionati di questo genere fotografico!

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    OT

    posso chiederti se, a tuo avviso, le forme del viso di questa donna siano da 85mm o non piuttosto almeno da 105mm, a quelle distanze e secondo i principi che ti guidano nella scelta della focale più adatta?

    (lo so che un 105 S ancora non l'abbiamo se non nelle caselline in grigio dello Z-program :supermarameo:)

    Mi incuriosisce se per caso non abbia usato uno dei tuoi 105mm + FTZ in questo shooting

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Perché nel bokeh non ci sono palle rotonde ma ovali.

    Ho visto molte recensioni, a differenza del 50 che solo in alcune situazioni non è chiudibile con soddisfazione, questo temo che sia da usare tutto aperto, resta il miglior 85 prodotto da nikon per nitidezza, ma grazie l'AFS 1.4 è del 2010.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Adesso, Dario Fava dice:

    Perché nel bokeh non ci sono palle rotonde ma ovali.

    Ho visto molte recensioni, a differenza del 50 che solo in alcune situazioni non è chiudibile con soddisfazione, questo temo che sia da usare tutto aperto, resta il miglior 85 prodotto da nikon per nitidezza, ma grazie l'AFS 1.4 è del 2010.

     

    :signorsi: Concordo al 1001%. Se ci fosse la ghiera dei diaframmi la incollerei su f/1.8 :tie:
    Per avere di meglio dovremo attendere un 85/1.2 da 3.000 lemuri :grana:

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...