Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikkor Z 14-30mm f/4S : il Piccolo Genio

     

     1043409248_20602022019-_Z6H6949MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.5a09a7a35b653a2fbcbcd655a154b9fe.jpg

    Piccolo lo è di sicuro:

     1621112365_20702022019-_Z6H6951MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.113bfd546ad1983c42af6abaea1b5f82.jpg

    1291041355_20502022019-_Z6H6947MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.54d99a07947b12de6d38e0d8254c5ccb.jpg

    se paragonato agli altri zoom superwide sul mercato (ma non ce ne sono di uguali, con questo range focale/luminosità) è di certo il più compatto e leggero
    (485 gr, largo 89 e lungo 85mm),
    nonostante lo schema ottico da 14 lenti in 12 gruppi (di cui 4 asferiche e 4 ED)  schema.png.d41936c370a7f639fc338719d7cca95f.png

    e una lente frontale dotata (per la prima volta per una focale così wide) di una filettatura filtri da 82mm 262198916_20902022019-_Z6H6963MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.0bf008ada5950dfbc4ece6926f89e9ff.jpg

    1998700442_21511022019-_85K5582MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.df95c042849ca769d80c04527deb159c.jpg un paraluce a petalo,
    in fondo anche poco prominente per il potenziale pericolo da riflessi indesiderati ed un'escursione massima del barilotto, ai 14mm, per nulla esagerata1958203162_21211022019-_85K5540MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.43bfe0f6a2f5a4655c02f4c99153c608.jpg

    a confronto con lo Z-zoom transtandard, il 24-70/4,  la differenza dimensionale gioca addirittura a suo favore2039450046_20102022019-_Z6H6915MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.4d933491b873a853f38416636e0427ef.jpg
    costituendo certamente un motivo di attrattiva non indifferente
    2047197206_20202022019-_Z6H6926MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.444a28d175ca1d5097f4c771b5de9dd9.jpg
    occupando uno spazio in borsa molto contenuto 1546236768_20302022019-_Z6H6938MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.6d83da3d7cf185b76bf5f03b5eea28d4.jpg in relazione alle focali dei due nuovi zoom Nikkor

     

    Geniale lo è di certo:                   1111264771_21102022019-_Z6H6978MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.2557f100d839c451b700eda4d2a15ec2.jpg 
    con il disegno piano del gruppo ottico anteriore, grazie al quale raggiunge l'ambito primato di essere l'unico superwide sul mercato a poter sfoggiare una filettatura filtri ancora ...umana

    388731440_21811022019-_85K5616MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.e956acbe88dc53eba2b353df3a5bac79.jpg protettiva innanzitutto del prezioso vetro,
    facile da pulire dallo sporco, (dal quale è protetto anche grazie alla notevole quantità di guarnizioni O-ring)
     oring.jpg.ad3c5ff2dc321eb4018a23d24547ece8.jpg

    ma principalmente, capace di montare filtri creativi adeguati filter.jpg.71c29ad4b0e8ea1dcca7309798e8415e.jpg
    per la gioia degli appassionati, specialmente se videomaker

    Geniale certamente la nuova opportunità offerta anche nel 24-70/4 di poter utilizzare la ghiera che di default serve alla maf manuale, se desiderato, per il silenzioso e progressivo cambio del diaframma (ancora in ottica video, per la quale questo obiettivo sembra dover diventare un Must), oppure per la regolazione fine dell'esposizione.565215918_20802022019-_Z6H6956MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.ec09fb99a295ad187079a224a929f9c5.jpg

     

    213  11022019 -_85K5549  Max Aquila photo (C).jpg
    Ancora, per la posizione di blocco a fine corsa della ghiera di variazione focale, che oltre a compattare ulteriormente l'ottica, la rende ancora meno attaccabile da agenti atmosferici, urti e ne impedisce lo spostamento passivo.

    Tale blocco, presente anche sullo zoom 24-70/4, non è certamente la caratteristica più amata nell'utilizzo veloce, in reportage, dello zoom: ma per Nikon costituisce un valore aggiunto, per le ragioni esposte.

    216  11022019 -_85K5599  Max Aquila photo (C).jpg

    Forma con la mia Z 6 un insieme compatto e ben maneggevole, dandomi subito la sensazione di non volerlo più staccare dalla macchina.

    220  11022019 -_85K5671  Max Aquila photo (C).jpg E al di sopra di ogni valutazione che scaturirà da questo articolo,  

    ciò che traspare nell'immediato dal vetro di questo Nikkor è sicuramente affascinante...210  02022019 -_Z6H6975  Max Aquila photo (C).jpg

     

    Un obiettivo grandangolare che arrivi ai 114° di angolo di campo dei suoi 14mm, si presta certamente a molteplici utilizzi, tanto quanto ad altrettanti abusi:

    per esempio quello prospettico, nel quale concede molto più spazio inquadrato rispetto ogni altro sistema di visione...1223646143_088-_Z6H172014mm1-15secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.aa17d73fee3598cdec4670134a838bab.jpg

    La differenza marcata che passa tra un wide di mediocre qualità ed uno eccellente è presto detta, un buon superwide consente di riprendere una scena ampia, fino quasi a distorsione prospettica ZERO: come la Z di questo Nikkor...😄

    1860057389_084-_Z6H153119.5mm1-80secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.e3bf4f6045a3d30902c94dd75afa4c8d.jpg con il quale basta solo un pò di accortezza nell'inquadrare, subito ripagata da una resa ineccepibile non solamente delle linee che passano per il centro immagine.
    2041989417_085-_Z6H153119.5mm1-80secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.69daa66280e2eedee1abafd8687cc68d.jpg
    Poi basterà eliminare lo spazio in eccesso, per ottenere un'inquadratura coerente per formato e proporzioni del soggetto inquadrato, senza dover patire per forza il... mal di mare
    087   -_Z6H1538  14 mm  1-125 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

     

    I punti di forza di questo zoom Z- Nikkor 14-30/4S sono certamente la nitidezza a tutti i diaframmi e la notevole densità cromatica dei suoi vetri, normali e speciali, qualunque sia la sorgente di luce, la sua intensità e temperatura colore, la sua direzione...

    1913555057_042-_Z6H517130mm1-125secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.d516b408d17f7143298cef94054a1ff2.jpg

    74034856_051-_Z6H704814mm1-125secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.9b732d65b82a275bdac2aff41c7e7de8.jpg    1446855857_043-_Z6H698014mm1-60secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.3c90f95e8b49e759c29cb5d1eb7dcc45.jpg


    422448789_049-_Z6H703314mm1-400secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.7fdef78d356c6e2106719ac0cffb6bea.jpg

    1059303388_044-_Z6H700215mm1-5secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.544419d3a70cd87cdebec9accbaa6cef.jpg

    369292016_053-_Z6H706814mm1-500secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.fd7e283bf22527cd2b45415a0b7ac4f6.jpg  388069457_013-_Z6H497814mm1-640secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.1c69d714b751536f6b2183cfcfb73b95.jpg

    risultando praticamente immune da riflessi, flares, ghosts, anche con il sole direttamente inquadrato 

    2136893904_014-_Z6H497914mm1-1000secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.f0069acfb90e75be1c98af30098185e3.jpg

    411484313_022-_Z6H505324.5mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.33353b4a74670cb7712fae74c7860f05.jpg

    qualunque sia la cellula esposimetrica utilizzata, con particolare predilezione, oltre al Matrix,
    dello spot* (quello che preserva le alte luci)1461103266_015-_Z6H498514mm1-60secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.16ccce86fec8ad0b67314e46b6ce9e80.jpg

    1909107999_018-_Z6H499914mm1-1600secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.06b9bcfe3a8fe2e57a721f708b0abf00.jpg

    virtualmente privo di distorsione (ma sappiamo che in era Z Nikon collabora con i software di sviluppo, specie nelle correzioni della distorsione)

    1953586395_005-_Z6H488114mm1-125secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.5fe7bd0b1d1d200536bc09c8a0007a60.jpg tanto a 14mm

    quanto a 30 24535807_001-_Z6H487830mm1-100secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.22cf949dabf62b2c951a620b7f1aff00.jpg


    Lo spazio inquadrabile è così tanto, da far determinare già on-camera l'utilizzo di tutti i formati disponibili sulla mia Z61848863445_061-_Z6H074814mm1-250secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.0afcc2c1404b2c83a73838022e4d511f.jpg
    le possibilità compositive con zoom di queste focali sono infinite
    1371840751_082-_Z6H101916mm1-60secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.d476021bc16aa0228a4ec01c2e8414f6.jpg

    la gradualità di zoomata si accompagna al rispetto delle proporzioni dei soggetti anche variando focale dallo stesso punto di ripresa
    colon.thumb.jpg.b9c64364b12b034cc993e8f083e76151.jpg

    esagerare con le distorsioni indotte prospetticamente non porta proprio mai a risultati insopportabili, quelli tipici delle focali estreme1221402652_064-_Z6H078914mm1-60secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.4008e0839b9ae95634eac37b5cba91e0.jpg
    1578210577_063-_Z6H078616mm1-100secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.872b69ed9edbb7033ce689cd91faa603.jpg

    770250239_076-_Z6H093914mm1-250secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.cd7a8121e680796b3f2c8a718eea5a37.jpg

    In ogni momento la resa del soggetto, anche inanimato, è sorprendente, emozionante
    1463099236_067-_Z6H080315mm1-500secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.949f61c00357d0c859c417e1e7014058.jpg1289964734_069-_Z6H082314mm1-200secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.1a98eef191520a122d6d8ac1220aeaeb.jpg

    come già visto, la resa nel controluce è davvero esemplare,
     1128528701_072-_Z6H088914mm1-800secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.cc3296d301a9c2ba3b830498183b21ab.jpg  068   -_Z6H0811  18 mm  1-250 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg
    alla pari delle migliori realizzazioni che in questi anni abbiamo avuto il privilegio di poter provare.
    2075489235_075-_Z6H093214mm1-1600secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.2f87d082f3f2d02ec1c4d84e57064644.jpg

     

    La resa negli interni, in luce disponibile e con alti ISO a cinque cifre, grazie al perfetto abbinamento con la Nikon Z6 (per la quale sembra specificamente progettato) è ampiamente gestibile in ripresa e raramente da correggere in postproduzione

    1438402852_025-_Z6H508614mm1-50secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.62876957dc62d2df36727535711951ed.jpg colori saturi
    anche con sorgenti luminose dalla dubbia individuazione cromatica...
    1009123512_027-_Z6H509214mm1-20secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.dfd61199ccf737654df275dc91a19bd6.jpg

    nessuno slittamento anche a sensibilità oltre i 10mila ISO

    4314284_028-_Z6H509816mm1-25secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.3f3fea491b169a77deedc1cca6409bd9.jpg

    grazie alle quali prestazioni ci si può permettere il lusso di riprendere con diaframmi anche medi, sfruttando appieno il sistema di stabilizzazione a 5 assi proprio della Z6

    1884298761_030-_Z6H511428mm1-40secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.a5ff2e6f6a5b1153c2cde9c427fc0bf5.jpg

    1056373616_035-_Z6H513514mm1-25secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.9f716681af0dc38ba061a6138bab6b43.jpg866190772_041-_Z6H516114mm1-80secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.4096754ef5b4130be870b9472010a24f.jpg

    con il quale si realizzano riprese ampiamente gestibili anche con tempi di otturazione molto lenti, a mano libera.
    1602242623_038-_Z6H515018.5mm1-50secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.841bbd54be5416a4ace3e9b88d013cc8.jpg


    Un RR (rapporto di riproduzione) da 0,16X, grazie ad una usuale messa a fuoco minima da 28cm dal piano focale (ossia a pochi mm in più di 20cm dalla lente frontale)2119977720_009-_Z6H492414mm1-160secaf-20MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.0faae88b924444dbe7688a29f0de9932.jpg
    consente riprese ravvicinate, sfruttando anche la pdc dei diaframmi più chiusi  (che arrivano a f/22)

    Il primato assoluto di poter montare filtri in montatura da 82mm (abbastanza costosi, ma reperibili) che determina molte opportunità: mi sono a tal fine procurato un ND1000 che risulta essere uno dei desiderata più popolari del momento per i fotografi che amano ...ripetersi e l'ho provato in un contesto per me usuale (sicuramente al peggio delle sue potenzialità, ma abbiate pazienza...io non uso filtri dai tempi delle pellicole in bianco e nero)

    1873819899_054-_Z6H988714mm1-100secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.aa83bc38957374fc7e20f2725645ed2d.jpg senza filtro

     

    con filtro ND1000 1399690499_055-_Z6H988814mm80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.b134b37e3663732bec4c070650ccc404.jpg

    1235901895_056-_Z6H989014mm100secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.449c7f2d19b5df9e998150d90fb26531.jpg

    1512659792_057-_Z6H989214mm150secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.e7ba44ad8d9dab9510ecaf7a453726eb.jpg
    (ai cultori del genere, già pruderanno le mani...)

     

    In buona sostanza, un bilancio di esperienza talmente positivo con questo zoom, gentilmente messoci a disposizione in anteprima da Nikon Italia, che ben prima di restituirlo ho provveduto a prenotarne l'acquisto di un esemplare, che diventerà protagonista assoluto delle mie escursioni fotografiche con la Z6


    566868074_21711022019-_85K5604MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.b343f32276240e8a153765e9e78214e3.jpg

    Volete quindi le mie conclusioni al riguardo ?

    Pregi:

    • eccellente resa cromatica e linearità delle prestazioni
    • bassissima vignettatura e distorsione (grazie al colloquio automatico con il sw di sviluppo)
    • dimensioni e peso da record
    • lente anteriore piatta e possibilità montaggio filtri
    • motore AF preciso e silenzioso come se non esistesse
    • prezzo competitivo in rapporto alla resa

    Difetti:

    • dover aspettare l'entrata in commercio per averne uno

    Max Aquila photo (C) per Zetaland 2019



    User Feedback

    Recommended Comments



    Non avevo finito di testarlo che già mi sono prenotato per acquistarne uno dei primi a disposizione, si pensa ad aprile...

    E conto i giorni che mi separano dall'ottenerlo: è esattamente il target per questi corpi Z in funzione delle mie esigenze di fotografo girovago, con particolare predilezione per street, architetture e landscape.

    Ad un prezzo tutto sommato accettabile, guardandosi in giro e non solamente sul listino Nikon, per giunta in questo momento avvantaggiato da uno sconto alla cassa di 200 euro, dall'iniziativa corrente "Illumina la tua Nikon Z", (rivolta a coloro che abbiano acquistato nel periodo dal lancio a tutto il mese di Gennaio 2019 un kit Nikon Z), direi che diventerà presto uno dei best buy di questi corredi.

    Credo che il mio entusiasmo per questo compatto e leggero super wide zoom trapeli anche dalle foto scattate nelle due settimane nelle quali Nikon per l' Italia ce lo ha messo a disposizione in anteprima.

    Non credo ci siano ancora molti scatti come i miei World Wide Web...

    Nikonland is different !

    • Haha 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ciao,

    io l'ho già prenotato, il tuo test, che apprezzo, non fà che aumentare l'impazienza di averlo.

    Spero che Nital lo metta in commercio prima di aprile.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Sai se è possibile trovare un sacchetto abbastanza grande da contenerlo (magari con il paraluce rovesciato)?

    Dei sacchetti Nikon, credo nessuna vada bene

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Max, non ho mai letto nelle tue conclusioni a un test di un obiettivo (e mi pare neanche in quelle di Mauro) che l' "unico" difetto sia quello di non poterlo avere già disponibile in commercio! o.O

    Quindi così, giusto per provocare, direi che da abituale utilizzatore di un 17-35mm f/2.8 e prossimo al passaggio al Z-mount con questa straordinaria lente, penso che essa ha forse il difetto di non avere il movimento zoom all'interno del barilotto come il vecchio Nikkor, ciò che ha il grande (per me) vantaggio di non essere soggetto a pericolosi movimenti durante l'uso "on the road" oltre a garantire una migliore tenuta allo sporco.

    Che ne pensi?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, PaoloBC dice:

    Sai se è possibile trovare un sacchetto abbastanza grande da contenerlo (magari con il paraluce rovesciato)?

    Dei sacchetti Nikon, credo nessuna vada bene

    Il paraluce non lo consentirebbe. senza paraluce si ...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Una lente notevole. Sorprende la totale mancanza di distorsione; ottima anche la correzione cromatica che da un certo carattere a questo wide-zoom. Il peso e le dimensioni sono veramente contenuti e ho avuto la tua stessa sensazione: questo obiettivo una volta agganciato alla baionetta viene voglia di lasciarcelo :)

    Edited by effe

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    8 minuti fa, Pedrito dice:

    Max, non ho mai letto nelle tue conclusioni a un test di un obiettivo (e mi pare neanche in quelle di Mauro) che l' "unico" difetto sia quello di non poterlo avere già disponibile in commercio! o.O

    Quindi così, giusto per provocare, direi che da abituale utilizzatore di un 17-35mm f/2.8 e prossimo al passaggio al Z-mount con questa straordinaria lente, penso che essa ha forse il difetto di non avere il movimento zoom all'interno del barilotto come il vecchio Nikkor, ciò che ha il grande (per me) vantaggio di non essere soggetto a pericolosi movimenti durante l'uso "on the road" oltre a garantire una migliore tenuta allo sporco.

    Che ne pensi?

    penso che i miei due 17-35/2,8 hanno avuto problemi ben più gravi a livello di swm, il motore AF che ha quasi sempre fischiato ed in uno dei due arrivò a bloccarsi, costringendomi a spendere centinaia di euro di riparazione, recuperati solo vedendolo, perdendo insomma del tutto il valore dell acquisto originario.

    sporcare un obiettivo nel modo che dici è più facile a chi lo usi sulla sabbia e col vento oppure in utilizzi da sport tipo motocross a bordo pista.

    Non lo penso come un problema.

    si...confermo: è la prima volta in vita mia che compro un obiettivo prima della sua commercializzazione, ma:

    1) credo di aver comprato la Z6 in funzione di questo zoom

    2) Nital mi ha dato modo di provarlo per questo test

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Volevo attendere l'uscita del 20/1,8, ma dopo il tuo test ho deciso e fatto il pre-ordine di questo nuovo stupendo oggetto, che costerà pure meno grazie allo sconto Nital.

    Grazie Max.

     

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    58 minuti fa, effe dice:

    Una lente notevole. Sorprende la totale mancanza di distorsione; ottima anche la correzione cromatica che da un certo carattere a questo wide-zoom. Il peso e le dimensioni sono veramente contenuti e ho avuto la tua stessa sensazione: questo obiettivo una volta agganciato alla baionetta viene voglia di lasciarcelo :)

    E aggiungo che, se correzione cromatica e della distorsione possono essere anche in parte agevolati dell'interazione col sw di sviluppo, le doti di questo zoom in termini di resistenza al flare non le ho mai trovate altrove... e io di zoom superwide ne ho avuto davvero tanti con cui scattare foto

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Grazie Max per la recensione. Mi sarebbe piaciuto avere qualche notturna per verificare se, come promette Nikon, è sostanzialmente esente da coma. Quest'ottica sarebbe la prima ragione per me per passare al sistema Z; però attendo ulteriori prove. Mi piacerebbe anche sapere se e quanto vignetta con un holder con anello superwide e un paio di lastre.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Complimenti per il test, grazie Max. E' sicuramente, dal mio punto di vista, l'obiettivo più interessante fra quelli presentati. Solo una domanda: come lo paragoneresti al 14-24/2.8 dal punto di vista prettamente ottico? 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

     

    49 minuti fa, Pik dice:

    Complimenti per il test, grazie Max. E' sicuramente, dal mio punto di vista, l'obiettivo più interessante fra quelli presentati. Solo una domanda: come lo paragoneresti al 14-24/2.8 dal punto di vista prettamente ottico? 

    molto, molto più corretto dal punto di vista di distorsione e flares

    molto più brillante e contrastato, forse anche troppo, in determinati casi, con soggetti che desiderino passaggi graduali di colore

    Capace di montare filtri a differenza del 14-24/2,8

    Meno luminoso (e uno stop alcune volte può fare la differenza, anche su focali così larghe)

    Dotato di VR, sul sensore della Z

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Max, test interessante e ben fatto come ormai ci hai abituati. Grazie.

    Ho 2 domande per te:

    • La lente frontale nelle foto dell'articolo è molto impolverata. La povere è dentro o fuori? lo chiedo perché io in questo momento possiedo 7 lenti F, di cui una sola si allunga. Ed è l'unica ad avere polvere dentro....
    • Puoi condividere alcuni NEF? vorrei vedere la distorsione senza le correzioni automatizzate di LR/ACR.

    Spiego la domanda sulla distorsione - non ho nulla in contrario sulle correzioni automatiche: garantiscono un ottimo risultato con zero sforzo. Ma poiché ipotizzo che questo zoom abbia ante correzione un certo fisiologico livello di distorsione e poiché se ho capito bene la correzione non può essere disattivata manualmente mi è pongo il problema del crop che ne deriva. Mi chiedo quindi anche se la figata della correzione automatica non sia in realtà realizzata ed applicata anche a mirino. Cosa che sarebbe veramente l'uovo di colombo, la soluzione perfetta. Cosa hai osservato in merito?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    15 ore fa, Massimo Vignoli dice:

    Max, test interessante e ben fatto come ormai ci hai abituati. Grazie.

    Ho 2 domande per te:

    • La lente frontale nelle foto dell'articolo è molto impolverata. La povere è dentro o fuori? lo chiedo perché io in questo momento possiedo 7 lenti F, di cui una sola si allunga. Ed è l'unica ad avere polvere dentro....
    • Puoi condividere alcuni NEF? vorrei vedere la distorsione senza le correzioni automatizzate di LR/ACR.

    Spiego la domanda sulla distorsione - non ho nulla in contrario sulle correzioni automatiche: garantiscono un ottimo risultato con zero sforzo. Ma poiché ipotizzo che questo zoom abbia ante correzione un certo fisiologico livello di distorsione e poiché se ho capito bene la correzione non può essere disattivata manualmente mi è pongo il problema del crop che ne deriva. Mi chiedo quindi anche se la figata della correzione automatica non sia in realtà realizzata ed applicata anche a mirino. Cosa che sarebbe veramente l'uovo di colombo, la soluzione perfetta. Cosa hai osservato in merito?

    la polvere è fuori dall'obiettivo e ho notato come le ottiche Z finora provate siano davvero facili ad impolverarsi. Io poi sono un fautore della minor quantità possibile di interventi sempre pericolosi, quasi mai risolutivi, di pulizia sul campo...specie su obiettivi non di mia proprietà, come quel 14-30

    Quell'obiettivo rende di suo.

    Ricordiamoci poi trattarsi di un f/4, quindi più facile da realizzare in termini di distorsione rispetto ad un f/2,8: basti guardare fisicamente il fratellone Z appena presentatocpplus-nikon-lens03-1024x683.jpg

     

    piuttosto più bombato dell'attuale.

    La stessa dicotomia ho riscontrato a suo tempo sui due Sigma Art, il 12-24/4 ed il 14-24/2,8 anche lì, leggermente a favore del meno luminoso.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Caratteristica particolare, quella dell'assenza di distorsione intrinseca: quando non volontariamente indotta per aggiungere il sale sulla coda delle "regole" sull'inquadratura e la composizione

    1525276318_002-_Z6H088214mm1-1250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.ddbb7b65feb6cf357d0d3639a4e45706.jpg

    877041862_001-_Z6H092514mm1-500secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.589721757eb8a73aa743c889f37fa476.jpg

    1238535763_004-_Z6H698514mm1-60secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.f474ebf45d649e31b440698d6e6c406f.jpg

    698549928_003-_Z6H699414mm1-800secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.932e9e8daf3b685e7910e52d1c04e0a1.jpg

    se volessimo parlarne, sono a disposizione...

    In questo modo i puristi, fautori dell'assenza del pilota automatico, non storceranno più il naso ? :rotfl:

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    15 ore fa, Massimo Vignoli dice:

    Max, ...

    • Puoi condividere alcuni NEF? vorrei vedere la distorsione senza le correzioni automatizzate

    aspettiamo autorizzazione per poter pubblicare NEF: abbiamo avuto a disposizione un sample.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Altro aspetto sul quale nessuno ancora (tranne che dagli USA nell'articolo anglofono) qui mi ha posto quesiti è l'altra caratteristica complementare manifestata da questo obiettivo: la vignettatura, del tutto gestita (pertanto invisibile) dal sw di swiluppo, quanto invece ben presente nelle poche immagini postate con un filtro ND1000 Gobe da 82mm

    A mio avviso davvero invadente,
    1335237121_055-_Z6H988814mm80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.97c48edc3ba2a9aebc8e71847538cd29.jpg

    specie paragonata alla seconda immagine, quella realizzata senza il filtro

    1921698281_054-_Z6H988714mm1-100secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.b77af834dc6ed795149945a15081f6d0.jpg

    La mia personale idea è che il filtro impedisca al sw di operare, ma che buona parte di questa vignettatura sia causata dalla dozzinale qualità del filtro stesso.

    Purtroppo, non avendo un polarizzatore da 82mm (nè la minima intenzione di spendere più di 200 euro per un buon B+W) non avrò la risposta che ad aprile, o quando Nital si deciderà a procurarmi il mio own 14-30/4 S

    Indubbiamente nelle foto più pericolose/lanti queste con cielo terso agli angoli superiori, o Adobe LR o Z 6 o, più semplicemente, l'insieme di obiettivo, sensore e software di sviluppo, produce risultati ineccepibili, senza fatica, senza pensieri: proprio come auspicabile per le fasce di consumatografi cui sono destinate queste attrezzature.

    1659862122_042-_Z6H517130mm1-125secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.8b4ac2c6a6510b9d2e64e723b22bb341.jpg

    1334635406_069-_Z6H082314mm1-200secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.464b778df70e550af64b99f81b9bd8b6.jpg 

    157580210_082-_Z6H101916mm1-60secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.def7b531233636149cf73fa6342ebd82.jpg

    120405887_018-_Z6H499914mm1-1600secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.afd795e31613f63b649fa94622f6e982.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    6 ore fa, Max Aquila dice:

    La mia personale idea è che il filtro impedisca al sw di operare, ma che buona parte di questa vignettatura sia causata dalla dozzinale qualità del filtro stesso.

    Max, ti confermo che il problema è al 99.99% dovuto al filtro. Molto spesso gli ND più scuri e sempre quelli economici esibiscono il difetto di avere un livello di filtro più forte vivi via che ci si allontana dai bordi.
    Per questo motivo l'ND più intenso che uso è uno da 3 stop. Che ovviamente non consente tempi più lunghi di 1/4 di secondo a mezzogiorno, che peraltro io trovo molto innaturali nell'effetto.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Massimo Vignoli dice:

    Max, ti confermo che il problema è al 99.99% dovuto al filtro. Molto spesso gli ND più scuri e sempre quelli economici esibiscono il difetto di avere un livello di filtro più forte vivi via che ci si allontana dai bordi.
    Per questo motivo l'ND più intenso che uso è uno da 3 stop. Che ovviamente non consente tempi più lunghi di 1/4 di secondo a mezzogiorno, che peraltro io trovo molto innaturali nell'effetto.

    ah bene, io che di filtri ND non ne ho mai posseduto, (prima di questo che mi sono fatto prestare, per restituirlo subito dopo aver visto che non avesse nulla di diverso dal cross screen che nel 1984 un negoziante continuava a sostenere fosse il regalo più ambito per una persona che fosse appassionata di fotografia), lo immaginavo proprio che fosse esattamente sua la colpa...

    Per cui mi rimetterò a provare filtri su un 14-30/4 quando tornerà nelle mie mani, questa volta definitivamente, ad aprile.

    Per utilizzare un bel filtro anti UV :rotfl:e misurare la caduta di luce ai bordi eventuale rispetto alla sua assenza.

    Quella che per il 90% degli appassionati utilizzatori di wide è una grande innovazione (la filettatura dei filtri su un 14mm) per me è semplicemente motivo di soddisfazione per la possibilità di proteggere meglio la lente anteriore di questo superwide,
    rispetto alle bocce per pesci rossi come normalmente sono... Immagine Allegata: 511  11042017 -_DSC7472-Modifica   90 mm  ISO 200 Max Aquila photo (C)-2.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    continuo a ringraziare chi ci legge ed onora, attraverso questo articolo e l'analogo tradotto in inglese, che in pochi giorni dalla pubblicazione viaggiano su cifre di lettura davvero impressionanti, (segno del fatto che annunziare prodotti desiderabili e commercializzarli solo dopo troppo tempo genera molte aspettative)

    Tra le quali letture ho trovato una "segnalazione" (strumento che si usa di solito per segnalare contenuti inappropriati...) di un lettore non iscritto... 

    Cita

    Prenotato il nikon 14/30 vorrei un tuo parere se montare il filtro per la protezione lente grazie 

    Rispondo che no, io di filtri per proteggere la lente anteriore non ne monto mai: piuttosto uso sempre il paraluce, anche a questo scopo, oltre per quello suo specifico.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Di questa ottica non mi piace e non mi convince:

    - la luminosità che ritengo insufficiente relativamente alla focale (in particolare 14mm) e al suo eventuale impiego per panorami notturni

    - il suo allungamento che, al di la degli "o ring" determinerà introduzione di polvere all'interno

    - il diaframma a 7 lamelle

    - il prezzo (sempre considerato che é un f4)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...