Jump to content
  • Dario Fava
    Dario Fava

    Dario Fava e la Nikon Z7

    Sign in to follow this  
    Charles-Philippe Picard

    Ospitiamo con tanto piacere ed altrettanta curiosità il punto di vista del fotografo professionista Dario Fava sulla Nikon Z7. L'occasione è particolarmente gradita in quanto Dario non è stato sollecitato a farlo ma si è sentito coinvolto tanto da quanto stiamo dibattendo in questi mesi sul nuovo sistema Nikon Z da volerci confidare le sue impressioni molto personali (dal suo punto di vista di chi con la fotografia "ce campa") con questo articolo.

    Message added by Charles-Philippe Picard

    Cosa succede se date in mano una Nikon Z ad uno che non ama le mirrorless, o meglio, i mirini elettronici?

    Ora ve lo spiego:

    Come molti di voi sapranno, chi mi conosce da tempo, io sono molto fotosensibile, i miei bastoncelli hanno un tempo di rigenerazione lento, ognuno è fatto a suo modo, ma a causa di questa caratteristica ho sempre detestato i mirini elettronici, in primis delle videocamere, dove non esiste alternativa, se non l'uso di un mini-monitor (cosa che peraltro faccio) ma già dai tempi della mia prima bridge, la Fuji s602z (siamo nell'archeologia digitale) mi accorsi che nei luoghi bui, quali teatri, una fonte luminosa dentro un solo occhio è sempre stata motivo di fastidio, al punto di provocare anche emicranie.

    Questo ve lo racconto per farvi inquadrare meglio la situazione, non sono certo l'unico ad avere questo problema, anche la mia assistente per esempio, e quando con le macchine ci si lavora, trovandosi spesso in situazioni di scarso confort, si tende ad utilizzare la strumentazione che quantomeno sia confortevole alle nostre caratteristiche ed esigenze.

    Perché insisto sul comfort?

    Già perché quando si impugna la Nikon Z la sensazione iniziale solo al tatto è quella di confort, nulla di nuovo per chi è abituato ai corpi nikon, ma resta una sorpresa che in un corpo leggero e compatto la mano cada esattamente come fosse un abito cucito su misura.

    tb.jpg.26ceebde6c777a54625406d7ef64f14b.jpg

    Vero è che la mia mano pur non essendo piccola (22cm di spanna), ha dita sottili e lunghe, qualcuno si è lamentato di non saper dove mettere il mignolo, il mio sta esattamente dove vorrebbe stare, a proprio agio.

    La macchina è leggera ma solo in confronto ad una reflex, perché ha a mio avviso il giusto feeling tra manovrabilità e sensazione di solidità, insomma non è un giocattolo. È una nikon a tutti gli effetti.

    Di mirrorless ne ho provate altre, non tanto perché volessi integrare al sistema reflex ma più che altro per curiosità, ed anche a titolo di conoscenza, visto che ai miei corsi non voglio essere impreparato su nessun tipo di argomentazione, le conclusioni poi sono puramente soggettive ma per farsi delle idee le cose vanno provate.

    Devo ammettere che Nikon con il suo incipit Mirrorless Reinvented ha azzeccato il giusto termine, perché per quanto la tecnologia mirrorless sia in piena evoluzione, mi sento di dire che questa Zeta sia diversa dalle altre, già mettendo l'occhio nel mirino, si percepisce in molte situazioni, la sensazione di avere un mirino ottico, quel Oled interno da 3.6 milioni di punti è impressionante, reso ancor più confortevole dal sistema di lenti del mirino.

    Ovviamente ci sono differenze con gli ottici a pentaprisma, ma se di mirrorless vogliamo parlare, perché su certi aspetti sono più agili delle reflex, allora quel mirino è il migliore che abbia mai visto fino ad ora.

    Altro aspetto che mi ha sempre fatto storcere il naso nelle mirrorless è la latenza allo scatto, il mirino elettronico ha un refresh, che sia pur rapido è comunque un tempo "morto" che rallenta l'insieme vista-scatto, anche qui la Z si comporta molto bene, siamo molto vicini ad una reflex prosumer, direi che è quasi trascurabile in svariate situazioni di scatto, in altre continuo a preferire le reflex, ma diciamo che in mancanza di un confronto diretto, non è percepibile.

    L'autofocus ibrido, ovvero a rilevamento e contrasto simultaneamente, lo rende in certe occasioni un po' incerto, non nella precisione impeccabile ma nell'aggancio, proprio a causa della precisione del contrasto, tuttavia è fruibilissimo ed anche per uno come me che usa molto spesso l'afc è stata una piacevole sorpresa.

     

    Veniamo all'aspetto pratico e parliamo di mirino.

    Per quanto sia eccezionale, ci sono alcune situazioni in cui con forti controluce, le luci alte del mirino saturano o clippano chiamatelo come volete, è una delle rare occasioni in cui ci si accorge che c'è un monitor, di primo acchito la tendenza che ho notato è quella di essere "conservativi" se ci si affida al preview del risultato si tende a preservare le alte luci sottoesponendo, perché questa saturazione delle alte luci ti fa percepire come una foto sbagliata, in realtà poi facendoci l'abitudine, e si fa presto, è solo una caratteristica del oled e si capisce come sarà il risultato, peraltro oltre all'esposimetro tradizionale, abbiamo anche la possibilità di apporre l'istogramma in tempo reale, senza alcuna possibilità di errore.

    Queste sono alcune delle situazioni dove nelle alte luci si percepisce l'effetto:

    DSZ_0133.thumb.jpg.4aeec0d5baf9414162771f49d774ccf9.jpg

    1426975376_DSZ_0192copia.thumb.jpg.795e52e481734244f2d2138e4bb261b4.jpg

    Nella seconda poi si evidenziano le aberrazioni cromatiche che ho cercato all'impossibile, ma dell'ottica parlerò dopo.

    Un altro aspetto al quale bisogna fare abitudine è nell'utilizzo in studio, c'è da disattivare la funzione di preview a mirino/monitor per potere inquadrare, l'immagine rispetto ad un mirino ottico è più chiara, non si ha alcuna percezione di come, in base alle luci pilota, verrà lo scatto, come ho già scritto si tratta di un nuovo approccio al quale si può fare abitudine ed integrarlo esattamente con gli scatti a reflex.

    Tuttavia c'è il pregio di vedere bene dove si sta puntando, c'è da dirlo.

    In questa occasione però, se le luci pilota sono un po' flebili, le mie sono da 150W, l'autofocus (che è un -1EV) mostra maggiore difficoltà, è anche vero che un F4 di apertura massima ci mette del suo.

    DSZ_0295.thumb.jpg.3ee5f8e35cfbef4328e5e86aa5fb9c1f.jpg

    Vero anche che in studio con quelle luci pilota mi sono trovato talvolta in difficoltà anche con la 850 ed ancor più con le precedenti reflex, capitava che neanche mi prendessero il fuoco.

    Altra caratteristica del EVF è il refresh, non ho trovato dati sulla frequenza, immagino sia un 120hz ..poco importa ma se siete abituati saltare di palo in frasca con l'occhio nel mirino, preparatevi a vedere l'immagine spezzarsi, perché si supera il tempo di refresh, ovviamente mentre ci si muove (panning a parte ma il panning è più lento) non si scatta, quindi poco male.

     

    Passiamo all'ottica:

     

    Il 24/70 del kit è un f4, limitante per chi ama sfuocare sempre anche a figure intere, ma è l'ottica zoom più straordinaria che abbia mai visto, non so quanto le loCA vengano corrette a software, ma è chiaro che le caratteristiche dei gruppi ottici sono di altissima qualità, sfruttano il bocchettone largo (il più largo tra le ML) per (suppongo) fare arrivare i raggi maggiormente perpendicolari al sensore e caspita, la resa ai bordi è degli dei migliori fissi F-Mount.

    Una cosa invece che mi sarei aspettato, ma forse era più una speranzate utopica che va contro le leggi della fisica, era di avere una minore deformazione ottica ai lati sui grandangoli dal 24 in giù, e tutto sommato in condizioni normali c'è un miglioramento, ad esempio se faccio un gruppo a 24mm, le persone ai lati non sono così cicciotte, ma in condizioni estreme come vi mostrerò sotto, non c'è differenza tra un 24 F-Mount ed il 24 S

    Questo è il 24 art su 850:

    D85_6917.thumb.jpg.c67b98e31fc3d6d751d760cd4cd84472.jpg

    E questo il 24/70 a 24

    DSZ_0284.thumb.jpg.6fe7d0afe1ca6ce4dbe316ee7e629586.jpg

    Come si può notare i quadri al muro, come i pannelli in vetrina sono panoramici quando il rapporto è di 2:3 e quindi sotto quell'aspetto credo che non si possa fare nulla..

    Mi riserbo di provare il 14-30 con il mio vaso da fiori (Tamron 15-30) quando riuscirò a provarne uno. Ma credo di essere un po' troppo esigente su questo aspetto, è già tanto che la nitidezza ai bordi sia paragonabile a un fisso d'eccellenza.

    D'altro canto è già incredibile che da uno zoom si possa ottenere un nitidezza così a tutta apertura, con un controllo delle aberrazioni impressionante.

    DSZ_0065.thumb.jpg.9e9f8cb3366b01f67d190b1cd5d8e09e.jpg

     

    Vengo ora alle conclusioni:

     

    Cosa mi piace di questo sistema?

    • L'integrazione con ACR che pensavo fosse uno svantaggio ma si è rivelato un bel pregio
    • La possibilità di inquadrare da molto basso, usando il display come se fosse il mirino, la reflex in quel campo è lenta nella messa a fuoco e nello scatto, oltre ad avere ingombri da non permettere di scendere più di tanto
    • La portabilità e la maneggevolezza, uniti alla sensazione di solidità senza perdere il solito feeling Nikon
    • Tutte le funzioni mirrorless che semplificano l'uso
    • La scelta di integrare un menù rapido touch ad icone e personalizzabile, per sopperire la parziale mancanza di pulsanti fisici
    • Lo straordinario stabilizzatore su sensore mi consente di usare il 105 ed il 135 con tempi di sicurezza più ragionevoli.

    Cosa non mi piace?

    La patella (perché non si può chiamare custodia) dell'ottica... ho cominciato a ridere appena l'ho vista... 

    Perché la consiglierei anche ad un professionista?

    Perché consente di espandere le possibilità creative laddove solo una mirrorless può arrivare, pur amando sempre la reflex ed il suo mirino ottico non si può rimanere indifferenti a questo sistema.

     

    Brava Nikon!

    E grazie a Nikonland per avermi forzato a provare uno strumento per cui non nutrivo alcun interesse.

    Edited by Parsifal

    Sign in to follow this  


    User Feedback

    Recommended Comments

    Beh guarda da primo degli scettici, mi sono sentito in dovere di esprimere il mio punto di vista nel mio campo d'utilizzo.

    Nel campo video ho fatto solo prove, sugli aspetti critici dei cmos e l'ho trovata molto interessante perché pare sia l'unica a mantenere il Full frame in 4k con un Rolling shutter contenuto al punto da renderla utilizzabile.

    La Sony se non erro croppa, la canon ha un rolling shutter da paura che la rende inusabile a 4K non per fare confronti ma per dire che Nikon ...che non produce videocamere... mi ha stupito pure lì.

    Edited by Dario Fava

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Alla fine ringrazio Nikonland per avermi "forzato", il termine giusto era stimolato, ma essendo un personaggio conservativo spesso devo essere spronato per provare cose totalmente innovative, nessuno mi ha obbligato l'ho fatto di mia iniziativa ma siete bravi a stimolare la mia curiosità, in quello sono davvero grato a tutti voi di Nikonland. 

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Parsifal dice:

    Ciao Dario e grazie di aver condiviso le tue impressioni d'uso con noi.

    Vista la tua esperienza professionale nel video, hai trovato il tempo di provare la Z7 anche in questo campo ?

     

    2 ore fa, Dario Fava dice:

    Beh guarda da primo degli scettici, mi sono sentito in dovere di esprimere il mio punto di vista nel mio campo d'utilizzo.

    Nel campo video ho fatto solo prove, sugli aspetti critici dei cmos e l'ho trovata molto interessante perché pare sia l'unica a mantenere il Full frame in 4k con un Rolling shutter contenuto al punto da renderla utilizzabile.

    La Sony se non erro croppa, la canon ha un rolling shutter da paura che la rende inusabile a 4K non per fare confronti ma per dire che Nikon ...che non produce videocamere... mi ha stupito pure lì.

    sarebbe importantissimo, giusta la nostra asinaggine in campo video.

    Non avevo dubbi che, fatta la tara al tuo problema visivo, a te una Nikon Z in mano sarebbe andata a pennello.

    Nikonland non vende, ma se conosce le persone con cui interloquisce consiglia in modo appassionato (altro che spassionato: quelli sarebbero i negozianti...😄)

    Passeremo in tanti per le Zeta...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    39 minuti fa, Max Aquila dice:

    sarebbe importantissimo, giusta la nostra asinaggine in campo video

    Beh certamente approfondirò il discorso.

    Nel campo video ci sarà una novità importante negli aggiornamenti futuri, come la ripresa in raw,  prerogativa delle videocamere professionali.

    Nikon considera più la Z6 adatta al video, perché rende meglio ad alti iso, e probabilmente è più agile nella gestione della compressione. 

    Però  da quel che ho visto anche la 7 non se la cava male. 

    Può essere usata con parsimonia su di un gimbal elettronico, con parsimonia perché se ci si muove troppo rapidamente il rolling shutter è evidente, ma vale per qualunque sensore cmos anche di reflex.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Dario Fava dice:

    [...]

    Nikon considera più la Z6 adatta al video, perché rende meglio ad alti iso, e probabilmente è più agile nella gestione della compressione. 

    La Z6 fa una compressione lineare sia per il 4K che per il 2K. La Z7 invece salta le linee e il risultato è più spigoloso.
    Nella mia esperienza la Z6 è risultata inoltre molto meno sensibile al rolling shutter che invece sulla Z7 è sempre di tutta evidenza.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, Parsifal dice:

    ...
    Nella mia esperienza la Z6 è risultata inoltre molto meno sensibile al rolling shutter che invece sulla Z7 è sempre di tutta evidenza.

    cosa che ho riscontrato subito, fotograficamente 

    (e il mio, corretto, parametro sono le ML Sony a9 e a7iii)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E se le zeta tutto sommato accontentano il Dario.. vuole esattamente dire che di tributi ne hanno molti.. e lasciano intravedere cosa possa essere il loro futuro sviluppo..     Na     Bomba..

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    33 minuti fa, Parsifal dice:

    La Z6 fa una compressione lineare sia per il 4K che per il 2K. La Z7 invece salta le linee e il risultato è più spigoloso.
    Nella mia esperienza la Z6 è risultata inoltre molto meno sensibile al rolling shutter che invece sulla Z7 è sempre di tutta evidenza.

    Infatti la differenza di scelta a mio avviso non sta nel prezzo, ma in ciò che effettivamente ci serve. 

    Il sensore denso tagliato per il video è sempre un problema in più, ma se si riesce a limitare il danno come in questo caso, è sempre meglio di una soluzione di crop che costringe ad usare ottiche più corte con tutto ciò che comporta.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Dario, grazie per la recensione. Più voci e più usi, una cosa fantastica qui su Nikonland.

    Alla fine, però, non ho capito una cosa: ti è piaciuta abbastanza da metterla in borsa o fatta la prova l'hai resa?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...