Jump to content
  • Bilbo
    Bilbo

    Sigma 100-400mm F5-6.3 Contemporary o Nikon Zoom 70-300mm F4.5-5.6 AF-P: quale scegliere ?

    Sign in to follow this  


    Fino al mese scorso se uno era alla ricerca di uno zoom compatto e non troppo costoso, capace di arrivare ad almeno 300mm, doveva orientarsi su i vecchi 70-300mm, pensati per i sensori di due generazioni fa.
    E' il caso del primo Nikon 70-300mm F4.5-5.6 VR, un vero best-seller ma incapace di valorizzare i sensori successivi alla Nikon D90. Per non parlare dei vari Sigma e Tamron più o meno coevi e validi solo dal punto di vista economico.

    Il fotografo alla ricerca di una qualità superiore, doveva perciò orientarsi su oggetti differenti - come il Nikon 70-200/4G - o comunque di fascia superiore - come il Nikon 80-400mm F4.5-5.6 VR - oppure molto più grossi e pesanti - come il Nikon 200-500/5.6 o i vari nuovi 150-600 di Sigma e Tamron.
    Ottimi apparecchi ma più impegnativi per costo e meno disinvolti per pesi e ingombri.

    Mentre il classico 70-300, negli ultimi decenni è sempre stato il primo obiettivo da consigliare a chi volesse un oggetto relativamente compatto, che costasse il giusto, da usare facilmente a mano libera. Non l'obiettivo bellissimo, ma quello da scegliere per un uso delle focali più lunghe sporadico, in un corredo generalista.

    L'arrivo praticamente contemporaneo dei due apparecchi di cui parliamo in questo articolo ha rimesso tutto in discussione.

    Il nuovo Nikon AF-P 70-300mm F4.5-5.6E - ne abbiamo parlato qui in un recente test - é un obiettivo completamente nuovo che con il precedente condivide solo i dati di targa.

    Mentre il nuovo Sigma 100-400mm F5-6.3 OS Contemporary  - ne abbiamo parlato qui in un recente test - si aggiunge ad un catalogo già affollato di tele-zoom, offrendo una scelta in più, prima inedita.

     

    D5H_4260.thumb.jpg.8da0b3efa1696da09b03b10848b89179.jpg
    i due oggetti di cui parliamo in questo articolo, affiancati in posizione estesa alla massima focale, con il paraluce


    D5H_4259.thumb.jpg.b07949e45eaf17e6c3f424e8245a9e6e.jpg
    qu, sempre affiancati in posizione estesa alla massima focale, senza il paraluce


    D5H_4257.thumb.jpg.89ff0c8d6977cffeedc2f0a5a4aae408.jpg
    alla minima focale, in posizione di riposo, senza paraluce

     

    Ma sono due obiettivi sovrapponibili per fascia di costo (intorno agli 800-850 euro IVA inclusa con garanzia e regolare importazione in Italia) ma non per caratteristiche, che condividono però una peculiarità che li distingue dagli oggetti delle precedenti generazioni.

    Entrambi hanno ottime prestazioni a tutte le focoli della gamma ma danno il massimo di se a quelle massime, a differenza dei vecchi modelli, spesso inservibili oltre i 200mm.

    Come abbiamo visto nei due test individuali invece, sia il Nikon che il Sigma sono eccellenti a 300mm e a 400mm, come ci mostra i grafici MTF

     

    geometric-mtf-100-400.jpg

    Sigma 100-400mm F5-6.3 Contemporary - grafici MTF ufficiali

    70_300.thumb.jpg.0300a731176971bb60baf40fc370342a.jpg

     

    Nikon AF-P 70-300mm F4.5-5.6E VR - grafici MTF ufficiali.

    Differiscono per lo schema ottico, complesso per entrambi ma con una disposizione differente tra loro

    lens-construction-template-100-400..jpg

    il Sigma 100-400 contiene ben tre lenti a bassissima dispersione

    ccs-1-0-62415400-1499754174_thumb.png.ca6be96fe617bf1f8f3b94b5067fa61c.png

    il Nikon 70-300 contiene una lente ED

    Pur compatti, i due obiettivi non sono paragonabili ad un piccolo fisso come il Nikon 50/1.8G

    D5D_9323.thumb.jpg.c16c06d01a3f72085e031fe608a5bfac.jpg

    il nuovo Nikon 70-300 in raffronto al piccolo Nikon 50/1.8G

    e se ne dovrà tener conto in caso di acquisto.

    Ma anche tra loro, pur con un ingombro non troppo dissimile, il Sigma pesa circa il doppio (1.160 grammi) del Nikon (680 grammi).
    Una differenza che si sente se si impugna l'obiettivo per un lungo periodo.

     

    Rispetto al Nikon, il Sigma dispone del consueto plus dato dalla USB dock che consente la messa a punto di tutti i parametri dell'obiettivo, oltre all'aggiornamento del firmware dello stesso.
    Operazioni che per gli obiettivi Nikon invece obbligano l'utente a ricorrere all'assistenza.

    Untitled-2.jpg

     

    Sul campo : Come vanno  ?

    A mio giudizio vanno entrambi ottimamente. Vi rimando ai due test già citati per i dettagli ma vorrei riportare qui alcune foto che credo possano identificare i bisogni che i due obiettivi possono assolvere.

    Nikon 70-300

    D5H_5381.thumb.jpg.cde67807b11077a610c39048ae94da77.jpg

    D5H_5321.thumb.jpg.2f07f25534b6d429f4e5f0e1198a6133.jpg

    D5H_0485.thumb.jpg.501830261863fe3a217d57d27221eae9.jpg

    D5H_0489.thumb.jpg.b36da0e52d4eaeb4cab9732c7cd7ebe9.jpg

    D5H_0869.thumb.jpg.c341628a622d3b6a6754ae96e58041fc.jpg

    D5H_1711.thumb.jpg.1a925a0ca873d94355ea067c588928f8.jpg

     

     

    Sigma 100-400

    D5H_4219.thumb.jpg.4d9743756a97e75a9c8429a81b191076.jpg

    D5H_0761.thumb.jpg.67eeef55c472a1dc552fbf5630682b52.jpg

    D5D_0473.thumb.jpg.1c1d5ffcb40d4ac2dc4d9bafcb04353e.jpg

    D5H_1282.thumb.jpg.64d1976157cf27f4493a25126b0cc9c8.jpg

    D5H_0574.thumb.jpg.0e3e13cfb434ee0555c853b42e6e58f2.jpg

    D5H_0567.thumb.jpg.d236e2ca68cf8bb5a28b7008fe57b8ce.jpg

     

    non sovrapponibili ma quasi, in linea di principio e che consentono di classificare i due obiettivo per impiego generico, potendo andare dal paesaggio, alla fotografia sportiva, per arrivare al ritratto stretto o al reportage.

    Ma, avendoli provati insieme mi sento di sottolineare come in dondo questa sovrapposizione sia più che altro formale.

    Il Nikon 70-300 AF-P è sicuramente un obiettivo più adatto ad un uso generico, meno spinto sul lato tele, ma certamente di impiego più disinvolto e disimpegnato.
    Anche quando il fotografo è una donna.
    La differenza di peso si fa indubbiamente sentire.
    Io l'ho apprezzata, per esempio, nel panning dei kart, più scorrevole e semplice con il 70-300, rispetto al più pesante Sigma.
    Il Nikon, infine, offre una focale minima più moderata e consente per questo di fotografare più da vicino.

    Ma il Sigma offre quei 100 mm in più che fanno la differenza tra un teleobiettivo e un superteleobiettivo.

    A parità di nitidezza e di prestazioni complessive, a 400mm - magari con una macchina APS-C - possiamo ottenere effetti più estremi, sia su soggetti lontani che più vicini.

    Quindi, concludendo e in sintesi

    • Entrambi gli obiettivi hanno ottime prestazioni generali e danno il meglio di se alla focale massima
    • Entrambi hanno una velocità di messa a fuoco e una stabilizzazione efficace e tutto sommato equivalente
    • Entrambi stanno facilmente in qualsiasi borsa, senza necessitare trasporti separati o richiedere treppiedi o monopiedi
    • Entrambi hanno un costo accessibile e paragonabile, con differenze nelle decine di euro
    • Entrambi sono adatti alla stagione estiva o comunque alle situazioni con buona illuminazione perchè non hanno una luminosità massima elevata come certi obiettivi di fascia superiore (e costo molto superiore)

    La scelta andrà quindi fatta più pensando all'uso specifico e all'indole del fotografo che ad altro.

    Credo che il Nikon sia un obiettivo più adatto alla fotografia di tutti i giurni, per chi abbia bisogno di potersi spingere fino a 300mm e non necessiti di ingrandimenti superiori ma non faccia della fotografia al teleobiettivi il suo principale interesse.

    Mentre penso che il Sigma sia più indicato per chi necessita di focali lunghe ma non sia disposto agli impegni (anche di peso e ingombro, non solo di costo) di obiettivi di fascia superiore (come i due 150-600, per restare in casa Sigma).
    Per esempio per gli sport automobilistici o per foto di aeronautica, dove i soggetti sono sempre lontani. Per l'avifauna, dove i soggetti possono essere molto piccoli. Per i safari, quando comunque si vuole potersi muovere in modo più disinvolto rispetto ad un obiettivo più impegnativo.

    Meno adatto ad un uso da tutti i giorni rispetto al Nikon, perchè pur non essendo esageratamente più grosso, pesa comunque praticamente il doppio ed è meno maneggevole per chi non sia abituato a maneggiare per lungo tempo obiettivo pesanti.

    Quale che sia la scelta, comunque, le foto prodotte da entrambi soddisferanno il loro proprietario.

    Ma mi sento obbligato dal dissuadere dall'acquisto di entrambi, chi avesse esigenze specifiche che possono essere risolte solo da un vero super-teleobiettivo e non ne faccia una mera questione economica.
    Certe volte è meglio rinunciare ad un dato genere fotografico che utilizzare un oggetto che potrebbe portarci a patire frustrazioni.

    Si tratta di due obiettivi pensati per completare la gamma in catalogo delle due case. Che invece offrono altri lunghi calibri con caratteristiche più adatte a generi molto specifici.

    Tra i due, avendo già un 70-200/2.8 e un 200-500/5.6 Nikon, io punterei al Sigma, perchè mi consentirebbe di andare in autodromo con un solo obiettivo tenuto in mano e senza monopiedi.
    Un gran sollievo in tante circostanze.
    Ma per altre situazioni io punterei piuttosto ad un eccezionale 500mm F4 fisso.
    Mentre io non ho alcuna esigenza di un obiettivo per foto da passeggio ... se l'avessi, comprerei invece il Nikon.

    A ciascuno il suo. Ma non mancate di condividere con noi la vostra esperienza e la vostra opinione in merito.

    Edited by Mauro Maratta

    Sign in to follow this  


    User Feedback

    Recommended Comments

    Il nikon mi ha dato il senso di un'ottica che invoglia ad un uso sbarazzino, senza impegno. Quei 680g non si sentono,veramente, ed in borsa un buco per questo tele zoom non si stenta a trovarlo. Il fatto di essere così leggero ne facilita l'uso su treppiede infatti pur essendo privo di attacco dedicato ed imponendo di ricorrere al bloccaggio del corpo macchina l'estrema leggerezza e distribuzione dei pesi permette di ottenere un sistema ancora stabile, ovviamente senza scordare i necesari accorgimenti (m-up e telescatto). 

    Sul piano della praticità d'uso il Nikon vince a mani basse, invece per quel che riguarda la qualità dell'immagine finale a me era parso cedevole a 300mm rispetto al Sigma, ma le mie prove sono state troppo frettolose e povere in numerosità di campioni perciò tenderei a rifarmi alle tue conclusioni, più approfondite e dettagliate.

    E' bene rimarcare un dato utile a tanti potenziali acquirenti: 

    Per il nikon 70-300p sono state dichiarate delle incompatibilità con vecchi corpi macchina Nikon. Io ho usato il 70-300 su D800 e D800e con vr attivo e non ho riscontrato alcun problema sulla messa a fuoco, nessun guaio con il VR e tantomeno pasticci di esposizione, insomma filato via tutto liscio. Scioccamente non ho portato con me la D700 ma sono pronto a scommettere che anche in quel caso sarà difficile trovare inghippi.

    Edited by Valerio Brustia

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il termine sbarazzino, credo che renda perfettamente l'idea per quanto riguarda il Nikon.

    Il Sigma ha velleità superiori, secondo me, di sostituire supertele-zoom più impegnativi (sia i Sigmoni sia i Nikon).
    Ma certamente "sbarazzino" non è :marameo:

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Appena tornato da un breve safari fotografico con il Sigma 100-400 posso confermare la sua estrema maneggevolezza, sopratutto negli ambienti angusti di una jeep carica di turisti.

    A breve aggiungerò qualche foto.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Parto giovedì per due settimane nel Nord dell'Islanda, e me lo porterò (il Sigma 100-400) per dare un po' la caccia a sterne, foche, balene e troll (di Puffin ora neanche l'ombra, credo)

    Vi saprò dire.

     

    Edited by Alberto Coppola

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ho provato abbastanza il Sigma per concordare con Mauro il 100-400 è ambizioso, si propone come alternativa molto pratica ai grossi zoom senza  imporre troppe rinunce.  Solo la stabilizzazione mi è sembrata un po' meno efficace rispetto, ad esempio, al 200-500, però li ho usati a distanza di tempo e vado a memoria, non ho fatto test comparativi.

    Non ho provato che per pochi minuti il 70-300 Nikon, quindi non posso esprimere alcun giudizio, ma  tenendo conto dell'uso che farei io di un tele zoom, andrei sicuramente sul Sigma.  

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io sono basito per le possibilità e scelta offerte oggigiorno al fotografo naturalista: per chi non ha molti mezzi è comunque possibile arrivare a risultati che pochi riuscivano a ottenere in passato. Quello che ci vuole (Silvio insegna e lo ammiro per questo) è senz'altro manico e passione... ^_^ il 100-400 in particolare, seppur non luminosissimo, è un progetto che mi lascia ammirato... specie per gli scatti ottenuti (ma che parchi avete vicino voi ? :) quel ghepardo dove l'avete catturato ?)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...