Jump to content
  • effe
    effe

    Un mercoledì da leoni (con la mia nuova Nikon D500)

    Il riferimento alla pellicola cult di John Milius non è per niente casuale... in effetti ieri era mercoledì. E io avevo voglia di provare la D500 sul campo che preferisce, lo sport. L'idea di scrivere questo blog, invece, già mi balenava per la mente da alcuni mesi, e i campionati FISW, che quest'anno non solo assegnavano i titoli italiani, ma decidevano le qualificazioni per Tokyo 2020 per la specialità shortboard, sono stati la giusta occasione.

    EFA_0192.thumb.jpg.43a031d9ed9e0a5af01599c7d1a19e62.jpg

    Galeotto è stato un libro, una classica lettura estiva dal titolo Giorni Selvaggi, scritto dal giornalista e scrittore americano, premio Pulitzer per i suoi servizi di guerra dalla Somalia, William Finnegan. Giorni Selvaggi è la sua storia, la sua vita. Una vita divisa da sempre tra il grande amore per la letteratura e la religione (perchè di questo si tratta) del surf. Una vera e propria folgorazione nata alle Hawaii quando ancora era un ragazzino. Un libro avventuroso, straordinario; un ritmo che non annoia, piuttosto incuriosisce.

    EFA_0219.jpg.130b0f748212af61cd68049bdf46e38d.jpg

    Finnegan (oggi 67enne) ha girato il mondo per oltre cinquant'anni cercando le onde più difficili da surfare, quelle che egli stesso definisce onde killer, che si infrangono con lo stesso fragore di due treni che si scontrano; racconta della sensazione di terrore assoluta che si prova a surfare un'onda veloce, alta dieci metri. Terrore che in una manciata di secondi si fonde con la gratificante euforia per averla surfata senza cadere. Stati d'animo contrastanti che “sparano” l'adrenalina a mille.

    EFA_0276.jpg.73530ad402c9d68d0dc899e493016d23.jpg

    EFA_0284.jpg.28b22a438581e3e8b4851333f9ddf3e8.jpg

    EFA_0307.jpg.140de05279cd08faf5bbedb116e88931.jpg

    Una vita fatta di passione, rischi e sacrifici, tirando a campare, nel suo girovagare, con i lavori più umili: cameriere, benzinaio, giardiniere e di tanto in tanto qualche articolo che le riviste di surf australiane pubblicano volentieri. Persino insegnante di storia nel Sud Africa dell'apartheid, in un college per ragazzi di colore. Più avanti, da giornalista e inviato di guerra non viaggiò mai senza la sua tavola da surf. In quegli anni affrontò persino le onde di El Salvador durante la guerra civile e della Somalia... un bersaglio perfetto. Troppo difficile però rinunciare alla gioia di surfare, quasi per esorcizzare quei momenti difficili, di drammatica sofferenza. Un surfista randagio che i giorni selvaggi li ha vissuti per davvero, affrontando onde che oggi non esistono più perchè il mare, nel suo incessante lavoro di erosione, modifica i fondali. E' geloso delle "sue" onde e sa che non potranno mai più ripetersi e nessuno potrà mai più surfarle.

    EFA_0465.jpg.9ccc143c11a8d64eb67ba489c9b6b915.jpg

    EFA_0557.thumb.jpg.82e4ba1259714ae7d061b418b6f67fbe.jpg

    EFA_0617.jpg.6576a8398c80a3495c09b733c1e18c0e.jpg

    EFA_0719.jpg.6ac4242610a1d5ba5adc1b7a7c260016.jpg

    EFA_0660.jpg.123c9da9413667ba0bc884ed9b753806.jpg

     

    Il campo di gara era lo spot di Mini Capo, nei pressi di Mandriola. Al mio arrivo (intorno alle 11) gli atleti erano già in gara da un paio d'ore, sulla line up, alle prese con onde di circa 4 metri che arrivano in serie (swell) di 3, distanziate di circa 5 secondi. Vento di maestrale, oltre i 25 nodi, abbastanza destabilizzante quando si sta su una tavola piccola, leggera e difficile da controllare come la shortboard. Ma loro sono bravissimi e spettacolari, agili e veloci interpretano alla perfezione ogni minima increspatura sull'acqua. Lo spettacolo infinito di uno degli sport tra i più fotogenici in assoluto... e io mi diverto come un matto. E la D500 nelle mie mani è una scheggia, reattiva e infallibile, nonostate il vecchio 70-300 VR, ieri veramente alla frusta (in attesa che mi arrivi il 200-500). E non potrei scrivere niente di meglio di quanto è statoo scritto finora su Nikonland. Voglio solo pensare che siano le immagini a parlare.

    EFA_0809.jpg.be21663a0eff22879f4aa8543e03b4cc.jpg

    EFA_0865.jpg.79a8789557c7d339481ea6b10055cc2e.jpg

    EFA_0868.jpg.35f06ed94769d68603218aab103c3240.jpg

    EFA_0960.jpg.d7f4cbaf48ab287b5afab2a2c4f01965.jpg

    EFA_1154.jpg.fcf0a79a7ab59e8e684336579dbc2c10.jpg

    E qualche volta l'onda ha la meglio, il mare non si lascia addomesticare

    EFA_0995.jpg.015a268272912bf62a6d8df78561b441.jpg

     

    Come al solito, spero di aver fatto un lavoro almeno dignitoso. In ogni caso, per poche ore, mi sono divertito tanto. E leggete Giorni Selvaggi, ne vale davvero la pena.

    Pezzo consigliato, visto l'argomento: dal genio di Brian Wilson, Surf In Usa, Beach Boys:)

     

    EFA_0330.jpg

    Edited by Bilbo



    User Feedback

    Recommended Comments


×
×
  • Create New...