Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • M&M
    M&M

    Schede di memoria SD Lexar e velocità effettiva

    Qualcuno ha superato la vecchia nomenclatura e finalmente indica la velocità in lettura e in scrittura in megabyte al secondo, qualcuno invece continua con il vecchio riferimento, obsoleto, di moltiplicare il valore della velocità di lettura del CD audio che è convenzionalmente fermo dal 1980 a 150 chilobyte al secondo.

    Alcuni usano un metodo misto. Alcuni, pochi, danno l'effettiva velocità di lettura e di scrittura delle proprie schede.

    Tutto questo aumenta enormemente la confusione in un campo che invece dovrebbe essere semplificato al massimo. Pensate se dovessimo dire al benzinaio che tipo di benzina ci deve mettere quando andiamo a fare rifornimento.
    Ci limitiamo a dire quanta ne vogliamo e basta.
    Qui invece viviamo di ipocrisie, anche perchè oramai i prezzi di produzione dovrebbero essere del tutto livellati.

    Noi non siamo un sito di informatici e non facciamo di mestiere misure di schede di memorie o di dispositivi di memoria in generale. Ci sono sul web siti ben aggiornati che consentono anche di fare raffronti, potendo avere a disposizione ogni tipo di supporto.
    Però nel nostro ambito vorremmo contribuire a fare un pò di chiarezza.

    Abbiamo adottato da poco - ma non tutti ! - le schede di memoria CFexpress di tipo B.

    Queste sono al momento le schede più veloci disponibili per ogni tipo di utilizzo.
    In campo assoluto rivaleggiano con i migliori dischi SSD interni di tipo NVMe.

    Questa è la capacità di lettura e di scrittura di una Lexar CFexpress da 256 GB

    CFE.jpg.46e88570b37b2ee6dd88c26fc5e17a23.jpg

    CFexpress Lexar da 256GB

    prendendo il valore minimo di scrittura e lettura sequenziale possiamo valutare la sua capacità in circa 900-1.000 megabyte al secondo.
    Mentre nella peggiore delle ipotesi avremo comunque oltre 700 megabyte al secondo.
    Se la nostra fotocamera è in grado di sfruttare queste capacità, abbiamo un supporto formidabile.

    E' un'informazione utile nella pratica ?

    Sinceramente non lo so.
    O, almeno, lo so in ambito video dove ci sono simulazioni precise come quella offerta da Blackmagicdesign nel suo Disk Speed Test.

    Qui ho provato una economica SD Lexar 1000x da 128 GB :

    1583311382_SnapCrab_BlackmagicDesignDiskSpeedTest_2020-12-19_16-10-42_No-00.thumb.jpg.257074ceeacf6f5fd8292012e79e66e2.jpg

    che ci racconta una scheda che viaggia a circa 75 megabyte al secondo in scrittura e 130 in lettura.

    Sufficienti per il video a bassa risoluzione ma non per quello più evoluto ad alto numero di fotogrammi al secondo o per il 4k.

    Ma per le foto ?

    Ipotizziamo di lavorare con una Nikon da 24 megapixel, la media oggigiorno.
    Il NEF tipico di questa fotocamera pesa circa 18-20 megabyte.
    Limitandoci al dato di scrittura che è quello più importante, la nostra scheda permetterà alla nostra fotocamera di scrivere circa 3-4 fotogrammi al secondo.

    Ci basta ? Dipende. Dipende che cosa facciamo. Un paesaggista raramente scatta a raffica.
    Un fotonaturalista o un fotografo sportivo invece si, scatta a raffica.
    Ma che raffiche fa ? Una sequenza di 40 scatti sta nel buffer comodamente. Quindi la macchina non si ferma.
    Però poi per svuotare il buffer ci vorranno 10-12 secondi.

    Quindi se deve tornare a scattare ad alta velocità per un lungo periodo di tempo, dovrà accertarsi che il buffer sia per lo più vuoto perchè al saturarsi del buffer, la fotocamera si ferme e riprende a scattare a circa 1 fotogramma al secondo finchè il buffer non è sufficientemente vuoto.

    Mi seguite ?

    Prendiamo ancora la nostra SD 1000x

    1000x.jpg.73b39ce398f55c9001d59d2c684fe5e3.jpg

    Lexar SD 1000x da 128 gigabyte

    e confrontiamola direttamente con una più pregiata 1667x da 256 gigabyte :

    1667x.jpg
    Lexar SD 1667x da 256 gigabyte

    Noterete che quest'ultima é molto più veloce in lettura ma non molto più del 10% più veloce in scrittura.
    A dispetto di quel 1667x rispetto al 1000x che farebbe sperare in un incremento del 66%.

    Nella realtà quel valore promesso dal produttore è in lettura, non in scrittura.
    Quindi all'atto pratico tra una 1000x e una 1667x c'è un piccolo miglioramento in fase di scrittura delle immagini che abbiamo scattato.

    Immagino - non l'ho mai provata - che una 2000x - che viene venduta a prezzo carissimo - possa essere si più veloce ma di una valore marginale.

    Ne vale la pena ?

    Sinceramente ne dubito.

    Morale ?

    Se abbiamo bisogno di tanto spazio e non siamo troppo sensibili alle prestazioni di scarico del buffer della nostra fotocamera, possiamo tranquillamente stare sulle schedine SD, anche di fascia non super-professionale.
    Se invece abbiamo bisogno che il buffer si scarichi immediatamente o facciamo video ad altissima risoluzione, dobbiamo dimenticarci delle schede SD e rivolgerci per lo più esclusivamente alle schede CFexpress.

    Consideriamo invece obsolete, dei veri fondi di magazzino (ma non per questo non più funzionanti : funzionano !) le nostre XQD, superate dalla tecnologia come altre tecnologie in passato.

    • Like 2
    • Haha 1


    User Feedback

    Recommended Comments

    le XQD non sono schede superate nella tecnologia, per essempio, dalle SD più performanti.

    Sono semplicemente uno standard abbandonato: evento raro in questo campo, frequente in altri.

    Se vai a riprendere le misurazioni delle XQD che hai condotto poco tempo fa...non c'è trippa per gatti SD

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    4 minuti fa, Max Aquila ha scritto:

    le XQD non sono schede superate nella tecnologia, per esempio, dalle SD più performanti.

    Si, sono d'accordo, certo. Ma volevo essere didascalico per chi ci legge e poi magari pensa di andarsi a comprare oggi, Natale 2020, ancora delle XQd pensando di fare bene.
    No, non farebbe bene. Però non farebbe male a comprare una SD 1000x al posto di una 2000x ...

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Il 19/12/2020 at 16:52, M&M ha scritto:

    Si, sono d'accordo, certo. Ma volevo essere didascalico per chi ci legge e poi magari pensa di andarsi a comprare oggi, Natale 2020, ancora delle XQd pensando di fare bene.
    No, non farebbe bene. Però non farebbe male a comprare una SD 1000x al posto di una 2000x ...

    Non farebbe bene perché oltre ad avere difficoltà di reperimento di XQD nuove, le troverebbe ai prezzi Sony: ossia del marchio che le ha lanciate e poi, dopo aver gonfiato i prezzi fino al 50% in più nell ultimo anno, ne ha cessato inspiegabilmente la produzione. Impedendone di fatto la produzione a chi avesse voluto continuarla.

    Sarebbe oltremodo stupido acquistare una XQD a venti euro meno di una CFexpress di capacità corrispondente...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...