Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Sigma 14-24/2,8 Art DG DN su Z6 via Techart TZE-01

    Sign in to follow this  

    1818272168_10727122019-_D7M6874MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.15f6b06902ccde7f9dbfa98c668c57b1.JPG

    Semplice: partiamo ancora dall'adattatore Techart TZE-01 , del quale si è parlato in questo sito su questi due articoli

     

    per collegare obiettivi a baionetta Sony E su fotocamere Nikon Z, come la mia Z6
    2086371155_10527122019-_D7M6859MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.10d046004eb583a2d1cf1089ae79b80f.JPG

    colleghiamo l'adattatore alla fotocamera...

    407964258_10427122019-_D7M6841MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.3d668178df6a2ed7afc1c97ee1deafcb.JPG

    e dopo l'obiettivo ad essi 1142727977_10327122019-_D7M6825MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.5a6e822300d13ea453af104873d9a480.JPG

    quando staccheremo l'obiettivo dal corpo macchina, l'adattatore sarà quindi coeso all'obiettivo

    1267540486_11527122019-_D7M6834MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.4f3ecec09f0cafdf0d1ef8a19271f14e.JPG

    dal quale si potrà disaccoppiare dall'apposita levetta supplementare visibile sulla sx della flangia.

     

    L'obiettivo che Mtrading ha gentilmente messo a disposizione è un nuovissimo (2019) Sigma Art 14-24mm f/2,8 DN DG

    112  27122019 -_D7M6886  Max Aquila photo (C).JPG

    2038224212_10927122019-_D7M6879MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.2b498564166c6c01d918fa11ebae963b.JPG

    facente parte dell'ultima produzione dotata direttamente della baionetta E per le mirrorless Sony, senza dover passare dall'adattatore MC-11 di cui abbiamo lungamente detto in passato.

    1755425644_10114122019-_Z6H6436MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.72471a54aac8ef6a1355e4ea63a4b706.JPG

    La differenza dimensionale rispetto al 14-24/2,8 Art per reflex è considerevole: al netto dei materiali costruttivi (sempre di alto livello), questo nuovo widezoom Art pesa ben 350grammi meno del predecessore per reflex, restando al di sotto degli 800 grammi di peso.

    1133641858_10214122019-_Z6H6439MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.7375dfeb7abb91058d29f3a542198b5c.JPG

    Nelle dimensioni guadagna 1cm di lunghezza in meno e anche qualche mm di larghezza inferiore

    760199805_11027122019-_D7M6882MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.a7207dfc530556bca4ee43a1ed9fcd02.JPG solo 28cm la distanza minima di maf
    (invece dei 24 dell'altro...) ed uno schema di 18/13 (invece che 17/11 del fratello reflex) sch.PNG.8c5d3bb91268844609f6e10f835e5365.PNG

    insieme ad un diaframma praticamente circolare, che consta di ben 11 lamelle contro le 9, eccellenti, dell'altro, mi facevano molto ben sperare in funzione del fatto che prima o poi ci si augura l'annuncio dell'avvento dei Sigma per Nikon Z.

    111  27122019 -_D7M6885  Max Aquila photo (C).JPG

    Elemento frontale convesso, della consueta bellezza dei superwide Art, per conseguenza dotato di una bellissima flangia di fissaggio posteriore per filtri in gelatina (per ovviare alla ovvia assenza di filettatura per filtri)

    113  27122019 -_D7M6892  Max Aquila photo (C).JPG

    con una leva di blocco in posizione e due riferimenti per l'allineamento 
    114  27122019 -_D7M6894  Max Aquila photo (C).JPG

    Ma siccome non tutte le ciambelle riescono col buco... voglio rimandare alla prossima occasione una prova approfondita di questo Art, perchè a causa sopratutto del mio esemplare di adattatore Techart, non sono sicuro di averlo fatto lavorare nelle condizioni migliori per le quali è stato progettato.

    E' presto detto: nonostante le rassicurazioni del produttore dell'adattatore Techart, secondo il quale da giugno di quest'anno anche gli obiettivi Sigma per Sony E-mount sono utilizzabili sul suo anello per essere accoppiati ad una Nikon Z, i problemi che nel suo articolo del bellissimo 35/1,2 DN Mauro aveva già evidenziato come di un AF-C molto poco affidabile, da assecondare e da dover sopportare una certa percentuale di fuori fuoco incomprensibili, con il mio Techart e questo widezoom sono stati amplificati al massimo, tanto da non riuscire mai a mettere a fuoco in AF-S, dove tengo per default la priorità alla messa a fuoco corretta.

    Spulciando la documentazione (scarsa) online della azienda produttrice dell'adattatore ho trovato anche della possibilità di aggiornare il fw dell'adattatore, attraverso il tappo posteriore dell'adattatore, fornito di contatti elettrici e di presa mini USB
    108  27122019 -_D7M6878  Max Aquila photo (C).JPG

    ma... la procedura incomprensibile anche in lingua inglese, senza traduzioni in italcinese di mezzo, mi ha fatto desistere dopo un paio di tentativi, anche innovando rispetto a queste "istruzioni", secondo le quali si dovrebbe passare per il tramite di uno smartphone e non collegando obiettivo e/o adattatore al computer via cavo: cosa che ho naturalmente anche, inutilmente, tentato.
    www.PNG.2354a3ee7f964934d7f9d5392a6b2dee.PNG

    Insomma...cercando tra le caratteristichedell'adattatore Techart, ho trovato inoltre che viene garantito il funzionamento per obiettivi entro i 700 grammi di peso... limitandone e di molto quindi la versatilità potenziale.
    Di fatto il Sigma 35/1,2 testato da Mauro, con difficoltà, ma nettamente inferiori a quelle che ho dovuto sopportare io, pesa ben di più di questo, superando il chilo: evidentemente o il 14-24 che ho avuto in prestito aveva qualche difetto materiale, oppure questo adattatore si fletteva, rendendo impossibile la messa a fuoco e ingenerando alcuni dei difetti nei quali mi sono imbattuto con questo obiettivo in termini di distorsione (a tutte le focali), di flares e desaturazione notevole in controluce (mai riscontrata su un Sigma Art prima),  oltre ad uno sfuocato di molto inferiore alle mie aspettative.

    1921008641_001-_Z6H877421mm1-2000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3e75cf6d226975451acc212501154044.JPG

    Flares sia in controluce, sia (nella foto sotto) assolutamente col sole alle spalle, ingenerati dalle superfici riflettenti intorno

    261549441_002-_Z6H877914mm1-320secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.535ae875b1f869787363ea2141598129.JPG

    1409394899_004-_Z6H878623mm1-320secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.733cc7654a8744b6874dd2ad4a614ae1.JPG

    flares e ghosts con la sorgente luminosa in inquadratura, a f/8 ed f/11 a varie focali (a meno che non sia colpa, come detto, di deformazioni dell'adattatore e conseguente passaggio di luce)

    543216680_006-_Z6H879316mm1-80secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.f66c27ae8a7488558682f49ca9dce82f.JPG

    poi... mascherando anche poco la sorgente di luce... nulla più

    458331903_005-_Z6H878923mm1-200secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4004b19af17c0166b94105a0fbd3fd09.JPG

    uno sfuocato non all'altezza delle precedenti realizzazioni Art  (a meno che non sia causato da un disallineamento)

    1864458870_007-_Z6H881116mm1-200secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a9597f675eada8d80ed8da4ee8a9f046.JPG

    1990542231_011-_Z6H933314mm1-160secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.78c42fa4f93b119e573543a6ccd883f9.JPG

    quando la messa a fuoco, aiutata spesso a mano con l'apposita ghiera posta alla base del paraluce a petalo, consente di scattare, i risultati possono diventare interessanti

    627253320_013-_Z6H934117mm1-400secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b9549efd34a501acf01c34cf59e81713.JPG
    anche nel controluce diretto

    642044545_012-_Z6H933514mm1-250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.692e16b519318f027cd41494bfb07f32.JPG

    ma la distorsione ai bordi, (costante, da barilotto a 14mm fino a cuscinetto ai 24) non facilita la messa in bolla...

    1647114884_018-_Z6H939314mm1-3200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cbbc1c4da9d0e8aca71b1fff2f301faa.JPG

    203589903_015-_Z6H937014mm1-1250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cfc9fd3df7f389a8f068eb76ae2c23bf.JPG

    1150873173_016-_Z6H937214mm1-250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.15febb7b9d9f533cbbc739d34555218a.JPG

    725292528_017-_Z6H939124mm1-8000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a18f8fa33cea65e42fe3c0bf7a1d5c5e.JPG

    la sensazione a mirino che ho avuto zoomando era sempre come se l'inquadratura si spanciasse continuativamente indietro e avanti 

    387570136_019-_Z6H940514mm1-1000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.bbe689c40f2618af2a8dc6c8ff6d270f.JPG
    (14mm)

    tanto che facendo in seguito delle semplici prove di riscontro a casa...

    1644085990_024-_Z6H944114mm1-80secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ec7b20d5ebf7554329e9bf7f4d773c21.JPG14mm

    174743479_022-_Z6H943620mm1-50secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d8340c45fda068b6bb3b4a2c29ff022e.JPG20mm

    1001120285_021-_Z6H943224mm1-80secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.30fae6c5c639afd72c4f702dea47890f.JPG24mm

    e poi, di nuovo, avvicinandomi a tutta inquadratura, a 14mm
    402267789_025-_Z6H944214mm1-80secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.33b5f5070bcfb9ce34f3b13821c66812.JPG

    trovo una costante distorsione e vignettatura (sono tutti scatti a f/2,8)

    Tutti elementi che ascrivo a due possibili cause:

    1. adattatore inadatto a gestire questo obiettivo (probabilmente i Sigma E-mount cui fa riferimento il sito Techart, sono quelli reflex DG e DC, non DN)
    2. obiettivo difettoso, con una lente disallineata o altro genere di problemi

    perchè ritengo che i risultati mostrati non possano essere coerenti con il prodotto in questione: lo segnalerò certamente ad Mtrading che farà gli accertamenti che la riguardano, sul suo obiettivo.

    Di fatto ho voluto annullare altri test che avevo in programma con ottiche E-mount su Z, proprio perchè l'adattatore Techart in mio possesso è chiaramente artefice di una buona parte dei problemi evidenziati, principalmente quelli relativi alla messa a fuoco.
    Forse non aggiornato nel fw: ma noi di Nikonland ...non siamo fantascienza e ci aspettiamo procedure e istruzioni a portata di fotografi normali.

    Speriamo invece di poter testare presto e per bene, su baionetta nativa Z, questo e gli altri Sigma Art per mirrorless.

     

    Max Aquila photo (C) per Zetaland 2019

    • Like 3
    • Thanks 1
    • Haha 2
    Sign in to follow this  


    User Feedback

    Recommended Comments

    Che delusione, peccato, però i guai di distorsione, flare, vignettatura e scarso contrasto non si possono imputare ad un adattatore. Quel 14-24 non è uguale al 14-24 F che già conosci, temo che ci stia sfuggendo qualcosa.

    Flare a parte tutti gli altri "difetti" possono essere compensati via software il che mi fa pensare ad una cosa sola: correzioni on camera, disponibili per dispositivi "proprietari". Sigma con Art e Sport si è limitata a fare ottiche ultra corrette tagliando cosi la testa al toro. Evidentemente in questo caso ci deve essere qualche altra via, ma dedicata a Sony.

    Temo che per il futuro sarà sempre più difficile realizzare accoppiamenti casalinghi o "pirati" come il caso techart. Le possibilità offerte dal tiraggio cortissimo delle Z si riducono pesantemente a causa di quanto sopra esposto. Aspettiamo ottiche native e "dedicate" e speriamo che Sigma al più presto riesca ad approcciare correttamente il sistema Z.

     

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io penso allo stesso modo ed anche che ciò sia la dimostrazione attiva di quello che non riescano ancora a fare per Nikon Z.

    Per correttezza voglio pensare che possa essermi imbattuto in problematiche meccaniche.

    Ma...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...