Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon Z6: la necessaria !

    1157605064_301-_85K5358105mm1-13secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.3f84107cccf665dc3eadac1fc5dd8993.jpg

    Venerdì 16 Novembre 2018 Nikon presenta la sua seconda mirrorless full frame, la Z6 e nello stesso giorno Nikonland riceve in visione e prova un necessaire più che completo, grazie ai buoni uffici del distributore italiano, formato dal corpo macchina, dallo zoom (che definire di primo equipaggiamento appare fin da subito riduttivo) 24-70/4, dall'ambìto grandangolare leggero, il 35/1,8 e dallo strumento di coesione tra i corredi F ed i corpi Z, l'adattatore FTZ, tutti oggetti dei quali da mesi oltre a parlarne fin troppo, su Nikonland si scrive a profusione, per prova provata, pure sulla sezione del forum, felicemente rinominata all'uopo,  Zetaland...

    305   -_D5K2776-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 16  Max Aquila photo (C)_.jpg


    1772260678_325-Nikon-Z7-magnesium-alloy-bodyMaxAquilaphoto(C)_.jpg.fd509043e4e9fdc593cbbc47c60cea19.jpg Cosa ci fa definire NECESSARIA la Nikon Z6? 

    Struttura, dimensioni e peso identici alla primogenita Z7.   Ergonomia uguale.   Estetica indistinguibile se non per il numerino in basso a destra, osservando il frontale...
    311   -_D5K2797-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 16  Max Aquila photo (C)_.jpg

    318   -_D5K2891  105 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg

    idem per i comandi e pulsanti, avanti come dietro, sulla torretta di sinistra e sulla plancia di scatto a destra

    310   -_D5K2793-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    320   -_D5K2898  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    da qualsiasi punto di vista la si guardi e la si studi, non appaiono differenze di sorta tra le due macchine con le quali Nikon inaugura il suo secondo Centenario.

    306   -_D5K2781-Modifica-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    315   -_D5K2885  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg a sx sul fianco comode coperture flessibili
    proteggono le prese IN e OUT della fotocamera 316   -_D5K2887  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    anche a destra, il nuovo sportello/poggiapollice ergonomico apre l'accesso all'unica scheda XQD (CFxpress compatibile) , 317   -_D5K2888  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpgdi cui le attuali Nikon Z possono disporre per la registrazione dei files

    così come identico è il mirino elettronico OLED in dotazione, da 3690k punti ed uguali possibilità di regolazione.309   -_D5K2791-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    Necessario è tutto ciò che diventa spesso anche indispensabile, diverso dal superfluo ed anche dall'eccedente...
    308   -_D5K2789-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 4,0  Max Aquila photo (C)_.jpg
    ed ecco allora come la Nikon Z6 diventa "La Necessaria":
    eliminato il superfluo (specchio, mirabox, lentezza operativa, rumorosità etc), aggiunto l'indispensabile (mirino elettronico performante, AF ibrido a rilevazione di fase e di contrasto, sensori posizionati su tutto il fotogramma, ottimo rapporto S/R, stabilizzazione sul sensore, raffica fino a 12 ftg/s, video 4K) si accontenta di rinunciare alle "eccedenze" della sorella maggiore ossia, sopratutto, il sensore da 45,7Mpx, oltre ai 493 punti di messa a fuoco (facendosene bastare 273) e gli ISO 64 da cui parte invece la Z7.

    Come la sorella si regala funzioni difficilmente riscontrabili su altre mirrorless di riferimento (prima della nascita della linea Z): principalmente cosette come la ripresa con la variazione della messa a fuoco, brevemente ridefinita focus stacking e le riprese con intervallometro in time lapse , oltre ad una perfetta compatibilità con ottiche native e universali della generazione reflex attraverso l'adattatore FTZ
     307   -_D5K2786-Modifica-2  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    roba da far ... leccare i gomiti a chi apprezzi o, come me, idolatri costruzioni ottiche del remoto passato Nikon, Nikkor, da far rivivere, stabilizzate e misurate al Matrix303   -_D5K2750  40 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg

    insieme alle gloriose sigle da Nippon Kogaku...313   -_D5K2810  40 mm  1-60 sec a f - 4,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    famose quando certe etichette odierne ancora combattevano con le Katana nei boschi di tigli in fiore
    312   -_D5K2806-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg senza disdegnare abbinamenti estremi ma ... necessari,

                                                  perlomeno fino a quando il listino ottiche della roadmap non sarà stato completato.

    nikon-z6-z7.thumb.jpg.8f24ff55656849c548998f1b9690dea7.jpg

    Necessario non è quindi sinonimo di inferiore, ma connota un prodotto in funzione degli scopi per i quali venga preferito ad altri:

    è una scelta molto più complessa di quelle riduttive da ...rapporto qualità/prezzo (che detesto, in quanto eminentemente soggettivo) o da ricerca del TOP del listino.
    Necessaria è la Nikon Z6 proprio in ragione di alcuni parametri per i quali possa essere scelta al posto della sorella più costosa (molto...) rinunciando ai pochi aspetti che da quella la differenziano:

     

    Il Sensore

    Cattura.PNG.bbb136a453bf4cb32c304336a9bc3636.PNG (foto di Pat Nadolsky)

    24,5 MPx, genera files da 6048x4024 pixel, NEF da circa 30 Mb, (jpg Fine* attorno ai 12 MB), provvisto di filtro passabasso (al contrario che la Z7)

    Questo taglio di sensore è probabilmente quello attualmente più popolare tra tutti i marchi di mirrorless sia di formato pieno che in APS-C: significa che continua ad essere considerato un giusto compromesso tra le esigenze qualitative fotografiche in molti generi insieme al limitato ingombro dei file sui nostri vessati hard disk.

    Dai reporter di tutti i generi, ai viaggiatori e street photographer, alla mamma che voglia scattare in automatismo totale alla partita di calcio del figlio (o di volley, giusta la capacità eccellente agli alti ISO) nessuno si lamenterà, ma anzi si autocongratulerà per l'azzeccato acquisto.

     

    273 punti AF sparsi sul 90% del fotogramma

    sensor.jpg.174856385280af7fa5cccf51c9536acc.jpg

    una grande innovazione per tutti i fotografi delle categorie prima menzionate, per la facilitazione rispetto all'esiguità sulle reflex di aggancio dell'AF sul soggetto del tutto decentrato nel fotogramma: ritengo sia una delle performance irrinunciabili, indispensabili, in una moderna fotocamera, anche a prescindere dal genere fotografato, per evitare l'esigenza di treppiede + live view con la quale, ma solo con le ultime reflex, si riusciva a ottenere un compromesso onorevole, rispetto la copertura solamente DX delle cellule AF sulle ammiraglie Nikon.

     

    Resa agli Alti ISO

    La latitudine di posa del sensore tra 100 e 51200 ISO abbinata ad un eccellente rapporto S/R, insieme alla capacità di lettura dell'AF in luce bassa già a partire da -4EV, consente di ottenere una eccellente compattezza anche delle zone omogenee sovra o sottoesposte dell'inquadratura:

    1918548402_101-_Z6C014824mm1-100secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.0b0a7e23162945a2ad2d4c7f9acef038.jpg 12800 ISO190439839_103-_Z6C642935mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.53e155c22167dc8f4b4ebb66f030c30b.jpg25600 ISO1487546995_104-_Z6C642935mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.221ae47952a47c19bd1f3f6b60bfc961.jpg (crop)

    Le prestazioni in luce disponibile di una Nikon Z6 sono oggi "necessarie" ad una pluralità di utilizzi e di tipologie di fotografia.

     

     

    Baionetta e tiraggio Z

    mounts.PNG.153258d157fbd6c95a5c37a621b53cb5.PNG

    ...un grande passo in avanti per ogni nikonista

    mount.thumb.PNG.72ed123905c46425cd9f290ae43688f3.PNG

    unitamente alla presentazione delle ottiche Nikon S promesse nella roadmap pubblicata

    Nikon-Z6-7.jpg.71d3af3b761f7da705f0f1866215aeac.jpg produrrà un livello qualitativo delle immagini irraggiungibile dalle ottiche F

     

     

    Stabilizzazione a 5 assi

    vr-unit.jpg.53aae0dcc3a06e84d64e6cc4cd788841.jpg

    Indispensabile voce nel panorama mirrorless attuale, Nikon Z6 anche qui marca il territorio con prestazioni a mio vedere ottime (dopo aver testato negli anni precedenti il meglio della produzione della concorrenza) che se anche non rispettassero il parametro dei +5 stop promessi (rispetto il reciproco focale/indice ISO) diventano eccellenti nell'integrazione tra stabilizzazione del corpo macchina congiuntamente a quella (se presente) dell'obiettivo, nel mio caso, attraverso il tramite dell' adattatore FTZ ed anche con obiettivi universali !716610902_101-_Z6C0258200mm1-80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.cd4fd46075bf5c320b58a284e12ad6a4.jpg 1/80"  a 200mm a mano libera su di un 80-200/2.8 a f/16
    dà già il senso della qualità di stabilizzazione ottenibile  182369434_101-_Z6C0258200mm1-80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.380e9cc8e66e355388565df6d27f0772.jpg (crop)

    tanto quanto 1/25" ai 70mm del 24-70/4417986689_101-_Z6C031366mm1-25secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.20702f5262acd5268b2c8069527cb8b9.jpg

    1043091554_101-_Z6C031366mm1-25secaf-40MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.306f1b8340f7e7e32299e1074c89b38d.jpg (ed il suo crop) 
    Non ho avuto molto tempo per sviluppare questo specifico tema, con cui mi sarebbe piaciuto testare vecchi obiettivi Nippon Kogaku, ma la sensazione di sicurezza ricevuta durante gli scatti è stata davvero eloquente e queste prove a tempi improponibili a mano libera su attrezzature differenti fanno ancora un pò più "necessaria" una Nikon Z6

    101   -_Z6C0163  35 mm  1-10 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg35mm 1/10"

    842320434_101-_Z6C034835mm1-10secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.fe6f58b685ad300baba50627a8a4c8d7.jpg 501661548_101-_Z6C034835mm1-10secaf-40MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.9143df29d8e95a937354a31668c15f82.jpg

    Inoltre la Nikon Z6 diventa, a mio avviso, "Necessaria" perchè le caratteristiche che la differenziano dalla Z7 la collocano, per snellezza, su di un piano di migliore compatibilità tra il gruppo processore/sensore e le prestazioni dinamiche di velocità di scrittura su XQD, come ben testimoniato dai massive test di scatto in sequenza, cui l'ho sottoposta in abbinamento al Nikon 200-500/5,6E su FTZ,  per ottenere innanzitutto la prestazione massima in termini di velocità (12 ftg/s in jpg Fine e sequenza H*)
     tonno2.thumb.jpg.ab510b28457ee47bda3d795ef0da6806.jpg

    (qua sequenza di 2 secondi) tonno1.thumb.jpg.69024c684bfc28c0c7bc1b3b92c51f55.jpg

    durante il quale utilizzo l'immagine mostrata nel mirino elettronico non manifesta problemi di ritardo ed il buffer, grazie alla dimensione dei file decisamente inferiore agli analoghi della Z7, non manifesta flessioni di sorta anche scattando sequenze di durata ulteriore (per ottenere di più, tanto varrebbe realizzare filmati !)681107811_09019112018-_Z6C3401MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.8be3301e98c8d0200cd55e3292a52406.jpg
    844280529_09119112018-_Z6C2755MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.4741e81bf1f2de1bab2a8f8577556fe5.jpgDirei che per i fotografi che si dedicano allo sport, la Nikon Z6 oggi sia la Z necessaria !
    582445209_09119112018-_Z6C3202MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.9b5a5286fe0bcea10a743c4dbe805607.jpg

    Ed uno shooting da ben più 4mila scatti in appena due ore, con la stessa batteria EN-EL15b 2079420766_08119112018-_D5K2755MaxAquilaphoto(C).jpg.de4f3dd37d25891ca7b3117f0b077e94.jpg (a proposito... lasciate stare gli standard CIPA degli annunci) 
    ...non può che confermare la naturale destinazione di questa mirrorless a robusti utilizzi di questo genere, limitati unicamente da quello che per lunghi anni è stato il principale argomento di vendita di mirrorless MQT, APS-C ed anche FF: le dimensioni ridotte, che in questo ambito, quello dell'utilizzo intenso e continuato, non può che fare rimpiangere le dimensioni di una tradizionale reflex...
     hand.thumb.PNG.d016c664d0b1e6d14e1288a4f5e59206.PNG nell'uso intensivo il palmo della mano, privo di appoggio, si indolenzisce
    e la mancanza di un battery grip aggiuntivo si fa certamente sentire con obiettivi ben più compatti del mio zoomone 200-500/5,6

    Certamente mille aspetti a favore della compattezza li troveranno (e sono in tanti) tutti coloro che di una Nikon Z6 faranno la propria mirrorless da viaggio per vacanza, studio, o per ogni altro motivo nel quale
    compattezza e peso limitato costituiscano un vantaggio reale 676872ff-3d80-4d3b-a919-10d0a8f94fbd.thumb.jpg.a57529d1b1db77fb872486a2aaf7fd39.jpg

    Un aspetto che ho accennato in anteprima rispetto a questo articolo, è stata la sensazione di non aver percepito la presenza evidente di rolling shutter (delle deformazioni indotte dal funzionamento a "pennello" dell'otturatore elettronico) nel migliaio abbondante di foto scattate durante un giro di golf, come mi è invece capitato di doversubire in altre occasioni con altre...mirrorless  
    1651644664_NOROLLING.thumb.jpg.ef035304d0ab3eeeb3aaa87402fa7cb2.jpg

    Ciò non potrebbe che essere un'impressione fallace, giusta l'assenza nelle Z dell'anelato global shutter, ma potrebbe essere in linea con la velocità ancora al di sotto delle aspettative che l'otturatore elettronico di queste Z consente al momento. (9 ftg/s per la Z7 e 12 ftg/s per questa Z6)

    314   -_D5K2817  40 mm  1-60 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg
    Un'altra critica che mi sento di estendere alle Nikon Z attuali, dimensioni a parte, è la solita storia del bellissimo monitor da 3,2" e 2100punti, touch, contrastatissimo e zeppo di opportunità...

    321   -_D5K2901-Modifica  105 mm  1-100 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg tranne quella di essere imperniato a pantografo, invece che a perno basculante,
    limitandone l'escursione alla posizione a 90°
    322   -_D5K2904  105 mm  1-100 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    nella quale bisogna inoltre fare attenzione al sensore di prossimità del mirino (se non lo disattiviamo) che tende ad oscurare il monitor alla minima interferenza, di un dito, della cinghia, del pensiero solamente di...poter interferire 😃

    Spettacolari invece sono la posizione, la fattura e la resistenza opposta dai migliori joystick e selettore multipoint che mi sia mai stato dato di utilizzare su di una mirrorless:
    319   -_D5K2894  105 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg comandi necessari alla gestione dei suoi molteplici menù, Nikon styled: assolutamente familiari ! :cuoricini:

    Tasti funzione come quello i, con due linee di opzioni programmabili e istantaneamente richiamabili, o come i due tasti intorno alla baionetta FN1 e 2, oltre alle tre posizioni di memoria impostazioni sulla rotella della torretta di sinistra (U1,U2 e U3)

    wb.thumb.jpg.ddee9d23da6a5ab19ec8a79d20de129e.jpg

    Grande sforzo da parte di Nikon nell'implementazione in entrambe queste Z di capacità di valutazione della luce, della temperatura colore (in alto un esempio dei tre diversi preset del WB Auto...), della semplificazione delle modalità di AF nel pilotarne i sensori: si comprende come si sia solo all'inizio di un progetto molto ambizioso.

     

     

    Concludendo:

    gli aspetti a svantaggio di una Nikon Z6 sono davvero esigui e non sono molto differenti da quelli evidenziati nel test della Z7,  investono ambiti progettuali che nelle prossime versioni saranno probabilmente superati con facilità, come nel caso del riconoscimento dell'occhio (fallace nel più delle volte) o dell'assenza di contatti elettrici per un grip verticale che aumenti la sensazione di usability delle due Nikon Z. 

    Alcuni aspetti differenziali dalla Z7 ne fanno invece  a mio avviso una scelta potenzialmente più interessante della capostipite sorella:

    • macchina generalista: necessaria nelle mani di utenti Nikon vecchi e nuovi . Mi pare sia il realistico ponte di transito da reflex a mirrorless
    • attitudine alla scrittura di elevati volumi di scatto (entro i limiti di sistema, chiaramente indicati)
    • meno soggetta della sorella, dal sensore elefantiaco, a imbarazzanti lag, a parità di processore 
    • vogliamo dire anche del prezzo, sicuramente più invitante, specie dopo i primi mesi di febbre da Z6 ?
     
    In entrambi i casi delle Nikon Z apprezzo tantissimo lo slogan che è stato coniato alla presentazione, quello di "mirrorless reinvented": ne hanno titolo !

     

    Max Aquila photo (C) per NikonZetaland 2018

    • Like 3
    • Thanks 7
    • Haha 2


    User Feedback

    Recommended Comments



    Arrivano sempre in ritardo e con delle prove, che rispetto a quelle che facevano un paio di anni fa, appaiono molto meno professionali e senza i famosi test numerici.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Man mano che passano i mesi raccogliamo come tasselli non soltanto i nostri scatti, ma anche le esperienze altrui, 

    che ci dimostrano di averci visto bene nonostante .... stessimo tanto bene con le DSLR che avevamo.

    Aspettando l'avvento delle nuove carte CFxpress e degli aggiornamenti fw promessi, pensiamo che davvero per Nikon e la fotografia in generale si potranno aprire ulteriori scenari.

    Per chi ha pazienza nel leggerci, continueremo a scriverne.

    • Haha 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Presa... necessaria sicuramente, ora non ho altro 🤣 ... e aggiungerei notturna. Per ora mi sembra una gran macchina, non rimpiango la reflex che ho immolato. Lavora benissimo con le mie ottiche F Mount Nikon.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    dunque se ho capito bene io possessore di obbiettivi reflex come il 24-70 af-s 2.8 14-24  e 50 1.4 g posso usarle con la Z ?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    11 minuti fa, marco74 dice:

    dunque se ho capito bene io possessore di obbiettivi reflex come il 24-70 af-s 2.8 14-24  e 50 1.4 g posso usarle con la Z ?

    nulla osta. 

    Fino a quando non sarà chiaro il vantaggio delle nuove ottiche progettate per le Z.

    Che rispetto agli obiettivi che citi è concreto ed attuale non appena arriveranno in negozio 14-30/4 e 24-70/2,8

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E devo ammettere che il vantaggio c'è, anche se ho a disposizione solo il kit base per fare comparazioni. Però ho notato una cosa strana: kit base a 70mm, interno di sera e quindi alti ISO, fotografia a caso per testare la bontà della macchina nuova e il risultato è che fino a mezzo secondo di scatto il risultato è nitido, guardando dal retro della macchina (quindi dal PC mi aspetto qualcosa di meno), a 1 secondo mosso leggero, come fosse fuori fuoco. Attaccato il 70-200 f2.8 nikon sempre a 70, a 1/10 mosso equivalente a 1 secondo dell'altro, a 1/5 inaccettabile con immagine sdoppiata. Provato il 24-70 f2.8 Tamron G2, aggiornato nel firmware, risultati simili al 70-200 con 1/8 l'equivalente ad 1 secondo. Provato più volte e il risultato è sempre lo stesso. La causa non lo so, non sono ancora riuscito a capirlo, ma non ho potuto fare altre prove, in entrambi gli obiettivi con stabilizzatore questo era attivo, ovviamente. Non dovrebbero sommarsi allo stabilizzatore? Si, ma... tant'è! Risultati comunque ottimi in tutti e 3 i casi, ma strepitoso quello del kit onestamente.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    31 minuti fa, Leo dice:

    Non dovrebbero sommarsi allo stabilizzatore?

    Se ho ben capito no. Se hai un'ottica VR lo stabilizzatore della macchina viene escluso. Quale che sia la posizione del selettore VR.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    56 minuti fa, Marco63 dice:

    Se ho ben capito no. Se hai un'ottica VR lo stabilizzatore della macchina viene escluso. Quale che sia la posizione del selettore VR.

    Esatto, se l’ottica ha lo stabilizzatore, l’ibis viene disattivato e non è attivabile.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, Dario Fava dice:

    Esatto, se l’ottica ha lo stabilizzatore, l’ibis viene disattivato e non è attivabile.

    Non so dove lo abbiate letto.

    In presenza dello stabilizzatore inserito, quello della Z non funziona su cinque ma su tre assi.

    poi: il peso dell'ottica influisce in maniera determinante sull ammortizzazione della vibrazione (posto che si riesca a riprodurla in maniera identica 😛 )  come si può pensare che a 70mm uno zoom da 500grammi funzioni come uno da 1400?

    Col 70-200 sono felice se la foto viene salvata a 1/30" a mano libera...di solito però evito di farci troppo affidamento 

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    6 minuti fa, Max Aquila dice:

    Non so dove lo abbiate letto.

    In presenza dello stabilizzatore inserito, quello della Z non funziona su cinque ma su tre assi.

    poi: il peso dell'ottica influisce in maniera determinante sull ammortizzazione della vibrazione (posto che si riesca a riprodurla in maniera identica 😛 )  come si può pensare che a 70mm uno zoom da 500grammi funzioni come uno da 1400?

    Col 70-200 sono felice se la foto viene salvata a 1/30" a mano libera...di solito però evito di farci troppo affidamento 

    Io non l’ho letto ho solo visto che si spegneva il bottoncino 😂

    Evidentemente come tante cose che la z fa senza dirci nulla, questa è un’altra. 😄

     

    Per far funzionare al meglio il sistema.

    Edited by Dario Fava
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Alla fine state facendo venire la scimmia anche a me: provata la Z6.
    Ho notato una cosa strana. Sia con l'80-400 che con il 500/4FL che con 500/5.6PF (si, ho provato pure quello) lo stabilizzatore resta attivo per tutto il tempo in cui il mirino è acceso. Nella fotografia naturalistica guardare nel mirino per tempi prolungati, in osservazione, è prassi abbastanza comune. A voi non succede? c'è qualche impostazione? 

    Apparentemente l'unico modo per evitar che stia acceso per decine di minuti è spegnere lo stabilizzatore con il comando sulla lente, ma così facendo pure lo stabilizzatore sul sensore resta spento. Idee?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    4 ore fa, Massimo Vignoli dice:

    Alla fine state facendo venire la scimmia anche a me: provata la Z6.
    Ho notato una cosa strana. Sia con l'80-400 che con il 500/4FL che con 500/5.6PF (si, ho provato pure quello) lo stabilizzatore resta attivo per tutto il tempo in cui il mirino è acceso. Nella fotografia naturalistica guardare nel mirino per tempi prolungati, in osservazione, è prassi abbastanza comune. A voi non succede? c'è qualche impostazione? 

    l'avevo notato col 70-300 che ha lo stabilizzatore più 'rumoroso' rispetto al 70-200. però non ho trovato nulla per ovviare a questa cosa, che non definisco problema perché magari non lo è....

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Beh no, problema per quel tipo di uso lo è sicuramente, ovviabile forse con un caricatore di batterie alla Rambo! :signorsi:

    Una cosa che mi piacerebbe è poter usare invece uno stabilizzatore o l'altro in base alle mie preferenze, visto che quello in camera funziona molto meglio di quello sull'obiettivo!

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Massimo, quello che descrivi è motivo sufficiente per farti passare la scimmia sulle Z.
    Almeno per gli usi che fai dell'attrezzatura fotografica.
    Non oso immaginarti a perdere scatti per la batteria scarica in Nuova Scozia, e nemmeno vedo praticabile l'appostamento con battery bank attaccato al treppiede.
    E secondo me questi sono anche aspetti che verranno risolti con una Z pro.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    22 ore fa, Massimo Vignoli dice:

    Ho notato una cosa strana. Sia con l'80-400 che con il 500/4FL che con 500/5.6PF lo stabilizzatore resta attivo per tutto il tempo in cui il mirino è acceso. Nella fotografia naturalistica guardare nel mirino per tempi prolungati, in osservazione, è prassi abbastanza comune. A voi non succede? c'è qualche impostazione? 

    Apparentemente l'unico modo per evitar che stia acceso per decine di minuti è spegnere lo stabilizzatore con il comando sulla lente, ma così facendo pure lo stabilizzatore sul sensore resta spento.

    Massimo, scusa se te lo chiedo: sulle reflex, alcuni secondi dopo aver rilasciato il pulsante di scatto, secondo quanto settato nei menu', l'esposimetro si spegne e la macchina va in standby, pronta a riprendersi non appena si sfiora il pulsante di scatto.

    Sulla Z come funziona la cosa? Se rilascio il pulsante di scatto ed allontano la macchina dal volto, il display del mirino si spengne dopo qualche secondo, settabile da menu', oppure rimane acceso ? C'e' un sensore di prossimita' che lo attiva ? E se i display della macchina si spengono, lo stabilizzatore rimane ancora acceso oppure va in standby insieme alla macchina?

    Te lo chiedo perche' purtroppo non ho ancora potuto prendere in mano una Z
    Luciano

    Edited by Lucky

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il VR sta acceso fino a che la macchina non va in stand-by, non basta che si disattivi il mirino elettronico.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Lucky dice:

    C'e' un sensore di prossimita' che lo attiva ? E se i display della macchina si spengono, lo stabilizzatore rimane ancora acceso oppure va in standby insieme alla macchina?

    La macchina va in standby dopo un tempo regolabile da menù sulle varie funzioni (ripresa, menù, visualizza foto, ecc). Per riattivarla devi premere il pulsante di scatto a metà corsa. Ci vuole qualche frazione di secondo per rivedere l'immagine nel mirino. Non si attiva con il sensore di prossimità.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Vi ringrazio per le risposte. Quindi, se ho capito bene, c'e' un sensore di prossimita' che spegne il display del mirino quando si allontana la macchina dal viso. Ma questo avviene immediatamente, o dopo un tempo impostabile da menu ?
    Poi c'e' il tempo di standby, settabile da menu' che "spegne" la macchina, il VR, ed il display del mirino, e per far uscire la macchina dallo standby, esattamente come sulle reflex, bisogna premere a meta' il pulsante di scatto.
    Ma se si tiene semplicemente la macchina vicina al viso, senza toccare piu' il pulsante di scatto, e si supera il tempo di standby impostato nel menu', cosa succcede ? il display del mirino si spegne e si deve riaccenderlo premendo a meta' il pulsante di scatto, o resta acceso per tutto il tempo che si tiene la macchina accostata ?  quindi il tempo di standby parte da quando si e' lasciato il pulsante di scatto, come sulle reflex,  o da quando si e' spento il display allontanando la macchina ?
    Chiedo scusa per le ulteriori domande, ma capire in pratica la logica di certi meccanismi non e' sempre possibile con la sola lettura del manuale.

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    21 minuti fa, Lucky dice:

    Vi ringrazio per le risposte. Quindi, se ho capito bene, c'e' un sensore di prossimita' che spegne il display del mirino quando si allontana la macchina dal viso. Ma questo avviene immediatamente, o dopo un tempo impostabile da menu ?

    Non ho mai controllato sul manuale ma suppongo che non sia settabile dato che se si usa in automatico la scelta tra mirino e display il passaggio tra l'uno e l'altro deve essere istantaneo altrimenti avremmo un lasso di tempo in cui non si potrebbe usare la macchina.....

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    10 ore fa, Lucky dice:

    Vi ringrazio per le risposte. Quindi, se ho capito bene, c'e' un sensore di prossimita' che spegne il display del mirino quando si allontana la macchina dal viso. Ma questo avviene immediatamente, o dopo un tempo impostabile da menu ?
    Poi c'e' il tempo di standby, settabile da menu' che "spegne" la macchina, il VR, ed il display del mirino, e per far uscire la macchina dallo standby, esattamente come sulle reflex, bisogna premere a meta' il pulsante di scatto.
    Ma se si tiene semplicemente la macchina vicina al viso, senza toccare piu' il pulsante di scatto, e si supera il tempo di standby impostato nel menu', cosa succcede ? il display del mirino si spegne e si deve riaccenderlo premendo a meta' il pulsante di scatto, o resta acceso per tutto il tempo che si tiene la macchina accostata ?  quindi il tempo di standby parte da quando si e' lasciato il pulsante di scatto, come sulle reflex,  o da quando si e' spento il display allontanando la macchina ?
    Chiedo scusa per le ulteriori domande, ma capire in pratica la logica di certi meccanismi non e' sempre possibile con la sola lettura del manuale.

     

     

    Ora me l'hai messa complicata, dovrei fare delle verifiche. Ti rispondo salvo rettifiche mie o di altri.

    Il timer di standby si attiva dall'ultima operatività effettuata (quindi messa a fuoco, scatto, visualizzazione foto, ecc) e non dall'ultimo passaggio sull'oculare. Al raggiungimento del tempo i visori, oculare o posteriore, si spengono. E' uno dei limiti più evidenti arrivando da una reflex, assieme al fatto che se è spenta nel mirino non vedi ovviamente nulla. Io mi ci devo ancora abituare. Alcune funzioni sono legate allo standby, come ad esempio l'esposizione multipla che termina con il timer e genera una esposizione fin dove è arrivata, altre no, come il time laps che continua indipendentemente dal timer.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    11 ore fa, Lucky dice:

    Chiedo scusa per le ulteriori domande, ma capire in pratica la logica di certi meccanismi non e' sempre possibile con la sola lettura del manuale

    Ma va bene che ci siano domande così studio e la conosco pure io... ce l'ho da 10 giorni e per ora la uso con le funzioni minimali.

    Allora... come ti ho scritto sopra c'è un menù con i possibili tempi di timeout come vedi sotto. Ti ho fatto un veloce video che spero sia esplicativo. Ho fissato il timer a 10s e se non fai nulla, che usi lo schermo o il mirino, dopo 10 secondi si oscura leggermente poi si spegne. Sei invece fai qualcosa, io ho effettuato messe a fuoco, rimane attivo.

     

    IMG_7659.JPG

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Marco63 dice:

    Ho fissato il timer a 10s e se non fai nulla, che usi lo schermo o il mirino, dopo 10 secondi si oscura leggermente poi si spegne. Sei invece fai qualcosa, io ho effettuato messe a fuoco, rimane attivo.

    Grazie Marco, sei gentilissimo. E' tutto chiaro, mi rimane solo un dubbio: se non tocco nulla, ma mi limito a guardare attraverso l'oculare, quindi con la macchina vicina al viso e con il sensore di prossimita' sempre attivo, il display si spegne comunque allo scadere del timer, oppure solo dopo che ho allontanato la macchina dal viso ?

    Ancora grazie. Luciano

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    8 ore fa, Lucky dice:

    Grazie Marco, sei gentilissimo. E' tutto chiaro, mi rimane solo un dubbio: se non tocco nulla, ma mi limito a guardare attraverso l'oculare, quindi con la macchina vicina al viso e con il sensore di prossimita' sempre attivo, il display si spegne comunque allo scadere del timer, oppure solo dopo che ho allontanato la macchina dal viso ?

    Ancora grazie. Luciano

    Si. Te l'ho simulato passando il dito sulla finestrella del sensore. E' indifferente dove guardi, mirino o schermo, se non fai nessuna attività.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Marco63 dice:

    Si. Te l'ho simulato passando il dito sulla finestrella del sensore. E' indifferente dove guardi, mirino o schermo, se non fai nessuna attività.

    Perdonami, te l'ho chiesto perche' dal filmato non si capiva.... Al sec.06 metti il dito davanti al sensore di prossimita',  poi rapidamente lo togli, poi lo rimetti e lo togli nuovamente, facendo cosi' alternare velocemente il display nel mirino con quello sul dorso, e questo e' chiarissimo. Poi allontani definitivamente il dito dal sensore di prossimita' e dopo qualche attimo il display sul dorso prima diminuisce di luminosita' e poi la macchina va in Standby spegnendo tutto, ed anche questo e' chiarissimo. Infine fai uscire la macchina dallo standby premendo a meta' il pulsante di scatto ed operi per alcuni secondi con i comandi, e la macchina, giustamente, non va in standby fino a che non ti allontani e smetti di azionarla, cosa anche questa chiarissima. Il punto e' che dal filmato non si capisce cosa succede se lasci il dito fermo davanti al sensore di prossimita' per un tempo piu' lungo del tempo di standby, o, detto piu' semplicemente con altre parole, cosa succede se guardi nel mirino per un paio di minuti, aspettando che il pennuto di turno si giri dalla tua parte....., senza toccare nel frattempo altri comandi.
    In questo caso, mi pare di aver capito, ma correggimi pure se sbaglio, che la macchina va comunque in standby dopo qualche secondo, togliendoti la visione della scena, anche se il sensore di prossimita' rileva la presenza del tuo viso dietro il mirino, e questo non fa ritardare lo standby fino a quando allontani la macchina dal viso.
    Da un punto di vista energetico, soprattutto vista la batteria utilizzata, la cosa ha sicuramente senso, un po' meno senso invece lo ha per chi deve necessariamente seguire a lungo una scena attraverso il mirino in attesa dell'attimo giusto per scattare.

    In ogni caso, ti ringrazio per la disponibilita' dimostrata. :)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    16 ore fa, Lucky dice:


    In questo caso, mi pare di aver capito, ma correggimi pure se sbaglio, che la macchina va comunque in standby dopo qualche secondo, togliendoti la visione della scena, anche se il sensore di prossimita' rileva la presenza del tuo viso dietro il mirino, e questo non fa ritardare lo standby fino a quando allontani la macchina dal viso.

    Esatto. Devi almeno pigiare il pulsante di scatto a metà corsa o l'AF on per azzerare il timer. Il semplice guardare nel mirino o non blocca il timer. Concordo, è un limite. C'è anche da dire che il timer lo puoi impostare fino a 30 minuti... 30 minuti in visualizzazione continua mi sa che con la batteria non li fai 3 volte :)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


×
×
  • Create New...