Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon Z50 doppio kit: Denim Camera !

    Ecco la prima mirrorless Z DX: la Nikon Z50 col doppio kit, comprensivo di fotocamera, zoom Nikkor 16-50mm f/3,5-6,3VR e 50-250mm f/4,5-6,3VR,
    updown.thumb.jpg.411b13252e1228d41457479538699532.jpg

    che per conto di Nikonland ho avuto in visione dal distributore italiano Nital e che dopo l'unboxing di due settimane fa, ho portato con me in lungo e in largo con la stessa facilità e spensieratezza con la quale decido di indossare un paio di jeans, ripagato dalla stessa immediatezza con cui il denim, tessuto del jeans, ci concede in termini di comfort e capacità di adattamento ad ogni attività.

    Nonostante la mia pluridecennale esperienza nel primo approccio a fotocamere digitali, dico subito che mai come in questa occasione, con la Nikon Z50, mi sono sentito più a mio agio e perfettamente in grado, senza alcuna scomodità di apprendimento iniziale, non solo di settare con estrema facilità la macchina, ma sopratutto di vederla rispondere ai miei comandi ed alle mie regolazioni ESATTAMENTE come mi aspettavo di ottenere. 

    Se esista un premio internazionale di userfriendly, questa Nikon lo vincerà di sicuro e con verdetto, probabilmente, unanime.
     

    Intanto Nikon con la Z50, già solo corpo, ha dato la paga a tutti i cultori dei prodotti concorrenti in termini di dimensioni con i suoi 127x94x60mm ed i 397g di pesofrbk.thumb.jpg.cc479ea1382248048906e6fe2bfb2d22.jpg

    ma è nell'abbinamento allo zoomino entrylevel trans standard, questo 16-50mm dalla luminosità indecentemente bassa, della quale ci si dimentica un decimo di secondo dopo averlo montato in macchina, sia guardandolo di profilo 1205926138_00207122019-_Z6H6219MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.4133f14027ed000cfb41ca98df626e30.JPG

    sia poi sbloccato, in posizione di lavoro, nella quale l'escursione massima dello zoom alle diverse focali (equivalenti ad un 24-75mm in FX) è contenutissima.
    1847424275_00107122019-_Z6H6211MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.7b4873c318829f577b84f45becb1e550.JPG

    Una microrealizzazione che fa pensare alle dimensioni della precedente e sfortunata serie ONE delle prime mirrorless Nikon, esperienza ormai archiviata dalla linea Z

    Dei comandi di scatto e della torretta di destra abbiamo già parlato tanto, ma in questi 15 giorni durante i quali ho scattato quasi 6000 file, sono riuscito ad utilizzare quasi ognuna delle (incredibilmente) tantissime opportunità di regolazione di questo unico selettore, con due posizioni di memoria, oltre alle classiche PSAM e quella in totale automatismo, verde, per chi proprio non ne voglia sapere neppure di giocare, comprese le possibilità di program dedicati (SCENE) e quella del tutto ludica, costituita dagli EFFECTS speciali, alcuni dei quali mi hanno fatto divertire tanto. 

    Già, perchè invece di guardare dall'alto in basso questa entry level mirrorless, (con la quale Nikon DEVE fare tanta cassa, per riuscire a sviluppare gli altri programmi, quelli che riguardano fotocamere e lenti di categoria Premium), ho cercato di immedesimarmi nelle esigenze comuni ai destinatari d'acquisto di una Nikon Z50: persone per le quali la fotografia sia una passione da praticare nel tempo libero e con strumenti che li mettano sempre a proprio agio e nelle condizioni di tornare a casa con la quantità e qualità delle foto desiderata.

    Credo di esserci riuscito perchè restituisco a malincuore il doppio Kit Z50, come se la sua spensieratezza abbia lasciato il segno anche su di me.

     

     

    Andiamo per ordine:

    003  07122019 -_Z6H6222  Max Aquila photo (C).JPG

    sul fianco sinistro ci sono, sotto ai simboli dei trasmettitori wifi e Bluetooth incorporati, le prese di microfono, video e usb con la spia di ricarica della batteria se si voglia lasciare a caricare on board (con specifico alimentatore, optional). Di serie viene fornito il solito charger a parete, dedicato alla nuova batteria della Z50.

    013  08122019 -_Z6H6280  Max Aquila photo (C).JPG

    Sopra le prese, sul fianco del mirino elettronico, lo slider per l'apertura del flash incorporato della Z50 (la prima Z con flash) NG7 utile per essere usato in fill-in flash sulle ombre in primo piano, ma efficace anche il TTL-flash su brevi distanze dal soggetto. Purtroppo non più previsto il protocollo CLS per pilotare gli SB Nikon da Master.

    624948615_00407122019-_Z6H6224MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.4f44472c104b40abdb676c879379a395.JPG

    Quindi ci aspettiamo a breve che Nikon si dia da fare nuovamente in ambito flash, per fornire la linea Z di lampeggiatori separati dalle dimensioni e specifiche studiate per le nuove fotocamere.

    Non può ritenersi bastevole un SB500 (indicato nella scatola di questo kit Z50 come flash dedicato alla fotocamera) che appartiene alle generazioni precedenti delle reflex entry level.

    In questa Z50 Nikon ha operato delle diversificazioni rispetto le altre due Z sul mercato, alcune delle quali hanno destato scalpore, ma alla resa dei fatti sono perfettamente coerenti con lo spirito della macchina e le esigenze dei suoi potenziali acquirenti: cominciamo dalla nuova batteria, la EN-EL25, da "soli" 1120 mAh
    1597900001_00807122019-_Z6H6240MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.10e02a965ae49b3634f57fff2756177e.JPG 

    accreditata di circa 300 scatti utili, secondo le modalità di misurazione ufficiali fornite dalla casa, io invece, con le mie abitudini di scatto in determinate situazioni (sport, scatto in sequenza ad alta velocità, AFC e formato NEF) sono riuscito a tirarne ben più di 2000 senza avere scaricato del tutto la batteria, indice ciò di una progettazione del processore e di tutte le schede di queste ML Z975304805_Resizeof584421959_20191129_154605_HDR2.thumb.jpg.3d72d0eb69616b86c4fc6be47a659270.jpg.db621f10c5b136c353ed972d1500db81.jpg
    assolutamente confacenti alle crescenti necessità di alimentazione.  Una raccomandazione che faccio è quella di non fidarsi troppo dell'indicatore di carica a segmenti nel mirino, non affidabilissimo, che repentinamente piomba da un'indicazione di carica parziale al blackout totale.

    1424406737_00607122019-_Z6H6235MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.8b1c6c870f7d5e75c90b946ac254f057.JPG

    La batteria è contenuta nell'impugnatura, dove fa compagnia all'altro elemento di novità di questa Z50: la scheda di memoria SD ad essa affiancata, in un telaietto dal quale va estratta ed inserita con delicatezza, per evitare indesiderati traumi al telaietto stesso, molto ...essenziale.
    1340719719_00907122019-_Z6H6244MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.3f4538c828d16febf9724257b3a2245e.JPG

    Le schede SD per le quali questa macchina è compatibile sono le UHS I, ma vi consiglio di utilizzare schede recenti e ben veloci, da almeno 90 Mb/s in scrittura , come ho fatto io, utilizzando anche le mie SD UHS II ben più prestazionali. Utilizzando invece schede più lente, scattando in raffica ad alta velocità (la Z50 in H* raggiunge gli 11ftg/s) si rischia che il basso rate di scrittura della scheda ingorghi il buffer, interrompendo la sequenza. 

    Sostituita la SD con una, come indicato, più performante, non ho avuto minimamente problemi, neppure scattando, come ho fatto per tutti questi 15 giorni, sempre in NEF+jpgF

    005  07122019 -_Z6H6234  Max Aquila photo (C).JPG Il grande monitor touch da 8cm di diagonale, TFT da 1040k punti, riporta serigrafati sulla destra i comandi di ingrandimento/rimpicciolimento dell'immagine in playback o della zoomata a monitor in ripresa, oltre al comando per la scelta sequenziale delle informazioni a monitor, preselezionabili dal menù.

    Accanto al monitor, sulla dx, il tasto multiselettore con l'OK di conferma funzione, ed, in senso orario, il tasto per entrare nel menù, il cestino, il playback e l'importantissimo (per questa classe di fotocamere) pulsante per attivare a mirino/monitor le due righe di comandi funzione, presettabili da menù una volta e per tutte, per consentire ad un neofita o ai fotoamatori pigri, di non dover mai più entrare dentro alle intricate (per loro) sezioni del menù

    867587429_01207122019-_Z6H6276MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.47f03251e0c0677b76d5a616da27d46d.JPG

    Queste le funzioni che imposto sempre io sulle mie mirrorless, di qualunque marca esse siano: dall'alto a sx ed in senso orario: profilo colore, qualità del file, gestione flash, modoAF, motore, sensore AF, scelta tipo otturatore, scatto silenzioso, comando VR, tipo esposimetro, ISO, WB control.

    Questo tasto i serve davvero a semplificare la vita a tutti, in concorso, eventualmente, con l'ultima sezione dei menù, quella "MIO MENU'" personalizzabile con le principali funzioni che si utilizzano.

    La Z50 è una macchina che consente anche la personalizzazione di altre funzioni sui tasti già assegnati di default, ma non sarà questa l'intento della maggior parte dei suoi acquirenti, i quali si avvantaggeranno proprio nella semplicità di utilizzo delle funzioni già dedicate ai tasti, in concorso con quelle indicate.
    Sulla parte destra frontale della Z50 altri due tasti programmabili, FN1 e 2, uno messo dove su tutte le Nikon troviamo da sempre il pulsante della profondità di campo dell'obiettivo (un pò desueto dall'avvento del mirino elettronico, che riesce a far vedere quella effettiva, senza simulatore),  ed il secondo sul quale per abitudine io imposto il comando di variazione del formato file.

    Sulla Z50, la prima Z DX di Nikon, il sensore da 20,9Mpx da 5568x3712, può essere trasformato in un quadrato da 3712x3712 o in un'inquadratura 16:9 da 5568x3128

    010  07122019 -_Z6H6246  Max Aquila photo (C).JPG 
    il monitor touch è, purtroppo, incernierato su due punti, consentendo una basculamento obbligato in una sola direzione, ma ampliato, rispetto le altre due Nikon Z, permettendo adesso anche l'opportunità di arrivare fino a 180° di estensione e consentendo pertanto di effettuare anche "selfie" , scattando a scelta dal pulsante di scatto oppure anche toccando lo schermo: tutto sommato avrei preferito un impernaggio in stile D5xxx, che consenta una completa rotazione su se stesso, anche in funzione protettiva  del monitor.
    011  07122019 -_Z6H6266  Max Aquila photo (C).JPG Ma Nikon non vuole...

    Ciò che tutti, ma proprio tutti, esecravamo da anni era di certo il livello qualitativo degli obiettivi Nikon di primo equipaggiamento, da kit, appunto...
    Quella infinita serie di 18-xx/xxx distorcenti, poco nitidi, brutti: inutili, in una parola. Come inutili NIkonland ha sempre valutato essere le reflex del primo segmanto entry level, quelle nelle quali l'intervento creativo dell'utente non sembrava essere previsto. In realtà fotocamere antididattiche...

    Ecco il punto: con la Nikon Z50 e i suoi due plasticotti in dotazione al kit, non mi sento sminuito rispetto la mia frequentazione di ben altra categoria di fotocamere Nikon (e non) da sempre.

    1650.jpg
    Qua il brutto anatroccolo...questo zoom/pancake 16-50mm che arriva a f/6,3 di massima luminosità alla focale equivalente di 75mm...peso:...135g :rotfl:

    014  08122019 -_Z6H6284  Max Aquila photo (C).JPG

    Ed ecco il tubo da idraulico, questo 50-250mm da 11cm di altezza (da chiuso), all plastic, range focale equivalente a 75-375mm allo stesso indicibile rapporto luminoso: massimo f/6,3 alla focale estrema !
    Pesa 405g...nemmeno poco per un tubo di plastica (allora qualche pezzo di vetro dovrà pur esserci dentro in uno schema 16/12 con lente frontale da 62mm di diametro)

    296775694_017-_Z6H629870mm1-80secaf-80ISO200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.755180e1e06d743cfeb89f03327feea3.JPG

    015  08122019 -_Z6H6292  Max Aquila photo (C).JPG Epperò mette a fuoco da 50cm...
    maf minima che però varia al variare della focale, per esempio a 135mm (200mm-eq) è ancora, ottimamente a 65cm dal soggetto e a 83cm a 200mm di focale...

    Quindi, vediamo bene, senza preclusioni mentali, il quadro d'insieme.

    Le diverse dimensioni rispetto la mia Z6 vengono rapidamente metabolizzate: peraltro  le differenze salienti rispetto le sorelle più grandi consistono in alcuni fattori non certo trascurabili:

    Nikon-Z6-vs-Nikon-Z50-comparison.jpg

    nella Z50 manca il joystick di gestione dei sensori AF e però questa carenza dettata certo da motivazioni economiche, (oltre che di destinazione d'uso) lascia lo spazio necessario per il pollice dx,  e non crea nessun disagio.

    I tasti + e - per ingrandire/rimpicciolire sono stati spostati sul touch screen insieme al comando display, realizzando un intelligente risparmio di spazio che crea solo qualche piccolo disagio se inavvertitamente il pollice dx possa andare a sfiorare il tasto + e ci si realizzino a mirino ingrandimenti indesiderati. In questo modo , però, i tasti che su Z6 e 7 stanno in alto a sa sono stati spostati qui sotto il multiselettore, sostituiti da unico tastino di abilitazione dell'alternanza tra visione a mirino oppure a monitor o automatismo tra i due, con il sensore della presenza dell'occhio, qui sulla Z50 ottimamente spostato sul basso della cornice del mirino stesso (sulla Z6 ogni tanto, la flessione dell'oculare in gomma mi fa oscurare il monitor).

     1706646073_555-_Z6H621060mm1-80secaf-71ISO100MaxAquilaphoto(C)_.JPG.ad3819fc3567c93663713b6ad1827007.JPG Il selettore principale non ha sistema di sblocco, quindi gira liberamente tra le impostazioni, ma non mi è mai capitato nell'uso intensivo che ne ho fatto, di trovarlo accidentalmente spostato in una selezione sbagliata. In più, coassiale, ha una levetta di cambio tra operatività foto e video, a mio avviso molto più comoda ed immediata rispetto la posizione che ha nelle altre due Z.

    La presenza a dx del selettore, priva la Z50 del monitor superiore presente nelle sorelle: una carenza importante per un fotografo che lavori o necessiti un controllo continuo delle regolazioni impostate: esattamente l'opposto quindi dell'utente cui sia destinata questa fotocamera, ossia un fotografo che finalizzi tutto ad inquadratura e scatto, peraltro con la dovizia di informazioni presenti nel mirino elettronico, che non mi hanno fatto rimpiangere quello della mia Z6.

    La differenza esterna tra Z50 e la mia Z6, oltre a quella dimensionale, si ferma qui.
    Ovviamente altre sono le distinzioni da fare, a cominciare dall'assenza in questa Z50 del controllo delle vibrazioni sul sensore (che ha fatto si che i due zoom entry level siano i primi obiettivi Z-mount provvisti di VR interno, perfettamente compatibile, peraltro con il VR sul sensore della mia Z6).
    Manca anche il sistema meccanico di agitazione del sensore, per scuotergli via eventuali granelli di polvere: al netto dell'utilità relativa di questo sistema è di certo un'altra soluzione gestionale di collocamento di fascia per questa Z50, il cui sensore chiaramente non si sporca di meno degli altri e quindi andrà manuteso un pò di più, in assenza di shaker...!

    Il Nikkor 16-50mm su questa sua Z50 è un prodigio di obiettivo entry level: quello che avremmo desiderato tutti avere, quando ci difettavano i soldi per gli acquisti:

    2051952368_101-_Z5H015816mm1-320secaf-11ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.03f5be07b3edba73f1824bef965f93d9.JPG
    a 100 ISO

    come a 5000777030454_104-_Z5H019016mm1-60secaf-40ISO5000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8a9a37104d2053ff561dfae5dbaa0824.JPG
    con questa Z50 ho utilizzato esclusivamente gli scatti in jpg, assolutamente conformi alle regolazioni impostate in camera, con aggiustamenti minimi in postproduzione, mai determinanti rispetto alla resa del file: praticamente un eccellente cotto e mangiato che non potrà che entusiasmare i praticanti con poco tempo da destinare alla gestione in camera chiara !756010345_103-_Z5H017216mm1-100secaf-80ISO400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.0b0231b49ffc7c08427890c329898606.JPG

    69734664_109-_Z5H035020mm1-60secaf-56ISO20000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5ecf2b21f59e8bca0d3c2fe8fc1b6003.JPG
    20mila ISO questa macchina e questo zoomino li gestiscono così...senza particolare preoccupazione di rumore digitale o di aberrazioni cromatiche disturbanti

    1270149006_108-_Z5H029517.5mm1-160secaf-11ISO400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b5ae30e111e8a0b73cfd0f56bf1d78a2.JPG
    la facilità di gestione di una mirrorless a monitor orientabile, aiuta e molto nella composizione del soggetto, ma la resa cromatica deve dire la sua 

    1639090439_107-_Z5H029117.5mm1-100secaf-11ISO125MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5c220ec091a803d9ad37c98233807816.JPG
    il controllo automatico delle distorsioni e delle aberrazioni integrato nel sistema Z aiuta a rendere ogni inquadratura possibile

    qualunque sia la sorgente di luce, naturale...
    614101048_121-_Z5H256116mm1-2500secaf-90ISO1400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3b00924754dc5ffebdd230a8bdb50a37.JPG

    ... o artificiale,
    426067244_114-_Z5H045719mm1-15secaf-16ISO1600MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.33b3ba79ab2da5cbd3d010f9c037a41b.JPG
    il controllo WB funziona egregiamente, con tutte le opportunità già presenti su Z6 e 7, di filtrature specifiche, che si sommano agli "effects" presenti sul selettore principale, quelli da divertimento puro, per non dire peggio...:tie:
    1154213639_134-_Z5H413919mm1-250secaf-50ISO200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.183f0db7c9dfc8373a7ce5cf3216899d.JPG

    344141750_140-_Z5H420816mm1-400secaf-71ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e9b95c623a3ff44dd7f88c38bee60e8c.JPG

    238132342_182-_Z5H459622mm1-125secaf-11ISO200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1d316ea2230e46b79f3e7ea25269526c.JPG

    997567504_173-_Z5H452119.5mm1-60secaf-38ISO9000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c36cf94840969f3b4b7524cce7de793f.JPG

    L'assenza del VR sul sensore, per quanto ovviamente difettiva, rispetto la mia Z6, con le dovute accortezze di appoggio, non si fa poi sentire troppo, grazie alla stessa funzione incorporata in questo 16-50, che gestisce eminentemente molti stop (dichiarati 4,5) a mano libera o con appoggi di fortuna, come in queta posa di 4 secondi
    1513355956_136-_Z5H415523mm40secaf-56ISO1000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.15405e2717605b6d039cb2f876118a88.JPG

    La leggerezza dell'insieme (Z50 + 16-50) produce una sensazione di estrema piacevolezza e consente finalmente di portarsi sempre appresso una fotocamera con un sensore di dimensione non llilipuziana, per essere sempre pronti a scattare

     1259463948_143-_Z5H423816mm1-40secaf-22ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.61c5aed70f4aa8d36e9b73f17d68be99.JPG   446028911_144-_Z5H424416mm1-80secaf-16ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.54c498e32157d3ae99c3a5351195dd70.JPG

    il flare anche su questo zoomino, pur presente, non è mai eccessivo
    664325691_127-_Z5H406116mm1-640secaf-56ISO400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e16d712654e8dcf32aa3bfbdf54798f4.JPG

    1114269037_122-_Z5H401630.5mm1-800secaf-80ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.84df622aa13ef0b8082f3e241b58567d.JPG

    1257971516_131-_Z5H410716mm1-1250secaf-56ISO400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ae6ac869f9a219fabc12c95608b95093.JPG la resa cromatica fedele alle regolazioni impostate, anche nelle situazioni di massima variabilità,
    come in Campo dei Miracoli a Pisa, dove ogni minuto il concetto di bianco varia, anche drasticamente

    565795150_133-_Z5H412716mm1-320secaf-80ISO125MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4f65b7a334154d482e76b48e5214302f.JPG

     

    1693500706_154-_Z5H439419mm1-800secaf-80ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b7afc2bade50772c59d287444662a878.JPG

    Se alle mie abitudini da appassionato di superwide, mancano alcuni mm determinanti rispetto i 16 (24-eq) di questo zoomino, la correzione delle distorsioni mi consente di strapazzarlo sul sensore APS-C della Z50, con risultati, a mio vedere, più che soddisfacenti, anche ad alti ISO in interni

    1027967203_150-_Z5H431016mm1-25secaf-11ISO8000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.07ed335863d77d7ac0dc18f93985d0da.JPG

    165192701_147-_Z5H428819.5mm1-80secaf-80ISO5000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1dec73d691733bda9adcf084d1138e73.JPG

    1411538476_151-_Z5H431316mm1-20secaf-16ISO16000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.08d2fda687fe32446366772bc9d9f006.JPG

    122736736_158-_Z5H444016mm1-15secaf-11ISO7200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1c4888f2a23ea433e8ab5be0620a49c5.JPG

    531682565_159-_Z5H444222mm1-30secaf-63ISO5600MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.66d3a16291a8d44bc936de55e1fdeb90.JPG

    Tra i valori ISO più vari, non riesco a notare significative differenze ed in questo la Z50 parte avvantaggiata dall'utilizzo del sensore della reflex più capace in questo senso che abbia utilizzato (la D500)

    839044012_163-_Z5H445943mm1-60secaf-80ISO560MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.29aca5be7f56391440635191f697f273.JPG

    1259817928_192-_Z5H467123mm1-30secaf-50ISO2500MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.0483bf733e337146a21f8b822ed82390.JPG

    608861421_194-_Z5H468017mm1-50secaf-80ISO4500MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9c697a0433cd3967a98961a8291346f7.JPG

    1514135798_195-_Z5H468345mm1-50secaf-80ISO3200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.206c08ea0d5a41b67c153e54915d39e0.JPG

    1113561794_197-_Z5H469537mm1-50secaf-56ISO3200MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e462e2962fbfb82f1e7dea9db6dae50f.JPG

    altra caratteristica di questo 16-50mm è certamente la capacità di avvicinamento al soggetto, che fino a 35mm di focale sta tra i 20 ed i 25cm

    453283885_175-_Z5H452716mm1-320secaf-56ISO1000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.359636f8aef590ec6502d05eee801ef4.JPG

    con grande qualità di nitidezza e risoluzione, anche attraverso ostacoli come una teca di vetro1318520384_196-_Z5H469030mm1-50secaf-80ISO5000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.03312a91772af1957c72cbe84376c6dc.JPG

    a prova di qualsiasi temperatura colore delle luci presenti in scena

    1177852060_170-_Z5H450325mm1-30secaf-56ISO6400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.84cae5272152930c8a5c19c504e3cbd8.JPG

    237694119_166-_Z5H448236mm1-30secaf-56ISO4000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.124c1f22d9a8e9dbf2e2b3ad401b74be.JPG

    651185222_171-_Z5H450731.5mm1-30secaf-56ISO4500MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ad8ee287f6124f7b2c2707c3fc650505.JPG

    Uno strumento micidiale in mano anche ad un principiante.

    399561434_555-_Z6H628861mm1-60secaf-11ISO100MaxAquilaphoto(C)_.JPG.35bc547c52bbf391c7553bff462b9beb.JPG Come del resto è anche il secondo dei due zoom del corredo:
    incredibilmente è questo il primo telezoom Z, per giunta VR...

    213   -_Z5H0227  50 mm  1-100 sec a f - 11 ISO 7200 Max Aquila photo (C)_.JPG

    Leggero, compatto (da chiuso... una volta aperto passa da 16cm alla focale minima, fino a 20cm alla massima), anche acuto, come detto, mette a fuoco agevomente a distanze ridotte,209270607_201-_Z5H0035200mm1-320secaf-56ISO4500MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.dad51a60f71f60480497faf0a8ba08a1.JPG

    1685900854_220-_Z5H0257190mm1-80secaf-80ISO640MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.48ad1a1ff28420acb7a9257e757e6dcf.JPG

    che se aiutate con opportuna lente addizionale, possono sostituire per gli utenti di una Z50 gli obiettivi macro che ancora Nikon non ha prodotto.

    2012408753_232-_Z5H0555230mm1-320secaf-18ISO400MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.637c6e3d96a541bdc162986c0511d88a.JPG
    (la lente addizionale è una Nikon 5T, che ha lo stesso passo filtri da 62mm dello zoom)

    811200723_229-_Z5H0533195mm1-2500secaf-56ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ed0c59f90d80de640935ebecee8ebcae.JPG

    Un teleobiettivo deve resistere bene a UV e riflessi in controluce, per passare le forche caudine di un utilizzo sul campo

    839324383_230-_Z5H053650mm1-500secaf-56ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ad13f0c200f88ccfa02a321b658a96e0.JPG

    e a mio avviso questo 50-250 si mantiene su una linea molto più che accetabile, tenuto conto della presenza nel suo schema di 16 lenti di un solo elemento ED capace di migliorare entro certi limiti una ripresa in condizioni di variabilità di esposizione552427931_223-_Z5H0280135mm1-500secaf-56ISO125MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9f1fa4d00c7cfd8aa90939b9551b3c89.JPG

    1108133509_226-_Z5H0398250mm1-800secaf-80ISO125MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1e5f99faa4233cf79c3a0a49826d2662.JPG

    695209134_245-_Z5H407951mm1-1250secaf-56ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.130c7ad1af163c677e5ef4baaa9f9d40.JPG

    là dove il rapporto di contrasto sia maggiore, ecco dove questo 50-250 dà il meglio di se
     856245745_247-_Z5H4086125mm1-640secaf-80ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.195e518ca1dd92209fe7b18aafabe713.JPG
     

    1723738302_248-_Z5H421650mm1-250secaf-80ISO100MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1356f215bf44cff0637264ba77b54469.JPG

    anche indipendentemente dalla temperatura colore della luce
    1237409313_256-_Z5H436191mm1-125secaf-56ISO10000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.04fe0007424f763305d9ba6ad6dbcd1f.JPG

    359008089_249-_Z5H433066mm1-60secaf-80ISO10000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.da9b81ad10b6e1fdb9058108523256e2.JPG
     

    1559065219_250-_Z5H433250mm1-160secaf-80ISO10000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.46b621ea9f528a5bafa5acdfe81a7183.JPG o dall'utilizzo ad alti ISO


    1258149104_255-_Z5H435650mm1-80secaf-80ISO4000MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.39b433dc59d40d222539fb0abfc86d46.JPG

     

    altri scatti selezionati, nelle rispettive gallerie:

     


    Sono sicuro che il mio giudizio sul doppio kit della Nikon Z50 vi sia già più che trasparente: si tratta di un corredo già ben completo di suo, perfettamente espandibile al resto del sistema, qualora il fotografo che lo acquisti senta davvero il bisogno di completarlo.

    Le foto scattate con i due zoom del kit (mi sono immedesimato nell'acquirente potenziale e non ho portato con me altro) credo parlino dei pregi e delle inevitabili aree di migliorabilità.

    211   -_Z5H0213  50 mm  1-200 sec a f - 5,6 ISO 1600 Max Aquila photo (C)_.JPG

    La fotocamera in sè è la più completa entry level (non solo) Nikon che io abbia avuto in mano: ergonomica, facile da capire all'impronta anche nel caso non si sia mai posseduta una Nikon, facile da settare per una persona, come me, abituata a trovare le funzioni che gli servano sempre a portata di dito.

    Auguro grande successo commerciale a Nikon ed al suo distributore italiano NITAL che ci ha gentilmente messo a disposizione il doppio kit: ritengo che tale successo sia insito nelle qualità del prodotto proposto e nella capacità commerciale di chi dai negozi lo offrirà ai suoi clienti.

    326509615_155-_Z5H441716mm1-125secaf-35ISO640MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.95d9d9a4a2a7488c938ad74b198ffe4f.JPG

    Max Aquila photo (C) per Zetaland 2019

     

     

     

     

     



    User Feedback

    Recommended Comments

    Come sempre, grazie Max... io ho l'impressione che su questa Z50 Nikon stia veramente puntando forte sul lato promozionale e vendita, quasi come fosse ossigeno! Il che è un bene se supportato da un prodotto all'altezza del target a cui fa riferimento... e mi pare ci sia riuscita!

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Bel lavoro, ma io ho una domanda... personale. Cosa trova in questa macchina il “fotografo da cellulare”? Cioè quali sono i miglioramenti che spingerebbero a questo acquisto chi vuole di più rispetto a quello che può avere con un cellulare?

    Spiego quel “Personale” e la domanda che sembra da “pierino”.

    Mia moglie ama fotografare con il cellulare e ha anche un buon occhio. Lo scorso anno le ho proposto di prendere la mia D810 con il 50, ma dopo una giornata di prove non ne siamo saltati fuori: pesante, grande, difficile.... necessario usare il pc.... vantaggi qualitativi non visibili per le foto che si “consumano sul cellulare” anche se si avrebbe l’ambizione per volere di più... e via dicendo. A dire, come, se fossi al marketing Nikon, la venderesti al “fotografo da cellulare”?
     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    No Massimo...

    L ho scritto più volte che il "fotografo da cellulare" sia una specie che ha assorbito la fascia bassa dell utenza che un tempo utilizzava usaegetta o compattine da detersivo 

    E che però include anche ragazzi e giovani potenzialmente attenti, ma come abbiamo già considerato, più interessati alle ipotesi ed integrazioni video piuttosto che fotografiche.

    In realtà una Z50 io la vedo come una fotocamera adatta al 90% di coloro che ci leggono, in funzione della tipologia di foto che scattano e della frequenza con cui utilizzano questo mezzo.

    Ma saranno molto pochi ad ammetterlo e a smettere di acquistare attrezzature del tutto sovrastrutturate per le loro reali necessità...

    La Nikon Z50 è una fotocamera di livello inferiore alle Z6 e 7 ma assolutamente completa di tutto ciò che serva.

    I suoi destinatari sono persone di ogni livello di esperienza fotografica, con un budget più limitato rispetto i modelli più costosi e dotati

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Massimo, non sottovalutare - in quella ottica - l'uso dei Picture Control Creativi, del jpg fatto e finito, di Snapbridge che consentono lo share delle immagini quasi immediato.

    La macchina e l'obiettivo standard (sebbene abbiamo visto che il top delle vendite è il kittone) sono proprio da signora/borsetta.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Snapbridge su questa Z50 (a parità ...per ora, di smartphone) mi ha funzionato con una scorrevolezza che non ho fin qui mai riscontrato.

    La capacità di recupero nelle ombre di questo sensore ha la pari solo nelle ml di livello più alto e delle migluori reflex sul mercato.

    Tutto ciò in un corpo macchina più zoom base da 530 grammi, trasportabile nella tasca del giaccone.

    Penso che chiunque abbia avuto fastidio per il peso eccessivo di una reflex + zoom base, oggi dovrebbe provare ad andare in giro per un weekend con una Z50 + 16-50 .

    Ma avendo intenzione di fotografare.

    Chi usa un cellulare ...cambia cellulare

    • Thanks 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ciao a Tutti, vorrei porre una domanda agli Esperti magari a chi ha già maneggiato la Z50 sperando di non destare le loro ire con un pensiero sbagliato

    Sono un fortunato possessore di una Z6, sto valutando l' acquisto per i Figli di una Z50 in kit con il 50/250, l' uso di questo tele sarebbe possibile sulla Z6, ed eventualmente, a  quali problemi andrebbe incontro ?

    Grazie a Tutti ed Auguri per il 2020

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    La Nikon Z6 in crop DX produce un file da 3936x2624 ossia da 10 Mpx.

    Se non disturba ...quel 50-250 brutto e nero, però produce file godibilissimi.

    L'alternativa attuale low cost è il 70-300AFP che sfrutta l'intero sensore e ha caratteristiche di maggior rilievo, rispetto quel 50-250

     A partire dalla luminosità f/5,6 alla massima focale...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...