Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M

 

M&M M&M
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon 70-200 AFS , 70-300 AFP , 24-200 Z... II PARTE: Close Up

    Riprendendo dalla prima parte, proprio dalla prima frase...  

    ...e cioè la filettatura filtri della stessa misura, per fare un breve excursus sulle potenzialità di questi tre zoom a distanza ravvicinata, con una lente addizionale,  come può capitare di utilizzare, per ampliare il raggio di azione di obiettivi a focale variabile, come questi.

    Le distanze minime di maf ai 200mm (la massima lunghezza focale comune) parlano di 70cm per il 24-200 Z, 120cm per il 70-300 AFP e 100cm per il 70-200 AFS che diventano distanze di lavoro (dalla lente frontale al soggetto) rispettivamente di: 51cm per il 24-200, 97cm per il 70-300 e 78cm per il 70-200 (e considerando anche l' FTZ interposto, per questi due ultimi zoom): io aggiungo una lente addizionale acromatica come la Marumi DHG 300 da 3 diottrie che posseggo in diametro da 77mm, (opportunamente ridotto ai 67 dei tre zoom con appositi anelli di raccordo)  e istantaneamente le distanze operative cambiano:

    Nikon Z 24-200

    1791570088_05121072020-_Z7H5793MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.51c13b7529030ffc161b13f46783eb0b.JPG

    da 51cm a 19cm

    892740595_1042020_Z6H5177NIKKORZ24-200mmf-4-6.3VRsenzatitolo.thumb.JPG.efa34f9f6aedd3912ce132f74463accd.JPG

    Nikon AF-P 70-300 (@ 200mm)

    286787524_05221072020-_Z7H5800MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.8761e63a5da43291d88913fad99d4083.JPG

    da 97cm a 23,5cm

    1483598979_1062020_Z6H518270.0-300.0mmf-4.5-5.6senzatitolo.thumb.JPG.d9d96a2ed2aeb2e968c7ad8e41c7a99b.JPG

    Nikon AF-S 70-200

    310087294_05321072020-_Z7H5802MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.e9ad592855c7e614a76c61222c5e5faf.JPG

    da 78cm a 21,5cm

    155833241_1052020_Z6H517970.0-200.0mmf-4.0senzatitolo.thumb.JPG.870761b8db59fe64c457058e87c7afc2.JPG

    Cosa notiamo immediatamente...? Un maggiore ingrandimento dell'immagine, a parità di focale utilizzata, dell'ultimo dei tre zoom, il 70-200/4.
    Tipica manifestazione di minor assoggettamento al "focus breathing" ossia alla caratteristica diminuzione di focale effettiva alla minima distanza di maf, propria dei telezoom come questi, caratterizzati da progetti ottici complessi, con movimentazioni interne di gruppi di lenti, per realizzare l'intera gamma di focali.

    Ed il Nikon AF-S 70-200/4 è famoso proprio per distinguersi in questo senso già in ambito reflex.

    Cosa comporta in ambito di fotografia a distanza ravvicinata?

    Un ottimo fattore di ingrandimento ad una più comoda distanza operativa, non eccessivamente vicina al soggetto, che consente di riquadrarlo alla stessa dimensione che con gli altri due zoom, guadagnando qualcosa anche in pdc, sempre bassissima a queste ridotte distanze di maf

    369165690_1032020_Z6H4979NIKKORZ24-200mmf-4-6.3VRsenzatitolo.thumb.JPG.e059adf8afcbda640bf3f89c45db9cb6.JPG 
    24-200

    2072398058_1022020_Z6H497670.0-300.0mmf-4.5-5.6senzatitolo.thumb.JPG.e4824b7b156f624038a48c6a1d9ab555.JPG
    70-300

    1284762366_1012020_Z6H497270.0-200.0mmf-4.0senzatitolo.thumb.JPG.edf453fffb2af4765225e84057f1db1d.JPG
    70-200

    come ci si può direttamente rendere conto in queste tre immagini, scattate a distanze lievemente differenti, tutte e tre a 200mm ed ad f/8, ma nella terza delle quali, quella del 70-200/4 sono costretto a retrocedere per mantenere delle stesse proporzioni il soggetto nell'inquadratura (a causa del minor focus breathing) guadagnando immediatamente qualcosa sulla pdc, come si nota dalle scritte più nitide sull'obiettivo di ..supporto alla scheda.

    La resa alle minime distanze di lavoro è per tutti e tre gli obiettivi eccellente, differente invece la maneggevolezza e la fluidità della messa a fuoco di questi tre zoom ai limiti di scala (pur considerando la presenza per i due F-mount dell'adattatore FTZ che certamente non può migliorarne le prestazioni)

    1489714566_1222020_Z6H5868NIKKORZ24-200mmf-4-6.3VRsenzatitolo.thumb.JPG.346a03ef615feaa1c47f742aeb0e1102.JPG Nikon Z 24-200mm

    1938745911_1082020_Z6H5725NIKKORZ24-200mmf-4-6.3VRsenzatitolo.thumb.JPG.39a2074aa21f3084c8bf2d522652a099.JPG

    930258403_1102020_Z6H5751NIKKORZ24-200mmf-4-6.3VRsenzatitolo.thumb.JPG.18ddcae72261507c8393bcd2a07f5db1.JPG

    Per definizione e cromia, questo all-in-one Z, mi pare davvero ben riuscito e l'utilizzo con la lente addizionale non lo priva della facilità d'uso che è la prima dote che si nota sulle Nikon Z quando si usino obiettivi nativi.  Qualche hunting dovuto anche al vento che rendeva più difficili le riprese ai fiori di ibisco mi ha costretto ad accontentarmi dei risultati qui sopra ottenuti.
    In questa maniera basta una lente addizionale ad aggiungere versatilità ad uno zoom che di questa dote farà la sua bandiera, specie con le Z in arrivo, come la Z5 per la quale non mi stupirei di vederlo in bundle (approfittatene, in questo caso, per il prezzo che verrà di sicuro addolcito) in alternativa al nuovo 24-50mm.
    La piccola distanza operativa dal soggetto, di 19cm, non risulta troppo di ostacolo all'utilizzo (come ho operato in queste foto) di un flash tenuto con la mano sx in favore del soggetto, per una più efficace gestione di luci ed ombre nella fotografia a distanza ravvicinata, ma se risultasse lievemente maggiore, non guasterebbe di certo.

    1652289063_1202020_Z6H583870.0-300.0mmf-4.5-5.6senzatitolo.thumb.JPG.ddf351007d76ce05876553d6120ac71b.JPG Nikon AF-P 70-300mm (@ 200mm)

    62336155_1142020_Z6H580270.0-300.0mmf-4.5-5.6senzatitolo.thumb.JPG.a250ce59374d173a603c1f580b085508.JPG

    743091812_1112020_Z6H576870.0-300.0mmf-4.5-5.6senzatitolo.thumb.JPG.a0bce988cf4b80f823d060b8b39a2b79.JPG

    Uso ormai da un paio d'anni questo AFP, prima su reflex e ora su mirrorless, con grande soddisfazione anche in questo particolare genere fotografico che è la "microcaccia fotografica itinerante", praticata a mano libera, con fotocamera ed obiettivo nella mano destra e flash (nel caso in oggetto un Godox Ad200 nella sua fondina alla cintura dei pantaloni ed il cavo di prolunga su cui ho montato la testa circolare H200R) Auto ISO, AFC, sensore AF dinamico e tempi di otturazione HSS (High Speed Sync), per sincronizzare anche ad 1/1000" in luce diurna, evitando così gli sfondi neri e le sovraesposizioni delle parti del soggetto colpite marginalmente dalla luce flash.

    Grandi soddisfazioni e foto cromaticamente ineccepibili: in questa sessione, a confronto con gli altri due zoom è stato quello che mi ha procurato qualche hunting dell'AF di troppo, che considerando il fatto che stavamo operando a 200mm sempre ai margini della minima distanza di maf e per giunta su adattatore FTZ, in esterni e col vento... ci stava tutto.
    Certamente però qualche foto di scarto di troppo, rispetto quelle occorse con gli altri due zoom, la debbo segnalare.

    La distanza operativa di quasi 24cm è la maggiore del lotto dei tre zoom e senza dubbio utile con soggetti animati come gli insetti, quasi eccessiva con i soggetti...animati solo dal vento, come i fiori: dove può risultare in taluni casi meno efficace.
    Ho fotografato con questo zoom (che arriva fino a 300mm) a 200mm sia per cercare di fissare dei risultati almeno paragonabili, sia perchè il breathing a 300mm si incrementa ancora un pò, rendendo minore l'effetto di ingrandimento, inoltre si diminuisce la luminosità dello zoom che a 200mm a TA risulta ancora essere un f/5,3 ossia 1/3 di stop più aperto che a 300mm)

     

    455687659_1182020_Z6H583370.0-200.0mmf-4.0senzatitolo.thumb.JPG.ea0c36d3ff1786f4a6a452a2e6cbe6e9.JPG Nikon AF-S 70-200mm

    658960161_1162020_Z6H581970.0-200.0mmf-4.0senzatitolo.thumb.JPG.74bdd1e17735af55a08be252be4673f8.JPG

    733230453_1172020_Z6H582470.0-200.0mmf-4.0senzatitolo.thumb.JPG.0615eea7e48578549e2dd6cf3d4b0e71.JPG

    Una rivelazione !!!
    In close up questo zoom si dimostra essere il più fluido e veloce in AF fra i tre, alla pari col 24-200 nativo e dotato di altro genere di movimentazione AF.
    Cromaticamente, essendo il più neutrale dei tre, risulta il più facile da gestire in luce mista flash HSS/ambiente.
    La sua fastidiosa distorsione a cuscino, visibile su linee rette ed ortogonali, con i fiori proprio non ci tange neppure. 
    Maneggevolezza ideale (è l'unico dei tre a non cambiare dimensione durante la zoomata) e distanza di lavoro fissata a metà tra gli altri due: a 21,5cm dove lavoro a mano libera in maniera perfetta, dovendo gestire senza stativi macchina e flash, orientando il flash nello spazio residuale, tra lente addizionale e soggetto.

    Ho notato per contraltare una certa facilità a vignettare a queste minime distanze di maf.

     

    Alla fine di questo ...minimal contest di close-up photography ?

    Nikon AF-S 70-200mm f/4 G ED VR    :emoji_love::emoji_love::emoji_love::emoji_love:

    Nikon Z 24-200mm f/4-6,3 VR                     :emoji_love::emoji_love::emoji_love:

    Nikon AF-P 70-300mm f/4,5-5,6 E VR ED  :emoji_love::emoji_love::emoji_love:

     

     

    Max Aquila photo (C) per Zetaland 2020

    to be continued...

    • Like 3
    • Thanks 2


    User Feedback

    Recommended Comments

    Molto interessante,  non mi è chiarissima solo una cosa, probabilmente mi è sfuggito, tu non hai fatto il test con gli zoom focheggiati tutti ad infinito,  per cui avresti avutos empre la stessa distanza di lavoro (più o meno) ma in modo da avere la stessa copertura del soggetto  nell'immagine, quindi a distanze differenti, data la diversa focale effettiva dei tre?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Come hai fatto tu, alla minima distanza, rende particolarmente significativo quanto hai scritto riguardo al breathing,  perchè è lì che le differenze si vedono di più,  e il 70-200 f4 diventa vincente. 

    Sarebbe comunque interessante vedere ad infinito, in teoria i risultati dovrebbero  variare meno, se le focali nominali corrispondono alle effettive.

    Sono pienamente d'accordo sulle tue conclusioni,  il 70-200 è il più "pratico" sia operativamente che ergonomicamente,  come nitidezza a me era sembrato perdere un pochino alle brevi distanze, tanto da far sembrare meglio il 70-300P (a 200mm). Tu che impressione hai avuto?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Silvio Renesto dice:

    Come hai fatto tu, alla minima distanza, rende particolarmente significativo quanto hai scritto riguardo al breathing,  perchè è lì che le differenze si vedono di più,  e il 70-200 f4 diventa vincente. 

    Sarebbe comunque interessante vedere ad infinito, in teoria i risultati dovrebbero  variare meno, se le focali nominali corrispondono alle effettive.

    Sono pienamente d'accordo sulle tue conclusioni,  il 70-200 è il più "pratico" sia operativamente che ergonomicamente,  come nitidezza a me era sembrato perdere un pochino alle brevi distanze, tanto da far sembrare meglio il 70-300P (a 200mm). Tu che impressione hai avuto?

    Sulla utilità della prova ad infinito del focus breathing, penso che in fondo avrebbe senso solo a livello scientifico: non è certo questo l'ambito operativo di quei tre zoom, che invece, con una semplice lente addizionale, accrescono la versatilità, in un utilizzo a mano libera da campo: grazie anche all'enorme aiuto congiunto di AF e VR.

    Inoltre sono d'accordo sulla maggiore morbidezza a minima maf del 70-200/4 rispetto il 70-300 AFP...ma a mio avviso si tratta di maggior contrasto del secondo e non di minor nitidezza del più luminoso...

    Peraltro ai diaframmi ai quali siano paragonabili (a 200mm parliamo di f/5,6 8) le differenze si attenuano moltissimo.

    E a quelle focali f/4 lo ha solo lo zoom più costoso...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Max Aquila dice:

    Sulla utilità della prova ad infinito del focus breathing, penso che in fondo avrebbe senso solo a livello scientifico: non è certo questo

    Mi sono spiegato male, io intendevo ad infinito, ma con la lente addizionale montata

     Focheggiando ad infinito con la lente addizionale  hai la massima distanza di  lavoro possibile,  (33cm  con tre diottrie, 50cm con due ecc.) e generalmente la miglior qualità di immagine possibile, per cui mi sembra interessante. Io tendo a  lavorare quasi sempre ad infinito con le lente addizionale proprio per i motivi che ho citato sopra.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    5 minuti fa, Silvio Renesto dice:

    Mi sono spiegato male, io intendevo ad infinito, ma con la lente addizionale montata

     Focheggiando ad infinito con la lente addizionale  hai la massima distanza di  lavoro possibile,  (33cm  con tre diottrie, 50cm con due ecc.) e generalmente la miglior qualità di immagine possibile, per cui mi sembra interessante. Io tendo a  lavorare quasi sempre ad infinito con le lente addizionale proprio per i motivi che ho citato sopra.

    Avevo capito.

    Ma parli di un uso di uno di questi zoom  non in AF (se vuoi impostare infinito) non a mano libera, per ottenere il miglior RR possibile.

    Direi sia un contesto da utilizzo ben differente dalla categoria cui appartengono questi tre zoom e dall'uso a mano libera che ne ho fatto.

    Non nascono per questo...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Sì, in fondo la differenza potrebbe essere marginale e per un uso amatoriale/casuale non rilevante.

    Come contributo al discorso, ma senza voler suggerire  prove, vorrei spiegare come faccio con le lenti addizionali a mano libera ad infinito, ammesso che il soggetto sia tranquillo a sufficienza:

    1) Prefocheggio su infinito anche prima di puntare al soggetto, tanto so qual'è la distanza di lavoro.  

    2) Mi avvicino al soggetto con cautela finchè non diventa  nitido all'occhio nel mirino,

    3) poi lascio all'af  perfezionare finemente la messa a fuoco, spesso non sarà più esattamente all'infinito, ma lì vicino.

    Funziona, a patto di fare molta attenzione al... parallelismo :

    Nikon Z6, 70-300P - a 210mm - Lente Sigma da 1,8 diottrie,  f13 (se no l'occhio era fuori fuoco ), 1/1000s, 1600 ISO. Mano libera appunto.

    Z6zoomlens.thumb.jpg.bcca1aa91ff72ca66727dcc0856c448c.jpg

    Faccio questo quando mi serve la  maggior distanza possibile, date le dimensioni e la reattività del soggetto.

    Chiaramente se mi interessa un maggior ingrandimento, e il soggetto me lo consente, allora metterò a fuoco più vicino nel modo che hai spiegato tu. 

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...