Jump to content
  • M&M
    M&M

    Meglio la Nikon Z6 III o la Nikon Z8 ? Ma che pall* !

    Non mi appassionano per niente questi confronti di cui purtroppo è invece pieno il web.
    Per questo mi viene da esclamare : che pall* ! Pensando che susciti la stessa noia negli altri.

    Ma poi vedo che le visualizzazioni degli altri articoli di questo genere su Nikonland raggiungono sempre vette elevatissime e mi domando se non sia il caso di insistere.
    Per questo, eccoci qua.

    Premesso che la mia esperienza con la nuova Nikon Z6 III è breve e breve resterà, perché non è un prodotto per me come non lo sarà la nuova Fiat Grande Panda, credo che la nuova Nikon debba essere confrontata esclusivamente con Zf, Z8 e Z9.
    La precedente generazione è troppo distante per prestazioni e capacità.

    Anzi, posso certificare a chi me lo chiede, che la Z6 III è molto più vicina alla Z8 di quanto non lo sia con la precedente Z6 II.

    Detto questo, torniamo quindi al confronto tra Z8 e Z6 III.

    Perché visto che la Z8 è scontata di 600 euro mentre prima di vedere la Z6 III scontata passeranno un paio di stagioni di calendario, qualcuno potrebbe chiedersi se, pur potendo comprare la Z6 III a quel punto non sia il caso di fare uno sforzo in più e puntare più in alto.
    Pensiero stupendo e altrettanto lecito cui cercheremo di dare una chiave di lettura - giammai una risposta asseverante - in questo articolo !

    ***

    Le due macchine differiscono per collocamento.

    La Z8 discende dalla nobile schiatta che parte direttamente dalla Nikon F del 1959 e poi arriva fino alla F100 a pellicola.
    Riprende dalla D700 e passando per la D800 arriva sino alla D850.

    Quindi l'erede della prima reflex professionale Nikon (quando Nikon faceva fotocamere esclusivamente per i professionisti) e fino alla separazione delle carriere con l'introduzione della prima ammiraglia "monolitica", la oramai mitica Nikon F5, è stata il topo dei top.

    Dalla F5 è stata derivata invece la linea che in digitale è partita dalla D1 per arrivare alla D6. E prosegue oggi con la Z9 in mirrorless e continuerà così nelle prossime iterazioni.

    Lo si vede dalla impostazione dei comandi, dal dimensionamento, dalle peculiarità del corpo, più grosso, importante, comodo, ergonomico e più dotato di comandi diretti.

    La Z6 invece è di discendenza più recente, è un prodotto più prosumer (fusione orribile che deriva dai termini professionale e consumer : quindi una via di mezzo tra i due mondi) ed è l'erede della Nikon D750 che ancora oggi gode di grande favore presso i nikonisti.

    Anzi, probabilmente la Z6 III nasce proprio con l'intento di convincere gli irriducibili utilizzatori di reflex che residuano la fuori a considerare il passaggio alla mirrorless.

    ZFC_9678.thumb.jpg.c6e1e3d5a33fbe496c46416b54efc08c.jpg

    ZFC_9679.thumb.jpg.eab51360605b74d0b129f83668832ac9.jpg

    ZFC_9680.thumb.jpg.5f04d1122e62e59e869ae0f8d49b42de.jpg

    ZFC_9701.thumb.jpg.ea9fe4ad37e758a96243776d1962cd4c.jpg

    ZFC_7617.jpg.da3ae570920f71a8939a8687f79e1b30.thumb.jpg.9dc5818655b3534b33a3455f3f32126e.jpg

    Nelle foto di confronto che pubblico qui sopra vediamo le differenti impostazioni, sia dei corpi che dei corpi con il battery-grip, opzionale per entrambe le due Z8 e Z6 III che garantiscono espansione di funzionalità pari tra le due differenti macchine.

    Tanto che la Z8 con il suo MB-N12 diventa addirittura più grossa della pur importante Nikon Z9 raffigurata nell'ultima foto.

    Ma si vede chiaramente come la Z8 derivi dalla Z9, mentre la Z6 III ha una configurazione, comandi, disposizione dei controlli, simile ma funzionalmente diversa.

    Prima fra tutti la torretta di sinistra che per la Z8 vede una razionale presenza di pulsanti di regolazione, mentre la Z6 ha la tradizionale rotella PASMUx+ che prevede persino la posizione Auto in cui la fotocamera fotografa per conto del fotografo ignaro delle scelte della fotocamera (per le Nikon con il flash in questa posizione Auto, il flash si attiva automaticamente anche se tu non vuoi !).
    La Z8 ha l'oculare tondo tipico delle professionali, la Z6 ha l'oculare quadrato, tipico delle consumer.

    Più in generale la Z8 si capisce da lontano, anche per un profano, che è una fotocamera "importante". La Z6 la da un pò più a bere ...

    Nella realtà le due fotocamere si differenziano nell'interno per scelte progettuali concrete ma alla prova dei fatti, funzionalmente non così distanti.

    Il processore è lo stesso. La batteria è la stessa. Il comparto delle memorie è lo stesso (CFEx + SD).

    Cambiano i due sensori.

    Ma attenzione ...

    La tecnologia di fondo è simile e le differenze sono più sottili di quanto non si penserebbe.

    Si, uno è da 45.7 megapixel e la più grande massa di pixel consente più aree di messa a fuoco, mentre l'altro è un 24 megapixel.
    Ma lo strato fotosensibile è più o meno equivalente, fatta salva la densità di informazioni e la taratura della sensibilità di base (anzi, delle due sensibilità di base e dell'intervento del filtraggio alle alte sensibilità).

    Mentre che il sensore della Z8 sia integralmente stacked (cioé che abbia una quantità di memoria tampone integrata che copre l'intero sensore a servizio della lettura dei dati veloce) mentre che quello della Z6 III lo sia solo parzialmente, influenza la velocità complessiva del sistema.

    Ma ponendo la Z6 III comunque in un'area in cui le prestazioni sono già radicalmente al di sopra della massa. Essendo l'unica fotocamera della sua categoria con un sensore così veloce. Abbastanza veloce da permettersi peculiarità impensabili per le altre fotocamere.
    Con l'eccezione solo di Z8 e Z9.

    Dalle nostre deduzioni il tempo di lettura del sensore di Z8 e Z9 e poco superiore ai 3 ms. Ovvero ci vogliono poco più di 3.7 millisecondi perché ogni riga del sensore sia catturata.
    Questo ha permesso di omettere l'otturatore meccanico dalle macchine perché tale velocità equivale ad un tempo sincro-flash di circa 1/270'', sufficiente ad operare senza insorgenza di bande.
    Quello della Z6 III sta sui 9.2 millisecondi, cui corrisponde un sincro-flash di circa 1/100''.

    Molto più veloce di quello, ad esempio della Zf/Z6/Z6 II (circa 33ms) e molto, molto più veloce di quello della Z7 (circa 65 ms) e capace di essere in larga parte esente da problemi quando impiegato in modalità otturatore elettronico.
    Ma non abbastanza veloce da poter lavorare senza otturatore meccanico con il flash.

    La presenza dell'otturatore meccanico assicura poi che in determinate circostanze, si possano evitare i fenomeni di banding per effetto di luci a frequenza variabile che invece con Z8 e Z9 obbligano ad impostare frequenze di scatto valutate "ad occhio".

    Z8 e Z9 hanno un sensore tanto veloce da permettere di avere un flusso separato tra la visione a mirino e quella elaborata verso le memorie. Questo elimina del tutto gli oscuramenti del mirino.
    Per la Z6 III non è possibile un simile processo (unico per il momento) ma comunque la visione è di grande livello, coadiuvata da un pannello LCD a risoluzione, contrasto e luminosità di qualità dichiarata superiore a quello dei modelli Z8-Z9.

    Con la Z6 III, così come con Z8 e Z9, nelle raffiche estese abbiamo una visione completamente in tempo reale della scena inquadrata, indispensabile per la foto d'azione.

    Con tutte le altre Nikon Z invece la visione in tempo reale si ferma nella raffica lenta a 5 scatti al secondo. Oltre, le fotocamere non hanno una velocità sufficiente e quindi presentano a mirino le foto già scattate, come in un effetto moviola che si somma all'oscuramento tra gli scatti con una sensazione di smarrimento che a me ha impedito di fotografare uccelli in volo o motociclisti su sterrato con Z6 e specialmente Z7.

    La Z7 ha un sensore così lento, che in raffica estesa, con qualsiasi tempo di scatto, le auto in movimento vengono deformate in stile futurista inizio '900 ...

    ***

    Spero che la disamina tra le caratteristiche peculiari non vi abbia annoiato troppo.

    Concludo sintetizzando. La Z6 III al di là delle peculiarità tecniche è prestazionalmente parlando (sia in fotografia che in video) molto più vicina a Z8 e Z9 di quanto il corpo non farebbe pensare.
    Ed ha il vantaggio di costare una cifra che al netto degli sconti sugli altri modelli, consente con la stessa spesa, di comprare anche un 24-120/4 S, obiettivo che ci sentiamo di caldeggiare sempre come compagno di Z6 III e Z8.

    Ci sono tante funzionalità software e firmware che differenziano i tre modelli, vuoi per esigenze di marketing vuoi per diverse tempistiche tra i team di sviluppo dedicato (la Z9, per esempio non ha né le facilitazioni sui ritratti, né il pixel shift, che invece hanno sia Z8 che Z6 III).
    La Z6 III introduce, prima tra le Nikon Z, l'accesso al cloud per depositare in tempo reale i propri scatti sia per prelevare controlli colore aggiuntivi.
    Ed inserisce nel flusso di lavoro del fotografo anche una nuova categoria di Picture Control in cui è possibile manipolare anche il colore, non solo la curva di contrasto o la saturazione.
    Che questo possa essere esteso anche a Z8 e Z9 è potenzialmente possibile. Si tratta di software che può essere configurato in modo equivalente su una piattaforma che condivide lo stesso SoC Expeed 7 (in una versione a più basso consumo, ipotizzo io, nella Z6 III).
    Ma al momento sono disponibili solo sulla Z6 III.

    Quindi quale è meglio tra Z8 e Z6 III e per quale fotografo ?

    Rispondo prima alla seconda domanda, perchè la prima domanda secondo me non ha una risposta sensata univoca.

    Personalmente io sceglierei la Z8 ogni giorno dell'anno sulla Z6 III, non per la differenza di prestazioni ma perchè la Z8 ha una disposizione di comandi da professionale - ed io ho sempre avuto Nikon professionali come prima macchina - e perché io scatto tanto, tantissimo (troppo) con le Nikon Z e l'assenza dell'otturatore mi tranquillizza per l'assenza di usura di parti meccaniche, assicurandomi almeno un decennio con milioni di scatti all'attivo (la mia Z9 ha 1250000 di scatti, la mia Z8, nonostante i test con tante altre macchine, supererà il mezzo milione nel 2024).

    Quindi credo che un fotografo che ha come tipo di Nikon la D700-D800-D850, sceglierà preferibilmente la Z8

    Il fotografo tipo D750, che non scatta tanto come me e non ha una specializzazione definita ma fotografa di tutto, preferirà, io credo la Z6 III. Perché è più leggera, compatta, economica e volendo si può comunque attrezzare con il battery-grip.
    La Z8 con il battery-grip fa schifo e le fa preferire la Z9. Anche questo lo dirò finché Nikon non farà per la prossima Z8 un battery-grip degno di quello della Nikon D850, che era praticamente perfetto e poteva contenere anche la batteria della D5-Z9.

    Le prerogative tecniche delle due fotocamere nel mondo reale non sono tali da connotarne una netta separazione prestazionale. Non quanto la Z8 svetta rispetto a Z6 e Z7, per esempio.

    Per il resto, l'aspetto su cui soffermarsi è il display completamente articolato della Z6 III, per alcuni un valore, per altri un fastidio.
    E l'assenza o meno dell'otturatore meccanico, per disimpegnarsi in situazioni ben particolari e specifiche che per alcuni (ad esempio per me) capitano molto raramente.

    ZFC_9672.thumb.jpg.c8a9d9b50a7b5cebda9871866cb840cc.jpg

    io vorrei tanto che nella Z8 II Nikon introduca il display completamente articolato. Sembrerà più fragile ma è di una comodità unica che mi permette con Zf e Zfc di fare qualsiasi cosa senza fare equilibrismi o sforzi inutili:
    Ma posso comprendere che ad altri faccia schifo.

    ***

    Quale è meglio tra Z8 e Z6 III ?

    Alla fin fine, come ho già avuto modo di dire, le due macchine sono più vicine di quanto si vorrebbe ammettere.
    Entrambe sono vere Nikon capaci di assecondare il fotografo al meglio.

    Prestazionalmente la Z8 è di un gradino superiore. Non è estrema come la Z9 (che a me trasmette molta più confidenza, al di là dell'inarrivabile migliore ergonomia, pur a parità di dotazione tecnica) ma le si avvicina.
    La Z6 III non può essere tanto estrema per costituzione e per contratto.

    Ma anche un professionista con due Z6 III non deve sentirsi affatto sminuito. E una Z6 III può costituire un sensazionale secondo corpo per una Z8.

    Leggo un sacco di balle sui sensori. A me questi sensori da 24 megapixel piacciono un sacco. Anche più del più ricco della Z9 e certo più di quello di D850 e Z7.
    Lavoro praticamente sempre a 800 ISO con queste camere (rispetto ai 500 di Z8 e Z9) e se devo andare fino a 6400 ISO non mi sento in difficoltà mentre so che con la Z8/Z9 dovrò poi smanettare con LR per riallineare i valori.
    La vicinanza dei 24 megapixel al formato 4K, secondo i miei occhi, offre un flusso video più naturale. Lo era già nella Z6 che però doveva croppare limitando l'ottica in formato DX.

    Tanto che spero che la futura Z9 Quadrifoglio o Veloce GTI pensata per correre sempre a 300 Km/h non abbia più di 24 megapixel e un sensore tanto veloce da non capire se stai scattando o no e rendendotene conto solo perché si è riempita la scheda di memoria.

    E voi ? Che ne pensate dei miei sproloqui mattutini ?  :medicina:

    Esprimetevi liberamente, c'è libertà di opinione se uno scrive commenti utili agli altri. Non vi contraddirò anche se pensate tutto l'opposto di quanto penso io.

    :fotografo:

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Administrator

    Ok, questo è quello che penso io.

    Che pall* l'ho già detto io, portandomi avanti.

    Chi può, può aggiungere il suo punto di vista.

    Se non ha ancora provato la Z6 III dovrà fidarsi del mio giudizio su quella macchina.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Non avendo provato la Z6III non posso esprimermi più di tanto.

    Di base ritengo la Z6III più che sufficiente per il 90% dei fotoamatori medi, ancora più delle Z6 e Z6II visto che le prove dimostrano che il modulo AF è al di sopra di qualsiasi critica.
    Rispetto alla Z8 ha anche il vantaggio di un file meno pesante a vantaggio di PC meno aggiornati, almeno finché non si decide di usare il comparto video.
    Il peso/volume è un plus per la fotografia di viaggio, situazioni molto dinamiche a parte dove Z8 e Z9 darebbero maggiore certezze.

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Della serie "non siamo mai contenti" per me l'ideale sarebbe una Z6 con l'oculare tondo e i comandi della Z8. Ovvero, una Z8 più piccola e leggera a 24mpx. La prenderei ADESSO.

    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Da possessore di D750 sono poi passato a Z6 ritrovando sempre quel feeling che avevo con la reflex, e adesso con l'obiettivo di aggiornare la mia fotocamera con uno strumento più attuale e moderno passerò alla Z6III per rendere più facili (e forse più belle, intese come più vicine a ciò che ho in mente quando scatto) le mie fotografie.

    Ebbene sì, per il marketing di Nikon sono l'user-tipo di questa fascia di prodotto! :36_1_11:

    • Like 1
    • Thanks 2
    Link to comment
    Share on other sites

    Da ex possessore di D750 e possessore della z6II posso dire che la frustrazione che ho provato nel cambiare abitudini per l'uso del af.

    So che la z6III ha prestazioni molto diverse ma nel dubbio andrò per una z8.

    Anche se l'uso prevalente è per i viaggi...il peso è l'ingombro sono le lenti 

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    30 minuti fa, Mako73 ha scritto:

    Da ex possessore di D750 e possessore della z6II posso dire che la frustrazione che ho provato nel cambiare abitudini per l'uso del af.

    So che la z6III ha prestazioni molto diverse ma nel dubbio andrò per una z8.

    Anche se l'uso prevalente è per i viaggi...il peso è l'ingombro sono le lenti 

    Se puoi fidarti, posso assicurare che nell'uso, tra Z8 e Z6 III in fotografia di tutti i giorni, la prestazione dell'autofocus è indistinguibile.
    Z6, Z7 e I e II, diventano un lontano ricordo già dopo 5 minuti.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    In analogico si cambiava la pellicola per variare i diversi parametri che servivano all'esecuzione dello scatto, nella fotocamera potevi variare i tempi di scatto e sull'obiettivo il diaframma, per cui un modello poteva durare anche un lustro senza cambiamenti, oggi ti puoi costruire una fotocamera su misura! La Z8 che uso io potrebbe avere impostazioni assai diverse da quelle che usa un altro fotografo, ma non potrei mai variare risoluzione e sensibilità(con tutto quello che ne consegue) A questo punto la domanda è " si sceglie in base alle proprie esigenze o in base alle proprie possibilità economiche?" Perché se uno non sceglie la Z8 come la volpe che dice "nolo acerbam sumere" allora tutto il discorso non si pone, se invece uno interrogatosi sulle sue necessità di fotografo decide che tutto sommato la Z6 III basta e avanza per le sue necessità, allora tutto quanto scritto sopra aiuta molto nella scelta, in fondo è lo stesso discorso dei due 600mm e dovremmo essere grati a Nikon che ci dà questa possibilità di scelta, senza dimenticare tuttavia che la Z9 (di cui la Z8 è tecnologicamente sorella gemella) è stata presentata il 28 Ottobre del 2021 e tre anni nel digitale sono un'era geologica e la ricaduta sui modelli più economici è logica e fisiologica! Le Olimpiadi sono vicine e visto il nuovo corso del marketing Nikon oramai ci possiamo aspettare di tutto.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Di base io voterei sempre per Z8, vengo dalla D850 ed è stato il mio grande amore in fatto di corpi macchine. Perfetta.
    Detto questo io comprerò la Z6III perché tutto quello che mi potrebbe dare la Z8 lo ho già dalla Z9, e l'unica cosa che non quest'ultima non riesce a fare (la portabilità) lo fa meglio la Z6III :) 
    Certo, rimane quell'ergonomia meno efficacie, quei controlli da prosumer... Ma adesso per lo meno hanno aggiunto la possibilità di rimapparne la maggior parte. Rimangono anche meno possibilità di configurazione dell'autofocus, ma quelle essenziali ci sono.
    Quindi... anche costasse 50€ in meno, sarebbero 50€ guadagnate, dal mio punto di vista.

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Io ho una Z9 che per me è magnifica, da due stagioni ci faccio matrimoni e servizi di cerimonie in genere come comunioni, cresime e battesimi, sono soddisfattissimo!

    Ora ho venduto la Z6II che avevo preso come secondo corpo ma che, a paragone della Z9 ha prestazioni imbarazzanti e che mi hanno fatto fare due stagioni usando al 90% la Z9. Ora ho ordinato come NPS la Z6III che ho avuto modo di provare e che, può aiutarmi avendo prestazioni ed impostazioni "più simili" alla Z9  e files RAW più leggeri a fare tanto lavoro con più tranquillità, ne sono sicuro ....

    • Like 1
    • Haha 3
    Link to comment
    Share on other sites

    Z8 tutta la vita è davvero meravigliosa in tutto, i comandi e la qualità del file, presa per foto in teatro è davvero un'accoppiata vincente soprattutto con il 70-200.

    Però ho preso anche la z6III come secondo corpo al posto della II,  un AF più veloce ed un sensore più adeguato alla mia fotografia. E condivido pienamente l'idea che sarebbe bastato fare una Z8 light con 24 Mpx e la stessa disposizione comandi ..sarebbe stato il top.

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    ho la Z8 (Z9 troppo grande) ed è una macchina che mi basterà a lungo.

    Non ho mai avuto la Z6, nonostante sia sempre stato attratto dalle caratteristiche del sensore da 24MP e dalla sua capacità di rendere gli alti ISO.

    Nonostante sapessi che una Z6III era in arrivo, ho deciso di prendere la Zf come secondo corpo. Mi ha consentito di avere una macchina di una bellezza unica, con il sensore che volevo e un sistema AF all'altezza (non come la Zfc, che appartiene ancora alla prima generazione di ML Nikon, e che oggi ha senso solo per fattore estetico). D'altro canto ero certo che la Z6III avrebbe avuto features vicine alla Z8, che, appunto, avevo già sulla Z8.

    Per questo non acquisterò una Z6III, la lascio a chi ha ancora una ML Nikon di prima generazione e a chi ritiene la Z8 troppo grande, come ho letto spesso (impressione secondo me del tutto errata, ma de gustibus...)

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Ho avuto d700, d850 e attualmente possiedo una z6ii, perfetta per le mie esigenze tranne che per la messa a fuoco, penosa in condizioni di scarsa luminosità. Per me elementi fondamentali sono: portabilità, tenuta agli alti iso, dimensione dei files accettabili, eyes detection che funzioni. Personalmente non vedo una grande utilità nei sensori così densi da 45 Mp, 24 Mp sono più che sufficienti per fare praticamente tutto, chi proviene dalle reflex professionali come d4, d5 e d6 aveva max 20 Mp, mi aspettavo che la z9 avesse un sensore stacked da 24 Mp. Alcuni professionisti che da D5 sono passati a Z9 hanno poi abbandonato Nikon in favore di Canon R3 che possiede un sensore stacked retro illuminato da 24 Mp. Spero che Nikon pensi ad una Z9 gt, avrebbe velocità, tenuta agli alti iso e files di dimensioni accettabili.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander
    8 ore fa, Alberto Capitanio ha scritto:

    io non ho z ma penso che tanti Mp si possono abbassare e usare una z9 a 24 Mp  ho sbaglio ..dove' il problema

    si però ti devi rifare il parco ottiche, perchè se hai un 85mm diventa un 128, se hai un 50 diventa 75 etc...

    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...