Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon Z fc, focus stacking vs diaframmare = 1 - 0

    Lo sappiamo che basta diaframmare per ottenere profondità di campo, ma la discriminante (oltre alla luce disponibile) è di certo anche la distanza di ripresa: tanto minore, quanto di meno aumenterà progressivamente la pdc.

    Ingenerando anche altri problemi, quali

    • la diffrazione (potenziale perdita di nitidezza data dalla piccolezza del buco attraverso cui passa la luce, tanto maggiore, quanto più chiuso sarà il diaframma con cui si opera)
    • la curvatura di campo dell'obiettivo, che si trasmette anche nel fotogramma negli angoli estremi dell'inquadratura
    • il rischio di mosso (volendo mantenere ISO bassi)
    • la qualità intrinseca di quell'obiettivo a quel dato diaframma (solitamente solo i Macro migliorano diaframmando e sempre entro certi valori)

    Qui difatti, preso un leggero grandangolare, non macro, munito di lente addizionale acromatica per accorciare drasticamente minima distanza di maf, con messa a fuoco in basso, sul punto indicato 1228446960_ResizeofInked002-_ZFC033828mm20secaf-16MaxAquilaphoto(C)__LI.jpg.d19581e9b60692b5b077ca85208d6c7c.jpg

    due files: uno a f/16, diaframma estremo di questo obiettivo,

    939570905_002-_ZFC033828mm20secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.47b5cf779cb93a9d702fa3e1cdd6a240.JPG

     

    il secondo file a f/4 che non è il massimo di apertura del diaframma di questa lente, ma con 60 scatti organizzati in Focus Stacking dalla fotocamera e gestiti dal programma Helicon Focus

    584986332_00115082021-2021-08-1518-15-06(BRadius15Smoothing8)MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.c326f2aad7f799549ef39ed32cd199a6.JPG

    Notare le evidenti differenze, funzione delle problematiche sopra espresse, nel caso della estrema diaframmazione (la prima foto) risolte eminentemente dal Focus Stacking gestito automaticamente dalla Nikon Z fc, tra le cui opzioni è nuovamente compreso (era assente nella Z50 da cui questo modello deriva)

    1220164741_00315082021-_D5K2771MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.75605de5e74c67dca54ccae206ead398.JPG

     

    In entrambe le situazioni la Z fc stava su semplice treppiedino da tavolo con testa a sfera.... il minimo indispensabile,

    497085069_Resizeof81JqNA-0owL._AC_SL1500_.jpg.3051f7147546e2946753a76fa1f1635b.jpg  insieme al telecomando ML-7 a sua volta programmabile nei suoi due tasti funzione (dove io tengo i e Menù)

    Provateci anche voi... è davvero semplice

     

     

    Addendum:

     

    Perchè non passi tra qualcuno di voi che su Nikonland consigliamo di usare Helicon Focus piuttosto che gli strumenti più adatti per lo scopo, 
    aggiungo all'esperienza precedente, la stessa, identica, ma condotta stavolta tra due obiettivi Z:

    • lo standard Z 50mm f/1,8 S per tanti scatti fin qui utilizzato, ogni volta sempre con differente, accresciuto, stupore per le doti intrinseche di questa lente, tra le meno costose del catalogo Z.  

    Utilizzato in due modi: (pur sempre con treppiede e telecomando di scatto remoto)

    1. nudo e crudo, a distanza minima di maf dal soggetto, con due-tre diaframmi differenti da TA al diaframma più chiuso
    2. in focus stacking, a f/4, sullo stesso soggetto

    e poi

    • il recentissimo Macro, Z 50mm f/2,8 MC, sullo stesso soggetto, a tre diversi diaframmi da TA a tutta chiusura di diaframma

     

    1200543380_002-_ZFC067250mm1-160secaf-18NIKKORZ50mmf-1.8SMaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a990593772731f5af85000552788634f.JPG
    50/1,8S a f/1,8  tutta apertura, messa a fuoco sull'occhio del gallo

    66959918_003-_ZFC067350mm1-60secaf-28NIKKORZ50mmf-1.8SMaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e369aa7320d9e4111c67c0b6dbbb909e.JPG
    50/1,8S a f/2,8 (per compararlo al Macro che non apre di più)

    1144597750_001-_ZFC067150mm1-4secaf-16NIKKORZ50mmf-1.8SMaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.06ebed00c17020cd2261661e7d344328.JPG
    50/1,8S a f/16...il suo diaframma più chiuso

     

    Adesso il 50/1,8S in focus stacking a f/4 con trenta scatti
    1332350428_004-2021-08-1814-21-30(CSmoothing5)50mm1-60secaf-40NIKKORZ50mmf-1.8SMaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.be37fa184c709a90667ac78ae2f0a069.JPG

    Si notano bene alcuni problemi, difficili da risolvere in postproduzione, tipici del FS condotto su sfondi riflettenti, come la scatola che ho utilizzato, attorno alle parti più evidenti nello stacco tra primo piano e sfondo, qui sotto evidenziati in arancio
    1261815950_Inked111-2021-08-1814-21-30(CSmoothing5)50mm1-60secaf-40NIKKORZ50mmf-1.8SMaxAquilaphoto(C)__LI.jpg.a3a875221329034d4a141d9aa388a483.jpg

     

    La differenza è marcata, quando si usi un obiettivo nato per questi lavori, come il nuovissimo MC Nikkor 50/2,8

    1397151119_005-_ZFC070450mm1-50secaf-33NIKKORZMC50mmf-2.8MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.2df3d7961226a89cca8ff595161e9a51.JPG
    già a tutta apertura, rispetto alla seconda foto del 50S, qui si vede come siano decisamente più marcati i particolari in rilievo, come piume e bargigli del gallo

    693127451_006-_ZFC070550mm1-50secaf-16NIKKORZMC50mmf-2.8MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.932c439a99cc723bcf41e3bbbae2a9c8.JPG
     qui a f/16 pari alla massima chiusura dell'altro, con una definizione anche dei particolari fuori della sua pdc degni di nota per senso di tridimensionalità

    1691955602_007-_ZFC070650mm1-50secaf-25NIKKORZMC50mmf-2.8MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.dca2b999e36d87a54b7d89e6337abe58.JPG
    e qui a f/25 che è il diaframma di massima chiusura di questo macro, con il quale, al netto della potenziale diffrazione, non si disdegna neppure il confronto con il focus stacking dell'altro....

    Ovviamente potremmo godere delle migliori aperture di diaframma di questo MC 50/2,8 per praticre Focus Stacking anche con questo obiettivo....

    Ma non vorrei diventare noioso: il senso di questo addendum è che , disponendo degli strumenti più adatti è perfettamente inutile fare acrobazie con quelli che lo siano meno.

    Ubi maior....minor cessat !  :daccordo:

     

     

    Max Aquila photo (C) per Nikonland 2021

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Administrator

    Per i possessori di Z fc, per coloro che la compreranno più in la...ed anche per chi, non avendone intenzione di possesso, estenderà alla sua fotocamera, di qualunque forma essa sia, la stessa riflessione.

    Guardate le foto, aprendole, anche nei particolari marginali.

    La fotografia offre molti modi per divertirsi, anche a Ferragosto

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Penso non ci sia paragone ed è bello che ci sia questa possibilità con la Zfc.

    Hai usato ottica nativa?

     

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    5 minuti fa, Giannantonio ha scritto:

    Penso non ci sia paragone ed è bello che ci sia questa possibilità con la Zfc.

    Hai usato ottica nativa?

     

     

    Si certamente. Ricordatevi che per utilizzare la funzione a menù del fs, bisogna avere ottica af nativa o F-mount AF, tramite FTZ.

    Nulla osta, con una ottica MF, moderna o vintage, fare fs manuale. Ma sinceramente non vedo perché, quando i risultati che abbiamo ottenuto anche con zoom basic come il 24-70/4 ed il 16-50 dx sono già quelli, ineccepibili

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Lo utilizzo troppo poco sulla z6, preferendo diaframmi chiusi e fuoco manuale com focus peaking, in macro. Ottimo stimolo anche per l'utilizzo della lente addizionale sigma aml-72 01, appena acquistata. 

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Io ho apprezzato questa tecnica proprio sulle pagine di Nikonland e i risultati si vedono.

    Non sapevo che la Z50 non offre questa possibilità, non avendo mai avuto interesse per questa macchina, bene che la Zfc lo offra.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    grazie del'articolo interessantissimo. Peccato che questa funzione non ci sia sulla Z50, avrei voluto provarla. Due curiosità : come si definisce il campo che si vuole ottenere a fuoco, e che risultato si ottiene, un unico file o una cartella di file da elaborare necessariamente con apposito software oppure la fotocamera è in grado di dare già un risultato finale? ritieni che, tecnicamente, sarebbe possibile con un firmware aggiornato avere la funzione di focus stacking anche sulla Z50, anche se a questo punto dubito che per Nikon possa essere interessante dare una simile possibilità....che potrebbe diminuire le ragioni per qualcuno di acquistare la Zfc

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 ora fa, PiermarioPilloni ha scritto:

    grazie del'articolo interessantissimo. Peccato che questa funzione non ci sia sulla Z50, avrei voluto provarla. Due curiosità : come si definisce il campo che si vuole ottenere a fuoco, e che risultato si ottiene, un unico file o una cartella di file da elaborare necessariamente con apposito software oppure la fotocamera è in grado di dare già un risultato finale? ritieni che, tecnicamente, sarebbe possibile con un firmware aggiornato avere la funzione di focus stacking anche sulla Z50, anche se a questo punto dubito che per Nikon possa essere interessante dare una simile possibilità....che potrebbe diminuire le ragioni per qualcuno di acquistare la Zfc

     

    la Nikon Z50 è pilotabile da Helicon Remote, direttamente da PC

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    ovvio comunque che avere la funzione disponibile in camera rende le cose più fattibili, perlomeno in esterni ove doversi portare il pc complicherebbe alquanto le cose...

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    1887226241_006-_ZFC070550mm1-50secaf-16NIKKORZMC50mmf-2.8MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.88577cbe6c9c1955c6fc3338f7de6220.JPG

    rileggete l'articolo che ho aggiunto un altro confronto, utile a chiarire quanto già scritto.

    Su Nikonland...

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Visto, e notato la differenza..  ma per pura curiosità, se hai ancora il 40, perchè non fai alcuni scatti per comparare il 50 macro new al 40 old? tanto per vedere la differenza reale.. poi, interessante lo sfondo.. se magari mi dici che scheda madre è.. mi faresti un favore..

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 ora fa, Roby C ha scritto:

    Visto, e notato la differenza..  ma per pura curiosità, se hai ancora il 40, perchè non fai alcuni scatti per comparare il 50 macro new al 40 old? tanto per vedere la differenza reale.. poi, interessante lo sfondo.. se magari mi dici che scheda madre è.. mi faresti un favore..

    chi lo sa: magari lo faccio il confronto, ma mi è già chiaro, tanto che anche in assenza di altro, ho usato davvero poche volte il 40 dx su FTZ

    La scheda madre?  E' una di quelle dalle quale scrivo su NL

     

    Vecchietta

    Link to comment
    Share on other sites


×
×
  • Create New...