Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • Silvio Renesto
    Silvio Renesto

    [experience] Nikon Z6, 24-200mm e lente addizionale: Sul campo!

    Oggi ho voluto provare a fare della foto ravvicinata, anzi della quasi-macro,  con la Z6 ed il 24-200mm f4-6.3 su cui ho montato la lente addizionale SIGMA AML 72-01. Come è andata? Leggete e saprete!

    Ho sempre sostenuto che in assenza di un macro, uno zoom che arrivi a 200mm accoppiato ad una lente addizionale acromatica di buona qualità e non troppo potente, come la SIGMA AML 72-01 (1,8 diottrie) possono dare soddisfazioni a chi non ha obiettivi macro o o non se li è portati dietro per i motivi più vari.

    Vale anche per il Nikon Z 24-200mm f4-6.3? Se così fosse si avrebbe un kit per fare di tutto in viaggio, compresa la fotografia ravvicinata.. Ho voluto quindi trasformarmi in un macrofotografo "occasionale", scattando addirittura a mano libera.

    Ecco i protagonisti della storia:

    gearused.thumb.jpg.f998632645e8b802e7a246a1f50caeb7.jpg

    L'anello adattatore ci vuole perchè la lente ha diametro 72mm mentre l'obiettivo ha diametro 67. Attenzione: se si monta prima la lente, il paraluce non si  innesta, occorre montare prima il paraluce e poi avvitare la lente (con su l'adattatore).

    Questa è un experience, non un test tecnico quindi per le specifiche e tutto il resto rimando ai numerosi articoli di Mauro, Max e perchè no, anche ai miei. Qui si guardano i risultati.

    Il 24-200mm da solo offre già una discreta versatilità d'uso e una buona qualità (per la sua categoria, non è un 70-200 f2.8 e non è una focale fissa, tuttavia è il primo superzoom che non mi ha fatto pentire di averlo comprato ed è già qualcosa).

    Cliccare sulle foto per vederle a maggior risoluzione.

    Da solo permette inquadrature interessanti, anche se lo sfondo non è tra i più delicati (ma vedremo che le cose possono cambiare):

    papaverilo.thumb.jpg.fe620e81e983948496e713fc86a7a1b6.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm  f8, 1/800s, 250 ISO, mano libera. Presenza di vento.

     

    papavero2lo.thumb.jpg.3aee3ffd81d1c1012d5cfbb1dd2cef78.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f9, 1/320s, 1800 ISO.

    Adesso montiamo la lente. Tutte le foto non sono croppate per dare un'idea dell'inquadratura effettivamente ottenibile col formato FX. Solo in fondo all'articolo ho messo due foto in formato Dx (specificato nella foto) per far notare la differenza.

    Il range di di  utilizzo è da 55cm a 37cm circa dalla lente frontale (non dal sensore), e quindi anche il range di ingrandimenti non è molto ampio (teniamo presente che riducendo le distanze la focale si riduce), su soggetti piuttosto piccoli abbiamo questo:

    apelo.thumb.jpg.5e42dce1b4fa12a03eb2bbae56a32e3d.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, 10, 1/1250s, 720 ISO.

    apelo2.thumb.jpg.acf092aeabce653caeea0a93fb94a2cf.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f10, 1/1250s, 1600 ISO

    Con inquadrature un po' più ampie per via della situazione:

    ischnuralo.thumb.jpg.1e50c2c7161fc28591ca05427ada9e61.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f9, 1/1600s, 720 ISO

    oppure perchè il soggetto è più grande:

    ortethrum2.thumb.jpg.9e1d29d0ee75de4f3185abbac5457ff4.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f9, 1/1600s, 900 ISO

    Le cose si fanno interessanti. E la qualità? ecco un crop 100% dell'immagine sopra, con un po' di attenzione si intravedono gli ommatidi (le cellette dell'occhio)

    crop2.thumb.jpg.62bc5de816a5027b0f3a88d5ae32162e.jpg

    Altra libellula:

    ortethrum1.thumb.jpg.c9f6f071bfe09615e1a7f5bb1f587a7a.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f10, 1/1250s, 1250 ISO

    Altro crop:

    crop1.thumb.jpg.1ce6dd877fb50a9215a26e11fca9463a.jpg

    Certo non è inciso come un vero macro, ma per essere uno zoom con davanti una lente, vedete voi.

    Con un minimo di attenzione,  avvicinandosi in modo accorto anche soggetti un po' meno grandi possono venire bene:

    Bombo2lo.thumb.jpg.72d7f5647d031bfad89cfca7f70ab3d9.jpg

    Nikon Z6, 24-200 a 200mm, f9, 1/1000s, 500 ISO. E... che belle le "palline" di polline sulle zampette!!

    E se ci avessi la Z50?

    Ne ha scritto Max Aquila, ma per amor di completezza vi faccio vedere la stessa foto "ritagliata" in formato Dx

    Bombo2dxlosrp.thumb.jpg.cfcec08b732b63635069306cbedbdeec.jpg

    Eh mica male vero?

    Altro esempio con insetto lungo "mezza" ape:

     

    sirfidelodx.thumb.jpg.a214e37cebb9c21d66c64e581f0a09b9.jpg

    Eccoci alla fine di questa experience.  
    Il nikon Z 24-200mm f4-6.3 abbinato alla lente addizionale SIGMA AML 72-01 (o ad altra lente acromatica equivalente come la Canon 500D), da' questi risultati, secondo me buoni o più che buoni, nelle foto in campo, quando conta il soggetto centrale e non serve la nitidezza ai bordi, prerogativa dei veri macro o di obiettivi più corretti. Se volete fare della  macro il vostro genere fotografico d'elezione, è meglio cercare altre soluzioni, altrimenti ci si può divertire con veramente poco in termini sia di ingombro che di spesa.

    (c) Silvio Renesto per Nikonland

     

    Nota: la Canon 500D è una lente molto valida, ma molto pesante, visto il barilotto di plastica del 24-200mm che va tenuto esteso a 200mm, io preferisco  montarci la  SIGMA che pesa poco più di un filtro. E' una cosa secondo me da tenere presente se si fa una mattinata sul campo con la lente sempre montata

    • Like 7
    • Thanks 2
    • Haha 1


    User Feedback

    Recommended Comments

    Siamo davvero fortunati: fino a pochi anni fa risultati del genere non erano pensabili.

    Sensori e lenti iper performanti a disposizione della fantasia e creatività.

    E l'esperienza di un vero fotografo naturalista fa la sua bella differenza...

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ottimo Silvio.

    Io ho un doppietto apocromatico della NISI di oltre 3 diottrie, fuori dalle "specifiche" consigliate all'inizio.

    Dico bene se penso che il suo uso comporterebbe un ingrandimento maggiore, la necessità di avvicinarmi di più al soggetto (in alcuni casi troppo, come in alcune foto che hai pubblicato) e una PDC più ridotta (e da qui i motivi per cui consigli lenti con un livello di ingrandimento minore?

    Grazie

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, cismax ha scritto:

    Dico bene se penso che il suo uso comporterebbe un ingrandimento maggiore, la necessità di avvicinarmi di più al soggetto (in alcuni casi troppo, come in alcune foto che hai pubblicato) e una PDC più ridotta (e da qui i motivi per cui consigli lenti con un livello di ingrandimento minore?

    Tutto corretto, già a 3 diottrie la distanza massima di lavoro è appena 33cm, a 4 diottrie  25 cm, se hai una focale bassa (50-60mm) e sei in studio o con soggetti immobili si può fare di tutto, se no può diventare un problema.

    Ma se hai già la lente puoi provare e vedere cosa riesci a ottenere.

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    13 ore fa, Max Aquila ha scritto:

    Siamo davvero fortunati: fino a pochi anni fa risultati del genere non erano pensabili.

    Specialmente con uno zumone 10x da papà in vacanza con i bimbi in braccio.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Molto interessante ! io resto sui tubi, ma dopo aver visto questi e altri 'suggerimenti' probabilmente mi doterò di una lente (un doppietto) per riprese ravvicinate: un po' più della minima di messa a fuoco, ma meno di quanto si possa fare 'coi tubi' ! :D

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Grazie Silvio, eccellente lavoro.. interessante la specifica delle Sigma, che sono più leggere e questo su questi vetri non guasta affatto, anzi..

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Silvio mi hai incuriosito!

    Avendo già il 24-200mm, ho dovuto solo ordinare la Sigma e l'anello per ottenere lo stesso kit che utilizzi anche tu e provare a fare un po' di macrofotografia.

    Per la verità avevo già la Nikon 5T che ho usato con il 50mm e con il 75-150mm, ma l'esperienza non è stata diciamo così straordinaria. Vediamo adesso se, grazie alle esperienze che hai qui condiviso, riuscirò ad ottenere risultati migliori anche grazie a questo zoom senz'altro più prestante delle altre lenti fin qui utilizzate.

    Nel caso ti scrivo per avere qualche dritta... :dentone:

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    30 minuti fa, Pedrito ha scritto:

    Nel caso ti scrivo per avere qualche dritta... :dentone:

    Molto volentieri!    
    Hai visto come vengono ingranditi i soggetti secondo le dimensioni quindi ti  puoi regolare nella scelta.  Chiudi almeno a f8 (11 a 200mm) per la qualità, di più se vuoi ancora più profondità di campo (all'aperto molto spesso lo stacking non è praticabile ;) )

    Aspetto di  vedere le foto :)

    • Thanks 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla qualità che una combinazione così comoda, da usare e portare con se è perché no da acquistare visto il differenziale tra la lente ed un macro, è stata capace di produrre. Ma le immagini prodotte sono capaci di fugare qualsiasi dubbio, anche negli scettici come me!

    Sulle lenti, anche la mia esperienza (poca in verità) è di cercare sempre di volare basso, sia con le diottrie (2 è il massimo) sia con le focali (tra 150 e 200). Ed alla peggio, ottenuto un file bello nitido, arrangiarsi con un piccolo crop. 

    Complimenti a Silvio: è un divulgatore nato ed una miniera di informazioni fotografiche!

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    1432033232_11110062021-WhatsAppImage2021-06-10at11_18.36MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.d8876163d6059949ddfb38d45701687e.JPG

    il miglior zoom consumer mai utilizzato su Nikon Z: lo scrivo (fotografando) da agosto scorso...

    Spero di aver mosso a curiosità anche Silvio che oggi lo usa senza pregiudizi :emoji_love: 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    oggi su Z50 in una configurazione DX pura ad alta densità di pixel, con una semplicissima lente addizionale Zenza Bronica...non acromatica.

    A dimostrazione della validità della soluzione in termini di costo e velocità di setup.

    Flash incorporato della Z50, che funziona benissimo: ma per essere dosato in sottoesposizione ci vuole un pò di manico.

    Gli scienziati Nikon hanno dimenticato la riga di menù presente su ogni altra fotocamera Nikon, per la regolazione della sola compensazione flash...: macchinoso ottenerla, scindendola dalla compensazione esposizione totale, ma possibile.

    Piccola galleria delle foto di oggi: frutta e verdura, come spesso nelle mie foto

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...