Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Z zoom: 24-120/4S oppure 24-200/4-6,3

    L'offerta aumenta la difficoltà di scelta: non appena viene introdotto un elemento nuovo, subito, va in crisi l'autostima degli acquisti precedenti o la sicurezza dei programmi d'acquisto.

    1757086006_10730122021-_Z5O2191MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.b4a96a0df73a752cd971292fee4cf698.JPG

    Nikon ha appena tirato fuori dal cilindro, invece del 24-105/4 da vent'anni richiesto e mai realizzato, l'evoluzione del progetto F (invece molto datato) di uno stupendo Z 24-120/4S annunciando la novità in un lasso di tempo piuttosto breve (in tempi di pandemia) dalla commercializzazione che è avvenuta in contemporanea all'uscita della già mitica Z9.

    Importante nella sigla la lettera S che contraddistingue nel catalogo ottiche, le realizzazioni più curate, fattore che su di un'ottica consumer come questa con tale estensione di focali, sinceramente non osavamo sperare.

    215589020_11330122021-_Z5O2209MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.c1cf065912807ff6a6b601c8c5108923.JPG


    Ed invece, eccolo qui, con le sue tre ghiere, rispettivamente quella programmabile (variazione: diaframmi/exp/iso/nulla), più vicina al corpo macchina, poi quella delle focali e quindi, la dove non può interferire (inutilmente) con le dita, quella di messa a fuoco manuale, che ormai ha motivo di utilizzo solo in poche occasioni.
    Pulsante funzione programmabile da fotocamera e slider di maf A/M. 
    Manca, purtroppo, per essere appieno uno dei figliol prodighi Z-mount, il bellissimo display digitale che equipaggia i pezzi forti, come gli zoom f/2,8 e i fissi più di pregio.

    Pazienza: del resto non è certo questo l'obiettivo in cui si renda necessaria una costante visualizzazione di distanza e pdc, mentre per l'indicazione della focale, questa risulterebbe comodo poterla compulsare, su di un obiettivo con questa alternanza di angoli di campo, dagli 84° dei 24mm ai 20,3° dei 120mm.

    In questo articolo parliamo di questo nuovo zoom come di un'alternativa in termini di copertura focale, luminosità, peso, dimensioni ed infine anche prezzo (incredibile quanti elementi !) rispetto al già noto ed in nostro possesso fin dalla sua presentazione, Nikkor Z 24-200/4-6,3 che vedete insieme al nuovo fratellone nella foto di copertina

    1308371059_101-_Z5O221531.5mm1-40secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.db283c1401ae441daed39a37c6944f81.JPG
    sopra chiusi e sotto aperti a tutta estensione dei barilotti
    1663820499_102-_Z5O221726mm1-40secaf-10MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8f19cd570b2f7cd7a5577cced49845d5.JPG

    Accomunati ma anche separati da alcuni di quegli elementi sopracitati: la luminosità prima di tutto, in quanto il nuovo 24-120 parifocale f/4, mentre il più esteso (altra differenza) 24-200 chiude progressivamente fino a f/6,3 che corrisponde a TA già a partire dagli 80mm di focale

    La assenza di tasto funzione sul 24-200 a cui fa da contraltare la presenza del VR incorporato, che invece sul nuovo 24-120/4 non è stato inserito, giusta l'apertura costante a tutte le focali.

    Peso, dimensioni (filtri da 67 sul più esteso e da 77 sul nuovo), e prezzo molto simile, caratterizzano altre somiglianze.

    Nikonland non aveva mai recensito superzoom come il 24-200 prima della presentazione di questo Z e si è dovuta ricredere, tanto da annoverare un numero consistente di articoli che lo riguardano e di gallerie al loro servizio, negli ultimi due anni dal suo annuncio: solo io, ne parlo in altri cinque articoli, alcuni a confronto con altri zoom, oltre questo che state leggendo.

    Il 24-120/4, invece, è la quarta generazione con questa estensione di focali, a partire dalla prima del 1996: nessuna delle tre precedenti ha mai lasciato un segno indelebile !!!

    546583077_22230122021-_Z5O2230MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.f7f909f04f831bd001bf696917f15a98.JPG

    Anche questa coincidenza: due zoom che per pregiudizio un nikonista di lungo corso rifiuterebbe al solo sentirli citare, reinventati in mirrorless dai geniali ingegneri Nikon

    204209848_110-_Z5O235647mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.493d15adfe2ca9cfb0bb642e65f1aba6.JPG

    perchè l'impressione che ricavo dal suo test è che anche questo 24-120/4S avrà un elevato numero di estimatori...

    589223148_111-_Z5O2419120mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ff8c138f227751e51694a7aa195f1741.JPG
    brillante, nitido, contrastato e dotato di un ottimo sfuocato, grazie alle 9 lamelle del suo diaframma elettronico

    926296619_112-_Z5O2422105mm1-800secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.f68e2fb26b08420b8d0ea24b10c00999.JPG

    netto...tagliente, a qualunque distanza dal soggetto

    1532232153_128-_Z5O2788120mm1-3200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.dda3316162ce2907891923bd3b8956f9.JPG

    splendido anche in ombra

    1370070403_159-_Z5O393998mm1-200secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.eac8f849f15efedd00c158bc6d9ca826.JPG

    ancor meglio, ravvivato da un guizzo di flash in compensazione

    1423666761_108-_Z5O228761mm1-80secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.76d71b1f7bed8a6a7cb345b8b959bec7.JPG

    Caratteristiche che avevamo notato anche sul 24-200 che abbiamo usato con ogni fotocamera: io personalmente lo ritengo insostituibile sulla mia DX Z50 con la quale tutte queste foto sono state realizzate (in attesa di una Z9...:ph34r:)

    Difatti, se li andiamo a confrontare...:

    a TA:

    1722393818_122-_Z5O255187mm1-2000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.31897758d735083cdf6fef3a22aab205.JPG
    f/4 su 24-120  a 87mm

    875547633_123-_Z5O2552125mm1-2000secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.68e0613255f611105c2264e86608b64f.JPG
    f/6,3 su 24-200 a 125mm

    (Avete letto bene le due focali differenti per ottenere la stessa dimensione del fiore, a distanza minima di maf ?  Parleremo di Focus Breathing più avanti)

     

    Qua, alla stessa apertura di diaframma, (f/6,3)

    1496436158_114-_Z5O2435120mm1-1250secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.478180b66e54a5fcfb6de39ac86ee0b0.JPG
    24-120 @120mm

    1051051093_115-_Z5O2437110mm1-1000secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8ba45abb942a5d5a7d7a64ef239d5a39.JPG
    24-200  @110mm

     

    Direi ben simili nella resa cromatica e nella brillantezza/nitidezza, con una gestione del contrasto più facile nel nuovo 24-120/4, poco più docile dell'altro:

    a 24mm

    539939053_116-_Z5O247624mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.0c4590a96ba9a764fb0bbcac68b4686e.JPG  24-120

    2035777230_117-_Z5O247824mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5562529509cb8d216165d2abe888ac4e.JPG  24-200

    attorno ai 90-100mm

    342309211_118-_Z5O248697mm1-200secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.f62855c8314992ce494d294e27af4ec8.JPG 24-120

    entrambe con lampo di schiarita in controluce

    931603895_119-_Z5O249392mm1-200secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b7a9ac5ad4383d382acd80fbee0978a2.JPG 24-200

    Difetti?

    per trovarne sono dovuto essere davvero cattivo :emoj_pirata: utilizzando un soggetto impossibile in controluce diretto, acuito dallo spigolo creato in inquadratura...

    ecco come corregge il flare/ghost in questa condizione il nuovo 24-120mm933706128_120-_Z5O250087mm1-100secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.24c0b4bdd8e82c49ac107e5fc4a12255.JPG

    forte di un trattamento antiriflesso misto tra nanocristalli ed Arneo, la misteriosa sigla di trattamento recentemente introdotta di Nikon sugli obiettivi più di pregio

    Ecco come a pari condizioni reagisce il più semplice (per antiriflesso) 24-200mm1042430026_121-_Z5O250385mm1-160secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.46bc8e83017aa49561b76f8d87428698.JPG

    Una differenza sostanziale tra i due zoom è senza dubbio l'assenza della stabilizzazione sul più luminoso 24-120mm: quanto incide sul suo utilizzo a mano libera?

    355375412_113-_Z5O243082mm1-1000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e5bec60d1746874199d3580435eff5e5.JPG

    Eccovi il soggetto utilizzato per questa prova, fondamentale per chi utilizzi Nikon Z, come questa mia Z50, o una Zfc, le uniche Z senza sensore stabilizzato:

    i quattro scatti col 24-200 stabilizzato: risultato eccellente anche a t/10 a mano libera !!!187494132_genio24200.thumb.jpg.ce5f39775ae860eff77e332776a00d4c.jpg

    ecco invece quattro scatti col 24-120, non stabilizzato, a mano libera e adottando ogni criterio per evitare il mosso

    1108576862_genio24120.thumb.jpg.835158872ab8c055b8fabaa385bb77e9.jpg

    Avevo fatto due diverse sequenze in condizioni mutate di luce per le quali, col 24-120, mi mancano dati intermedi con tempi di scatto meno di sicurezza dei primi due a f/4 ed f/8 per cui, a casa in interno, ho poi ripetuto il test, usando un ineccepibile soldato, come Murat444203854_160-_Z5O4035120mm1-60secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a7b969d0bf9bf6241256dbebe4f39321.JPG

    266389095_marat24200.thumb.jpg.0acfe09cc63c4502ae41af9a919e6a4b.jpg

    dove con una sequenza continua vediamo il 24-200 assistito da una stabilizzazione portentosa che mi consente risultato anche ad 1/8 di secondo a mano libera

     

    645713294_marat24120.thumb.jpg.83f8af811bbe61d2726243bad6f49c63.jpg

    mentre l'ultimo risultato di rilievo del nuovo 24-120mm, si ferma non molto oltre il t/60 determinando anche in questo caso come in esterni una certa difficoltà all'uso, se non in AutoIso in luce disponibile, con fotocamere come le Z50 e Zfc, prive di stabilizzazione.

    Questo sarà di certo un parametro di considerazione e scelta, al momento del suo acquisto: va da sè che dalla Zfc in poi, ogni altro corpo macchina Z, forte della stabilizzazione interna, sopperirà efficacemente a questa esigenza.

    Ancora: (aprire sempre le foto per ingrandire)

    291401172_clock24200.thumb.jpg.dac8fe2b4ede7cc24531ef3b8d4feb40.jpg

    Z 24-200: eccellente stabilizzazione

     

    28980148_clock24120.thumb.jpg.c033ef0f15a357d4140b91e6a3152ce4.jpg

    Z 24-120, buono fino a 1/60" a mano libera...

    Siloso... il vetro dell'orologio è spaccato...:shhht:

    827646169_161-_Z5O405969mm1-250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.7333ffa9e7dc8b97428376502cfa27ae.JPG
    (mezzanotte, ovviamente...)

    671122335_131-_Z5O312892mm1-2500secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.379d45f8a61c3916676eac096d31fd44.JPG

    una resa bellissima dello sfuocato, anche questo 24-120, come già detto

    1942231108_130-_Z5O309145mm1-3200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.50c0dd9a2fdbd416b5ea67727980cf5c.JPG

    nettissimo nello stacco tra soggetto e sfondo

     591654865_133-_Z5O325735mm1-2500secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.eef89c0130158bf9213ef733342a3399.JPG 37024197_134-_Z5O326339mm1-2500secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e731810ae338fd133a81a5b07ecc81fb.JPG

    irriconoscibile per certi versi dal 24-200 sugli stessi parametri

    346123435_129-_Z5O2969140mm1-3200secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.270f993de968dc83b87d7b1ae7c9e087.JPG
    allineato alle grandi aspettative che ormai abbiamo da ogni ottica del corredo Z-mount: non credo mai altre Case abbiano potuto vantare tale livello generale

    2119446306_cani24120.thumb.jpg.5c40a8f4065380250be661553acc4907.jpg
    24-120

    1644160239_cani24200.thumb.jpg.a17012e6579ab3ca3498874b551268e3.jpg
    dove il 24-200 si avvantaggia è chiaramente nella notevole gamma di focali ulteriore, che consente di avvicinare oltremodo un soggetto da non distrarre...

     

    Ma dove il 24-120, inaspettatamente, recupera il gap delle focali mancanti... è all'opposto, nella fotografia ravvicinata !!!

    454514959_135-_Z5O3286120mm1-1000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.f0f91a60f77230d0490afd2f9a7ddce3.JPG ecco il soggetto, collaborativo...

    crop eleveto 465646014_136-_Z5O3286120mm1-1000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5b3ab2908a523af0d4c00551a69aaf2d.JPG

    mi vado avvicinando sempre di più, verso quei 35cm decantati di maf minima ad ogni focale dello zoom !931651822_lizard24120.thumb.jpg.2acb40ca9a31b123e6934b96a0104349.jpg

    fino ad arrivare (sempre a 120mm) a questo RR di 1:2,56 (0,39x) vantato da questo zoom
    1256921822_137-_Z5O3313120mm1-400secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ab213a6222cd96427ab80e6c5f98ead5.JPG

    crop esagerato !!! :bravo:
     1603586961_138-_Z5O3313120mm1-400secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8ae8e0f6207c045fe4740ab2b5160b00.JPG

     

    Bene: vediamo il 24-200 alla sua focale massima come si comporta con la stessa modella ?

    1532181614_139-_Z5O3317200mm1-400secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a1f90fabad01bc6c5ccc9c785b9993a8.JPG ecco qua...

    200mm ai 70cm della sua minima maf

    1040197871_140-_Z5O3322200mm1-400secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4d1205c50fab7f44308a008c5a3a1892.JPG

    1818108893_141-_Z5O3326200mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3ab864c07f110665889e787f94df4164.JPG

    ecco come si comporta alla stessa distanza, a 135mm di focale
    522829191_142-_Z5O3328135mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.951f8d99049853458749e889eb4b13d5.JPG

     

    La grande differenza dimensionale che avete visto, a tutto vantaggio del più "limitato" di focali dei due zoom, questo splendido rasoio che è il Nikkor Z 24-120mm f/4S dipende dal concetto più volte preso in considerazione su Nikonland dal prof. Renesto, in ultima istanza in questo suo articolo, del Focus Breathing, ossia della caratteristica di molti zoom se non tutti, di perdere focale effettiva al diminuire della distanza minima di messa a fuoco.

    Fenomeno come vedete che riduce drasticamente la possibilità di mantenere una adeguata copertura dell'inquadratura, a meno che non si utilizzino lenti addizionali o tubi di prolunga a diminuirne l'effetto.

    Di fatto questo 24-120, tra i suoi pregi annovera anche quello della limitatissima incidenza del fenomeno.

    Lo avete visto prima nelle foto dei fiori a minima maf, dove il 24-200 aveva bisogno di molti mm in più di focale rispetto al 24-120 per tenere la corolla a tutta inquadratura.

    Mentre nell'altra coppia di foto di un fiore, a causa della distanza maggiore del punto di ripresa, la differenza si attenua.

    Insomma...questo 24-120 si preannunzia un obiettivo indicatissimo anche per il close-up fotografico, fin quasi alle soglie della macro, partendo già da un ottimo RR di 1:2,56 naked...

    Dotato di una ampia gamma di diaframmi, da f/4 a f/22 che consentono di includere al soggetto lo sfondo
    768300285_154-_Z5O364776mm1-1000secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.db02c720a2cc79f8b2cf38ef70720d94.JPG     

    oppure di escluderlo, quasi del tutto, giocando sulle focali mediotele

    487132431_155-_Z5O364876mm1-1000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.6f7261a0bb8c0b4d108fd59071ee7642.JPG     

    2045251025_145-_Z5O339624mm1-60secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.34d69adb0df22bf3bc27ac659287949e.JPG
    ampliare il quadro con i suoi 24mm incisi a mio parere, tanto quanto quelli del fisso f/1,8...

    giocare con la macrofotografia vagante, grazie all'interposizione di un semplice tubo di prolunga da 11mm (oppure di una lente acromatica da 3 diottrie)1572684572_149-_Z5O344899mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.54b3d7d32fc820075d44feb4842be199.JPG

    1890472770_151-_Z5O3459103mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ffaa9174e4101c153e427c513b32ae0f.JPG

    1149512151_153-_Z5O3603105mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.78056b67218b03088315135ffd61a801.JPG

    1168900308_158-_Z5O3851200mm1-1000secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9703b89fbed41cf736e605ab3f1ac7e6.JPG

    199303080_157-_Z5O3840200mm1-1000secaf-63MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.6d9384b8ff614f098a5c1db28585b93a.JPG

    147   -_Z5O3427  47 mm  1-320 sec a f - 16  Max Aquila photo (C)_.JPG

    Lascio ai successivi test che vedrete pubblicati su Nikonland anche da parte degli altri redattori, di descrivere ulteriori potenzialità.

    Rispetto al tema posto dal titolo di questo articolo, avrete notato che manca del punto interrogativo finale:

    perchè questi due zoom sono due facce differenti della stessa bellissima realtà che è l'attacco Z di Nikon, al giorno d'oggi:

    Sceglierà il 24-200/4-6,3

    • chi ha bisogno nello sport e in natura di quei mm di focale che distinguono un mediotele da un teleobiettivo
    • chi necessiti di uno stabilizzatore nell'ottica per gestire a mano libera in available light focali che necessitino di mano ferma, con tempi lunghi di esposizione
    • chi ha già a corredo accessori da macro, come i tubi e le lenti, per compensare il focus breathing che riduce alla distanza minima di maf la focale di questo zoom
    • chi voglia risparmiare quei duecento euro della differenza di prezzo, senza perdere in qualità e nitidezza

     

    Sceglierà il 24-120/4

    • chi abbia una fotocamera col sensore stabilizzato
    • chi, fuori dalle categorie precedenti, non desideri leggere sui valori a TA numeri come f/5,6 e peggio
    • chi sia interessato al mediotele da ritratto classico (penso ai fotografi da cerimonia, per i quali questo zoom sarà un portento)
    • chi voglia implementare le focali del suo Z 24-70/4 senza perdere l'apertura costante, migliorando su tutti i fronti qualitativamente
    • chi cerchi uno zoom per la macrofotografia da campo: eccolo !

     

    Max Aquila photo (C) per Nikonland 2022                                                                  

    143   -_Z5O3357  24 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.JPG

     

    User Feedback

    Recommended Comments



    • Administrator

    Uno zoom avvincente ed entusiasmante: specie nelle condizioni di luce più adatte.

    Capace di altissima risoluzione pur non essendo un fisso...

    come sulle penne di quest'anatra muta

    1082716358_126-_Z5O2714120mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8f07c8d350f521ffa2e88b107777236b.JPG

    658463847_124-_Z5O2681115mm1-3200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.daac1ff58b036436d2627be9494cee69.JPG

    crop
    1342279759_125-_Z5O2681115mm1-3200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4d1de198874fac64a4e0100621b7536f.JPG

    • Haha 2
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    La cosa diventa un pò noiosa però !
    Questi Nikkor Z sono fatti con lo stampino. Colpa dei programmi di simulazione che impiegano adesso i progettisti.

    In pratica si può scegliere in base alle proprie esigenze, sapendo già quali saranno punti di forza e di debolezza di quello che si va a comprare.
    Ma la resa è simile al netto di apertura massima ed escursioni.

    Per me, per esempio, la presenza dello stabilizzatore interno continua a far premio. E quindi la scelta è andata su 24-70/2.8 + 24-200 VR.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    A chi mi ha chiesto nei  giorni scorsi riguardo la differenza col 24-70/4 mi sento però di dire che questo 24-120/4S sia di una categoria differente su tutti i parametri.

    Altro che stampino: le migliorie sono incisive: resta il gap dell'assenza di VR per i numerosi acquirenti della Zfc  (noi della Z50 non contiamo: risultiamo "volontari" :marameo:)

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    3 minuti fa, Max Aquila ha scritto:

    A chi mi ha chiesto nei  giorni scorsi riguardo la differenza col 24-70/4 mi sento però di dire che questo 24-120/4S sia di una categoria differente su tutti i parametri.

    E allora beato chi il 24-70/4 se lo è già venduto. Si farà fatica anche a 300 euro adesso.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 ora fa, bimatic ha scritto:

    Grazie Max!!!

    Hai recuperato il ritardo di brt con un ( altro ) articolo favoloso 👍.

    Grazie per il favoloso :8TEoXxyzc:

    Due articoli: in 8 giorni...

     

     

    Ora lo zoom andrà in mano ad un altro redattore, che ci saprà affascinare !

    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Grazie Max. Bella prova sul campo, come sempre d'altronde.:bravo:
    Ma adesso mi sa che dopo la Z6 che verrà sostituita dalla Z9 ... mi toccherà sostituire anche il 24-70/4 .. anche se ci rimetterò un botto  .. :S

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 ora fa, GiulianoM ha scritto:

    Grazie Max. Bella prova sul campo, come sempre d'altronde.:bravo:
    Ma adesso mi sa che dopo la Z6 che verrà sostituita dalla Z9 ... mi toccherà sostituire anche il 24-70/4 .. anche se ci rimetterò un botto  .. :S

    Con la Z9 il salto sarebbe il 24-70/2,8 perché la differenza tra i due f/4 la fa in maniera determinante, prima che la resa cromatica e di contrasto (però molto buona anche sul 24-70/4) la quantità di focali utili a scopi di reportage e di ritratto, per cui un 24-120/4 è adesso strumento irrinunciabile.

    Oppure la destinazione di zoom all in one per un we o un breve viaggio, per cui i 70mm del precedente erano pochi.

    Ma con una Z9 quelle lunghezze focali tra 70 e 120 ed oltre, a mio avviso vanno gestite con lo Z 70-200/2,8S

    Non meno...

     

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Motivo per cui la mia configurazione futura del corredo, quando entrerò in possesso della sospirata Z9, sarà di un corredo minimal composto dalla Z50 con 16-50 e 24-200 per giringirare.

    Dalla Z9 con 70-200/2,8 e tele fissi sul lato lungo del fotografare

    E con 20, 50, 85, per ora f/1,8 sul lato corto

     

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano
    6 ore fa, Max Aquila ha scritto:

    Grazie per il favoloso :8TEoXxyzc:

    Due articoli: in 8 giorni...

     

     

    Ora lo zoom andrà in mano ad un altro redattore, che ci saprà affascinare !

    In questo periodo sono circondato da positività… volevo esagerare 😜

     

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Max, grazie per il confronto. Purtroppo, la mancanza forzata di un corpo FF ha limitato leggermente la sua valenza, in quanto, lavorando in Dx, vengono escluse le zone periferiche del fotogramma, che sono quelle dove si manifestano i maggiori difetti di una lente.

    Scontata, ovviamente, la differenza di nitidezza sui tempi lunghi tra una lente stabilizzata ed una non stabilizzata. Sarebbe interessante verificare invece le eventuali possibili differenze di nitidezza a 120mm di focale montando entrambi le lenti su un corpo già dotato di stabilizzatore interno, cosi' da valutare l'efficienza dello stabilizzatore montato nella lente rispetto all'efficienza dello stabilizzatore sul sensore, o del lavoro combinato di entrambi.

    Edited by Lucky
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    23 minuti fa, Lucky ha scritto:

    Max, grazie per il confronto. Purtroppo, la mancanza forzata di un corpo FF ha limitato leggermente la sua valenza, in quanto, lavorando in Dx, vengono escluse le zone periferiche del fotogramma, che sono quelle dove si manifestano i maggiori difetti di una lente.

    Scontata, ovviamente, la differenza di nitidezza sui tempi lunghi tra una lente stabilizzata ed una non stabilizzata. Sarebbe interessante verificare invece le eventuali possibili differenze di nitidezza a 120mm di focale montando entrambi le lenti su un corpo già dotato di stabilizzatore interno, cosi' da valutare l'efficienza dello stabilizzatore montato nella lente rispetto all'efficienza dello stabilizzatore sul sensore, o del lavoro combinato di entrambi.

    Come già scritto, lo zoom è in viaggio verso altro redattore che per completezza continuerà i test con corpi fx. Aspettatevi foto ben più significative delle mie.

     

    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    Il 10/1/2022 at 15:12, Massimo Vignoli ha scritto:

    L'aspetto dei bordi è importante - e lo proveremo a dovere - ma per tutto il resto nel test sopra c'è una massa di informazioni assolutamente significativa. Per cui, senza ancora averlo toccato, cosa che a spanne succederà giovedì, ho l'aspettativa che vada benissimo anche ai bordi: finora nessuna delle lenti marcate S ha il minimo punto debole.
    Di fatto mi aspetto, ma lo proverò, che questa sia la lente con la quale fare tutto e che, sul campo, a 24 sia vicinissimo al 14-24 e tra 70 e 120 vicinissimo al 70-200 (vi dovrete accontentare del 70-200/2.8E FL). Luminosità a parte, ovviamente!

    Massimo, dopo il tuo Artico ricorda di essere uno dei pochi fotografi in possesso di questo zoom.

    Aspettiamo il seguito ai miei artico-(li)

    :dentone:

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    Il 7/1/2022 at 08:53, Max Aquila ha scritto:

    A chi mi ha chiesto nei  giorni scorsi riguardo la differenza col 24-70/4 mi sento però di dire che questo 24-120/4S sia di una categoria differente su tutti i parametri.

    Altro che stampino: le migliorie sono incisive: resta il gap dell'assenza di VR per i numerosi acquirenti della Zfc  (noi della Z50 non contiamo: risultiamo "volontari" :marameo:)

    tanto per capirci ulteriormente, visto il tenore delle domande che continuiamo a ricevere, la Sensazione percepita nell'utilizzo in TUTTE le opportunità proposte da uno zoom, nei vari generi in cui lo si utilizza per un test (ed io non sono mai monotematico) frutta delle conclusioni che sono molto più aderenti alla realtà (per quanto soggettive) di un arido confronto , per esempio sui test MTF. 

    Che ve ne resta se confrontaste gli MTF (fonte Nikon) delz24-70.JPG.0bccde9d76156dae40f07f4d2b75ea9f.JPG
     

    Nikkor Z 24-70/4

     

     

    rispetto quelli del

     

    z24-120.JPG.69ae1b0812a51ec0ead70f55cdae07a6.JPG
    Nikkor Z 24-120/4

     

    piuttosto che non le mie complessive impressioni di uso?

    :36_14_6:

    Link to comment
    Share on other sites

    Da poco ho comprato una Nikon Z6 con Z 28/200 4/6,3 e un fisso Z 20/1,8.Dai vari test che ho seguito:anche se non sono un esperto mi sembra aver capito cle lo Z 24/120 f4 S sia  superiore (a parte la differenza di focale tra i 2 obiettivi)per minore diffrazione,vignettatura,distorsione:bagliore)rispetto al Z  24/200.Ma queste differenze si notano solo sul computer,o anche su stampe  da  30×40 in poi?Consapevole di perdere le focali da 120 a 200,vale la pena  vendermi il 24/200  e con una differenza di 400 euro  prendere il Z 24/120 f4 S?Infine leggendo nei forum si consigliava di affiancare  uno zoom grandangolare Z14/30 per foto di paesaggi,panorami e foto grandangolari.Mi chiedo eccetto la focale 14mm particolare, ma con i 2 zoom citati precedentemente non si possono scattare lo stesso belle foto di  paesaggi e situazioni di scene grandangolari??

     

     

    Link to comment
    Share on other sites

    Da poco ho comprato una Nikon Z6 con Z 28/200 4/6,3 e un fisso Z 20/1,8.Dai vari test che ho seguito:anche se non sono un esperto mi sembra aver capito cle lo Z 24/120 f4 S sia  superiore (a parte la differenza di focale tra i 2 obiettivi)per minore diffrazione,vignettatura,distorsione:bagliore)rispetto al Z  24/200.Ma queste differenze si notano solo sul computer,o anche su stampe  da  30×40 in poi?Consapevole di perdere le focali da 120 a 200,vale la pena  vendermi il 24/200  e con una differenza di 3/400 euro  prendere il Z 24/120 f4 S?Infine leggendo nei forum si consigliava di affiancare  uno zoom grandangolare Z14/30 per foto di paesaggi,panorami e foto grandangolari.Mi chiedo eccetto la focale 14mm particolare, ma con i 2 zoom citati precedentemente non si possono scattare lo stesso belle foto di  paesaggi e situazioni di scene grandangolari??

     

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Buonasera: dall'incerta spaziatura deduco abbia scritto il questionario da una condizione scomoda: cellulare, tablet, di fretta...

    Invece le domande che pone impongono delle riflessioni tutt'altro che veloci: 

    qui su Nikonland ci piace suggerire possibili combinazioni, ma non siamo cuochi e non pensiamo che in questo ambito esistano ricette valide per tutti.

    La differenza tra i due zoom di questo articolo è sostanziale: non tanto dal punto di vista qualitativo sulle focali comuni (ma presente), quanto proprio dal punto di vista della destinazione d'uso.

    Eppure nelle conclusioni mi pareva di essere stato tanto chiaro quanto assoluto: i destinatari sono differenti...:

    Sceglierà il 24-200/4-6,3

    chi ha bisogno nello sport e in natura di quei mm di focale che distinguono un mediotele da un teleobiettivo

    chi necessiti di uno stabilizzatore nell'ottica per gestire a mano libera in available light focali che necessitino di mano ferma, con tempi lunghi di esposizione

    chi ha già a corredo accessori da macro, come i tubi e le lenti, per compensare il focus breathing che riduce alla distanza minima di maf la focale di questo zoom

    chi voglia risparmiare quei duecento euro della differenza di prezzo, senza perdere in qualità e nitidezza

     

    Sceglierà il 24-120/4

    chi abbia una fotocamera col sensore stabilizzato

    chi, fuori dalle categorie precedenti, non desideri leggere sui valori a TA numeri come f/5,6 e peggio

    chi sia interessato al mediotele da ritratto classico (penso ai fotografi da cerimonia, per i quali questo zoom sarà un portento)

    chi voglia implementare le focali del suo Z 24-70/4 senza perdere l'apertura costante, migliorando su tutti i fronti qualitativamente

    chi cerchi uno zoom per la macrofotografia da campo: eccolo !

     

    Oltre il suddetto discorso, la richiesta che riguarda un wide zoom da affiancare a questi due zoom, riguarda solo chi desideri angoli di campo maggiori di quello di un 24mm... A chi bastino i 24mm consigliamo....di non acquistare altro.

    Un corredo fotografico DEVE essere composto solamente da obiettivi che necessitino da usare 

    Nessuno ha stabilito che si debbano possedere tutte le focali da 10mm a 1000mm, senza buchi...

    Purtroppo invece esiste una linea di pensiero orientata in questo senso...

    Non l'abbiamo mai avallata...

    Se ha ritenuto di acquistare un wide fisso della qualità del 20/1,8 lei è già servito.

    Se ha comprato il 24-200 da poco...lo usi, metabolizzi pregi e difetti e soltanto dopo potrà pensare di sostituirlo. Cosa che io, per esempio, non ho fatto. Ma è un esempio non per forza asseverante.

    Avessi ancora impegni professionali di foto da cerimonia, avrei sicuramente comprato il 24-120/4... già solamente per la luminosità pari a tutte le focali, valore aggiunto per quel genere fotografico.

    Buone foto !

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Nell'ultimo incontro ne parlavo con Mauro, vorrei prendere il 24-120 perché è un 5x, sarebbe comodo poter fare tutto con una lente senza girare con al collo kg di attrezzatura, ho provato a documentarmi come faccio di solito però non sono ancora riuscito a vedere un bokeh soddisfacente, anche da vicino lo vedo sempre molto contrastato e questa cosa mi blocca. 

    Per il ritratto, per il mio modo di firmare le foto con lo stacco netto dallo sfondo, temo non sia l'ottica giusta.

    Alla fine le scelte di progettazione ottica sono dettate dalla richiesta del mercato, visto che con il 24-105 art sono sempre stato soddisfatto del compromesso tra versatilità e bokeh, al prezzo di vignettatura e perdita di nitidezza ai bordi, lo sfuocato era bello.

    Qui mi pare sia l'opposto, corretta in ogni aspetto ottico ma ruvido sullo sfondo....

    Ma se qualcuno vuole smentirmi ne sarei ben felice... :(

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    671122335_131-_Z5O312892mm1-2500secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.379d45f8a61c3916676eac096d31fd44.JPG

    cosa trovi di ruvido sullo sfocato del 24-120 io non saprei.

    Diciamo piuttosto che in confronto il Sigma Art forse oggi... è moscio ?

    Magari ti piace di più.

    Ma facessi cerimonia come te, lo avrei già comprato da tempo...altro che 28-75

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Premetto che non faccio ritratti, allego comunque un po' di foto fatte con il 24/120 e le due che inquadrano una ragazza sono foto colte al volo, diciamo rubate. 

    ZSX_5190.thumb.jpg.e395df6c2612727e34064742afe87bbf.jpg

    ZSX_5193.thumb.jpg.f6cc48439cdbefb4b730fae295a97e39.jpg

    ZSX_5200.thumb.jpg.b56c7ca60ee63c8bd85d19daf2c900b9.jpg

    ZSX_5202.thumb.jpg.0d73d233039506ee5c4761e1e189c693.jpg

    ZSX_5283.thumb.jpg.137f1193583aa7ef93fce6edc1c67626.jpg

    ZSX_6159.thumb.jpg.179013bb437cdfd585c6a03164912fc8.jpg

    ZSX_6218.thumb.jpg.3377ea826fb9977d766c0086b0e4f473.jpg

    ZSX_6617.thumb.jpg.22f6231a9baf9a547e3eda002fe9915d.jpg

    ZSX_6619.thumb.jpg.3e4f8d1d4e0594ec6e15e36c5eeea022.jpg

    ZSX_6659.thumb.jpg.1a09a199b43605f9fa0000175e2ccc7e.jpg

    ZSX_7717.thumb.jpg.a39b314e0adc248dc37c79454b590789.jpg

    A mio modesto parere, in mano tua può fare cose meravigliose

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Grazie ragazzi..

    Allora partiamo dal presupposto che la singola foto può essere modificata in contrasto tra sfondo e soggetto, oggi anche in maniera abbastanza rapida con l'avvento della AI su LR.

    Il problema sta quando le foto sono 1000, non posso permettermi di perdere giornate in pp per avere lo sfuocato del 28-75, che avrà i suoi difetti ma non quello non sfuocare male.

    Vi spiego cosa vedo io nello sfondo...

    Le linee dei soggetti sfuocati, invece di impastarsi insieme, restano nette, anche quando lo sfondo è molto lontano, che di solito è una situazione conveniente.

    Alla fine la scelta degli strumenti è parte integrante del nostro modo di fotografare, soprattuto se ci si lavora e non ci si trova mai in situazioni ideali.

    Mi sa che non confà e mi spaccherò ancora la schiena finché regge. 

    • Confused 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Non saprei, ogni opinione è corretta e sopratutto soggettiva.
    Io personalmente mi trovo bene, quei mm dopo il 100 sono molto comodi e non trovo lo sfuocato così netto.

    Link to comment
    Share on other sites




    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...