Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikkor Z 28-75mm f/2,8 : luminoso, compatto, Z...

    1235000305_056-2022-02-1414-57-17(BRadius18Smoothing6)50mm1-40secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d79739e6ff2114212608c5c934208c92.JPG

    662563703_057-2022-02-1414-59-00(BRadius18Smoothing6)50mm1-25secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1234db01a096e5bc277ea3f78e1032af.JPG

    Nelle roadmap Nikon Z non era menzionato, eppure a tempo record, dai primi rumors alla commercializzazione, ecco che questo zoom trans standard dal range focale del tutto inusuale per Nikon (identico al progetto Tamron, dal quale probabilmente deriva) con delle caratteristiche di tutto rispetto sia in termini di luminosità massima, sia (e non guasta mai) per un prezzo di gran lunga inferiore all'eccellente Z 24-70/2,8

    1091563826_059-2022-02-1415-06-33(BRadius18Smoothing6)50mm1-25secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.bae5bc49a2e34ecb236fbf0df76f54dc.JPG
    costruito in China, sempre che questo aspetto della fabbrica di provenienza possa dare più o meno importanza alle realizzazioni Nikon, fin qui sempre al di sopra di ogni sospetto circa i controlli di qualità dei suoi apparecchi (perfino di quelli economici)

    564423942_058-2022-02-1415-01-33(BRadius18Smoothing6)50mm1-20secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.728f829b9d0713eab61fff8ab8504537.JPG

    Simile però per dimensioni e peso più al ben differente (e thailandese...) Z 24-200/4-6,3

    93814135_061-_Z5X221450mm1-60secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3a924dac9fe7fb086ae3f7d7779a0dc2.JPG

    del quale condivide il paraluce a petalo, pur se classificato con una "a" dopo la sigla HB93

    517850823_062-_Z5X221650mm1-60secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.7744f1129b93366ac598dd386c7d2f8c.JPG

    Come detto, maneggevole, leggero e luminoso: privo però del VR incorporato (dato il fattore f/2,8) che lo fa dipendere dalle Nikon Z a sensore stabilizzato (tutte le FX finora) per chi si sia talmente abituato all'assistenza antishake, da non essere più abituato ad impugnare e respirare di conseguenza durante lo scatto.

    Ma siamo nell'epoca dell' ISOAuto, che consente di gestire anche il terzo "rubinetto" della nostra doccia di luce entro i limiti consentiti dalla latitudine di posa del sensore...

    879413732_004-_Z5X098228mm1-2500secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8c790b22788ac76d191b51c02fa7ed19.JPG

    anche se le foto che vedrete in questo test, scattate con una Nikon Z5, per la maggior parte sono state prese a tutta apertura, giusto per valutare la caratteristica principale che differenzia questo zoom dagli altri trans standard di livello base e medio del catalogo Z

    1061414923_006-_Z5X098928mm1-800secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8d85f191f6c4282e788aec609bdb94ab.JPG
    o poco più, come questa a f/4 per trovare un pò di nitidezza alle spalle della sfinge

    592987845_007-_Z5X099128mm1-800secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.421f53975a30669809847253f74b20e8.JPG

    mentre in queste a TA non si soffre per nulla la differenza centro-bordi a livello di nitidezza, neppure nelle aree più distanti da quella di maf

    1448168092_008-_Z5X099228mm1-800secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e9b59633078f0b845a29f106b5fbc95a.JPG

    come potete notare in questo megacrop dell'angolo superiore sx177665340_666-_Z5X099228mm1-800secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.2b3b14d33975f9bc36f045976e3e7d8c.JPG

    in interni a luce disponibile, pur se a f/5,6 per garantire comunque stacco dallo sfondo367034118_009-_Z5X101175mm1-50secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.01d2225ece9d077a0d3ffce283fc4c15.JPG

    in esterni a luce intensa e molto contrastata, anche per la modalità usata di spot cponderato sulle alte luci
    1178118321_010-_Z5X101568mm1-4000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cc02dfa8a8ca26abe33c1a0bde27ed1a.JPG
    dalla quale inquadratura in 16/9 deriva anche un'ottima tenuta alla distorsione, anche prospettica (data l'inclinazione del punto di ripresa)

    1753605033_011-_Z5X101742mm1-200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.eb2a0cf830dd921280a936bc64852094.JPG ottima resa anche in controluce indiretto
    ...e diretto...
    776641144_047-_Z5X164275mm1-8000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.73cbe56c016d72872610cebfe4563512.JPG

    210293140_024-_Z5X115030.5mm1-2500secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4d163dc180898e4dc729c050685226b2.JPG
    interessante lo sfuocato, movimentato senza diventare nervoso
    1885419873_025-_Z5X116475mm1-125secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e218b67d43a0515b091f1e8eec307f12.JPG

    1189237284_017-_Z5X106775mm1-50secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.dfc0e00250de2caf5c9bc92897d98701.JPG
    anche in concorso con un flash in fill-in (che può aumentare il contrasto fino a peggiorare la resa nello sfuocato) 55394413_016-_Z5X106634.5mm1-50secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e2de12737659ec85292d53401e8eeb42.JPG

    bello il contrasto e la sensazione di planeità di questa ottica così luminosa270408759_018-_Z5X107250mm1-200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9d58fce81bf62d8a920079684e69f83d.JPG

    1574149868_027-_Z5X120256mm1-100secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c4e4b3cc42bb8461ccbef152b0c97928.JPG

    interessanti le doti a distanza vicina alla minima disponibile (19cm su tutto il range) anche se con un focus breathing che condiziona i risultati del rapporto di riproduzione, esprimendolo al massimo ai 35mm invece che alla massima focale
    riga.thumb.jpg.8d93773ea28f2408179c9f009c80f79c.jpg

    ciononostante, suggestive le riprese ottenibili con una semplice lente addizionale da 3 diottrie

    1055652262_012-_Z5X103034.5mm1-200secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.bec60b4bacac2751c5c3b9eb19b6c908.JPG
    diaframmando tanto, fino a f/22

    105486360_013-_Z5X104134.5mm1-320secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c0328ba5d938de0c85e772dfbd66b498.JPG
    o poco meno, a f/11 in funzione dello sfondo che si voglia ottenere

    466600745_014-_Z5X105134.5mm1-200secaf-50MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.fc4fb1fd22e761545b20c4a676a2da4a.JPG
    a me quei cerchi di sfuocatura piacciono da sempre, qui agevolati dal diaframma a 9 lamelle... un tempo una rarità


    1631843710_015-_Z5X105134.5mm1-200secaf-50MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.bb1a58ce0dcea594f0481c8b7b67dec1.JPG
    (crop della precedente)

    Bello il range di focali che consente riprese diversissime dello stesso soggetto a seconda della focale e della distanza di ripresa, 
    dai totali come in questa immagine
    1314349493_022-_Z5X112749mm1-160secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cdb3957c3937a258984aafd384ae913c.JPG

    ai particolari delle radici aeree di quel ficus magnolidea, più simili a fasci di vasi e nervi di un atlante di anatomia umana

    894518501_019-_Z5X108737mm1-80secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c108de5c3345025b067987715ff0ae37.JPG grazie alla grande luminosità relativa

    1323822275_020-_Z5X109628mm1-80secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4b03a4388d392042c651a440859833f2.JPG

    153986732_021-_Z5X109828mm1-80secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b796b53c1248ee670cc3bd407d7f2f7e.JPG

    un obiettivo che sembra nato oltre che per fotografare persone, anche elementi, materia...

    1321202068_034-_Z5X130228mm1-1250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b1a3dd34fddf23ba464568ae2a79ccbd.JPG

    1722042794_035-_Z5X130753mm1-1250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.037d0793a1eda62c68bbbb0810c25556.JPG 

    391072659_036-_Z5X130957mm1-1250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d409b6efebd878a047176ce0868bba7e.JPG

    185424022_028-_Z5X123475mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5566db1db70ec928d529f48969266a88.JPG

    1487446091_031-_Z5X124428mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ad4de28d773ce55aad30e23ff4103030.JPG

    che non ha paura da dove gli arrivi la luce, come succede in questo Teatro del Sole

    1966096969_029-_Z5X124064mm1-2000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5e5069b3ad966509513b093c5a6ddcfb.JPG

    perchè reagisce sempre in maniera uniforme, correggendo riflessi e rispettando tutta la gamma delle densità cromatiche

    804813752_030-_Z5X124334mm1-5000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c5f4c0f4a91c1eb23467015cdc1b4c6c.JPG

    ma che ovviamente ...nasce per fotografare persone, singole, in gruppo, vicine o lontane che siano, grazie al suo range di focali che ne fanno uno zoom da ritratto ambientato

    218306971_032-_Z5X127171mm1-400secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.978a0055ee7a5c6add025c87b8e2bf68.JPG

    1539103955_038-_Z5X131869mm1-200secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.41b9d2b67414960250ff5392ee159fd7.JPG

    2103831778_037-_Z5X131456mm1-320secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b671c440cfce1c14c664178895604350.JPG

    574430626_043-_Z5X156875mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9e4604c8073b485f34bcdff8cf90ab91.JPG

    2115633973_042-_Z5X149441mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c04311efe65b58d96fe823835e90ff37.JPG

    1264234766_044-_Z5X159667mm1-4000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d90a7b4785d330e623e3e34a8efb1750.JPG

    inciso, luminoso, corretto

    2115633973_042-_Z5X149441mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c04311efe65b58d96fe823835e90ff37.JPG

    133141375_033-_Z5X130075mm1-250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5f2dba92db4c4511470fe65aa9c14403.JPG 
    nelle luci più contrastate in interni ed esterni
    259565146_041-_Z5X147228mm1-6400secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.6473982baa76c281664af956b0ba7f18.JPG
    anche sui dettagli più fini
    1029224194_040-_Z5X146266mm1-640secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a083d6b308e2cf20fe10c07c49cb3b00.JPG

    1739980076_050-_Z5X168569mm1-2500secaf-35MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a22bc02aab1a79f60f60e05b8434be5b.JPG

    pieno di dettaglio anche nelle luci più morbide e meno contrastate

    624332358_048-_Z5X166440mm1-2500secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c5df213bb14aa34bac8df3ac7d66c134.JPG

    1422389115_049-_Z5X168046mm1-2500secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b4d2ee418c4e31fe68acfb1929c0328c.JPG

    sempre...fruttuoso...
    952592184_026-_Z5X118456mm1-100secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.66b1b3a446ceb73ae818d59fa683d984.JPG

     

    Questo Nikkor Z 28-75/2,8 pur non essendo un obiettivo S-line a mio giudizio possiede tutte le carte in regola per essere considerato invece che come outsider (come i polemici accostamenti iniziali all'identico progetto Tamron hanno voluto definirlo) come un obiettivo Nikon Z a pieno titolo: da inserire in un corredo entry level
    (come ho voluto già provare a delineare)

    oppure come zoom di riferimento a fianco dei numerosi fissi Z che lo possono affiancare, (penso nello specifico al 20/1,8 da un canto e all' 85/1,8 dall'altro estremo di gamma)

    Certamente antagonista del cugino 24-200 che porta in sè una concettualità opposta, quella dell'obiettivo incollato alla fotocamera, indipendentemente dalla luminosità molto variabile.

    Del resto i prezzi di questi due zoom, (€ 1079 per il 28-75 ed € 999 per il 24-200), sono perfettamente sovrapponibili e lasciano solo l'imbarazzo della scelta.

    Ne siamo oltremodo contenti...

     

    Max Aquila photo (C) per Nikonland 2022

    055   -_Z5X1828  29.5 mm  1-100 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.JPG

    User Feedback

    Recommended Comments



    • Administrator

    Il mio Maggiolino è amaranto, scala 1:8, di latta, usa tre Superpila formato D, fa teunf tunf mentre cammina, se sbatte contro un'ostacolo torna indietro, gli si illuminano i fari anteriori (blu), posteriori ed il blocco motore e gli si aprono il tettuccio e l'antenna della radio (quest'ultima però l'ho scoperta solo verso i 10 anni perchè i miei me l'avevano tenuto nascosto prima di allora)

    Mentre il 28-75/2,8 rispetto al 24-70/4 lo vedo meno indicato al reportage a tutto campo (per me i trans standard devono iniziare dai 24mm, minimo sindacale) ma più rivolto al ritratto, grazie al diaframma di luce di più.

    Per contro il 24-70 come difetti ha senza dubbio un diametro filtri eccessivo (72mm contro i 67 di questo 28-75) e la tanto vituperata chiusura a scatto che secondo i puristi dello swiffer, potrebbe fare entrare polvere in un paio di lustri tra le lenti (o sabbia, se ci stai sempre sulla sabbia)

    Di mio, poi, sostengo due eresie: che preferisco i fattori interi di diaframma (quindi f/4 mi piace più di f/2,8) e che nella close-up photography il 24-70/4 sia secondo solamente ai due MC macro: fin qui.

    • Like 2
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander
    4 minuti fa, Max Aquila ha scritto:

    e che nella close-up photography il 24-70/4 sia secondo solamente ai due MC macro: fin qui

    meglio del 24-200 nel close up con lente apposita ?

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    2 minuti fa, PiermarioPilloni ha scritto:

    meglio del 24-200 nel close up con lente apposita ?

     

    con lente apposita anche su 24-70 si paga solamente l'assenza delle focali superiori che consentono una superiore distanza dal soggetto: ma il RR non viaggia parallelamente, visto che per il focus breathing il 24-200 alla focale maggiore (a minima distanza di maf) diventa di fatto un 121 mm.

    Nel paragone tra i due zoom di cui mi hai chiesto, preferisco in close up il 24-70.

    Mentre il 24-200 consente una serie di possibilità (close up incluso) che ne fanno un obiettivo universale di qualità prossima all'ottimo

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione
    10 ore fa, PiermarioPilloni ha scritto:

    meglio del 24-200 nel close up con lente apposita ?

     

    Il 24-70 permette delle quasi macro ambientate a 24mm, senza tubi od altro, più difficili da ottenere con il 24-200, per contro il 24-200 a 200mm con lente giusta (come la tua) permette di fare close up quasi in soggettiva isolando bene dallo sfondo. Usandolo focheggiato ad infinito, con la lente, non hai il problema del breathing. 

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Tornando in tema (per cortesia !) continuo a pensare che questo nuovo Nikkor Z 28-75/2.8 sia una interessante aggiunta all'arsenale Nikkor Z.
    Perchè ha prestazioni medie di ottimo livello ed offre possibilità aggiuntive rispetto ai tanti altri zoom trans-standard già disponibili.
    Secondo me non dovrebbe essere snobbato ma tenuto in considerazione per quello che è : cioé un obiettivo per ritratto ambientato (cerimonia, eventi, etc.) luminoso, prestazionale, compatto e con un rapporto prezzo/prestazioni di rango.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    15 minuti fa, M&M ha scritto:

    Tornando in tema (per cortesia !) continuo a pensare che questo nuovo Nikkor Z 28-75/2.8 sia una interessante aggiunta all'arsenale Nikkor Z.
    Perchè ha prestazioni medie di ottimo livello ed offre possibilità aggiuntive rispetto ai tanti altri zoom trans-standard già disponibili.
    Secondo me non dovrebbe essere snobbato ma tenuto in considerazione per quello che è : cioé un obiettivo per ritratto ambientato (cerimonia, eventi, etc.) luminoso, prestazionale, compatto e con un rapporto prezzo/prestazioni di rango.

    la vedo sostanzialmente nello stesso modo e continuo a considerarlo oltre che in questo ambito, nel quale potrà regalare anche ad un professionista attento ai costi dell'attrezzatura delle grandi soddisfazioni in termini di risultato,
    anche come un'alternativa di modo: chi desideri avere un solo obiettivo da portare in giro dappertutto, (insieme ad un treppiedino da tavolo, una lente addizionale e un flash di portata adeguata alle esigenze personali) comprerà il 24-200 che abbiamo lungamente descritto.

    Questo 28-75/2,8 è il contraltare di quel concetto: uno zoom medio di ottima prestazione, attorno al quale aggiungere i fissi desiderati in ambito wide e mediotele.

    Una base sulla quale espandere il proprio corredo Z

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 minuto fa, Max Aquila ha scritto:

    [...] Questo 28-75/2,8 è il contraltare di quel concetto: uno zoom medio di ottima prestazione, attorno al quale aggiungere i fissi desiderati in ambito wide e mediotele.

    Vecchia scuola, in un certo qual modo.

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Allo stesso modo adesso aspettiamo da NIkon (anche fuori roadmap, se li fa sentire più liberi) uno zoom tele 70-xxx di prezzo e qualità orientati a quella di questo 28-75/2.8

    Peraltro focali come 75-150 , 75-240 e 75-300 hanno già avuto casa in Nikon... anche se con diverse fortune di quelle che auspichiamo in Z mount :sono_muto:

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Si dice che Nikon abbia acquistato 6 "modelli" da Tamron in tutto.
    Mentre ieri Tamron ha annunciato che intende raddoppiare i modelli disponibili entro il 2023.

    Se i risultati sono questi a me sta bene.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    35 minuti fa, M&M ha scritto:

    Si dice che Nikon abbia acquistato 6 "modelli" da Tamron in tutto.
    Mentre ieri Tamron ha annunciato che intende raddoppiare i modelli disponibili entro il 2023.

    Se i risultati sono questi a me sta bene.

    Ovviamente.

    Il meglio della concorrenza a baionetta direttamente Nikon.

    Purché si velocizzino... uno zoom 70-xxx di costo basso è strategico per un corredo.

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    se poi ne facessero uno tutto loro, dal progetto alla fase finale, magari sulla falsariga del 24-70 f4S nel senso che fosse compatto e leggero da trasportare e con ottima resa, penso piacerebbe a tanti...

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Io continuo ad essere contrario all'idea di base - Nikon doveva dare a Tamron la possibilità di vendere le proprie lenti con il proprio marchio sul bocchettone Z.
    MA, e c'è un grande MA, questa realizzazione viene comunque a vantaggio di tutti. Per cui mi trovo formalmente contrario ma sostanzialmente soddisfatto.
    Che dite? sono bipolare? un pochetto... :):):):) (e c'è un perchè le faccine sono 4... ma solo in pochi di voi lo sanno).
    Battute, e dichiarazioni di principio, a parte veramente questo è l'ennesima opportunità di salire a bordo!

    Detto questo, un 70-200(300) evolutivo del 70-300 AFP, o una cosa del genere, lo venderebbero a cassette!
     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Anch'io condivido pienamente le considerazioni di Massimo.

    Non voglio dire con questo che le prestazioni dell'obbiettivo non siano interessanti, ma se compro Nikon voglio un prodotto Nikon, non un Tamron rimarchiato.

    Vero è che così si allarga il parco ottiche disponibili, ma anche qui ho una perplessità sulla scelta fatta.

    Abbiamo riempito la gamma degli zoom standard, di ogni tipo e costo, ma rimangono carenti gli zoom tele.

    Perché, allora no un bel 70-200 o giù di lì?

    • Sad 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    1 ora fa, PaoloBC ha scritto:

    Non voglio dire con questo che le prestazioni dell'obbiettivo non siano interessanti, ma se compro Nikon voglio un prodotto Nikon, non un Tamron rimarchiato.

    NO.

    Questo NON è un Tamron rimarchiato è un obiettivo Nikon, solo che il progetto e (probabilmente) il barilotto interno è stato acquistato da Nikon con Tamron che funge da fornitore (Tamron è una società giapponese che ha ingegneri che hanno studiato nelle stesse università di quelli di Nikon ed usano lo stesso software di progettazione che ha a disposizione Nikon e della quale peraltro il gruppo Mitsubishi ha comprato una partecipazione di minoranza).

    Questo Nikkor Z 28-75/2.8 :

    • é costruito nella fabbrica Nikon dove vengono costruiti anche obiettivi Nikkor Z di tipo S
    • il controllo di qualità è Nikon
    • è garantito da Nikon/Nital per 4 anni
    • è controllato da software e firmware Nikon
    • è 100% compatibile, oggi, domani, sempre, con il sistema Nikon Z

    solo che con l'escamotage di usare tecnologia già collaudata sul mercato - e unanimemente giudicata migliore di quella Sony quando proposto con attacco Sony FE -  viene offerto ad un prezzo ridotto e con un tempo di sviluppo e di inserimento sul mercato altrettanto ridotti rispetto ai progetti sviluppati da Nikon.

    Ovvio che chi vuole il prodotto totalmente concepito dentro le bianche sale Nikon non ha che da comprare il Nikkor Z 24-70/2.8 S. Paga 2760 euro e il centro di gravità del mondo resta al suo posto.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    13 ore fa, Massimo Vignoli ha scritto:

    Io continuo ad essere contrario all'idea di base - Nikon doveva dare a Tamron la possibilità di vendere le proprie lenti con il proprio marchio sul bocchettone Z.

    Un prodotto Tamron (o Sigma o Tokina o Viltrox o vattelapesca) :

    • non è garantito da Nikon
    • non è prodotto da Nikon
    • non è garantito che sia sempre compatibile con Nikon
    • non è detto che venga automaticamente corretto ... correttamente dal software, anzi, potrebbe essere scambiato dal firmware della Nikon per un altro obiettivo
    • non è detto che se Nikon modifica qualche cosa a livello di firmware non diventi incompatibile

    Tamron è tristemente famosa per non aver avuto sin da subito la totale compatibilità dei suoi obiettivi F con l'FTZ. Alcuni sono stati adeguati via firmware, altri mi pare che ancora oggi non funzionino.

    Sinceramente io sono disposto a pagare un prezzo Nikon per avere la serenità di mente quando compro un prodotto Nikon.
    Personalmente NON COMPRERO' MAI altro che Nikon per le mie Nikon Z : queste sono macchine complesse e bisogna che ogni componente parli esattamente la stessa lingua.

    Chi si vuole avventurare fuori dal recinto lo faccia senza la mia benedizione.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione
    17 minuti fa, M&M ha scritto:

    Un prodotto Tamron (o Sigma o Tokina o Viltrox o vattelapesca) :

    • non è garantito da Nikon
    • non è prodotto da Nikon
    • non è garantito che sia sempre compatibile con Nikon
    • non è detto che venga automaticamente corretto ... correttamente dal software, anzi, potrebbe essere scambiato dal firmware della Nikon per un altro obiettivo
    • non è detto che se Nikon modifica qualche cosa a livello di firmware non diventi incompatibile

    Tamron è tristemente famosa per non aver avuto sin da subito la totale compatibilità dei suoi obiettivi F con l'FTZ. Alcuni sono stati adeguati via firmware, altri mi pare che ancora oggi non funzionino.

    Sinceramente io sono disposto a pagare un prezzo Nikon per avere la serenità di mente quando compro un prodotto Nikon.
    Personalmente NON COMPRERO' MAI altro che Nikon per le mie Nikon Z : queste sono macchine complesse e bisogna che ogni componenti parli esattamente la stessa lingua.

    Chi si vuole avventurare fuori dal recinto lo faccia senza la mia benedizione.

    Io pure non comprerei - e a differenza tua non ho mai comprato neppure nel passato e non possiedo - altro che Nikon, proprio perché ho sempre preferito garantirmi la lista di benefici che citi e che sono indiscutibilmente nell'utilità di tutti.
    Ma questo non significa che Nikon, in questa occasione, non potesse agire in altro modo. E' stata la loro scelta e, per principio, a me non piace.
    Potevano ottenere lo stesso risultato ANCHE dando licenza d'uso della propria baionetta a Tamron, passando le specifiche ora e nel futuro e così, insieme a Tamron, garantire la compatibilità attuale e futura. Sarebbe stata solo una diversa forma di collaborazione tra di loro, capace di raggiungere esattamente lo stesso risultato.

    O anche, seguendo la tua linea e molto più semplicemente, e così come sul barilotto di ogni lente Nikon che ho c'è scritto Made in Japan, o China, o Thailand - scrivere un bel MADE IN CHINA IN PARTNERSHIP WITH TAMRON. Insomma, dare ai clienti una  comunicazione trasparente.

    Come ho scritto, penso che nella sostanza quello che hanno fatto sia utile e porti valore ai nikonisti. Quello che sostengo è che non era l'unico modo per ottenere quel risultato e ce n'erano almeno altri 2 migliori.
     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Pura curiosità: si sa se il vetro delle lenti è lo stesso per Nikon e Tamron? Di solito Nikon specificava di produrre in proprio il vetro delle proprie lenti. 

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Pare che Nikon abbia comprato da Tamron lo stock di barilotti interi e già assemblati. Per cui se dentro c'è vetro Nikon, significa che Nikon lo da a Tamron che a sua volta ci fa anche lenti che vanno sulle Sony/Canon/....
    Direi poco probabile.
     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Ma torno a dire, il risultato è una lente che funziona bene, della quale fidarsi e che amplia l'offerta.
    Il risultato - la sostanza - è ottimo per tutti. 
    Io ne faccio una questione di forma, per chiacchierarne con voi. Se mi servisse un 28-75/f2.8 non avrei nessuno scrupolo a comprare questo. Anche se, alla fine della fiera e conoscendo me stesso, finirei per comprare il 24-70/2.8.
    Se, invece, con questa collaborazione, facessero il 70-300 che manca al catalogo lo prenderei di sicuro (o lo zoom 70-xxx leggero ed alternativo al 2.8). 

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    29 minuti fa, Silvio Renesto ha scritto:

    Pura curiosità: si sa se il vetro delle lenti è lo stesso per Nikon e Tamron? Di solito Nikon specificava di produrre in proprio il vetro delle proprie lenti. 

     

    15 minuti fa, Massimo Vignoli ha scritto:

    Pare che Nikon abbia comprato da Tamron lo stock di barilotti interi e già assemblati. Per cui se dentro c'è vetro Nikon, significa che Nikon lo da a Tamron che a sua volta ci fa anche lenti che vanno sulle Sony/Canon/....
    Direi poco probabile.
     

    Il circuito del vetro ottico è lo stesso per tutti. Sono finiti i tempi in cui ognuno si faceva in casa tutto quanto (forse con l'eccezione di Sigma, secondo quanto dice Yamaki che produce anche le viti dentro i confini della sua unica fabbrica).
    Il vetro speciale Nikon lo compra anche in Germania da Schott (come molti altri). Anche il mio piano cottura è Schott.
    So che Nikon ha anche provato a comprare Schott ma i proprietari hanno detto di no.
    Naturalmente un conto è un 28-75/2.8 da 1000 euro IVA inclusa, un conto un 800/5.6 da 19.856 euro IVA inclusa.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    In ogni caso, direi di smettere di parlare di argomenti O/T in questo test, commentando, se si vuole, quanto ha scritto Max.

    Io ho già affrontato per intero la questione nell'anteprima :

     

    e mi sembrava di essere già stato adeguatamente chiaro.

    Link to comment
    Share on other sites



×
×
  • Create New...