Jump to content
  • M&M
    M&M

    Trioplan e ... Tulipani [via Megadap MTZ11, ovviamente su Nikon Z !]

    Il Trioplan è una di quelle leggende.
    Quali leggende ?
    Quelle leggendarie ottiche di cui si racconta nelle sere d'estate attorno ai fuochi, con i cani accucciati e gli umani affratellati dal mito.

    Un obiettivo - parliamo dell'originale - che affonda le radici in un disegno semplice, il tripletto di Cooke, del 1916.
    Meyer Optik di Gorlitz (una cittadina della Sassonia orientale, al confine con la Polonia attuale), società fondata da Hugo Meyer che grazie anche alla collaborazione del progettista Paul Rudolph (il papà del Planar e del Tessar quando lavorava per Zeiss) negli anni '20 arrivò a fare anche 100.000 obiettivi l'anno.

    Il Trioplan costava meno del Tessar perché, appunto, aveva solo tre lenti al posto di quattro.

    ZFC_3930.thumb.jpg.e6793795e77364683c891445b4003893.jpg

    il mio esemplare è un pò più recente, perché risale al dopoguerra, quindi alla produzione della ex-DDR, quando Meyer-Optik in qualche modo visse le vicende della stessa Zeiss della vicina Jena (dove aveva sede la Carl Zeiss storica, almeno la parte rimasta all'est dopo la divisione delle due germanie).
    ZFC_3931.thumb.jpg.8cb59329f93e3453eae4502a55ee1c63.jpg

    ha una matricola abbastanza alta che lo identifica come una delle ultime serie in alluminio estruso, con incisioni bianche e nere.
    ZFC_3932.thumb.jpg.1f327289e08661d9be7857d4de9914c1.jpg

    e l'identificazione già in millimetri (2.8/100, mentre gli esemplari precedenti avevano la focale in cm)

    ZFC_3948.thumb.jpg.353f70c42211b73106009846890540b0.jpg

    penso che sia stato prodotto intorno al 1958 o giù di li. Il disegno però è conforme all'originale, ed ha attacco Exakta.
    Successivamente questi obiettivi avranno finitura nera (e qualità inferiore) fino alla fine del "collettivo" che farà chiudere i battenti alla società (nel 1990 Meyer-Optik è stata incorporata da Carl Zeiss e poi liquidata.
    Non confondiamo quella Meyer-Optik con la ripresa del marchio avvenuta con varie vicissitudini negli ultimi anni per riproporre alcuni degli antichi progetti in chiave moderna a prezzi adatti ai gonzi.
    Le accomuna il marchio e nulla più.

    Ma prima di andare alle radici del .... mito, la spiegazione del perché ne parliamo sulle pagine di Nikonland.

    Ho acquistato questo obiettivo una decina di anni fa, prima che le sue quotazioni raggiungessero valori inconfessabili, a seguito della comparsa di adattatori che ne consentivano l'uso, chiaramente in manual focus, sulle mirrorless.

    Ma noi di Nikon siamo andati oltre ... grazie al MEGADAP MTZ11 di Gabale.

    Il Meyer-Optik Trioplan deve la sua leggenda alle sue qualità ottiche che ne determinano effetti di sfuocato onirici. Ma noi nikonisti possiamo usarlo in autofocus grazie al MEGADAP MTZ 11

    ZFC_3884.thumb.jpg.9495bb09d6df8eeb1cae993f38a6b6e5.jpg

    infatti eccolo qua montato sulla mia Nikon Zfc con adattatori di tiraggio il MEGADAP MTZ11 (LEICA M -> Nikon Z) e un ulteriore adattatore cinese "stupido" Exakta-> Leica M

    ZFC_3942.thumb.jpg.09a6d0afebd16e1cbb597fa94969472a.jpg

    i due adattatori separati dal corpo macchina e dall'obiettivo

    ZFC_3911.thumb.jpg.fb5ce000ff5fcd5d1a769c772797ffae.jpg

    il MEGADAP MTZ11 permette di far diventare "autofocus" praticamente tutti gli obiettivi manual focus esistenti. Direttamente se con attacco Leica M, grazie ad un altro adattatore per Leica M se nativi per un altro attacco, come è il caso del mio Trioplan.

     

     

    ZFC_3891.jpg

    ZFC_3894.jpg

    ZFC_3897.jpg

    ZFC_3900.jpg

    ZFC_3903.jpg

    ZFC_3914.jpg

    ZFC_3922.jpg

    ZFC_3924.jpg

    ZFC_3928.jpg

    ZFC_3934.jpg

    ZFC_3944.jpg

    ZFC_3950.jpg

    ZFC_3955.jpg

    come vedete, il suo fascino post-moderno lo mantiene, con la sua struttura in alluminio naturale, le parti in ferro (debitamente arrugginite) e i tanti segni e graffi dei suoi più di 60 anni.

    Oddio, questo è l'unico obiettivo più vecchio di me ... che sono disposto ad usare su una Nikon.

    Nella realtà avrete letto su queste pagine che io non amo adattare vecchie glorie su macchine moderne. Questa è una eccezione per tributare gli onori ad un fossile ben conservato ma soprattutto ad un congegno geniale che ne permette l'uso anche a me che vado esclusivamente di autofocus.

    Andando a considerazioni più tecniche, se lo sfuocato lo dobbiamo allo schema semplice e al diaframma a 15 lamelle, l'uso è caratterizzato da un elicoide a lunghissima corsa, circa un giro e mezzo per andare da 1.1 metri all'infinito. Una cosa che mette in difficoltà il Megadap che ha un movimento di 6mm in tutto.

    Ma tutto si risolve, basta mettere grossolanamente a fuoco ad occhio e poi premere il tasto messa a fuoco. Magia : il MEGADAP centrerà il fuoco sul soggetto, dove avete messo il cursore della messa a fuoco.
     

    Con il Trioplan però si compone per lo sfuocato, perché le foto normali sono poco significative, caratterizzate solo da una eterea presenza, dovuta al contrasto bassissimo che questo obiettivo produce.

    ZF2_9034.thumb.jpg.157e90a5083121cb60ac52bed54218a5.jpg

    é il caso ad esempio di questo scatto che ha cercato solo il colore o meglio, i colori

    ZF2_8933.thumb.jpg.86c1977303a3b119927c48b6420fd0da.jpg

    o questo, ancora più una tavolozza di gialli

    ZFC_3960.thumb.jpg.98c8a9fa82272336f1575e9e4c929898.jpg

    qui invece cominciamo ad inquadrare le potenzialità dell'oggetto : siamo a diaframma aperto, ovviamente, il soggetto in primo piano è abbastanza visibile mentre dietro, sul nero, compaiono i giochi del diaframma

    Ma andiamo al titolo dell'articolo, Trioplan e Tulipani, perchè ho atteso che i miei tulipani fiorissero per fare le foto necessarie a questo articolo

    ZF2_9173.thumb.jpg.048a1d17a635d2fee03a34cbd2b9b86c.jpg

    e qui Gauguin chiama mano a mano Cezanne e poi Van Gogh

    ZF2_9172.thumb.jpg.8c5df73b1d6c1256c025f8979b42ceee.jpg

    con tinte che da pastello diventano più o meno intense a seconda della temperatura della luce, del sole, delle ombre, del contrasto tra il soggetto e ciò che gli sta dietro

    ZF2_8982.thumb.jpg.b54fd945e0d0d654f5f056bbd9c9a734.jpg

    ZF2_9158.thumb.jpg.a9d2d52b314de9a122da5d24b840067d.jpg

    fino all'apoteosi dei punti di luce, scelti con gli occhi, non casuali.

    Il Trioplan è un obiettivo otticamente mediocre se lo si usa con gli occhi del ... geometra.
    Bisogna liberare la fantasia e curare la mente per ricavarne immagini di un altro mondo.

    Come nella carrellata che aggiungo qui, ringraziando Hugo Meyer, Paul Rudolph e il Signor Nikon che ha creato una fotocamera in grado di attirare la creatività di tutti noi, compresi Gabale e il suo MEGADAP MTZ11

     

    ZF2_9038.jpg

    ZF2_9043.jpg

    ZF2_9053.jpg

    ZF2_9073.jpg

    ZF2_9074.jpg

    ZF2_9089.jpg

    ZF2_9090.jpg

    ZF2_9097.jpg

    ZF2_9101.jpg

    ZF2_9102.jpg

    ZF2_9112.jpg

    ZF2_9115.jpg

    ZF2_9122.jpg

    ZF2_9124.jpg

    ZF2_9125.jpg

    ZF2_9131.jpg

    ZF2_9136.jpg

    ZF2_9145.jpg

    ZF2_9152.jpg

    Ringraziamenti :

    • a mia madre per i tanti tulipani comprati insieme e coltivati con amore
    • a Nikon per la mia Zfc (anzi, per le mie Zfc con cui ho realizzato questo articolo)
    • ad Ebay che mi ha permesso di comprare per 250 euro il Trioplan quando adesso ce ne vogliono 500-700
    • a Megadap per l'eccezionale MTZ11
    • ad Amazon che vende adattatori per mirroless a meno di 20 euro (come è il caso di questo noname per Exakta su Leica M)

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Administrator

    Il miracolo moderno della replica di suggestioni passate grazie alla disponibilità delle attrezzature attuali, aperte ad ogni confronto

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Bellissimo!
    Ne avevo letto qua e là, ma mai cosi ben spiegato l'effetto che questa lente produce. E soprattutto, mai in abbinata al megadap!!! Vien voglia di cercarne uno...

     

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Si, attenzione, lo ripeto.

    Il Trioplan 2.8/100mm è un obiettivo a corsa molto lunga come si facevano una volta (derivazione Zeiss).
    Quindi il MEGADAP non è sufficiente per mettere a fuoco completamente.
    Bisogna prima mettere a fuoco a mano approssimativamente, e poi azionare l'autofocus per avere la messa a fuoco fine.

    Il Trioplan comunque non è mai nitidissimo o meglio, ha un contrasto così basso che a mirino sembra che la foto non sia a fuoco.
    Ma poi invece lo è.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    C'e' dell'articolo in questa poesia...

    Io sono una pippa anche in arte, pero' Gauguin, Cezanne e Van Gogh quasi quasi li vdo pure io.

    Grazie a te per il racconto.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Molte immagini sono veramente belle, oniriche, con quello sfondo particolare e i toni che si fondono a meraviglia con una morbidezza generale proprio piacevole da vedere.

    Ho aspettato a commentarle che ci fosse Gianni con me a vederle, lui dei Trioplan è amatore (ne aveva addirittura comprato uno in società con un amico -che non ero io-) . Il commento va inteso come a due voci/mani :) 

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    La serie dei tulipani è incredibile.

    Io sono carente in Arte, il mio bagaglio è la pop-art, quindi più che i pittori citati, mi ricordano certe immagini degli anime degli anni '70. 
    @Alberto73 capirà :D

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites


×
×
  • Create New...