Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • M&M
    M&M

    Nuovo Nikon NX Studio

    press_nx_studio_interface_original.thumb.jpg.2b6bc9f1c3c424268665de74b6723aea.jpg

    Questo software intuitivo integra le funzioni dell'attuale software di visualizzazione delle immagini Nikon, ViewNX-i*, con il software di elaborazione e modifica delle immagini, Capture NX-D*, consentendo agli utenti di visualizzare, elaborare e modificare le immagini in un'unica applicazione.

    NX Studio eredita un'ampia gamma di funzioni esistenti da ViewNX-i e Capture NX-D, incluse funzioni di modifica dettagliate quali le impostazioni Picture Control e bilanciamento del bianco e compensazione dell'esposizione per i dati RAW. Include inoltre i punti di controllo colore che consentono agli utenti di regolare i colori all'interno di un'area specifica e la funzione pennello di ritocco per la correzione avanzata. La struttura intuitiva dei menu è organizzata in base al flusso di lavoro, che migliora la velocità di risposta complessiva per ciascuna funzione e assicura un processo di modifica più fluido sia per le immagini fisse che per i video.

    Questo software consentirà agli utenti di trasferire le immagini al servizio di archiviazione e condivisione delle immagini di Nikon, NIKON IMAGE SPACE, e sarà costantemente aggiornato per garantire la compatibilità con i nuovi modelli di fotocamere. Il software può essere scaricato gratuitamente dal Centro download di Nikon.

    FUNZIONI PRINCIPALI DI NX STUDIO

    • Un software che consente di visualizzare, elaborare e modificare immagini fisse e video in un'unica posizione
    • Un menu intuitivo, classificato in base al flusso di lavoro, che semplifica l'uso e la comprensione
    • Una varietà di opzioni di visualizzazione, come una pellicola con entrambe le opzioni di anteprima orizzontale e verticale, oltre a una visualizzazione dati di ripresa di facile lettura
    • Funzioni di modifica e di gestione preimpostate delle informazioni XMP/IPTC ereditate da ViewNX-i e funzioni di modifica dettagliate di Capture NX-D, inclusi i punti di controllo colore
    • Compatibilità con altri software, quali Nikon Transfer 2 e Camera Control Pro 2, che supportano un fluido flusso di lavoro di post-ripresa

    * Il supporto per le attuali applicazioni software View NX-i e Capture NX-D, inclusi gli aggiornamenti al sistema operativo più recente e l'aggiunta di nuove funzioni, non è pianificato in futuro. I clienti che attualmente utilizzano le applicazioni software View NX-i e Capture NX-D sono invitati a passare a NX Studio.

     

    Caratteristiche primarie

    • La visualizzazione, l'elaborazione e la modifica di immagini fisse e video possono essere completate senza problemi.
    • Presenta una struttura di menu classificata in base al flusso di lavoro e un design funzionale ma semplice.
    • Presenta una varietà di opzioni di visualizzazione, come la pellicola con opzioni di anteprima sia orizzontale che verticale, nonché un'opzione di confronto su 2/4 schermi, oltre a una visualizzazione delle informazioni di ripresa semplice e di facile lettura.
    • Supporta la modifica precisa delle immagini con funzioni di modifica dettagliate come i punti di controllo del colore che consentono la regolazione dei colori all'interno di un'area specifica e un pennello di ritocco per la rimozione di polvere e graffi dall'immagine.
    • Interfaccia utente di facile comprensione con voci di menu e terminologia che corrispondono a quelle delle fotocamere Nikon.
    • Gli utenti possono scegliere come salvare le informazioni di regolazione, se in un file separato utilizzando il formato file collaterale o direttamente nel file immagine stesso.
    • Include la modifica delle informazioni XMP / IPTC e le funzioni di gestione delle preimpostazioni.
    • Funziona con altri software come Nikon Transfer 2 e Camera Control Pro 2.

    Requisiti di sistema

    Windows

    Sistema operativo Microsoft Windows 10
    Home Microsoft Windows 10 Pro
    Microsoft Windows 10 Enterprise
    Microsoft Windows 8.1
    Microsoft Windows 8.1 Pro
    Microsoft Windows 8.1 Enterprise
    Processore Foto: serie Intel Core i o superiore (processore multi-core consigliato)
    Modifica e riproduzione video Full HD: Intel Core i5 o superiore
    Modifica e riproduzione video 4K: Intel Core i7 3,5 GHz o superiore
    Nota: le riprese video a volte potrebbero non essere riprodotte correttamente anche su sistemi che soddisfano i requisiti consigliati.
    RAM (memoria) 4 GB o più (8 GB o più consigliati); 16 GB o più richiesti per la modifica di filmati video 4K ripresi con fotocamere digitali Nikon.
    Spazio su disco rigido Almeno 1 GB di spazio libero su disco disponibile sul disco di avvio al momento dell'installazione e quando il software è in esecuzione (3 GB o più consigliati)
    Risoluzione del monitor Risoluzione: 1280 x 720 pixel o superiore (1920 x 1080 pixel o superiore consigliati)
    Colori: colore a 24 bit (16,8 milioni di colori) o superiore

    Mac

    Sistema operativo macOS Big Sur versione 11
    macOS Catalina versione 10.15
    macOS Mojave versione 10.14
    Processore Foto: serie Intel Core i o superiore (processore multi-core consigliato) o
    editing e riproduzione video Apple Silicon Full HD: Intel Core i5 o superiore
    Modifica e riproduzione video 4K: Intel Core i7 3,5 GHz o superiore
    Nota: le riprese video a volte potrebbero non riprodurre senza problemi anche su sistemi che soddisfano i requisiti consigliati.
    Nota: nel caso di computer con CPU Apple Silicon, il software funziona con Rosetta 2.
    RAM (memoria) 4 GB o più (8 GB o più consigliati); 16 GB o più richiesti per la modifica di filmati video 4K ripresi con fotocamere digitali Nikon.
    Spazio su disco rigido Almeno 1 GB di spazio libero su disco disponibile sul disco di avvio al momento dell'installazione e quando il software è in esecuzione (3 GB o più consigliati)
    Risoluzione del monitor Risoluzione: 1280 x 720 pixel o più (1920 x 1080 pixel o più consigliati)
    Colori: colore a 24 bit (milioni di colori) o più
    • *Windows è un marchio o un marchio registrato di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi.
    • *Macintosh è un marchio o un marchio registrato di Apple Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi.
    • *Tutti gli altri nomi commerciali sono marchi o marchi registrati dei rispettivi proprietari.
    altre informazioni : qui
    Disponibile gratuitamente Qui
    • Like 1


    User Feedback

    Recommended Comments

    Molto ben fatto.Finalmente. Sulla falsariga di Ligthroom; tutte le opzioni poste a cascata con i relativi cursori. L'istogramma ben visibile in alto ed a fianco le informazioni sui metadati. Che dire, al primo impatto, ho ricevuto una bella impressione. Cancello le vecchie versioni e lascio questa. Se potessi usare, oltre alla tecnica U-POINT anche i pennelli di regolazione sarebbe il massimo. Grazie Nikon

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Mah! Fatico a comprenderne essenzialmente l'esistenza di un tale software e mi sembra un poco uno spreco di risorse da parte di Nikon.
    Mi sbaglierò...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    In fondo é una versione personalizzata di Silkypix Developer Studio 10, software commerciale giapponese che Nikon supporta (come un tempo faceva con Nik), non credo comporti grossi sforzi.

    In ogni caso lo fanno anche Fujifilm e Panasonic.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Installato stamattina e provato sommariamente.

    Devo dire che non mi dispiace affatto, per quelle che sono le mie esigenze di front-end.
    E' veloce come una scheggia rispetto a quell'elefante di Lightroom che viaggia a 12 km/h.

    In più mostra cose che LR non può mostrare, come in questo caso in cui dimostra come la Z7 II abbia beccato l'occhietto di Silvia

    1873939055_Immagine2021-03-05103102.thumb.jpg.261d19d470124206bb9e441f9f71e8e5.jpg

    penso che gli darò più di una chance prossimamente.

    • Haha 3

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Installato, 

    da utente di ViewNX , poi "i", come browser e "rinominatore" di file Nef, vedo che questo NX Studio ne copre completamente le funzionalità, infatti nell'installazione mi ha brasato via il precedente ViewNX-i.
    In pratica è un ViewNX migliorato in cui sono integrate le funzioni del vecchio Capture NX (Upoint e regolazioni varie). Insomma: di due uno solo? Ben venga.
    Da qui ad essere, anche solo lontanamente, paragonato ad un LR (qualunque, pure il vecchio LR4 è due spanne sopra) o al CONE21, beh ci vuole tanta fantasia.

    Sulla velocità prestazionale non riscontro nulla di utile, le preview arrivano veloci ma non è che con LR ci sia che differenza. Per il resto, beh se devo fare una regolazione locale usando gli Upoint allora il tempo diventa una variabile fuori controllo. 

    E' un peccato perchè la gestione dei profili fotocamera Nikon è ovviamente perfetto. Insomma, rimane ancora lontano il desiderata di disporre di una camera chiara Nikon per Nikonisti, cioè una piattaforma indipendente che viva e si aggiorni in sincronia con le produzioni Nikon. 
    Se arriverà sarò felicissimo utilizzatore, ma dubito che accadrà.

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    20 minuti fa, Valerio Brustia ha scritto:

    Sulla velocità prestazionale non riscontro nulla di utile, le preview arrivano veloci ma non è che con LR ci sia che differenza. Per il resto, beh se devo fare una regolazione locale usando gli Upoint allora il tempo diventa una variabile fuori controllo. 

    Non so cosa dirti. Cartella di 7000 immagini. Mi siedo, prima di cominciare a poter lavorare sulla prima con LR (Classic 21 su un i9 con tutte le dotazioni del caso e doppio monitor 4K) ci vuole il tempo di farmi un panino con la porchetta e poi mangiarmelo con una birretta Leffe Ritual.
    Con questo robo - che certo non ha nessuno strumento sofisticato di fotoritocco - basta puntare la cartella e si lavora ad un file qualsiasi che si vuole senza alcun tempo di attesa.

    Naturalmente i miei intenti di qualsiasi di questi cosi è solo quello di front-end di movimento, perchè la finalizzazione è sempre Photoshop.
    Ma a me attendere i tempi di LR di importazione e di creazione di anteprime, scorrimento finestre etc. etc., fa passare la voglia di impiegarlo (e nell'infatti i miei tempi di utilizzo di LR sono scesi all'1% delle foto nell'ultimo anno).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    L'ho provato un po' anche io e devo dire che per essere un software gratuito non è fatto male, anche se alcuni parametri sono modificabili solo in positivo. 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Installato e provato, senza dubbio un miglioramento rispetto ai precedenti software gratuiti disponibili e scaricabili dal Nikon download center.
    Sulla risposta rispetto a LR in elaborazione delle immagini non è che poi sia sta scheggia, o forse sono io che mi aspettavo di meglio.


     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    7 ore fa, M&M ha scritto:

    Non so cosa dirti. Cartella di 7000 immagini. Mi siedo, prima di cominciare a poter lavorare sulla prima con LR (Classic 21 su un i9 con tutte le dotazioni del caso e doppio monitor 4K) ci vuole il tempo di farmi un panino con la porchetta e poi mangiarmelo con una birretta Leffe Ritual.
    Con questo robo - che certo non ha nessuno strumento sofisticato di fotoritocco - basta puntare la cartella e si lavora ad un file qualsiasi che si vuole senza alcun tempo di attesa.

    Naturalmente i miei intenti di qualsiasi di questi cosi è solo quello di front-end di movimento, perchè la finalizzazione è sempre Photoshop.
    Ma a me attendere i tempi di LR di importazione e di creazione di anteprime, scorrimento finestre etc. etc., fa passare la voglia di impiegarlo (e nell'infatti i miei tempi di utilizzo di LR sono scesi all'1% delle foto nell'ultimo anno).

    Si, hai ragione ma per come la intendi tu. Io lavoro in modo diverso, per me il front end è sempre stato ViewNX ed il sfw di finalizzazione LR. Le mie cartelle di LR non contengono 7mila file, ma solo quelli archiviati, quindi la differenza in prestazione io la confronto con quanto ho già importato nel catalogo LR, intendo quindi LR ad uso di l'elaborazione, come per te Photoshop, e non di "gestore" delle moli di file scaricate dalla fotocamera. Tant'è vero che non ho mai usato l'importazione diretta da fotocamera offerta da LR che , peraltro, ha una modalità di rinomina file che è, confrontata con anche il ViewNX di 10anni fa, piuttosto poverina.

    Certo che unire le due azioni di frontend ed elaborazione, che poi era l'intento di Adobe con Lightroom, su un'unica piattaforma powered by Nikon a me avrebbe fatto piacere, assassai, ma per ora non ci siamo. 

    Nota
    da un po' di tempo i sfw Nikon eseguono la scrittura delle informazioni xmp in un file sidecar. Credo che la modifica sia stata introdotta in modo indiretto cioè quando si sono resi conto che solo ad un matto poteva andar bene salvare un modifica di elaborazione nel nef in modo irreversibile, distruggendo così l'originale raw. Purtroppo nel trasferire le operazioni di modifica elaborative verso un sidecar ci hanno messo dentro anche le informazioni xmp/iptc. Bene avrebbero fatto a tener separate le due cose perché tre stringhe di descrizione di una foto (es "palazzo del ghiaccio di varese") non sono una devastazione dell'originale nef come può esserlo un recupero di uno stop sulle basse luci. Ho provato ora, se nelle impostazioni specifichi "salva nel file originale" e modifichi un xmp/iptc funziona come una volta, cioè senza sidecar file e scrittura dati nel nef, purtroppo fa lo stesso con le elaborazioni e, nel caso, indietro non si torna. Ocio!

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Installato, mi sembra comodo e funzionale soprattutto per il fatto che anche con un OS non aggiornato all'ull'ultimo ... si riescano a vedere e correggere in un attimo tutti i NEF dalla D1x alla Z5 senza passare da Adobe PS o LR o senza dover far creare a C1 cartelle e sottocartelle.

    Probabilmente sarà il primo soft Nikon installato che utilizzerò, dei precedenti a pagamento e gratis (più o meno ne ho installato dieci) utilizzavo solo NCCP2 ... ma fin che non lo aggiornano (è fermo da lustri) userò C1 per il tethering

    Per i paragoni non posso dire niente, mai usato NX o Aperture o LR ... questo fa il suo basilare dovere senza troppi fronzoli

     

    Il 6/3/2021 at 23:13, Valerio Brustia ha scritto:

    Nota: da un po' di tempo i sfw Nikon eseguono la scrittura delle informazioni xmp in un file sidecar.

     

    Il 6/3/2021 at 23:13, Valerio Brustia ha scritto:

    solo ad un matto poteva andar bene salvare un modifica di elaborazione nel nef in modo irreversibile

    Mi spieghi meglio dove è il pericolo ? Io vedo che Photoshop quando apre un NEF crea un comodo file XMP che mi permette di riaprire le immagini su diversi PC non gli stessi parametri.

    Ho provato a modificare un NEF con NX-Studio e salvarlo con altro nome ma non crea nessun XMP ... i due NEF sono identici come peso, ma aperti con Photoshop vengono visualizzati uno come scattato e uno magicamente corretto con la possibilità di rieditarlo. Fantastico ! non capisco dove è il pericolo.

     

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    35 minuti fa, photoni ha scritto:

    Ho provato a modificare un NEF con NX-Studio e salvarlo con altro nome ma non crea nessun XMP ... i due NEF sono identici come peso, ma aperti con Photoshop vengono visualizzati uno come scattato e uno magicamente corretto con la possibilità di rieditarlo. Fantastico ! non capisco dove è il pericolo.

    Appunto. Non solo non vedo pericoli (se uno ha fatto una correzione sbagliata e l'ha salvata, il matto è lui : comunque nulla è irreversibile).
    Qui abbiamo la differenza che c'è tra due madrelingua (NEF e software Nikon) che si parlano insieme e due di lingua diversa tra loro che si parlano via radio in inglese (software Adobe, generalmente Canon-centrico) :)

    Avete mai fatto mente locale a quanto siano arbitrari i valori del tint (ma anche del WB) in Photoshop rispetto a quelli letti da NX o misurati col termocolorimetro ?

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Il 4/3/2021 at 20:38, M&M ha scritto:

    In fondo é una versione personalizzata di Silkypix Developer Studio 10, software commerciale giapponese che Nikon supporta (come un tempo faceva con Nik), non credo comporti grossi sforzi.

    In ogni caso lo fanno anche Fujifilm e Panasonic.

    Vero, non gli costerà molto. E' che, fondamentalmente, tutte le persone che conosco, ma proprio tutte, alla fine della fiera usano o Adobe, o Capture1.  Quindi mi chiedo perchè non far sputar fuori un bel DNG e fine della storia?
    Sono d'altra parte certo che ci saranno 1000 validissimi motivi, e qualche d'uno posso anche immaginarlo.

    E non volendo aderire ad un qualche genere di standard, penso che il primo motivo che giustifichi l'esistenza di questi software sia quello di non obbligare l'acquirente del marchio X ad acquistare un software di terze parti per utilizzare i file raw della propria fotocamera.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il formato DNG è proprietario. Hai visto mai che un trimestre Adobe decide che 3 miliardi di utile netto non gli basta e si mette a chiedere i diritti a chi lo usa ? :supermarameo:
    Diciamo che i produttori di fotocamere si sarebbero dovuti da tempo consorziare, stampare uno standard di file RAW e poi obbligare i produttori di software ad adeguarsi :)

    Resta il fatto che ogni volta che esce una fotocamera nuova ci si deve attrezzare per demosaicizzare i file, a prescindere dal formato in cui è salvato lo stesso (peraltro i dati sui NEF sono pubblici, li può scaricare chi vuole, ci sono a disposizione anche le librerie in C/C++ per inglobarle nei propri programmi).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    7 ore fa, M&M ha scritto:

    Appunto. Non solo non vedo pericoli (se uno ha fatto una correzione sbagliata e l'ha salvata, il matto è lui : comunque nulla è irreversibile).
    Qui abbiamo la differenza che c'è tra due madrelingua (NEF e software Nikon) che si parlano insieme e due di lingua diversa tra loro che si parlano via radio in inglese (software Adobe, generalmente Canon-centrico) :)

    Avete mai fatto mente locale a quanto siano arbitrari i valori del tint (ma anche del WB) in Photoshop rispetto a quelli letti da NX o misurati col termocolorimetro ?

     Mi piacerebbe avere una gestione simil LR/CONE su piattaforma proprietaria Nikon, e dimenticarmi il termocolorimetro.

    Il bello di un salvataggio LR o CONE è che non va mai a modificare il nef originale, produce un sidecar file oppure salva l'elaborazione nel megafile di catalogo, il raw non lo intacca (i dng no, li tocca, ma si recupera sempre la condizione originale)

    Da qualche anno anche i sfw Nikon fanno quasi la stessa cosa.  Nelle preferenze di sistema il sfw Nikon come default propone il salvataggio su file sidecar di qualsiasi modifica apportata al file cioè

    - elaborazioni
    - informazioni XMP  

    In queste condizioni il salvataggio di elaborazione NON tocca il NEF originale ma solo il sidecar ed in questo modo tutte le modifiche apportate su un nef sono reversibili. Se si toglie l'impostazione (di salvataggio delle elaborazioni su file sidecar) allora al SALVA il nef viene sovrascritto in modo  IRREVERSIBILE cioè è distruttivo, non recuperi più l'originale a meno che non si usi SALVA CON NOME cioè si genera una copia di elaborazione, un nef nuovo derivato dall'originale. La differenza per me sta qui

    Boh, ripeto mi piacerebbe avere una gestione analoga del raw con la potenza elaborativa, pur limitata rispetto a PS ma molto efficace, di un LR, con annessi e connessi, ma fatta in casa Nikon senza approssimazioni nell'interpretazione dei profili cromatici. 

    Questo ViewNX-studio è più di ViewNX ma lontano da quel che vorrei ed aggiungo: la parte che uso correntemente di ViewNX , e la uso da oltre 11 anni correntemente, non è stata  potenziata nè migliorata, anzi son pure spariti (su MAC) gli accessi rapidi ai menù richiamabili cliccando l'anteprima e puls control.

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    11 ore fa, photoni ha scritto:

     

    Mi spieghi meglio dove è il pericolo ? Io vedo che Photoshop quando apre un NEF crea un comodo file XMP che mi permette di riaprire le immagini su diversi PC non gli stessi parametri.

    Ho provato a modificare un NEF con NX-Studio e salvarlo con altro nome ma non crea nessun XMP ... i due NEF sono identici come peso, ma aperti con Photoshop vengono visualizzati uno come scattato e uno magicamente corretto con la possibilità di rieditarlo. Fantastico ! non capisco dove è il pericolo.

     

    Nikon è l'azienda che ha creato il NEF, per cui meglio di loro nessuno può scrivere dentro i file. Attività, però, che intrinsecamente, contiene un elemento di rischio. Principalmente, vedo due sfaccettature:
    - Che succede, un domani, se un NEF aggiornato da questo SW non è più leggibile da SW di terze parti, come quelli di Adobe o CaptureOne? Idea peregrina? 
    - Che succede se, un domani, esce un aggiornamento di questo SW con un bug che corrompe i file, rendendoli illeggibili a se stesso ed agli altri una volta riscritti?

    La valutazione dei rischi si fa secondo due valutazioni: probabilità di accadimento e danno conseguente.
    Per la prima il valore, qui, direi che è basso. Ma per la seconda è molto alto.
    Per cui io pure evito di usarlo. Ma se uno ottiene risultati che con altri SW non riesce ad ottenere, di sicuro non è un comportamento azzardato.

    Io, soprattutto, evito di usarlo perché è lento come la melassa e la UX è pessima. E non ci trovo quel valore di "interpretazione fedele" del file Nikon da parte di Nikon perché fotografo in RAW proprio per poter fare la mia regolazione, di tutti i parametri.

    5 ore fa, M&M ha scritto:

    Il formato DNG è proprietario. Hai visto mai che un trimestre Adobe decide che 3 miliardi di utile netto non gli basta e si mette a chiedere i diritti a chi lo usa ? :supermarameo:

    Condivido al 100%!!!! DNG? grazie non fumo!
     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Avete complessivamente ragione su tutto.

    Ma secondo me questo Nikon NX Studio copre le esigenze del 85% dei fotografi che conosco (tanto quanto la Nikon Z6 II).

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Il 9/3/2021 at 20:25, Massimo Vignoli ha scritto:

    Che succede, un domani, se un NEF aggiornato da questo SW non è più leggibile da SW di terze parti, come quelli di Adobe o CaptureOne? Idea peregrina? 
    - Che succede se, un domani, esce un aggiornamento di questo SW con un bug che corrompe i file, rendendoli illeggibili a se stesso ed agli altri una volta riscritti?

    La valutazione dei rischi si fa secondo due valutazioni: probabilità di accadimento e danno conseguente.
    Per la prima il valore, qui, direi che è basso. Ma per la seconda è molto alto.

    Massimo, la cosa l'ho imparata nel secolo scorso, il mio primo dorso digitale per Hasselblad nel 1997 funzionava fino a MacOS 8, la ditta poi fallita non ha mai aggiornato il soft di acquisizione, perciò in cantina in luogo fresco e asciutto ho ancora un G4 con il quale posso fare il boot su MacOs 8 o MacOS X... sembra preistoria, è lentissimo, non lo uso mai... ma funziona.

    Mi fido di più del nuovo NX-studio che di Capture One, (che per fortuna salva i NEF in cartella separata) non credo Nikon produrrà soft che inducono a bug dei file originali. Nella realta odierna mi è bastato un test di lettura dello stesso file clonato e modificato con NX-S ... il vecchio Photoshop CS6 ha aperto e letto perfettamente entrambe i NEF, originale e modificato.

    Edited by photoni

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    11 minuti fa, photoni ha scritto:

    Mi fido di più del nuovo NX-studio che di Capture One, (che per fortuna salva i NEF in cartella separata) non credo Nikon produrrà soft che inducono a bug dei file originali.

    Toni, i bug non li fanno apposta, ma banalmente succedono. Ed i sw, tutti, ne hanno in quantità, basta leggere le note di rilascio per rendersene conto. Più sono sofisticati e più ne hanno, nonostante il fatto che i loro produttori facciano il meglio per individuarli e correggerli prima del rilascio. 
    NX-Studio, unico nel mercato, aggiorna il contenuto del file NEF e questa è una operazione intrinsecamente pericolosa. E' probabile che nel farlo succeda un casino? assolutamente no. Ma è possibile.
    Capture One, e gli altri, questo rischio non te lo fanno correre. 

    Quello che riporti tu è l'obsolescenza dei formati, in particolare quelli proprietari, che è un ulteriore problema. 

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    SI hai ragione al 100%

    però diciamo che è come dire che andare in macchina per Milano è pericoloso, e in moto ancora di più (la Buell l'ho venduta) :D

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    No: in un caso non rischi nulla, perché il file che è solo letto non può essere corrotto. Nell'altro rischi perché quello che è scritto può esserlo, in due diversi modi. Il primo per un errore, il secondo perché quello che ci scrive lo può rendere illeggibile ai software di terze parti. 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ciao Massimo

    Ieri ho aperto un paio di scatti (che avevo messo sulla scrivania) con NX-S ... non ho toccato niente... il soft mi ha creato una cartella : NKSC_PARAM immagino siano i dati aggiuntivi.

    Nel soft non trovo il modo di poter scegliere l'opzione. hai idea ? Grazie

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    3 ore fa, photoni ha scritto:

    Nel soft non trovo il modo di poter scegliere l'opzione. hai idea ? Grazie

    1749292738_Immagine2021-03-30115928.thumb.jpg.2c21c915686d354885373abcade81060.jpg

    1441411392_Immagine2021-03-30115802.thumb.jpg.0134326ab29cb0f5c6775e6c40d7fe4f.jpg

    questa è l'impostazione di default che crea la cartella NKSC_PARAM dove vengono salvati i file sidecar.
    Immagino che cambiando l'impostazione su "Salva le regolazioni nel file di immagine originale", le regolazioni vengano direttamente modificate nel file NEF originale (consigliato avere un backup a disposizione).

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E' come scrive Mauro,

    se togli il check non viene più creata NKSC_PARAM ma viene modificato il file RAW ed, al salvataggio, non c'è possibilità di roll back. E' come salvare un TIFF, senza layer, con Photoshop per intenderci e quel che fatto è fatto  :)

    Tornando al TOPIC: Quindi bravi Nikon programmer: siete riusciti a fare qualcosa che non è nè carne nè pesce cioè scarso come browser file e limitato  nell'editing raw. 

    Ho disinstallato NX Studio e son tornato a ViewNXi (aggiornato all'ultima versione) in quanto per il naming dei file e le prewiev, ViewNXi  è  prodotto più performante rispetto allo Studio (su NX Studio i menù di pulsante dx non ci sono: perché??). La palette di elaborazioni di Studio è sicuramente valida ma brutale e farraginosa (Upoint) rispetto alle regolazioni che conosciamo e che usiamo da anni sulle piattaforme Adobe e CONE.

     

    Meno male che non han buttato a mare VIewNX-i, mi auguro lo tengano aggiornato perchè quello è un buon strumento di forntend, che altri costruttori non hanno (chi usa fuji conosce Raw Converter prodotto da un'azienda con un nome che ricorda un depilatore gambe per signore: un chiodo di programma come non ne vedevo dai tempi di Windows 3.1)

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...