Jump to content
  • M&M
    M&M

    Nikonland : i nostri primi quindici anni

    40f1b871-6f46-455f-8863-675aacb4cc6c.thumb.jpg.ccdadad0e6b4490e17749c1d8d4594f3.jpg

    Quindici anni di Nikonland e una promessa


    Esattamente il 16 ottobre 2006 aprivamo al pubblico Nikonland.eu. Sembra che non sia passato così tanto tempo eppure è così.
    All'epoca ci baloccavamo ancora con le reflex in formato DX, la D3 sarebbe uscita in commercio solo a dicembre 2007 e la D700 nel luglio dell'anno dopo.
    Quindici anni dopo attendiamo invece la prima ammiraglia senza specchio e probabilmente ci apprestiamo a rivivere quanto è successo a cavallo del 1960, quando la Nikon F ha  segnato il tramonto delle Nikon a telemetro. Con le mirrorless che prenderanno definitivamente il testimone dalle reflex.

    Siamo in un'epoca in cui il materiale fotografico è tale e tanto che mancano solo le idee per sfruttarlo bene, il tempo per approfondirne le funzioni e cominciano realmente a scarseggiare anche i fotografi, molti dei quali hanno abbandonato, probabilmente perché non motivati da sufficiente passione.

    Ma oggi vogliamo solo celebrare i nostri "primi" Quindici Anni con la promessa che almeno fino al 2026 ci saremo, se non altro per vedere che cosa  Nikon vorrà proporci per segnare i nostri venti anni.
    Dopo di che dipenderà da tanti fattori. Non abbiamo la sfera di cristallo per sapere ciò che riserverà il futuro a tutti noi, l'anagrafe purtroppo è difficile da raggirare e forse deciderà al posto nostro.

    Ma intanto siamo qui : e cercheremo di rendere memorabili questi giorni.

    Max , Silvio ,  Massimo e  Mauro

     

    Se Quindici anni vi sembrano pochi, provate a trovare un altro sito amatoriale dedicato come Nikonland che, senza alcuna componente commerciale, oltrepassi questa boa di longevità.
    Soffermandoci solo sugli ultimi 5 anni, cioé dall'ultimo grande raduno celebrativo del sito per i suoi "primi 10 anni" (che per ovvi motivi di prudenza non abbiamo ritenuto di ripetere nel 2021) sono tante le novità che vorremmo ricordare.
    La prima è il trasloco sul nuovo sito, era Nikonland.eu, adesso è Nikonland.it, avvenuto nell'estate del 2017.
    Giusto in concomitanza con il risveglio di Nikon per il lancio solenne della D850.
    La seconda, molto importante, il nuovo rapporto amichevole - a differenza del passato - con il distributore italiano.
    I tempi si sa, sono cambiati, i volumi sono scesi, le difficoltà sono grandi e si cercano alleati ovunque. Ma noi vogliamo credere che sia il fattore umano quello che sigilla le alleanze e pensiamo che sia in questa sfera che vada ricercata la nuova chiave della collaborazione con Nikon che oramai ci permette dal 2016 di avere ogni novità in visione appena disponibile per poterne provare le caratteristiche e scriverne nei nostri articoli.
    Prima dovevamo acquistare ogni cosa che volevamo provare, e per allargare gli orizzonti ci appoggiavamo ad altri, come Sigma, per avere in prestito obiettivi da testare con le nostre Nikon. Una cosa strana per un sito come il nostro che fin dal primo giorno ha investito ingenti risorse (materiali e non) per sostenere il marchio Nikon in Italia.

    Oggi invece stiamo attendendo l'invio da Nital del nuovissimo Nikkor Z 40/2 e siamo già in lista di attesa per le novità che speriamo non mancheranno questo autunno.

    Per carità, restiamo un sito amatoriale, senza connotazione commerciale e libero di esprimere la propria opinione in ogni caso ma ci piace sottolineare come ogni rapporto su Nikonland - interno ed esterno - sia regolato dall'amicizia.

    572434915_finedellaricreazione.thumb.jpg.7d077aed0eb1bd29914e163eb933af22.jpgNL3.thumb.jpg.ef67f0470e324f1b89c484bed5bff2f5.jpg
     

    Ma siamo anche molto selettivi, il nostro sito è diventato sempre più esclusivamente dedicato al nikonista esperto che è rimasto fedele innamorato di questo glorioso marchio per le ragioni che poi spiegherà in modo più approfondito Max Aquila nelle prossime pagine.
    L'esperienza ci consente di valutare un oggetto in modo molto approfondito senza usare strumentazione di laboratorio o fare fotografie a mire ottiche.
    Lo facciamo nel modo più semplice e al tempo stesso naturale che ci sia : utilizzandolo per fotografare.
    Avere escluso quanto non si può usare su Nikon, dopo un periodo di valutazione delle proposte di altri marchi, ci ha permesso negli ultimi anni di essere più concentrati sulle cose di Nikon e per questo anche maledettamente più esigenti nei confronti della casa giallo-nera.
    Per questa ragione periodicamente pubblichiamo editoriali critici che cercano di puntare il dito verso quelle carenze che la gestione del catalogo Nikon, costringe i nikonisti a scelte provvisorie, spesso inadeguate ai bisogni e soprattutto inutilmente costose,
    Lo facciamo a viso aperto, senza la pretesa di essere sempre esauditi ma almeno cercando di suggerire lo stesso senso critico nei nostri colleghi.
    E' il senso che diamo a Nikonland oggi. Anche e soprattutto oggi che attendiamo, a settimane se non a giorni, l'arrivo della Nikon Z9, prima mirrorless di classe professionale su cui le nostre aspettative crescono mano a mano che riscontriamo limiti nella attuale attrezzatura.
    E' il sale che ci tiene legati all'evoluzione del marchio. Senza, probabilmente avremmo mollato come tanti altri. 

    Perchè se si può fare bene, allora vogliamo che Nikon lo faccia meglio.

     

    2022.jpg

    User Feedback

    Recommended Comments



    • Administrator

    Una doverosa appendice alla ... promessa, che non mi sembrava il caso di rimarcare nel libro o nell'editoriale ma che segna una importante novità di questo 15° anniversario e che indirizzerà gli anni a venire.

    Da oggi i Nikonlander Veterani - cioé gli iscritti da più lunga data e più assidui del sito - hanno deciso di contribuire annualmente, materialmente di tasca propria, tutti insieme alle spese di mantenimento dei due siti di Nikonland.

    E' un cambiamento significativo al di là delle cifre in gioco che nei primi quindici anni di vita di Nikonland ho preferito affrontare personalmente, perché ci vincola tutti insieme e ci rende più solidali. Un segno più che significativo che andava ricordato in questa occasione, sebbene sia stata condiviso e stabilito già questa estate.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Infine, come sa chi ci segue con costanza o ha comprato il libro, un'altra delle celebrazioni degne di nota di questo anniversario è il segno che abbiamo voluto lasciare al nostro amico Gabriele Castelli, tra i beniamini di Nikonland :

     

     

    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Sappiate che Fedex consegna prima ai bambini buoni, poi a quelli meno buoni, e il 2 di novembre, a quelli cattivi :rotfl:

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    21 minuti fa, M&M ha scritto:

    Sappiate che Fedex consegna prima ai bambini buoni, poi a quelli meno buoni, e il 2 di novembre, a quelli cattivi :rotfl:

    A voi settentrionali.

    A noi del sud i Morti ci portano i regali. Tradizione inalterata nei secoli.

    Il due novembre a Palermo è festivo

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Arrivato anche a me.

    Un po' deluso per la qualità della carta che, secondo me, non rende giustizia alle foto che sembrano un po' smorte.

    È una mia impressione (rispetto ai libri già editi), oppure risulta anche a voi?

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    18 ore fa, Pedrito ha scritto:

    Arrivato anche a me.

    Un po' deluso per la qualità della carta che, secondo me, non rende giustizia alle foto che sembrano un po' smorte.

    È una mia impressione (rispetto ai libri già editi), oppure risulta anche a voi?

     

    È il problema insito al sistema di Blurb, dove non esiste l'attività precedente alla stampa, quella delle prove di stampa, della correzione del corpo carattere, dell'editing intero.

    Tutte cose che il layout di stampa non dirà mai.

    Si manda il materiale e loro lo rilegano in libro. 

    Puoi forse fare delle correzioni successive, una volta visto il primo esemplare, ma che presupporrebbero che chi faccia questo lavoro compri n-copie quante le prove di stampa che fa fare: improponibile...

    Non credo ci sia soluzione,se non  che Blurb, per serietà commerciale, non si metta a proporre anche la provinatura prima della stampa definitiva: roba da stamperia professionale, insomma...

    Ma ne deriverebbe grande successo.

    Tutta esperienza per le prossime occasioni di stampa

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Ricevuto oggi. :emoji_love:
    A me la qualità di stampa non sembra male, in rapporto alla qualità della carta che nei mie libri personali di solito scelgo più costosa - ma qui non era un’opzione praticabile. Per far di meglio ci vorrebbe accettare un costo più alto del materiale e o il processo indicato da Max o, al minimo, la disponibilità dei profili e qualcuno con tempo, voglia e gusto di fare il softproof e regolare le immagini di conseguenza. Motivo per cui le mie foto le stampo da me (o le faccio stampare ad artigiani seri e capaci). 
    Questo non vuole minimamente essere una critica: il valore del libro Nikonland non è inficiato da questi aspetti marginali perché, nella sua interezza, è il nostro “album di famiglia”.
    Come sarebbe stato bello potersi incontrare, portando ciascuno la stampa della propria foto, in grande formato e fatta a regola d’arte!

    • Like 2
    • Haha 2
    Link to comment
    Share on other sites



×
×
  • Create New...