Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon Lenti da Vista !

    A me sicuramente era sfuggito...ma non avevo ancora letto del fatto che esista una linea di lenti da vista marchiate Nikon

     

    2089349604_download(1).png.5a0c3368e9330255239a79f6f36f69a8.png

    Ed un sito specifico, Nikon-Lenswear.it 
    con diversificate sezioni,  catalogo prodotti compreso:niklens.thumb.PNG.e0290ff0acb3ec20915dbb9dc28843c1.PNG

     

    om.thumb.PNG.84930c28608d40064b46d4b9b32ea999.PNG

    e corredato anche da un filmato suggestivo sulla realizzazione delle lenti

    https://www.nikon-lenswear.it/tecnologia/come-nikon-realizza-lenti/

    asdf.thumb.PNG.653b4523473d7445a0d34273d5b7ee02.PNG

    Inoltre ho imparato che la loro tradizione specifica in questo campo sia datata 1946 :x

    https://www.nikon-lenswear.it/riguardo-a-noi/storia-nikon-lenswear/  

    download.png.4602682d19c7fc43ea9cd6e83bf1e7d5.png

     

    Beh...

    il mio prossimo paio di occhiali...?

    Poi mi mancherebbe (come ho detto mille volte) solo lo smartphone Nikonmarchiato.:bravo:

     

     



    User Feedback

    Recommended Comments

    Sarà datata 1946 ma io porto occhiali da 77 e non mi è mai capitato di sentire nikon come marchio per lenti oftalmiche, se non grazie ad una campagna pubblicitaria recente, dove c’è anche un concorso per vincere una borraccia, che io ho vinto, il giochino è molto semplice, a loro interessa che la gente sappia.

    Peccato che abbia appena cambiato occhiali altrimenti le avrei provate, ho usato Zeiss per qualche lustro, ora ho provato le Rodenstock con le quali mi trovo meglio.

    Chissà magari i prossimi saranno nikon.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Max.. e non solo.. se li ha ancora, il sciur Mauro ha pure la montatura marcata Nikon...

    tanto che, dopo essere stato operato al primo occhio , ho cercato le montature ma.. non erano più recuperabili nel nostro paese, e assieme alle montature vi erano anche le lenti..

    Ora, si apre un nuovo spiraglio.. i prossimi vedo di farli Nikon, che tra l'altro non costavano poi una follia rispetto alla loro concorrenza.

    Il vecchio e rinomato negozio di Artioli a suo tempo aveva sia le lenti che le montature..

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    12 minuti fa, Dario Fava dice:

    Sarà datata 1946 ma io porto occhiali da 77 e non mi è mai capitato di sentire nikon come marchio per lenti oftalmiche, se non grazie ad una campagna pubblicitaria recente, dove c’è anche un concorso per vincere una borraccia, che io ho vinto, il giochino è molto semplice, a loro interessa che la gente sappia.

    ...

    si... Mi è capitato appunto di ricevere una loro mail con quel giochino e di scoprire degli occhiali.

    Che in Italia vengono distribuiti da BBGR-Italia spa.

    Forse è proprio per un cambio di distribuzione che è trapelata la notizia.

    Certamente andrò a cercarli dagli ottici indicati nel sito

    ...

    Stampavo il BN con obiettivi EL Nikkor sul mio ingranditore...figuriamoci se i dannati occhiali Exilor che porto non dovranno essere sostituiti Nikkor !

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    10 minuti fa, Dario Fava dice:

    Sarà datata 1946 ma io porto occhiali da 77 e non mi è mai capitato di sentire nikon come marchio per lenti oftalmiche, se non grazie ad una campagna pubblicitaria recente, dove c’è anche un concorso per vincere una borraccia, che io ho vinto, il giochino è molto semplice, a loro interessa che la gente sappia.

    Peccato che abbia appena cambiato occhiali altrimenti le avrei provate, ho usato Zeiss per qualche lustro, ora ho provato le Rodenstock con le quali mi trovo meglio.

    Chissà magari i prossimi saranno nikon.

    Dario, Nikon ha una tradizione quasi secolare con le lenti oftalmiche, ma è relativamente poco che vendono in Europa, e questa notizia mi fa piacere dato che sino a qualche anno fa.. diciamo sino al 2000 circa erano ancora reperibili sul nostro mercato, tra l'altro molti apparecchi di controllo oftalmico sono loro..  vabbè, Zeiss la fa da padrone ma loro cercano di contrastare, se ti ricordi.. tempo fa avevamo parlato anche di una macchina a pellicola che nikon aveva prodotto per controllare il fondo dell'occhio..e, se non erro erano stati i primi.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    7 ore fa, Roby C dice:

    Dario, Nikon ha una tradizione quasi secolare con le lenti oftalmiche, ma è relativamente poco che vendono in Europa, e questa notizia mi fa piacere dato che sino a qualche anno fa.. diciamo sino al 2000 circa erano ancora reperibili sul nostro mercato, tra l'altro molti apparecchi di controllo oftalmico sono loro..  vabbè, Zeiss la fa da padrone ma loro cercano di contrastare, se ti ricordi.. tempo fa avevamo parlato anche di una macchina a pellicola che nikon aveva prodotto per controllare il fondo dell'occhio..e, se non erro erano stati i primi.

    Delle macchine di controllo oftalmico ne ero a conoscenza, ne ha un paio il mio oculista, sulle lenti oftalmiche l’ho saputo grazie al giochino, trova la rana. Ovviamente non mi stupisce, perché chi produce lenti per ottica di precisione, può benissimo produrre lenti da vista. Zeiss come dicevo è sul mercato italiano già da un pezzo, ed è a mio avviso, in questo settore sovrastimata, basta il nome, sulla qualità ultimamente mi ha deluso, infatti sono passato ad altro. Mi spiace solo che questa campagna mi abbia portato a conoscenza della loro esistenza solo dopo aver cambiato occhiali.

    Per la natura del mio difetto e l’uso che faccio degli occhiali, una coppia di lenti oftalmiche mi costano come un 50mm Z quindi per un po’ conterei di essere a posto.

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    si, anch'io mi chiedo per quale motivo un paio di lenti di infima qualità se rapportate agli elementi di un obiettivo di pregio (tanto per ricordare, un 50mm come lo Z ne ha ben 12 e dal diametro ben superiore a quello delle progressive che porto sugli occhiali) debba costare cifre talmente iperboliche.

    Guadagni straordinari per chi le vende...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io ho una montatura Nikon :) non so se vale.
    Ma con lenti Zeiss perchè le Nikon, Salmoiraghi non le aveva :(

    Sul fatto che abbiano sempre fatto lenti oftalmiche è un dato conclamato.
    Che possano essere migliori delle migliori europee oppure Hoya non saprei.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Porto chi occhiali da bambino. Le mie lenti sono sempre costate una cifra. Non meno di 700 euro esclusa la montatura. E non so perché. 

    Per tornare all'argomento del topic. Mio padre, scomparso nel 1975, possedeva un paio di occhiali da sole Nikon, bellissimi, montatura sportiva, con lenti fotocromatiche gialle. Una meraviglia.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Si Nikon ha anche una linea lenti oftalmiche, ma l'ottico non me le ha mai proposte: al prossimo giro chiederò di provarle.

    Da circa 20 anni uso lenti progressive, con un difetto di ipermetropia e astigmatismo piuttosto forte. Negli ultimi 6 anni ho provato le lenti top di Zeiss, Essilor e Hoya. Le prime mi hanno deluso, le seconde distorcono la vista laterale, le terze sono meravigliose in tutto. E i prezzi sono alliniati.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Anche io le ho provate tutte, dalle Galileo, quando ancora esistevano sino alle Hoya. Le migliori che ho avuto sono state le Rodenstock, ma oggi non riesco più a trovarle. Però le Hoya sono veramente fantastche. Ma costano un occhio, appunto.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, effe dice:

    Non meno di 700 euro esclusa la montatura. E non so perché. 

    Nel mio caso, che a quella cifra arriverò (probabilmente supererò) quando deciderò di passare alle progressive, il motivo del costo elevato è perché essendo di potere positivo e +4, se dovessi montare lenti non lavorate, ovvero di spessore ridotto e a bassa curvatura, uscirei con un paio di occhi a pesce, come poi accedeva da bambino quando questa tecnologia non esisteva, ovviamente queste lavorazioni costano ma consentono di evitare l'effetto lente di ingrandimento e ti fanno sembrare una persona normale.

    Le ultime che ho preso, Rodenstock, non ho potuto prenderle sottili come le precedenti Zeiss (che erano incredibilmente sottili) perché ho deciso di tornare al fotocromatico, per la natura del trattamento non è possibile ridurre più di tanto lo spessore, sono tuttavia lenti molto sottili.

    Per la cronaca io sono ipermetrope con occhio pigro, ossia, tendo ad usare solo un occhio rispetto alla normale stereografia che non ho (non riesco a vedere i film in 3d né gli stereogrammi) la mia ipermetropia è rimasta ferma (per fortuna) da quando mi hanno recuperato l'occhio che stavo perdendo (quello pigro) e fino ai 30 anni nonostante il potere +4 delle lenti l'elasticità dell'occhio mi concedeva di vedere anche senza occhiali, seppur con uno sforzo di compensazione. Oggi quasi 44enne senza occhiali è tutto sfuocato... si invecchia. 

     

     

    Ecco, chi vuol vincere una borraccia in alluminio (non termica)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...