Vai al contenuto
  • Silvio Renesto
    Silvio Renesto

    Joel Sartore, gli animali come noi

     

    021013lifesartore.thumb.jpg.a53693b05ac7a3cebab2c4d1c15add94.jpg

     

     

    Joel Sartore non ha bisogno di presentazioni,  è una Nikon Legend  beyond the lens come scrive Nikon stessa. Non è solo uno dei più grandi fotografi naturalisti viventi, è molto di più.

    Nasce nel 1962 in Oklahoma,  sin dall'infanzia la sua più grande passione è il mondo della natura . Si laurea in giornalismo in Nebraska dove ancora vive con la moglie e tre figli. Il suo primo incarico per il national Geographic gli permette di entrare in contatto con la natura selvaggia. 

    E' autore di numerosissimi servizi per il National Geographic Magazine,  di cui diventa Fellow. Oltre ai servizi per il NG,  ha pubblicato su Audubon magazine, Time, Life, Newsweek, Sports Illustrated, ed ha  realizzato molti libri.   Ha condotto o ha realizzato molti programmi e documentari su reti nazionali USA come  National Geographic's Explorer,   NBC Nightly News, NPR's Weekend Edition, 

    Nei 25 anni di collaborazione con il National Geographic ha realizzato reportages avventurosi, in luoghi inospitali. Ha fotografato una grande varietà di animali nel loro ambiente, lupi, orsi Grizzly, buoi muschiati, leoni, elefanti orsi polari .

     

    e79a549a225777695a30f085df3a9835.jpg.ffaed4f94b701c5379a6762e77ede90b.jpg

    National-Geographic-Live-Joel-Sartore-Capturing-Endangered-Species.thumb.jpg.ad317802a9c8f5c67a8002c5cd17416c.jpg

    content_c1-Image-by-Joel-Sartore-Mother-wolf-and-her-cub.jpg.bf08edf231f8073cfdd540f4c1f57ca8.jpg

     

    joelsartore.jpg.fff00d041baee808a46948e077910fdd.jpg

    44.jpg.f9071cc3cfcb667cea0f82de7a1a2e8d.jpg

     

    300306_faa8d51fa072545929a6e0b51bb566f9_large.jpg.b58caac968fbdacfcc584ced6db3ee05.jpg

     

    wildcat17-900x600.jpg.e04e08cb308c29e7df2b62b79018dd8e.jpg

     

    Nikon-Ambassador-Joel-Sartore-freshwater-stingray.jpg.3902992d74ce57c66f9c9add7d09ecea.jpg

     

    Lavorare con il National Geographic lo ha anche messo a contatto diretto con le conseguenze dell'impatto umano sull'ambiente. Che lui ha documentato, per difendere ciò che ancora rimane. La difesa delle specie minacciate è diventato ultimamente il suo scopo principale nella fotografia,  che persegue con passione.

    20.thumb.jpg.2f15080ccefdae0b1c8c8fdf70384b7c.jpg

     

    images.jpg.93b8eab0bf466076358e6077728f08db.jpg

     

     

    Per questo ha inziato il progetto the Photo Ark partendo dalla sua città, Lincoln, in Nebraska e da allora  è stato in oltre 40 paesi per creare un archivio fotografico della biodiversità globale.

    photoarkestore.thumb.jpg.bf40fa16d40a15d0fab6a86a9939b9d8.jpg

    Sartore_MobileHero_320x850max.jpg.e1a20e650549efd447acae2e05110159.jpg

     

    02-musky-caiman-shoot-950.jpg.3d8e170802b933146fd31220702b7628.jpg

    Fino ad ora Joel ha ritratto oltre 6000 specie, per lo più in studio con fondali bianchi o neri.  Indipendentemente dalla dimensione dell'animale il trattamento è lo stesso, soggettiva, piena di amore e rispetto (sono parole sue) 

    Joel-Sartore_ANI064-00009.jpg.9fb7f30435c115c7d233a56f5b0068a6.jpg

    Nikon-Ambassador-Joel-Sartore-orangutans.jpg.429a00fa44735a25b6e20e822552faa6.jpg

    langurs-omaha-2.thumb.jpg.ed404f6178c6d190a6d33c545d14af59.jpg

    I ritratti sono tecnicamente perfetti, sono stupendi, ma non solo,  vogliono essere  coinvolgenti. "è il contatto degli occhi che commuove le persone" dice Sartore.  Secondo lui è l'espressione dell'animale che "coinvolge... suscita compassione e desiderio di aiutare".

     

    e07fd1a9a6cdfd90f01d35ae3137d8e7.jpg.ab33cb41305458a3c9b91be273c0ff30.jpg

     

    Non so quanto questo progetto possa fare per la salvaguardia della biodiversità, spero molto, anche se ignoranza e calcolo economico sono avversari potentissimi. Ma questo quasi sessantenne Davide, ha tutta la mia ammirazione, per la vita avventurosa di un tempo e per l'impegno di oggi.

     

    Forse le sue fotografie di oggi non susciteranno la riverente ammirazione per la natura selvaggia  come i suoi reportage dei tempi d'oro, ma sono opere magistrali,  quello che io vedo nelle  foto del progetto Ark è che la distanza tra me e l'animale si annulla,  In quelle foto Sartore ritrae soggetti in atteggiamenti che sussurrano  "anch'io sono come te, non vedi? cosa pensi di fare?" .

     

    Nikon-Ambassador-Joel-Sartore-sumatran-tiger-portrait.jpg.a8c4b77cb327da475c83148d5546aa6c.jpg

     

    ANI100-00015.thumb.jpg.64699f499611328d86d3720b4342c969.jpg

    picture-221.png.4312849cabce06cef8aa95446cf763c5.png

    07_Koala_Phascolarctos-cinereus_Joel_Sartore_NationalGeographic_PhotoArk_11481509.thumb.jpg.26481a6ea06261b50f52bed4e8dc3858.jpg

     

    1_4jndFl1CykWQSVzSVC_R_Q.thumb.jpeg.ba14f694c8c6ab8fd60c9964b7319a25.jpeg

    Forse non è fotografia naturalistica come si intende di solito, ma è comunque opera di grande maestria e si vede che è fatta con il cuore.

    Joel-Sartore-Headshot-2.jpg.41150f6023dd33871adfd7310f127fdd.jpg

    C'è un suo video di uno degli animali più belli che esistano, il leopardo delle nevi durante le riprese qui:

    https://www.joelsartore.com/video/a-snow-leopard/

    Non scherzo, mi ha commosso. Bellezza, forza, eleganza, innocenza. Perdonate il lirismo, ma una creatura così perfetta, e così rara non merita di essere protetta? Come definire chi invece fa questo per divertimento e, chi glielo fa fare  per denaro,  organizzando simili safari?

    4612B46100000578-0-image-a-30_1509968680485.jpg.e652ba9bbe13eacd60cd3c7372e0edd2.jpg

    Cacciatore  USA che si vanta dell'uccisione di un Leopardo delle Nevi.

     

    Su Joel Sartore e la sua vita  si potrebbe scrivere molto ancora, e probabilmente qualcuno di voi ne saprà più di me. Questo  articolo vuole essere un tributo, ma ancora di più uno spunto per parlare di questo fotografo, di natura. Mi piacerebbe che l'articolo crescesse e si completasse con i vostri commenti. Grazie.

    Iniziamo con il commento di Valerio Brustìa.

    Consiglio l'acquisto del volume Nebraska

    perchè Sartore è un fotografo ad ampio spettro appartiene di diritto grande tradizione di NGM. I suoi lavori sono vocabolario di fotografia applicata. Ricordo a metà anni novanta sulle specie a rischio di estinzione dove ebbe il coraggio di presentare la Bald Eagle ... di spalle, oppure il magnifico lavoro sulle Federal Lands dove si riesce a provare compassione per gli agricoltori "più ricchi del mondo" ed ancora il mondo agricolo americano con ritratti degli allevatori ed i loro animali, le immagini del Pantanal (Sivio ne ha riportate 3 o 4) che gli costarono una bella leismaniosi, la storia dei lupi di Yellostone (faccia a faccia con il predatore) e la British Columbia con i lupi dell'isola di Vargas nella luce del pacifico (la mattina c'è la nebbia, la sera no ed il tramonto è spettacolare).

    Dal gelo dell'Alaska al caldo torrido delle regioni equatoriali, con le sue nikon sempre in prima fila, Joel racconta le magnificenze e le tragedie del nostro pianeta con gli occhi del fanciullo. E' una fotografia positiva quella di Sartore che non cede mai in facili soluzioni retoriche, la morte è rappresentata senza enfasi e quindi è ancor più toccante: ricordo i koala uccisi dagli incendi, un gruppo di corpi distesi ordinatamente su un prato e tra questi una femmina che nella morte non ha lasciato il suo piccolo e lo stringeva ancora a sè: ho pianto come un vitello, non mi è mai successo guardando 1^5  World Press Photo. 

    Ho infinita ammirazione per tanti altri fotografi di NGM (Nichols, Lanting, Laman, Doubilet, Nicklin, Littlehales, il giovane Peshak, Curtsinger, Kristof, Rosing, la Cobb e la Brinberg, Allard, Harvey, Brandenburg, Essik, Johns, Kashi, Reza, Ludvig, McCurry..... e ci sarebbe da andare avant mezz'orai) ma come Joel nessuno ha saputo convincermi così bene, nessuno (forse Doubilet) è stato capace di indurmi a FARE delle cose.

    La Fotografia è sta roba qui che Sartore sa incarnare alla perfezione. 

    La foto della pastinaca amazzonica del Pantanal l'ha fatta con uno strumento come questo :

    24_VAR_0037.jpg.15bb2e96427cf7c587fa009d908eab96.thumb.jpg.7330f2786b92188abea725b27d2cc421.jpg

    è un filtro split sfumato ND2  Coquin 7x7 cm. I filtri Lee son troppo grossi e non ci stanno. Ai tempi della pellicola erano un MUST specialmente per le riprese complicate aria / acqua. 

     

    Naturalmente tutte le foto (a parte quella di Valerio) sono prese in internet e copyright di Joel Sartore o di chi ne detiene i diritti, qui riprodotte al solo scopo di divulgare la sua opera.

     

     

    Modificato da Silvio Renesto

    • Mi piace ! 5
    • Primo premio ! 1


    Feedback utente


    Joel é il mio eroe. Fotografa i selvatici come io le modelle: dritti davanti al naso, occhi negli occhi !

    Niente rete mimetica e marcia controvento, ognuno consapevole dell'altro.

    Ammirazione sconfinata per un nikonisti sicuro e fedele.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Eroico. A prescindere dalla bravura e senza nulla togliere ad altri "mostri sacri" di NG, Joel Sartore ha dato un senso (non fotografico) alla sua e alla nostra vita. Photo Ark non può in alcun modo essere considerato esclusivamente un lavoro documentale o una testimonianza per i posteri. Invece va considerato per quello che è in realtà: un immane progetto educativo e di sensibilizzazione. Sarebbe fantastico se un giorno i nostri nipoti, sfogliandolo, ne apprezzassero la grande bellezza delle immagini ben sapendo che quegli animali sono salvi, esistono ancora.

    Bel lavoro Silvio. :)

    Modificato da effe

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Sartore è convinto che fotografare gli animali da vicino, "guardandoli" negli occhi, aiuti a relazionare l'osservatore con essi; e, soprattutto, ritrarli facendo risaltare lo splendore dei loro tratti, la fierezza e la bellezza che li contraddistingue e li rende "unici", riesca a stimolare l'opinione pubblica mondiale sul rischio di estinzione di tante specie minacciate dallo scriteriato agire dell'uomo.

    La novità di Sartore è fotografare gli animali a rischio estinzione ritraendoli nella loro bellezza anziché nelle difficoltà della loro sopravvivenza, domandando indirettamente: "Siamo sicuri di poter accettare di non vedere più vivi questi splendidi esemplari senza provare a fare qualcosa per loro per garantirne l'esistenza?".

    E guardando le sue foto, la risposta sembra scontata.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Grazie per la segnalazione !

    Visto il primo su on demand, ben documentata la fatica/difficoltà di allestimento dei set di ripresa e dei cambi di fondale, c'è molto da imparare

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Consiglio l'acquisto del volume Nebraska

    perchè Sartore è un fotografo ad ampio spettro appartiene di diritto grande tradizione di NGM. I suoi lavori sono vocabolario di fotografia applicata. Ricordo a metà anni novanta sulle specie a rischio di estinzione dove ebbe il coraggio di presentare la Bald Eagle ... di spalle, oppure il magnifico lavoro sulle Federal Lands dove si riesce a provare compassione per gli agricoltori "più ricchi del mondo" ed ancora il mondo agricolo americano con ritratti degli allevatori ed i loro animali, le immagini del Pantanal (Sivio ne ha riportate 3 o 4) che gli costarono una bella leismaniosi, la storia dei lupi di Yellostone (faccia a faccia con il predatore) e la British Columbia con i lupi dell'isola di Vargas nella luce del pacifico (la mattina c'è la nebbia, la sera no ed il tramonto è spettacolare).

    Dal gelo dell'Alaska al caldo torrido delle regioni equatoriali, con le sue nikon sempre in prima fila, Joel racconta le magnificenze e le tragedie del nostro pianeta con gli occhi del fanciullo. E' una fotografia positiva quella di Sartore che non cede mai in facili soluzioni retoriche, la morte è rappresentata senza enfasi e quindi è ancor più toccante: ricordo i koala uccisi dagli incendi, un gruppo di corpi distesi ordinatamente su un prato e tra questi una femmina che nella morte non ha lasciato il suo piccolo e lo stringeva ancora a sè: ho pianto come un vitello, non mi è mai successo guardando 1^5  World Press Photo. 

    Ho infinita ammirazione per tanti altri fotografi di NGM (Nichols, Lanting, Laman, Doubilet, Nicklin, Littlehales, il giovane Peshak, Curtsinger, Kristof, Rosing, la Cobb e la Brinberg, Allard, Harvey, Brandenburg, Essik, Johns, Kashi, Reza, Ludvig, McCurry..... e ci sarebbe da andare avant mezz'orai) ma come Joel nessuno ha saputo convincermi così bene, nessuno (forse Doubilet) è stato capace di indurmi a FARE delle cose.

    La Fotografia è sta roba qui che Sartore sa incarnare alla perfezione. 

     

    • Mi piace ! 1
    • Primo premio ! 2

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ma ci mancherebbe!

    Senti, fammi tirare fuori i miei NG d'annata e ti mando anche qualche foto.

    Lo sai che è venuto in Italia lo scorso anno? ecco, io l'ho scoperto quest'anno :( tooooooo late

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    scusa scusa una nota la metto subito:

    la foto della pastinaca amazzonica del Pantanal l'ha fatta con uno strumento come questo (io F801 lui F90, ma dome e marca dell'housing è la stessa):

    24_VAR_0037.thumb.jpg.b52edc96b3a9d612b2e6f0227df93fa8.jpg

     

     

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Qui si vede meglio:

    24_VAR_0036.thumb.jpg.3066db7cb754b25dc986fbb167e553a2.jpg

     

    è un filtro split sfumato ND2  Coquin 7x7 cm. I filtri Lee son troppo grossi e non ci stanno. Ai tempi della pellicola erano un MUST specialmente per le riprese complicate aria / acqua. Adesso, che nelle mie Sea&Sea la bocca di ingresso è più stretta ed i filtri 7x7 non passano, me la cavo MEGLIO con lightroom e l'elevata gamma dinamica che anche sulla vecchiotta Nikon D300 è dannatamente migliore di qualunque diapositiva.

     

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Si adesso si capisce bene, mai usato sott’acqua.

    La regolazione dell’altezza la stimi prima di fare la foto? Oppure fai delle prove mettendo e togliendo l’oblò?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

     

    12 minuti fa, Vento dice:

    Si adesso si capisce bene, mai usato sott’acqua.

    La regolazione dell’altezza la stimi prima di fare la foto? Oppure fai delle prove mettendo e togliendo l’oblò?

    a metà e via. Al mare e comunque vicino all'acqua quello che sta in scafandro è meglio che lì rimanga fino a che non si rientra in ambiente controllato (bagno dell'albergo, bungalow, campeggio)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×